Come volevasi dimostrare

Mentre scrivevo il post precedente non sapevo che Matteo Salvini era già pronto a darmi ragione. Ripercorriamo cosa è successo. Ieri ai Giochi del Mediterraneo (competizione che non si fila mai nessuno, nonostante l’Italia agonistica la prenda sempre seriamente e stravinca nel medagliere davanti a Francia e Spagna) la staffetta 4×400 femminile vince l’oro. Piccolo particolare: nessuna delle quattro donne è di Pura Razza Italica Fondamentalmente Bianca Ancorché Non Esattamente WASP. C’è chi posta nei social qualche foto del quartetto, foto che diventano rapidamente virali con gli immancabili commenti da una parte e dall’altra. Stamattina il silenzio assordante dell’italica stampa viene rotto da Repubblica: non che siano interessati all’atletica leggera, ma al pullulare di condivisioni sui social network e soprattutto alle immagini antisalviniane. Solo a questo punto il leader della Lega si sveglia e posta un tweet, di nuovo non tanto per congratularsi con le vincitrici quanto per prendersela con «qualche “benpensante” e rosicone di sinistra». Il tutto scritto con un bello slogan: lui o il suo staff sono molto bravi, e questo non lo si sa da adesso.

Leggiamo però bene il suo testo. Se «il problema è la presenza di centinaia di migliaia di immigrati clandestini che non scappano da nessuna guerra e la guerra ce la portano in casa» se ne deduce che (a) siamo in stato di guerra – ha scritto guerra, non violenza o altro; (b) gli unici immigrati “buoni” sono quelli che sposano un Vero Rappresentante della Pura Razza Italica ecc. ecc. come Grenot o il padre di Chigbolu, oppure figli di operosi lavoratori che hanno accettato di unirsi alla Pura Razza Italica ecc. ecc. come i genitori di Lukudo e Folorunso. Perfetto. L’unica risposta da dare è insomma “cosa sta facendo il governo di cui Matteo Salvini è vicepresidente e ministro dell’Interno per permettere agli operosi lavoratori stranieri di venire a lavorare regolarmente in Italia?” Non cambierà nulla e l’interlocutore rimarrà della sua idea, ma almeno gli resterà il retropensiero che Salvini dice anche cose a cui non crede affatto.

5 comments

  1. Mah guarda la maggioranza dei politici di oggi e non solo italiani, sono ad ideologia molto limitata nel senso che quello che dicono e che fanno viene fatto per puro opportunismo. Non ho idea di quanto il Salvini ci sia o ci fa ma ho il sospetto che molto sia plasmato su quanto la ggente chieda e poco su quello che realmente pensa. E che sovrapposizione dei due insiemi sia in resltà molto limitata

      • Quello che fai intendere è più sul versante della comunicazione che non sul resto. Sul mezzo non sulla persona. O se preferisci sulle altre persone che di fatto prevalgono sul politico.

  2. “per permettere agli operosi lavoratori stranieri di venire a lavorare regolarmente in Italia?”

    Umm, c’è un problema logico. I comunitari entrano e lavorano operosi secondo la norma “dell’idraulico polacco” (l’Italia non fa neppure le esplusioni degli idraulici meno operosi, se non erro) ma gli extra- non possono lavorare troppo, legalmente, per via della norma europea che lo vieta (“Codice frontiere Schengen” titolino “Frontiere esterne”, in barba anche all’art. 10 della Costituzione tanto accuratamente tutelata da chi ne ha avuto la competenza).
    Cioè gli anti-europ potrebbero anche fare qualcosa per permettere gli ingressi, ma gli altri al massimo possono quasi auspicare.

  3. Io credo che Salvini (come la maggioranza della Lega) non sia razzista. Il problema dei migranti è che sono poveri, non che sono neri. E infatti, non appena si trasformano da problema a vantaggio, ecco che Salvini li apprezza.
    Ovviamente sono d’accordo con te: come fanno a diventare “negri buoni” se non gli do neanche l’opportunità di arrivare?
    Poi, purtroppo, gli sbarchi sono sempre valutati in base ai vantaggi e svantaggi che portano; se proviamo a buttare sul tavolo altruismo e solidarietà veniamo subito accusati di buonismo (il perché sia un’offesa, poi, non l’ho mica ancora capito…)