“accuriamo”

Un paio di mesi fa avevo comprato all’Ikea dei portaposate, che però sono troppo grandi per le cucine non Ikea. Dovendo tornarci, mercoledì scorso ho scritto al servizio clienti se era possibile renderli anche senza scontrino, considerando che avevo usato la carta Ikea Family. Mi arriva la risposta “la contatteremo entro 24 ore lavorative” (che non so cosa siano).
Non avendo avuto altri contatti, sabato sono andato e ho sbrigato la cosa direttamente in negozio. Stamattina sono stato chiamato al telefono dall signorina Ikea, alla quale spiego di avere fatto già tutto. La mail di conferma è stata

Accuriamo da lei di aver risolto il problema direttamente nel nostro negozio.

Che vuol dire “accariamo”?

La voce di Salvini

Stamattina il GR di RadioPop è cominciato facendo sentire un pezzetto della registrazione del comizio pescarese dove Matteo Salvini spiegava ai parlamentari che dovevano dargli pieni poteri. Non l’avevo mai ascoltato: posso dire una cosa? Ha una voce incredibilmente bolsa.

“Cantiere”

Ero convinto di averlo scritto qua sulle notiziole, ma non ho trovato il post. Ad ogni modo, l’anno scorso un negozietto di cornici in fondo a via Vespucci era stato rilevato e rimesso a posto per tirare fuori l’ennesimo posto dove mangiare, denominato con grande sfoggio di fantasia “Cornici”.
Il locale è durato una sola stagione, e quest’inverno è rimasto chiuso… fino a quando la scorsa settimana è riaperto – bloccando quasi del tutto il passaggio con i tavolini fuori – e con un nuovo nome: “Cantiere”, comprensivo di virgolette. In effetti è proprio davanti al cantiere di un nuovo palazzone che stanno costruendo tra via Vespucci e via Marco Polo: mi chiedo solo se pensano che tanto anche stavolta il locale chiuderà prima che completino il palazzo :-)

Blangiardo e i libri a pagamento

Ieri sera, mentre ero stipato in metropolitana, il tipo vicino a me stava leggendo e sottolineando un libro dal titolo “Immigrazione. La grande farsa umanitaria”. Inutile dire che quando alla fermata successiva il tipo è sceso e soprattutto lo spazio a disposizione era un po’ aumentato mi sono fiondato a fare una ricerca, e ho trovato la pagina Amazon. Detto questo, le mie curiosità sono aumentate. L’editore, Aracne, pubblica spesso a pagamento e sicuramente come print-on-demand: come mai Gian Carlo Blangiardo – che oltre che essere attualmente il presidente dell’ISTAT è comunque professore ordinario in Bicocca – e i suoi coautori hanno scelto due anni fa di pubblicare in quel modo, libro che tra l’altro sembra essere un’edizione ampliata di quello che avevano dato alle stampe sempre per Aracne l’anno prima? E soprattutto, com’è che le tre recensioni (tutte a cinque stelle, ci mancherebbe altro!) sono tutte monoriga, non entrano nel merito del testo, ma sono “acquisti verificati”?

Ah, i curiosi possono vedere l’indice del libro direttamente sul sito di Aracne.

addio, MAD

Una triste notizia: Mad Magazine dal prossimo autunno non pubblicherà più nuovi contenuti (tranne gli speciali di fine anno) ma riciclerà le vecchie cose ivi pubblicate. Oggettivamente non riesco a comprendere la logica: mi sarei aspettato una semplice chiusura, il che potrebbe avere senso visto che il mercato è quel che è, ma non una cosa del genere. Io lessi un po’ di numeri negli anni ’80, e naturalmente ho ben presente l’articolo seminale di un allora ragazzotto Donald E. Knuth.

Tutto quello che ho da dire è “What, me worry.” Con il punto fermo e non quello di domanda.

La trasmissione radiofonica finlandese in latino ha chiuso

Ho appena scoperto, via Language Log, che dopo trent’anni è terminata la trasmissione radiofonica Nuntii Latini, trasmessa ogni settimana dalla radio pubblica finlandese Yle. L’ultima trasmissione è stata trasmessa il 14 giugno, ed è questa. La pronuncia è probabilmente la restituta: a parte la c sempre pronunciata dura e la t che non diventa z, mi fa ridere sentire “atque” pronunciato “atkve” e soprattutto sentire una cantilena è che tutto fuorché quella a cui siamo abituati.

(Ah: ovviamente Wikipedia in lingua italiana lo aveva già scritto una settimana fa. Tutte le volte mi stupisco di come sia sempre sul pezzo.)