“divisa impropria”

Avevo letto qualcosa su Facebook, ma come spesso capita la notizia era stata riportata in modo così confuso da essere inusabile. Ora ne parla la BBC: la nazionale norvegese di beach handball che giocava gli europei è stata multata per avere indossato una divisa impropria: pantaloncini anziché la parte inferiore del bikini.

A parte che fino alla settimana scorsa non sapevo dell’esistenza del beach handball e fino a cinque minuti fa non sapevo che era stato inventato in Italia, e ancora adesso mi chiedo che cosa abbia esattamente a fare con la pallamano dove dai ricordi scolastici qualche palleggio lo potevi anche fare, la multa conferma la mia ipotesi, che cioè almeno per il lato femminile la parte atletica è in secondo piano. O mi volete dire che gli shorts danno vantaggi competitivi?

4 comments

  1. Il punto non è sportivo .mau., ma sullo spettacolo delle gare ed il loro ritorno mediatico (meno son vestite, più si guardano).

    Parliamoci chiaro: la volley femminile è messa uguale. Una mia ex-collega giocava in A2, e lei era la prima a dirmi “secondo me vengono a vederci perché siamo carine, mica perché giochiamo bene”.

      • Beh, il wrestling è pura finzione, una recitazione di lotta, il beach volley è erotismo sportivo. Sono piani diversi, con un pubblico molto diverso. Cmq per me il beach volley è molto più uno sport del wrestling…

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.