4 comments

    • credo che la sua filosofia fosse “allarghiamoci con calma” (tanto che negli ultimi anni aveva aperto un negozio a Latina, come testa di ponte). Più interessante capire come mai non abbia mai investito in Veneto – tranne Verona che però è un po’ come Piacenza e Novara, Lombardia in pectore. Lì le coop sono bianche, mica rosse :)

  1. Avendo seguito, solo da osservatore, la vicenda della presenza di Esselunga in toscana, con forti implicazioni politiche, non posso evitare il confronto con un’altra zona, il veneto.
    Nella “rossa” toscana ci sono una trentina di punti vendita, distribuiti in sette province su 10, nel “verde” veneto un solo punto vendita a Verona, una provincia su 7; evidentemente non è il colore delle regioni a bloccare o consentire le espansioni territoriali, è qualcos’altro…