Quizzino della domenica: riordinare

Ho posizionato 16 monete in un quadrato, alternando teste e croci come si può vedere in figura. Riuscite a modificare la figura in modo che la prima e la terza riga abbiano tutte teste e la seconda e la quarta tutte croci? Ah, dimenticavo: potete toccare solo due monete.



(un aiutino lo trovate sul mio sito, alla pagina http://xmau.com/quizzini/p464.html; la risposta verrà postata lì il prossimo mercoledì. Problema da Rob Eastaway e David Wells, Mindbenders and Brainteasers (problema 42).)


10 comments

  1. * questa non è una risposta * :-)

    Ho come un deja vu (deja lu); non è che posso ordinare, commissionare, chiedere, invitare, indurre uno dei miliardi di individui non-lettori a mettere le monete nelle posizioni volute, senza doverne personalmente toccare nessuna? Poi, se proprio devo, ne toccherò due appositamente per adempiere all’obbligo formale.

    Lo stesso scopo è ammissibile con attrezzi stile bacchette cinesi, ventose, elettrocalamite, dispositivi (robot) programmabili, evitando quindi di toccarle direttamente?

    Non chiedo se posso creare tunnel spazio-temporali per modificarne il continuum, perché per le ipotesi precedenti ho delle chances reali ed immediate, per quest’ultima, al momento, no :-)

    Avrei, invece, anche una risposta formale, ma dovrei prima sapere se le righe si contano a partire dall’alto oppure dal basso, e (importante, molto importante) se il piano di appoggio (se esiste un piano di appoggio) consente lo “scivolamento”, perché se fosse, ad esempio, adesivo, non sarebbe così semplice…

  2. Nessuno strumento (calamite o minions) utilizzabile. Il tavolo ha il classico attrito di un tavolo da cucina senza nulla sopra.

  3. Le righe si contano dall’alto in basso, ma mi pare che la configurazione sia simmetrica, no?

    • :-)

      Certo che è simmetrica, ma sarebbe seccante indicare la possibile soluzione per poi sentirsi rispondere che la disposizione finale è sbagliata:

      sia nel riferimento cartesiano (posizione determinata tramite coppia x,y di coordinate), sia nel sistema di notazione algebrica per gli scacchi (posizione sulla scacchiera determinata tramite coppia lettera-cifra), la riga indicata come 1 sta sotto quella indicata come 2 e così via, mentre nel gioco della battaglia navale la riga 1 sta in alto, quindi come si vede il sistema di riferimento utilizzato ha la sua importanza…

      Per lo “scivolamento”, era quello che speravo potesse essere applicato :-) ma non era scontato; le monete potevano essere infilate in verticale come nel gioco Forza4, oppure posizionate in una sorta di espositore, con riquadri, incavi, tasche trasparenti, o con la superficie adesiva (appunto), e in questi casi le soluzioni non sarebbero state così semplici:

      ad esempio si sarebbe dovuto rovesciare il supporto, modificandolo o distruggendolo se serviva, per disporre le monete, rovesciate, nelle posizioni richieste, e poi riposizionarle nello stesso supporto, ripristinato o ricostruito ex novo, oppure in uno diverso se risultasse accettabile, il tutto però con molto più dispendio di risorse…

  4. posso ruotare la figura di 45 gradi? ottengo il risultato senza toccare nemmeno una moneta

  5. mah … ci provo ….
    prendo una C della 1° riga e sposto “in su di 1 moneta” la rispettiva colonna di 3 monete , mettendo la C che ho in mano nella posizione che in tal modo si è liberata nella 4° riga; stessa operazione con la 2° C della 1° riga.
    saluti

  6. Probabilmente non ho capito la domanda, visto che la risposta mi pare di una banalità disarmante, quasi offensiva. E questo non è da te.

    • Basta prendere le due T della quarta riga e trascinarle nella prima, facendo così “cadere” le altre monete delle due colonne coinvolte verso il basso.

      • a volte i quizzini sono facili, altre volte difficili. A volte sono conti su conti, altre volte a-ha. È un po’ come le recensioni scarse di Matematica in pausa caffè, in cui c’è chi dice che c’è troppa matematica e chi invece dice che ce n’è troppa poca.
        Quello che si può dire è che ciò che io scrivo rispecchia me stesso: faccio di tutto a tutti i livelli, anziché sceglierne uno specifico.