_Homo Deus_ (ebook)

[Nota: il libro è stato tradotto in italiano, ma io ho letto la versione originale inglese] Dopo il successo del suo precedente Sapiens, Harari prova a vedere cosa il futuro riserverà all’umanità. Nel libro (Yuval Noah Harari, Homo Deus : A Brief History of Tomorrow, Harper 2016, pag. 528, € 7,45, ISBN 9781473545373) Harari continua a scrivere nel suo stile spiazzante, affermando per esempio all’inizio che nel ventunesimo secolo potremmo arrivare all’immortalità… anche se poi fa parzialmente marcia indietro nella successiva spiegazioni Gli spunti sono sempre interessanti, come quando mostra come le rivoluzioni non sono vinte da chi le fa ma da chi è più bravo a sfruttare il momento adatto, e questi ultimi non sono mai le masse bensì di solito quadri intermedi che hanno già una rete di connessioni tra di loro. Diciamo che chi ha letto Sapiens troverà temi già trattati lì, come la categoria degli enti intersoggettivi: il denaro “esiste” perché siamo tutti d’accordo a considerarlo tale; la parte centrale è meno interessante. Molto utile però l’ultima parte, che parte dalle “religioni moderne” come l’umanesimo e la democrazia, continua con una spiegazione del perché la crescita costante del PIL fa molto bene al mondo (salvo distruggerlo…) perché fa venire voglia di rischiare, e termina con quella attuale del “datismo”, con i rischi che porta verso l’Homo Sapiens che non è più l’apice dell’evoluzione. Qui ho rivisto l’Harari pronto a rovesciare i punti di vista standard.

Comments are closed.