insegnanti o vigili?

Non ho scritto fino ad adesso sulla vicenda dell’insegnante palermitana sospesa per “non avere vigilato” sul lavoro dei suoi studenti. Di per sé non dovrei scrivere nemmeno ora, perché continuo a non conoscere il testo esatto del decreto di sospensione, e quindi devo fare ipotesi più o meno fantasiose. Però perlomeno ho visto il video incriminato e quindi posso fare qualche commento non dico intelligente ma spero almeno sensato.

Non è che quel video sia chissà che cosa. È vero che stiamo parlando di quindicenni, ma mettere così assieme fatti del ’38 e odierni senza spiegare perché per loro sono simmetrici non serve a molto dal punto di vista didattico. È però anche vero che non vedo risvolti penali in quanto mostrato e detto dagli studenti, cosa che sarebbe l’unica ragione per cui potrei immaginare una colpa dell’insegnante per mancata vigilanza. Magari potrei anche immaginare qualcuno che si lamenta perché non ha “corretto” certe affermazioni, qualunque sia il significato che si voglia dare al termine: ma in questo caso comincerei a chiedermi se e come il video è stato commentato a lezione – il che è molto diverso dal far modificare il video in questione – e di questa cosa mi pare non si sappia nulla, come non mi pare nemmeno si sappia se il video fosse rimasto “interno” oppure pubblicato in un qualche modo che riportasse direttamente alla scuola e non agli studenti. Insomma, una faccenda che a diversi giorni di distanza dallo scoppio del caso (e quasi quattro mesi dalla produzione del video) continua a essere poco chiara, il che mi pare un segnale preoccupante per la stampa italiana.

Che poi il caso sia partito da un attivista di Monza che evidentemnte ha degli ottimi contatti mi pare ancora più preoccupante.

Comments are closed.