Santini elettorali: Stefano Maullu

Una delle cose interessanti di queste elezioni europee è la mancanza di materiale cartaceo. A Milano, tanto per dire, non hanno nemmeno messo i cartelloni elettorali temporanei, e non mi pare che nessuno si sia scandalizzato. Lo stesso per la pubblicità elettorale: ho visto mi pare un paio di santini in tutto. Però…

Però ad Anna – la capofamiglia – è arrivata una lettera di stefano MAULLU (lui si scrive così, e chi sono io per andare contro il suo volere?) con tanto di slogan “MEGLIO MAULLU” con i colori gialloblu di Fratelli d’Italia dove l’attuale europarlamentare è approdato partendo da Forza Italia. Nella sua autobiografia spiega che è nato lo stesso anno in cui è morto Enrico Mattei, probabilmente per cercare il voto dei fan della metempsicosi; si dice fiero di essere stato assessore lombardo alla Protezione Civile quando dieci anni fa ci fu il terremoto in Abruzzo e di aver recuperato 700 milioni di finanziamento per la TEEM dalla Banca Europea degli Investimenti. Però, probabilmente per mancanza di spazio, non ha aggiunto che è stato condannato in primo grado per Rimborsopoli. O forse il fatto che la condanna sia con pena sospesa e non menzione gli ha fatto immaginare che non fosse necessario menzionarlo?

Comments are closed.