Piccola storia sulla sanità lombarda

[baroni o barzoni?] Tra una decina di giorni – sempre che la zona rossa lo permetta – io dovrei avere una visita oculistica di controllo: visita che era prevista a maggio ma è stata rimandata causa lockdown 1. Purtroppo quando l’ho prenotata l’unico posto possibile era il poliambulatorio di via Baroni: ho smadonnato un po’, essendo in zona Gratosoglio (estremo sud di Milano) quindi dalla parte opposta a dove abito, ma era una situazione di prendere o lasciare.

Lunedì ho controllato sul fascicolo sanitario regionale quand’era la visita, e ho visto che c’era l’icona della geolocalizzazione. Ci clicco – via Baroni non è una via ma un insieme di strade e stradine, il piano regolatore credo del 1953 ha fatto davvero danni – e scopro che dovrei andare in zona Corvetto, cioè sud-est. Bene, mi dico, per fortuna che ho fatto un controllo. Poi però mi sorgono dei dubbi: controllo e scopro che effettivamente il poliambulatorio è al Gratosoglio. E la cartina, allora? Semplice: una rapida verifica e mi accorgo che la via indicata non è via Baroni ma via Barzoni.

D’accordo. In una regione in cui la sanità è conciata così male che si è ufficialmente rinunciato a fare contact tracing questa è davvero una minuzia. Ma è una spia di come vengono fatte le cose.

Comments are closed.