Quota 100 “o giù di lì”

Mi ero perso questa favolosa proposta del «professor Alberto Brambilla, che in veste di esperto di previdenza affianca il vice premier Salvini, lavorando come consulente alla presidenza del Consiglio». Come il Reddito Di Cittadinanza è la proposta chiave di M5S, così Quota Cento è la proposta chiave della Lega, quella per cui Salvini è stato pronto a sfidare Bruxelles. Peccato che i soldi non ci siano ma il nome è così bello che non può essere cancellato, così si è cominciato a cercare qualche sistema per disinnescare la bomba.
Prima idea: non si può raggiungere quota 100 come si vuole (per esempio un sessantenne che ha iniziato a lavorare quarant’anni fa) ma bisogna avere almeno 62 anni. Non bastava. Seconda idea: chi va in pensione con quota 100, olre che vedersi giustamente ridotto l’assegno a causa della legge Fornero e del fatto che verrebbe dato per più anni, non potrà fare altri lavori per almeno cinque anni. Non serviva a nulla: tanto si lavora in nero. Ora però si è giunti all’apoteosi: Quota Cento non solo varrà solo per il 2018, ma dovrà essere stata raggiunta almeno due anni fa. Poi con calma, con finestre di sei mesi in sei mesi, verranno man mano presi coloro che avevano raggiunto Quota Cento due anni prima.

Certo, così in pratica si ha Quota Centoquattro. Ma a parte il fatto che il nome è oggettivamente brutto, immagino che l’elettorato di riferimento non si accorgerà di nulla e continuerà a vivere nel migliore dei mondi possibili. Non siete felici anche voi?

4 comments

  1. Umm, non ho capito se è il pacchetto standard o se ci sono state variazioni improvvise.
    1) Sono già usciti gli articoli sul fatto che la crescita della nazione richiede di non privarsi dell’esperienza dei vecchi, e che quindi l’età della pensione va rinviata il più possibile?
    2) Non sono mai usciti gli articoli sul fatto che i 50enni, indipendentemente dagli anni di contribuzione, che sono espulsi dal sistema produttivo possono guardare gratis i cantieri edili per almeno 15 anni prima di ricominciare a mangiare tre volte al giorno?
    3) Sono ricomparsi i babypensionati, falsi invalidi, statali e marmaglia in genere tra i criminali del giorno?
    Insomma è tutto come sempre o ci sono novità?

    • l’unica cosa che ho visto è un articolo secondo il quale i soliti scienziati hanno affermato che i 65 anni di oggi sono come i 45 della generazione passata. Va bene lo stesso?

      • Sì, ci siamo! Meglio l’articolo di un barone incartapecorito ben sistemato in una manata di consigli d’amministrazione, ma anche gli scienziati generici vanno bene. Il punto 2 basta che non ci sia e il 3 arriverà sicuramente magari attualizzando la lista dei criminali con le pensioni d’oro o i pensionati troppo longevi che ingrassano pigri pargoli casalinghi e disoccupati.
        Ok, insomma non ci sono novità, meno male.

        • Bingo! Sono passato dai quotidiani italiani e ho trovato
          1) l’attacco conto la “retorica giovanilista” che rottama i vecchi che potrebbero lavorare e produrre a volontà;
          2) accuse contro i pensionati che scappano a vivere all’estero inquanto ovvi colpevoli, unitamente alla solita cricca di nemici, di tutti i mali.

          Insomma i giornali non hanno cambiato la retorica pensionistica, non saprei se perché quello che la pre-pensa è in ferie o se è andato in pensione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.