Libertà di parola violata?


Mi è capitato di leggere questo articolo di Matteo Gracis (“fondatore de L’Indipendente”). Ora, io leggo che Matteo Gracis “è stato assistente alla comunicazione di un Deputato della Repubblica Italiana.” Devo dire che a questo punto trovo davvero preoccupante una frase come quella citata qui sopra. Passi per i laureati all’Università della vita, vita che evidentemente ha delle limitazioni; ma dal fondatore di una testata giornalistica registrata mi aspetterei qualcosa di meglio. Poi se anche voi credete che nella Costituzione «c’è un articolo specifico che garantisce la libertà di parola e pensiero e che chiunque – sottolineo chiunque – deve rispettare se vive, agisce o opera sul territorio nazionale» vi inviterei a scrivere alla Rai – servizio pubblico, tra l’altro… che si ostina a non invitarmi a nessuna sua trasmissione televisiva: eppure la libertà di parola (mia) è garantita dalla Costituzione, no?

Non vedo neppure un grande senso a lamentarsi perché «utilizzare tale “canale” è un mio diritto e voglio, anzi pretendo, che sia rispettato. Tanto più se lo utilizzo per svolgere la mia professione». Potremmo forse parlarne per il caso di un account legato direttamente alla testata giornalistica, ma la professione (di giornalista, immagino) non la si svolge su Facebook bensì sulla propria testata. Altrimenti di nuovo tutti gli iscritti all’ordine dei giornalisti dovrebbero essere presenti sulla Rai. Ok, mettiamola così: anche se Gracis non avesse terminato il suo articolo con la ritrita citazione deandreiana, leggere un pezzo così mi ha tolto ogni interesse a verificare com’è questo L’Indipendente elettronico.

5 comments

  1. Il caso in oggetto è ridicolo, ma il problema in generale esiste, eccome se esiste. FB ormai è più potente del presidente degli Stati Uniti, si è visto: io ci starei attento.

  2. Soliti pretesti per giocare alla vittima… cosa dice la Costituzione? “…senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche…”

    Facebook non è ancora un’autorità pubblica.

    Che poi, quando nel 2005 la gentaglia cattiva di Wikipedia, quella ancora peggiore dei Linux User Groups, la EFF e tanta tanta tanta gente cattivissima, ma propio pessima, andava in giro raccontando di quanto Facebook e i walled garden fossero dannosi, le persone normali ridevano, dicendo: “siete solo degli asociali, vi preoccupate per nulla, è tutta invidia”.

  3. Nota a margine: è stato sospeso l’account a causa di una citazione di Camilleri sugli italiani pecore.
    La frase citata fa riflettere su come chiunque (in Italia e non) sia convinto che il gregge sia sempre composto da “gli altri”.

    • Quello lo è per definizione. Resta il punto di partenza: indipendentemente dalla correttezza o meno del blocco (che confesso di non aver capito, ma magari io sono più gnucco del mio solito), se ti lamenti tirando fuori la Costituzione c’è qualcosa che non va in partenza.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.