C’è Wikipedia e Wikipedia

Ieri mattina sul Bar di Wikipedia – il posto dove si possono fare discussioni generali sull’enciclopedia – un utente anonimo ha scritto questo:

Non ho inserito apposta la notizia del vaccino del covid, annunciato dalla Pfizer già da più di 2 ore, per realizzare sotto quale sasso vivono gli utenti di it.wikidpedia. La versione inglese ha già aggiornato, si vede che là ogni tanto escono da sotto il sasso

Con buona probabilità il tipo in questione è un troll, considerando i suoi ulteriori commenti “Come ho detto, vivete sotto un sasso. Fonte terza cartacea? [nota: io avevo commentato parlando di “fonti terze”, non certo cartacee] Come nel 1.800? Manco accendete la TV, figurarsi le news finanziarie, sarebbe troppo. Wikinotizie? Piuttosto lo metto su un blog a caso, che ha gli stessi visitatori” e “Nel mentre è stato aggiunto….giustamente, e da un IP anonimo, mentre i wikipediani esperti chissà quale voce del 1.800 stanno ampliando, che leggeranno solo loro…attenzione che sotto i sassi fa umido”. Ma questo non è poi così importante, considerato che quelle frasi possono essere pensate da tanta altra gente che non ha ben chiaro come dovrebbero funzionare le cose. (Occhei, è probabilmente vero che pubblicando qui ho più o meno gli stessi ascoltatori che se scrivessi su Wikinotizie, ma quella è un’altra storia). Provo quindi a spiegare ancora una volta ai miei ventun lettori come dovebbero funzionare le cose.

Una notizia come quella del vaccino viene da noi bollata come recentismo: qualcosa di cui non si sa ancora quanto sia effettivamente importante nel lungo periodo. Ma come, direte voi, un vaccino per il Covid non è una notizia importante? Sì, quando effettivamente avrà l’ok delle autorità sanitarie lo sarà. Peccato che in questo momento il vaccino non ci sia: dopo i titoloni vari e il boom in borsa, si è scoperto che Pfizer si era “casualmente” dimenticata di aggiungere che il suo vaccino è ancora in corso di sperimentazione, e i risultati pubblicati erano preliminari. Insomma, non esattamente una notizia per cui non avere aggiornata la voce Pfizer dopo due (2) ore dall’annuncio fa cascare il mondo: nulla di troppo diverso da tutti i vaccini Covid fatti in Russia. Scrivere “informazioni” come quelle serve giusto come cassa di risonanza ai comunicati stampa aziendali. Non serve per nulla a chi sta cercando una notizia, visto che – come scrivevo qualche giorno fa – Wikipedia non è internet, e la notizia era presente più o meno ovunque. Ricapitolando: correre dietro i comunicati stampa serve solo a distogliere l’attenzione dal resto, e porta il rischio di scrivere falsità. Falsità che poi si possono correggere, certo: ma non si fa più in fretta a non scriverle direttamente?

Ultimo punto. Wikipedia in lingua inglese ha fatto una scelta diversa? È un loro diritto. Ogni edizione linguistica ha la sua comunità e fa delle scelte. Su en.wiki c’è una quantità di roba a mio parere assolutamente inutile; ce n’è parecchia anche su it.wiki, ma lì si va a ordini di grandezza superiore. Lo spazio disco costa poco, ma questo non significa che bisogna infilare di tutto: più roba c’è, tra l’altro, più è difficile controllarla. Io ritengo che le scelte di Wikipedia in lingua italiana siano migliori di quelle dell’edizione inglese: voi fate pure come volete :-)

9 comments

  1. “Ultimo punto. Wikipedia in lingua inglese ha fatto una scelta diversa? È un loro diritto.”

    In realtà è questo il vero problema (no, non l’esistenza del troll in quanto tale).

    Ora, io so che ogni wikipedia fa caso a sé e risponde a sé stessa localmente per molte cose. Però perdonami, il nome, il brand, il sito, sono pubblicizzati come identici in tutto il mondo perfino nella Home Page. Identici però proprio non sono, come si è visto.

    Ora, dal mio punto vista questo si chiama “self-inflicted pain”, perché se Wikipedia vattelapesca può avere (anche drastiche) policy diverse ed ha tutto il diritto di farlo Voi dovreste pubblicizzare meglio queste differenze.

    Sisi sicuro in qualche wikivattelapesca ci sta scritto tutto: ma voi sapete benissimo che se va bene lo 0,5% l’avrà letto o saprà della sua esistenza. Se l’ignoranza è colpevole, pure è la mancata educazione, ricordatevelo bene. Il risultato poi ve lo godete pure voi. Magari vi piace pure lamentarvi per cui è una buona occasione, non saprei, ma a me pare che ci sia quanto meno un concorso di colpa.

    Oddio, in completa sincerità ho il sospetto che la mancata volontà di pubblicizzare suddette differenze sia solo in parte involontaria (non solo in Italia eh, ovunque), e ci si marci sopra un poco, ma io sono diffidente per natura e potrei avere un problema personale.

    • Che non ci siano scritte in modo facilmente visibile le differenze tra le varie wiki è nella natura delle cose. Sulla volontarietà direi di no, semplicemente non esiste un coordinamento. Per quanto riguarda le policy, non penso proprio che ci sia qualcuno che vada a leggere le policy di en.wiki (ma nemmeno quelle di it.wiki), e in questo caso specifico non è nemmeno un problema di policy come sarebbe stato se il nostro amicone avesse scritto la nota e gli fosse stata cancellata… ma lui ha detto che non ha voluto espressamente farlo.

      In fin dei conti, al momento la notizia c’è ancora anche sulla voce in italiano, e quindi se vuoi quello che ho scritto è falso ;-)

  2. Curioso che il troll scriva 1.800 (come in spagnolo), anziché 1800 o ‘800 come si usa in italiano. Boh? Ci sono giri loschi dove hanno iniziato ad usare il puntino?

    • Mah, quando ero ggiovane si scriveva (nei libri un po più vecchi) in questo modo. Direi che è un problema squisitamente anagrafico.

      • Ah, non lo sapevo! Ero arrivato fino alle grammatiche con la “a con l’accento” ma il puntino non lo avevo visto!

  3. Se posso permettermi una precisazione: non mi sembra giusto dire che

    “Pfizer si era “casualmente” dimenticata di aggiungere che il suo vaccino è ancora in corso di sperimentazione, e i risultati pubblicati erano preliminari”

    dato che i due fatti (la fase 3 continua e la pubblicazione su rivista avverrà alla fine) sono presenti nel comunicato stampa di Pfizer.

    Molto banalmente, i giornali (tranne poche eccezioni, vedi Il Post) hanno fatto quello che fanno abitualmente con i fatti di scienza: non ci hanno capito una fava… e hanno generato titoloni di conseguenza.

    • la risposta è “nì”. Se preferisci leggerla in un altro modo: Pfizer ha preparato un comunicato stampa dove tecnicamente tutti i dati sono riportati. Ma non l’ha intitolato “uno studio preliminare sulla fase 3 mostra un’alta efficacia del vaccino”, sapendo perfettamente che il 90% dei media copiano e incollano le frasi sagacemente preparate. Faccio così anch’io quando mi capita di preparare un comunicato stampa per Wikimedia Italia: la differenza, a parte nei soldi che non guadagno :-), è che mi limito a scrivere dei virgolettati che possono essere copincollati.

  4. Nì :-)

    Il titolo dell’annuncio di Pfizer, che è linkato dal Post, dice:

    “Pfizer and BioNTech Announce Vaccine Candidate Against COVID-19 Achieved Success in First Interim Analysis from Phase 3 Study”

    e io, forse perché non sono un giornalista, ho impiegato ben 5 secondi a trovare la spiegazione di “First Interim Analysis”, cioé che si tratta di risultati preliminari.

    Non ci tenevo a precisarlo per polemizzare con te, è solo che mi viene l’orticaria a leggere le stronz… ehm… le sciocchezze che dicono i giornali (quasi tutti) e ogni tanto devo grattarmi…

    • occhei, sono andato a cercare direttamente il comunicato stampa e il titolo (per chi sa leggere) è chiaro. (poi non ho idea se 94 casi complessivi siano sufficienti o no per avere dati definitivi, ma questo non è certo il mio lavoro)