Anarchie

Ieri qui a Milano c’è stato un incidente che ha ottenuto l’onore delle cronache: un’auto ha travolto un monopattino. Nell’articolo che ho citato c’è un virgolettato facebookaro di tale Piermario Sarina, ex candidato del centrodestra per il municipio 6 e attuale consigliere.

“Viale Tunisia, oggi. Scene così non ne vorrei mai vedere. Spero nulla di grave per nessuno dei coinvolti. Ma temo che se Sala non metterà mano in fretta all’anarchia che regna oggi, non sarà la prima né l’ultima”.

Conosco purtroppo molto bene quell’incrocio, visto che mi capita spesso di farlo in bicicletta. Lì c’è una pista ciclabile: dalla foto direi che l’ipotesi più probabile è che il monopattino andasse a 20-25 all’ora (lo so, in teoria dovrebbero andare al massimo a 6 all’ora e quindi stare sul marciapiede) sulla pista ciclabile in direzione corretta. Uno può lamentarsi che il monopattino andasse troppo veloce, ma chi arriva dalla traversa e deve dare la precedenza (in generale, non solo alla pista ciclabile) dovrebbe aspettarsi che qualcuno arrivi a 20 all’ora. Io ci tengo alla mia vita e quindi controllo che non ci siano imbecilli che se ne strafreghino, come l’automobilista in questione: il monopattinista evidentemente no.

Bene, Piermario Sarina, chi è esattamente l’anarchico?

2 comments

  1. Quello dei 6 km/h era il limite che consentiva di utilizzarli nelle aree pedonali, e solo in quelle, mentre al di fuori di quelle c’era la probabile equivalenza alle bici elettriche, ma non essendoci, chiaramente, la specifica di “pedalata assistita” c’era la possibile assimilazione ai veicoli leggeri a motore, in pratica ai motorini, con tutti gli obblighi conseguenti (protezioni, targa, assicurazione, mentre il “bollo” sarebbe in esenzione, credo per 5 anni).

    Con l’attuale normativa (che dovrebbe durare almeno fino al 27 luglio 2022) possono circolare dove e come circolano i velocipedi, col limite dei 25 km/h e l’obbligo di luci quando sono necessarie https://www.interno.gov.it/it/notizie/regole-i-monopattini-elettrici

    • visto che la bicicletta a pedalata assistita smette di assistere a 25 all’ora, direi che fino a quella velocità possano essere assimilati al= una bici elettrica.