Quizzino della domenica: numeri civici

La via dove abito ha 80 case per lato, tutte numerate regolarmente: a sinistra i numeri dispari da 1 a 159, a destra quelli pari da 2 a 160. Quest’estate io e i miei due vicini di casa abbiamo pensato di cambiare la vecchia placca con il numero civico di casa nostra, e siamo andati al mercatino di Portobrutto a comprare le cifre per comporli. Il negoziante dove abbiamo comprato le cifre le vendeva a un numero di euro pari al numero stesso: quindi una cifra 1 costava un euro, una cifra 2 due euro e così via. L’unica eccezione è il numero zero, che costa dieci euro. Io e i miei vicini abbiamo preso le cifre per comporre i nostri numeri: alla fine ho scoperto che il vicino con il numero civico inferiore al mio ha speso un euro più di me, mentre quello con il numero civico superiore ha speso sette euro meno di me. A che numero civico abito?


(trovate un aiutino sul mio sito, alla pagina http://xmau.com/quizzini/p489.html; la risposta verrà postata lì il prossimo mercoledì. Problema tratto da Louis Thépault, Le chat à six pattes et autres casse-tête; immagini da freesvg.org, qui e qui.)

6 comments

  1. Confermo. Tu sei un furbacchione. Il tuo vicino da una parte non lo è altrettanto (è andato alla cassa prima di te?) e il tuo vicino dall’altra è un pollo e doveva tenersi la vecchia placca

  2. C’è un errore? Tu dici che il vicino col numero superiore ha speso 7 euro in più, ma nella soluzione si parla di euro in meno…

    • (tra l’altro, me ne sarei dovuto accorgere subito, perché il problema doveva usare prezzi decrescenti al crescere del numero. Altrimenti che gusto c’era?)

  3. Premesso che senza l’aiutino non ci sarei mai arrivato, avevo trovato una soluzione per il problema col testo sbagliato:

    * tu stai al 98 e spendi 6+8=14;
    * il tuo vicino col numero inferiore sta al 96 e spende 9+6=15 (l’hai detto tu che alla stupidità umana non c’è limite);
    * il tuo vicino col numero superiore sta al 100 e spende 1+10+10=21.