Carnevale della matematica #135

“il merlo, il merlo, il merlo tra i cespugli”
(Poesia gaussiana)

logo-carnevale_matematica
Benvenuti all’edizione numero 135 del Carnevale della Matematica! Dando un’occhiata alla lista dei Carnevali, ho scoperto che è il terzo anno di fila che le Notiziole ospitano l’edizione dicembrina, e la terza volta di fila che metto come tema “Matematica delle feste” o giù di lì, il che dimostra come i miei pensieri siano stolidi e inamovibili e che del tema mensile non m’importa punto.

Proprietà del 135? Vabbè, per questa volta cito solo le più strane. Il 135 è un numero somma-prodotto in base 10 (proprietà che divide con 144), perché è il prodotto della somma delle sue cifre e del prodotto delle sue cifre; si ha cioè 135=(1+3+5)(1×3×5). Inoltre (sempre in base 10) è uguale alla somma delle sue cifre elevate a potenze consecutive: 135=1¹+3²+5³. Qui c’è qualche esempio in più, anche se non moltissimi; per i curiosi i due numeri più grandi sono 2646798 e 12157692622039623539. Per il resto, c’è sempre la nostra amica Wikipedia

Come dice Dioniso, questo mese la cellula melodica è bitonale e semplicissima, quindi cantabile: eccola qua.

Ma passiamo ai contributi! Iniziamo proprio con Dioniso, che in Sistema numerico giapponese e sue relazioni con i numeri raggiungibili di Hersh racconta come nel complicatissimo sistema di conteggio giapponese bisogna usare categorie di termini diversi (classificatori) a seconda della categoria di oggetti che si stanno contando. Guardando quei termini gli è tornato in mente il discorso di Hersh sulla distinzione tra numeri raggiungibili e numeri puri.
Beh, il giapponese rende la distinzione tra questi due concetti molto più esplicita ed evidente. Infatti…

I Rudi Matematici mi segnalano che si tengono leggeri per le feste. Ecco qui i loro contributi:
Orbene, da che mondo è mondo, le fini dei pasti e gli inizi di giornate sono caratterizzate dal caffè. C’è chi lo beve nero e chi invece ci aggiunge il latte, come Paola, la moglie di Rudy. Ella non sa, probabilmente, quali e quante diatribe cotanta abitudine possa matematicamente generare. Ebbene, un assaggio della citata “cotanta” sta qui, in questo “Quick&Dirty” dall’innocentissimo titolo “Caffè”.
Il post canonico e istituzionale del problema pubblicato sull’augusta “Le Scienze”, intitolato “Festa? Quale festa?” ha avuto un esito abbastanza curioso: si trattava della rimescolatura di un problema che ha imperversato un po’ per la rete, ma i poveri tenutari del blog non si sono accorti del fatto che, rimescolando di qua e rimescolando di là, hanno modificato il problema fino al punto di aprirlo a due soluzioni esatte e alternative. Loro non se ne sono accorti, ma i loro solutori sì, naturalmente…
Nella speranza di non riscaldare ulteriormente i problemi di incompatibilità religiosa che la Nazione sta inaspettatamente incontrando di questi tempi, per la serie “Puzzling Times at Solvamhall Castle” pubblichiamo un quiz intitolato “La Mezzaluna e la Croce”, e che tutti gli dei ce la mandino buona.
C’è anche un compleanno. Come tutti i compleanni, è uscito prima sull’e-zine, e in questo caso lo ricordiamo anche nel blog, perché è uscito nel numero di Dicembre 2014, anno in cui ci ha lasciato Emma Castelnuovo, poco prima di compiere 101 anni. Il titolo originale del pezzo era “Emmatematica”.

Quelli di MaddMaths! preferiscono invece evidentemente farci fare indigestione di articoli. Mettevi comodi, perché la lista è lunga…

– Il 14 marzo 2020 si terrà la prima giornata internazionale della matematica È notizia ufficiale di qualche giorno fa che l’UNESCO, su richiesta dell’International Mathematical Union, ha proclamato il 14 marzo Giornata Internazionale della Matematica (IDM). L’Unione Matematica Italiana e MaddMaths! aderiranno senz’altro a questo evento. Se avete intenzione di organizzare e/o promuovere iniziative locali, che si ispirino al tema della giornata, non dimenticate di segnalarle all’indirizzo email maddmaths@gmail.com. Saranno tutte incluse nella mappa mondiale degli eventi del Pi Day 2020.
Dialoghi matematici: Matematica, genere femminile, numero singolare – A Roma dall’8 dicembre 2019 al 10 maggio 2020 – Dall’8 dicembre prossimo al 10 maggio 2020 si terrà, presso l’Auditorium Parco della Musica di Roma, la nuova serie dei Dialoghi Matematici, organizzati da il Mulino e Fondazione Musica per Roma. Quest’anno il titolo è: “Matematica, genere femminile, numero singolare“.
Riflessione sui risultati OCSE-PISA 2018 – Lo scorso 3 dicembre si è svolto a Roma il seminario di presentazione dei risultati dell’indagine internazionale OCSE-PISA 2018 sulle competenze in Lettura, Matematica, Scienze e ambito Finanziario di 600 mila quindicenni di 79 Paesi del mondo. La CIIM (Commissione Italiana per l’Insegnamento della Matematica) non poteva mancare a questo appuntamento così importante, ed è stata delegata Antonella Montone, che ci propone di seguito una riflessione sulla Scuola in Italia alla luce dei risultati presentati.
Matematicando 2020. A spasso con la Matematica per le strade di Locarno – 13-16 maggio 2020 – La quarta edizione del festival “Matematicando. A spasso con la Matematica per le strade di Locarno” si terrà nella prossima primavera, dal 13 al 16 maggio 2020. Guardate il programma che è molto interessante!
Matematica per insegnanti in formazione alle elementari (e alle scuole secondarie): un terzo elemento essenziale – Nel sito dell’American Mathematical Society c’è il blog “On Teaching and Learning Mathematics” che propone spesso post sulla didattica della matematica. Nel mese di settembre due degli editors del blog, Paul Goldenberg e Al Cuoco, hanno proposto un’interessante riflessione sulla formazione degli insegnanti. La riproponiamo qui con il consenso degli autori e del blog nella traduzione di Elena Toscano (supervisione e revisione di Anna Baccaglini-Frank).
Mind the Gender Gap – Il Gender Gap nelle scienze è un problema importante nel nostro lavoro: se ne è parlato in un convegno cui ha partecipato per noi Chiara de Fabritiis (coordinatrice del Comitato Pari Opportunità dell’Unione Matematica Italiana); di seguito trovate il suo resoconto.
È online il numero 6 di “Didattica della Matematica” – Esce il nuovo numero della rivista “Didattica della matematica. Dalla ricerca alle pratiche d’aula“, realizzata dal Dipartimento formazione e apprendimento, Scuola universitaria professionale della svizzera italiana (SUPSI), diretta da Silvia Sbaragli. La rivista, che è liberamente consultabile, è scaricabile in formato pdf dal sito.
Un nuovo criterio di divisibilità per 7? – Ma veramente un ragazzino nigeriano di 12 anni, studente a Londra, ha scoperto un “nuovo” criterio di divisibilità per 7? Leggiamo cosa ce ne dice Alberto Saracco.
L’ipotesi di Riemann compie 160 anni – Nel novembre del 1859, cioè 160 anni fa in questi giorni, Bernhard Riemann presentava all’Accademia di Berlino una sua breve memoria sul numero dei numeri primi che non superano una data quantità. Ce ne parla ancora una volta con la sua grande competenza Alessandro Zaccagnini.
Scansione cerebrale conferma: nessuna differenza tra cervelli di maschi e femmine, mentre fanno matematica – Anche la scansione cerebrale lo conferma: non ci sono differenze (di genere) nel cervello, quando si tratta di capacità di elaborazione matematica. Un risultato che potrebbe finalmente far sparire quei pregiudizi di vecchia data che vorrebbero le ragazze meno capaci dei ragazzi in matematica.
Cinema e comunicazione su matematica e matematici – Le recensioni di film in Maddmaths! propongono esempi di come il cinema possa essere utilizzato per comunicare su matematica e matematici e vari riferimenti in Maddmaths! al comunicare suggeriscono l’opportunità di qualche considerazione in proposito, a partire dal fatto che gli strumenti e i supporti per il linguaggio delle immagini audiovisive in movimento possono essere utilizzati non soltanto per gli abituali film commerciali o per la televisione nelle varie forme di fruizione (sala con proiettore, tv, cineforum, …). Gabrieli Lucchini propone qualche riflessione su questi temi.
Sedotti dalla matematica o dalla filosofia? Una recensione – Nicola Ciccoli recensisce il libro di Sabine Hossenfelder “Sedotti dalla matematica” in cui l’autrice sostiene che la ricerca dell’uso di matematica bella finisca per guidare i fisici teorici in direzioni poco produttive. E voi che ne pensate?
Recensione di Pensieri lenti e veloci di Daniel Kahneman – Come prendiamo le decisioni che contano? Quali sono i fattori decisivi? E cosa c’entra questo con la matematica? Ce lo racconta Ruggero Pagnan nella sua recensione del libro di Daniel Kahneman “Pensieri lenti e veloci”.

Passiamo ora ad Annalisa Santi, che segue il mio trend “Natale, perché cambiare?” e ripropone dal suo blog Matetango una “Intervista impossibile a Babbo Natale!”. Come Annalisa spiega, l’intervista è datata (era del 2016) ma crede che le cose non siano di molto cambiate e che la “favola matematica” possa rimanere valida! Quello che infatti racconta è la risposta fisico/matematica, suggeritami dallo stesso Babbo Natale, che si potrebbe dare a un bambino per non fargli provare la grande delusione dell'”inesistenza” di Babbo Natale o meglio per fargliela diluire nel tempo e magari stimolarlo allo studio della matematica e della fisica!

Leonardo Petrillo ci propone invece Teorema di equipartizione dell’energia, moto browniano e processi stocastici: un post che, partendo dall’introduzione del fondamentale teorema di equipartizione dell’energia per la meccanica statistica, si spinge ad affrontare la tematica del moto browniano e dei processi stocastici in generale. Però temo che il moto browniano non sia sufficiente per smaltire i chili di troppo presi nelle feste…

Roberto Zanasi, aka zar o Proooof, termina il suo studio sui piani proiettivi finiti presentando finalmente un gioco basato su di essi: Giochi proiettivi — 7. Dobble (finalmente) . Resta il mistero di dove siano finite le due carte mancanti :-)

Gianluigi Filippelli spedisce fuori tempo massimo la sua messe di contributi:
Il cerchio che rotola si quadra da solo – Piccolo post più o meno senza parole su un metodo “fisico” della quadratura del cerchio proposta da Thomas Elsner. Nell’introduzione all’immagine ci sono i link al pdf dell’immagine e al codice sorgente, commentato, con cui ha realizzato l’immagine.
Nero matematico – Un breve articoletto su un progetto di reti neurali in grado di produrre musica, nello specifico di genere black metal.
La geometria iperbolica dei pesci di Escher – Un articolo su Cerchio limite I di Maurits Escher e sulla geometria iperbolica basato sul lavoro di Roger Penrose che prosegue una serie aperiodica di articoli dedicati al grande matematico britannico.
Per le biografie, il wikiritratto di Alessandro Marchetti: galileiano e ateo!
Per la serie Le grandi domande della vita, Superinsalate sottovuoto, dove si parla di termodinamica (con tanto di formule), un piccolo rompicapo numerico e velocisti scarlatti e non.
Per la serie I rompicapi di Alice, Puntare contro il cielo, dove a partire da una poesiola che scrisse quando aveva 13 anni si parla della passione di Lewis Carroll per l’astronomia.
Infine ecco la recensione di Storie che contano dei Rudi Mathematici, che mi sono spinto a paragonare ai racconti dei Vedovi neri di Isaac Asimov.

Per quanto riguarda i miei contributi, sul Post c’è Come generare numeri casuali “a mano”, dove in realtà più che dare regole le chiedo a voi :-) Qui sulle Notiziole invece c’è la solita roba: quizzini (Tris monosegnoPalline da ping pongIl Grande Torneo Aziendale di TennisRaddoppia il campo), recensioni (How Round Is a Cube?, una bella serie di “esperienze matematiche” al di fuori delle solite cose scolastiche; Zerologia, parlare di zero-vuoto-nulla da parte di un matematico, un fisico, un filosofo: l’idea era buona, la realizzazione meno; La matematica e l’infinito, saggio sulle analisi non standard davvero bello), e il mio punto di vista sul “nuovo criterio di divisibilità per 7”, Il “genio matematico” e l’insipienza dei media, dove tra l’altro ho scoperto quando e da chi è stato messo il primo riferimento al criterio – copiato chissà da dove, e lasciato in una noticina – su Wikipedia in italiano.

Buone feste a tutti! Ricordatevi che il 2020 del Carnevale arriverà tra un mese esatto da Proooof.

Comments are closed.