Bibbiano e Pontida

Occhei, alla fine si è capito che Greta, la bambina sul palco a Pontida domenica scorsa, non arriva da Bibbiano ma da un paese insubre il cui sindaco è leghista (ma evidentemente non denunciato per abuso d’atti d’ufficio). Ah: la bambina in braccio a Salvini è banalmente sua figlia, forzosamente arruolata per la Causa.
Bene. Cambia forse qualcosa? No. La strumentalizzazione resta la stessa, e continuo a pensare che se ci sono casi di malaffidamento, a Bibbiano come in qualunque altro posto, l’unica cosa che bisogna fare per i bambini è evitare l’esposizione mediatica. Ma è chiaro che sono in netta minoranza.

7 comments

  1. Completamente d’accordo sulla strumentalizzazione (anche se dovremmo parlare della madre in affido che si presta volontariamente a fare certe cose ed in mia modestissima opinione questo comportamento è molto più esecrabile di quello di Salvini).

    Sull’abuso d’ufficio, beh proprio non ci siamo: un tizio su un palco ha detto una balla, mica ha occultato/omesso volontariamente/prodotto documenti falsi. Ti ricordo che pesare bene i termini è utile ad evitare procedimenti per diffamazione ;-), oltre al grammar-term naziness.

    • Come comme tato da Marco[n], mi riferisco ai due sindaci, non a Salvini (che ufficio avrebbe?

        • non capisco. Il sindaco di Bibbiano è stato denunciato per abuso di ufficio. Il sindaco del paese lombardo non è stato denunciato. Questi sono fatti (evidenti). Non ho detto che anche l’altro sindaco avrebbe dovuto essere denunciato, né avrei potuto dirlo per l’ottima ragione che non so cosa abbia fatto o non abbia fatto, e non so nemmeno quale sindaco sia. Cosa c’è che non va?

  2. Credo che l’abuso d’ufficio cui si riferisce tra parentesi sia un velato accenno all’accusa al sindaco PD di Bibbiano, che poi si è trasformato magicamente in “il PD ruba i bambini” nelle menti deboli