soglia di maggioranza

Stamattina, mentre facevo colazione e ascoltavo con mezzo orecchio la rassegna stampa di Radio Popolare, ho sentito che qualcuno si è chiesto perché vengono dati tutti questi numeri (prima il 35%, poi il 40%, ora pare il 37%) sulla soglia richiesta perché scatti il premio di maggioranza. La Consulta infatti ha solo affermato che è incostituzionale che il premio possa in teoria essere assegnato con una percentuale di voti minuscola, ma non ha ovviamente specificato quale sia la soglia minima. Purtroppo non ho fatto caso all’autore dell’articolo – credo sul Corriere – che aggiungeva che il guaio è che non è facile scegliere un valore per così dire naturale.

Niente paura, ci penso io! La mia proposta è che la soglia per il premio di maggioranza sia posta al
36,78794411%. No, non è un numero scelto a caso, ma è il valore (troncato) di 1/e, cioè dell’inverso della costante di Eulero alla base dei logaritmi naturali (e di una sbalardata di altre cose: e se la gioca con π nel campionato della Costante Irrazionale Più Ubiqua). Nessuno può negare che questa percentuale non abbia un significato che trascenda le annose beghe della politica; non provate a tirare fuori la trita scusa che il valore ha in realtà un numero infinito di cifre, perché l’ho appositamente troncato a un punto tale per cui ulteriori cifre aggiunte equivalgono a meno di un singolo elettore.

Purtroppo sono venuto a sapere che c’è chi ritiene tale soglia troppo bassa e spinge per salire al 38,196601125% (cioè 1−(1/φ), per chi non se ne fosse accorto a prima vista). Ma dovrebbe essere chiaro a tutti che una simile scelta è irrazionale!

10 comments

  1. per me, è meglio Fibonacci; per tutelare le nostre radici. Basta con questi extra-comunitari alla Eulero…

    • il guaio è che Eulero ha dei forti agganci con Santa Madre Russia, e di questi tempi è meglio tenerne conto!

      • Qui non ci sono gli upvote, ma fate finta che ve ne abbia dati un paio.

        • PS, si può cambiare la faccetta in qualche modo oppure è prerogativa del solo padrone di casa? 😉

          • @Camillo: le faccette dovrebbero essere quelle di Wavatar. I casi sono quattro: o ti fai un account Wavatar e ti metti una tua immagine, o mi chiedi un account utente qua e ti metti una tua immagine, o ti tieni quell’immagine lì, o un po’ di gente mi dice “no, passa a Gravatar” e io cambio il default (che è Wavatar perché mi piacciono le forme geometriche 😉 )

  2. Grazie per queste precisissime precisazioni.
    Mi fanno ben divertire !

  3. Ma vediamo cosa prevede la nuova legge: è fissata una soglia di sbarramento al 37% necessaria per ottenere il premio di maggioranza. Un’altra soglia, del 4,5%, è quella che i partiti devono superare per entrare in parlamento, se si presentano all’interno di una coalizione. Altrimenti, se corrono da soli, la soglia sale all’8%. Per le coalzioni la soglia di sbarramento è fissata al 12%.

    Un altro aspetto fondamentale della legge elettorale è il premio di maggioranza, pari al 15%, che viene assegnato alla coalizione che supera il 37% dei voti.

    Sarà colpa delle fonti giornalistiche, come sempre imprecise, ma mi chiedo: e se due coalizioni ottengono entrambe oltre il 37%, che si fa? E se un partito, o una coalizione, ottiene direttamente il 51, o 60 %, gli spetta lo stesso il premio del 15% ? e se arriva all’86% ?

    • Il premio di maggioranza va comunque solo a chi ha avuto la maggioranza relativa, ed è a scalare (nel senso che dà un certo numero fisso di seggi se ne hai preso meno di quelli)

      • Io non metterei una soglia, ma un premio di maggioranza variabile, pari al quadrato della % di consenso (o al quadrato del complemento a 1 se si ha la maggioranza assoluta), unitamente a un malus di minoranza opposto da ripartire tra le altre forze in proporzione[quindi, x^2+x>1/2 per avere la maggioranza] assoluta] in modo che la funzione “premio” sia continua. A proposito, in caso di pareggio, che succede (a parte reciproche accuse di brogli)? [ah, si può dire “reciproche” se si è in tre?]