Mattarella grazia Bossi

Insomma ieri Mattarella ha graziato il Senatur. Per la precisione, «L’atto di clemenza individuale ha riguardato la pena detentiva ancora da espiare (un anno di reclusione) inflitta per il delitto di offesa all’onore e al prestigio del Presidente della Repubblica (c.d. vilipendio: art. 278 c.p.), in riferimento a fatti commessi nel 2011.»

Io sono generalmente contrario al concetto di reato di opinione, ma posso comprendere quello al capo dello Stato, anche se un anno mi pare un po’ tanto per un “terrone” e un gesto delle corna che a noi vecchietti ricorda tanto Giovanni Leone. Ma in fin dei conti c’è chi è multato per aver dato dello juventino a un arbitro. E posso capire che una volta sancito il principio Napolitano possa aver detto che tutto è perdonato, permettendo a Mattarella di firmare il decreto di grazia. Ma continuo a chiedermi cosa sarebbe successo, o più propriamente cosa succederà, con gli altri casi simili dove gli imputati non sono famosi…

Umbria e coalizioni

Non sono bene riuscito a capire perché, di fronte alla débâcle umbra, una serie di commentatori nella mia bolla Faccialibro ha fatto notare che la regione ha tanti abitanti quanti Torino e due terzi di quelli di Milano. Né sono riuscito a capire come abbia fatto Stefano Vaccari della segreteria Pd ad affermare che “Bianconi ha ottenuto più voti assoluti di Marini nel 2015”: fatto di per sé vero (ci sono novemila voti in più) ma che tralascia due banali particolari come il fatto che ci sono stati 60000 votanti in più e che stavolta nella coalizione c’era anche M5S. In realtà, confrontando i risultati delle europee con questi delle regionali, e facendo la tara per le liste civiche, quello che notiamo in pratica è un crollo di M5S e una contestuale crescita di Fratelli d’Italia. È una casualità? Non ne sarei così sicuro…

Credo comunque che l’unica vera notizia di queste elezioni è che gli elettori pentastellati non amino fare coalizioni di nessun tipo, ma soprattutto con il PD. Non una grande notizia, d’accordo. Però almeno sappiamo cosa succederà nei prossimi anni, e cosa dobbiamo aspettarci. Buona fortuna a tutti.

Brexit: Boris Johnson ci frega la palma del politico più furbo

Nella famosa serie televisiva Game of Brexit stiamo osservando un interessante gioco di forza tra il primo ministro Boris Johnson e la Camera dei Comuni. Quest’ultima è in disaccordo su quasi tutto, ma c’è una maggioranza seppur risicata che afferma che sono loro a dover decidere l’accordo va bene oppure no, e quindi hanno votato due emendamenti il cui combinato disposto afferma “se l’accordo sulla Brexit non è votato dal parlamento, il primo ministro deve chiedere un’estensione per lasciarci il tempo di votare”.
Solo che Johnson aveva spergiurato che lui non avrebbe mai chiesto un’estensione. Come salvare capra e cavoli? Semplice. Johnson ha inviato una lettera non firmata in cui chiede il rinvio, e subito dopo un’altra lettera – questa sì firmata! – nella quale dice all’UE “Stavo scherzando, non dateci il rinvio”. Tecnicamente insomma il rinvio è stato chiesto, ma non da lui.

Siamo abituati a vedere operazioni spericolate dai nostri esponenti politici, ma devo dire che questa mossa Kansas City le supera tutte! (poi secondo me l’Unione Europea concederà comunque l’estensione solo per far arrabbiare Johnson, ma questa è un’altra storia)

L’Alto Adige esiste ancora

I giorni scorsi ha suscitato scalpore la notizia della cancellazione del nome “Alto Adige” nei documenti ufficiali della provincia di Bolzano. Secondo il presidente della provincia non sarebbe proprio così, anche per l’ottima ragione che il nome “Trentino-Alto Adige” sta nella Costituzione; banalmente si sono tolti i riferimenti per l’ottima ragione che quella regione in pratica non esiste, e lì fanno tutto le due province.

La cosa avrebbe anche il suo bel senso (al limite non ha senso questa divisione: per quanto mi riguarda la provincia di Trento dovrebbe finire nel Veneto lasciando Bolzano come Aosta). Resta il fatto che almeno nel lancio Ansa Kompatscher glissa alla domanda “perché allora è rimasta la denominazione Südtirol?”. Qualcuno può per caso fornirmi una dichiarazione più completa? Va bene anche in tedesco, non sono schizzinoso e due parole le mastico.

Povera Italia

La riforma costituzionale sul taglio dei parlamentari, votata praticamente all’unanimità, è una sconcezza. Tralasciamo per il momento la voglia matta di fare una modifica costituzionale prima di avere pronto il resto – cambiare legge elettorale senza rimodulare i collegi e ripensare tutte le norme come quelle sull’elezione del presidente della Repubblica, insomma. Il punto è che i famigerati risparmi derivati dalla riduzione di deputati e senatori, sempre che ci saranno davvero, varranno davvero poco: in compenso, anche ammettendo che si farà una nuova legge elettorale proporzionale, la rappresentatività si ridurrà eccome, visto che ci saranno meno eletti. Già la riforma renziana bocciata poi al referendum era una schifezza, ma almeno era pensata in maniera coerente. Qui non c’è nemmeno quello: un panem et circenses per mostrare di essere tanto bravi senza nemmeno sapere cosa si sta facendo.

Naturalmente per il Silvio Berlusconi dei bei tempi (“faso tutto mi”) o per i pentastellati (“uno vale uno, e quell’uno è Casaleggio”) non c’è nulla di male in questo, anzi. Ma non mi sarei aspettato che il PD, con o senza Renzi, si infilasse in questo buco di democrazia. Aspettatevi un parlamento ancora peggiore di questi ultimi.

Grandi errori

L’altro giorno la parlamentare PD Alessia Morani ha dichiarato “Premetto che lo ius culturae è un principio sacrosanto ed una legge di grande civiltà ma riprendere ora il dibattito sull’approvazione di questo provvedimento è un errore. Una legge di questo tipo deve essere approvata solo dopo avere dimostrato che c’è un modo efficace e diverso da quello di Salvini di governare i flussi migratori e di fare sul serio politiche di integrazione.”

Ora, dire “non vogliamo i migranti” è una posizione politica, che si può condividere o no. Dire “io vorrei far entrare i migranti, ma non lo faccio perché la gente non lo vuole” è un’idiozia sesquipedale per l’ottima ragione che a questo punto tu politico non hai più ragione di esistere: come diceva sempre Berlusconi, si fanno i sondaggi e ci si posiziona automaticamente lì (Berlusconi inoltre aveva almeno il buon gusto di non dire che lui avrebbe fatto qualcosa di diverso). Il tutto tralasciando la banale considerazione che chi arriva con i barconi con ogni probabilità non entrerebbe nelle maglie dello ius culturae: al massimo lo potranno essere i suoi figli. (Nota a latere: mentre ho dei dubbi sullo ius soli, ritengo che lo ius culturae abbia senso, perché in questo modo non si è più estranei a quello che pensa chi è già italiano. Ma come dicevo, qui stiamo parlando di idee personali, non di politica)

In una notizia solo apparentemente scorrelata, Olga D’Antona protesta contro il reddito di cittadinanza ottenuto dalla brigatista Federica Saraceni che uccise suo marito. Il virgolettato: «Non sempre ciò che è legale è anche giusto». L’amarezza della vedova D’Antona è comprensibile, ma quella frase no. Di nuovo, possiamo discutere sul fatto che Saraceni sia fuori di prigione (io non ne parlo perché non ho dati a disposizione per farmi un’idea). Ma il reddito di cittadinanza nasce per chi non ha altri redditi ed è disposto a cercare lavoro: se Saraceni è in queste condizioni ha diritto a quei soldi, che non sono stati pensati controllando anche la fedina penale.

A me preoccupa molto più questa deriva che vedere gente ignorante. Se qualcuno non sa, c’è sempre la possibilità che possa imparare e poi avere un’opinione informata…

il fischiettatore di Trump

Una caratteristica di Donald Trump dovrebbe essere ormai chiara a tutti. Prendiamo il caso del whistleblower, cioè della fonte anonima (e al momento sotto protezione…) che ha rivelato la sua telefonata al presidente ucraino dove secondo i democratici avrebbe fatto pressioni per fargli trovare qualcosa contro Biden figlio (e padre). Cosa fa Donald? Twitta.

Il punto è che anche se il whistleblower avesse effettivamente «rappresentato una perfetta conversazione con un capo di stato estero in modo del tutto inaccurato e fraudolento» quella telefonata esiste, è stata registrata e verrà messa agli atti. Se non ci sarà nulla di illecito, quello che si potrà dire è che si sono spesi soldi e tempo per nulla, un po’ come ai tempi di Clinton; ma visto che sono ragionevolmente certo che la telefonata sia stata ascoltata prima di partire con la richiesta di impeachment, Trump si sarebbe dovuto scagliare contro i democratici. Solo che è molto più semplice essere forte con i deboli…

Bibbiano e Pontida

Occhei, alla fine si è capito che Greta, la bambina sul palco a Pontida domenica scorsa, non arriva da Bibbiano ma da un paese insubre il cui sindaco è leghista (ma evidentemente non denunciato per abuso d’atti d’ufficio). Ah: la bambina in braccio a Salvini è banalmente sua figlia, forzosamente arruolata per la Causa.
Bene. Cambia forse qualcosa? No. La strumentalizzazione resta la stessa, e continuo a pensare che se ci sono casi di malaffidamento, a Bibbiano come in qualunque altro posto, l’unica cosa che bisogna fare per i bambini è evitare l’esposizione mediatica. Ma è chiaro che sono in netta minoranza.