Giancarlo Livraghi

Un vecchio aforisma afferma che su Internet non puoi mai sapere se dall’altra parte dello schermo c’è un cane. Ovviamente è una palla, non ci vuole molto a capire se e come vale la pena di avere a che fare con l’interlocutore (nel caso di un cane, puoi sempre lanciargli una palla e mandarlo a riprenderla). Ma qualcosa di vero c’è: io per esempio non sapevo affatto che Giancarlo Livraghi (morto sabato scorso) fosse della classe 1927. La cosa non è così strana: in genere nelle mie interazioni in rete mi limito a guardare il contenuto, e non vado a cercare informazioni sulla persona.
Non ho avuto tantissime interazioni con Livraghi, anche se grazie ad Andrea ho letto il suo Il potere della stupidità; ho però avuto interazioni per tre decenni. Aveva certo il suo bel caratterino, ma era comunque piacevole leggerlo, soprattutto poi pensando a quello che si legge tipicamente oggidì… cani o non cani.

Comments are closed.