macché svarione

Mi ero ripromesso di non parlare mai di Diego Fusaro. Ma Repubblica mi costringe a commentare, visto questo suo articolo.

No, non c’è stato nessuno “svarione del filosofo sovranista Diego Fusaro”. Per prima cosa a lui importa solo farsi pubblicità; quindi che sia o no uno svarione è irrilevante. Del resto, chi è convinto che vaccini e tutte le altre misure non servano a nulla non verrà mica convinto dal ragionamento prettamente numerico delle percentuali: mi immagino già tutti quelli che commenteranno qualcosa del tipo “è ovvio che se costringi la gente a fare tamponi troverai quelli senza sintomi ma positivi; quindi le percentuali non servono a nulla”. Da un punto di vista umano posso anche apprezzare lo sforzo di Repubblica per cercare di convincere le persone a prendere delle misure contro il Covid; ma sono sufficientemente vecchio e cinico per accorgermi che sono del tutto inutili.

One comment

  1. E’ svarione quello di Fusaro come quello dei tanti che gli hanno replicato. Con quei numeri non si dimostra nulla, che siano assoluti o percentuali.
    Lo spiego qui:
    https://www.antoniorinaldi.it/una-disputa-poco-filosofica-tra-numeri-assoluti-e-percentuali/
    A me sembra che si sia perso il senso della misura, anche dall’altra parte, e che si faccia a gara a chi la spara più grossa e a chi la giustifica più grossa.
    Leggi un po’ qui, ad esempio, e leggi anche cosa mi rispondono:
    https://twitter.com/perche_tendenza/status/1476256767810150405
    Anche i siti scova bufale non sono immuni (scusa il gioco di parole):
    Per esempio trovo incredibile quello che si sostiene in questo articolo:
    https://www.butac.it/draghi-codacons/