Facebook mi segnala…

segnalazione di Facebook
Stamattina Facebook mi ha segnalato che il Garante ha sanzionato Facebook per un’informazione scorretta. Il testo – che bisognava leggere subito: ho aperto una nuova finestra ed era già svanito… – si trova a https://www.facebook.com/legal/italy e dice:

AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO
Le società Facebook Inc. e Facebook Ireland Ltd.
Non hanno informato adeguatamente e immediatamente i consumatori, in fase di attivazione dell’account, dell’attività di raccolta, con intento commerciale, dei dati da loro forniti. In tal modo hanno indotto i consumatori a registrarsi sulla Piattaforma Facebook, enfatizzando anche la gratuità del servizio.
Tale pratica è stata valutata scorretta, ai sensi degli artt. 21 e 22 del Decreto Legislativo n. 206/2005 (Codice del Consumo).
L’Autorità ha disposto la pubblicazione della presente dichiarazione rettificativa ai sensi dell’articolo 27, comma 8, del Codice del Consumo.
(provvedimento adottato nell’adunanza del 29 novembre 2018 e disponibile sul sito www.agcm.it)

“Naturalmente” non ci sono link specifici sui provvedimenti, ma solo un puntatore al sito AGCM. Se siete curiosi, l’adunanza si trova qui: sono d’accordo col fatto che Facebook non dice che userà i dati per scopi commerciali, non credo molto che il fatto che “induca ingannevolmente” gli utenti a registrarsi, “enfatizzandone la sola gratuità” cosicché “gli utenti consumatori hanno assunto una decisione di natura commerciale che non avrebbero altrimenti preso (registrazione al social network e permanenza nel medesimo)”, ma non è un mio problema.

Ma qui parliamo di due anni e mezzo fa. cosa è successo dopo la pubblicazione? Ho trovato una nuova istruttoria aperta più di un anno dopo (gennaio 2020). In quell’anno c’è stata una sospensiva (sulla sola pubblicazione) da parte dell’ineffabile Tar del Lazio; l’istruttoria è andata avanti e il 17 febbraio scorso c’è stata la nuova sentenza, dove si rimarca che Facebook Inc. e Facebook Ireland Ltd “non hanno pubblicato la dichiarazione rettificativa e non hanno cessato la pratica scorretta accertata: pur avendo eliminato il claim di gratuità in sede di registrazione alla piattaforma, ancora non si fornisce un’immediata e chiara informazione sulla raccolta e sull’utilizzo a fini commerciali dei dati degli utenti.” (e specifica che ciò deve essere fatto “alla luce del valore economico assunto per Facebook dai dati ceduti dall’utente, che costituiscono il corrispettivo stesso per l’utilizzo del servizio.” Se il Codacons legge questo estratto fa partire una class action per obbligare Facebook a pagare i suoi utenti per l’uso della piattaforma).

Non sono riuscito a vedere se la nuova dichiarazione rettificativa debba essere presente per venti giorni nelle home page mobili, come lo era la vecchia, e non posso controllare direttamente non avendo Facebook sul mio furbofono. Se qualcuno volesse verificare, gliene sarei grato. Interessante comunque che a metà febbraio, quando è stata pubblicata la delibera del garante, io non avessi visto nulla in giro. Voi?

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.