quando Google non sa spiegare perché non funziona Google

Da ieri mattina Google Backup and Sync non funzionava più sul mio computer d’ufficio. In effetti nel weekend avevo visto che a casa stava risincronizzando tutto, ma non ci avevo fatto caso più di tanto (i vantaggi di una connessione in fibra 🙂 ), ma la situazione qui era molto peggiore. Mi era già capitato che non si connettesse, ma di solito erano problemi di firewall: occorre un proxy NTLM-compliant, e quindi devo fare qualche magheggio. Ma stavolta non era quello il problema.

Ho provato di tutto: sconnessione e riconnessione dell’account, reinstallazione dell’app, spegnere-e-riaccendere il computer: nulla da fare. Ho persino provato a sincronizzare un altro account, per capire se il problema ero io e non lui: nisba. Quel che era peggio è che il codice di errore – otto caratteri esadecimali – infilato nella casellina di ricerca di Google non dava nessun risultato… o meglio, dava altri problemi con Google Backup e Sync ma codici di errore diversi. Una ricerca sulla mancata sincronizzazione non aveva nemmeno lei portato risultati, se non le solite cose di cui sopra. Alla fine mi sono deciso a scrivere su Facebook. Poco dopo il mio amico Max Negro mi ha dato il link a una pagina che da solo non avrei mai trovato, che tra le altre cose suggeriva di cancellare la directory sotto %appdata% relativa a Google Drive: e in effetti è ripartito tutto. Occhei, sta ripartendo tutto, perché nei vari tentativi ho spostato la directory dove mantenevo i file condivisi che ora si stanno lentamente scaricando.

La mia ipotesi a questo punto è che sia cambiato qualcosa nell’applicazione. Ma perché allora Google non ha fatto in modo di ripulire quella directory, che tra l’altro il 99% degli utenti non vede perché di default è nascosta? Non è venutoloro in mente che questi programmi dovrebbero essere i più trasparenti possibile per l’utente finale? Qual è la deriva googliana?

ah, le interfacce utente!

Ieri mia zia mi ha chiesto se potevo aiutarla con la prenotazione via internet di un esame clinico urgente, perché al centralino non rispondeva mai nessuno. Passo da lei col mio furbofono e mi accingo a fare la registrazione al sito della Multimedica – San Giuseppe. Primo ostacolo: ci vogliono sia un numero di cellulare che una email. Per la seconda ne creo una al volo (basta aggiungere un +qualcosa a un nome gmail e sperare che chi ha scritto il programma conosca RFC 2821 e RFC 2822), per la prima chiedo a mia zia il suo numero di cellulare. Peccato che sbagli a scriverlo; e ancora più peccato che non viene mandata una mail per confermare la registrazione, ma un codice PIN via SMS. Vabbè, ricomincio da capo: mi arriva errore sul codice fiscale. Vedo che il copincolla aveva aggiunto uno spazio finale: lo tolgo, ma continua a darmi errore, al che penso che il programma abbia controllato sulla base dati l’esistenza di quel codice fiscale e sia fatto così male da non dare un errore specifico “Codice fiscale già usato” ma uno generico.
Che fare? Da buon informatico, penso che un programma fatto così male può anche essersi dimenticato di fare altri controlli: cambio da minuscola a maiuscola una lettera del codice fiscale, e come d’incanto funziona tutto. Riceviamo il codice, lo inserisco, entro nella schermata di prenotazione… e scopro che quell’esame non è prenotabile via web 🙁
Spero che i loro esami clinici siano meglio delle interfacce utente.

Google Play Books: dopo alcuni mesi…

Ricordate la mia triste storia con Google Play Books? Non riuscivo a scaricare i libri che compravo, e l’unica possibilità che avevo trovato per farli digerire ad Adobe Digital Edition era usare una VPN e far finta di essere in Giappone.

Bene, posso dirvi che ora il problema sembra finalmente essere stato risolto: gli ultimi due libri che ho preso sono stati scaricati correttamente, e anche uno dei “vecchi” non mi ha dato problemi. Inutile dire che non so se la correzione sia arrivata da Google, da Adobe o magari da Microsoft: il volgo non deve interessarsi di queste minuzie.

Ancora tNotice®

Ricordate la storia di tNotice®? Mario Velucchi mi segnala che in questi giorni tNotice® ha stretto un accordo con Tiscali. Del fantomatico algoritmo SHA-7 non sembra si parli più (per fortuna); restano tutti gli altri punti indicati nel mio post di tre anni fa, e per i quali non ho mai avuto risposta. (Ah, ho scoperto che c’era stata una discussione a riguardo anche su Wikipedia). L’unica cosa chiara è che tNotice® non può venire usato per atti giudiziari e multe, ma quello è dovuto alla legge 890/1982 che non è mai stata aggiornata nel suo articolo 1. D’altra parte non si vede perché il destinatario della “raccomandata elettronica tNotice®” debba “ritirarla”, quindi non vedo un grande miglioramento rispetto a una raccomandata qualsiasi.

Adobe, perché cerchi di prendermi in giro?

Fosse per me, non userei Flash. Purtroppo però StripGenerator (finché regge) si basa su di esso, e quindi almeno per quel sito devo averlo.
Oggi, mentre preparavo la mia solita vignetta, Firefox mi ha detto che il plugin Flash era vulnerabile. Mavalà, penso io, e mi accingo a scaricare come al solito la nuova versione. Sono anni che bisogna per forza scaricare l’installer e non il pacchetto, e sono anni che Adobe cerca di ammannirmi le sue imperdibili offerte, che nemmeno DMail. Tipicamente le caselle per accettare sono già con la spunta, che io regolarmente tolgo. Oggi non lo erano: però la dimensione del pacchetto da scaricare non mi tornava, così ho messo e tolto la spunta sulle due caselle… e miracolosamente la dimensione del pacchetto si è ridotta di 3 megabyte.

Cosa dovrei dire di un comportamento simile?

Google Play Books: Douglas Adams ne sarebbe stato deliziato

Non so se vi ricordate dei miei problemi con Google Play Books, che non mi permetteva di scaricare i libri protetti da DRM che avevo comprato: potevo leggerli dalla loro app, ma se cercavo di aprirli Adobe Digital Edition mi dava un errore chiaramente farlocco, E_ADEPT_DOCUMENT_TYPE_UNKNOWN. Il supporto Google non ha cavato un ragno dal buco, nemmeno con telefonate varie.

Orbene, grazie all’utente Shino2017 che dev’essere più testardo di un mulo e ci ha passato tre mesi su, sono finalmente riuscito a scaricare i file. La procedura era indubbiamente semplicissima, un po’ come quella che era stata necessaria perché Arthur Dent riuscisse a scoprire che casa sua sarebbe stata buttata giù da un bulldozer per fare posto a uno svincolo autostradale. Nel suo caso, i documenti erano in fondo a un casellario chiuso a chiave che si trovava in un gabinetto inservibile sulla cui porta era stato affisso il cartello ‘Attenti al leopardo’; nel mio caso è stato banalmente sufficiente installare un software client per VPN – per gli interessati, questo, connettersi su un server giapponese, scaricare il file .acsm e aprirlo con Adobe Digital Edition. Come potete capire, una banale operazione alla portata di chiunque, e soprattutto la prima idea che viene in mente di provare in casi simili.

Dovrebbe essere ovvia a tutti la nocività, a parte l’inutilità pratica, dei DRM; ma forse quello che è peggio è l’incapacità di Google di ammettere che da qualche parte c’è un problema loro, e di ribaltarlo su Adobe, nonostante le proteste non solo mie ma anche di tanti altri utenti, come si può scoprire facendo una ricerca con quella stringa di errore. Evidentemente Play Books non è un progetto che porta loro soldi…

La pubblicità nelle ricerche Google

Come sapete, io faccio spesso “ricerche vanitose” su Google per vedere se qualcuno ha parlato di me, soprattutto per scoprire se qualcuno ha parlato male. Come sapete, le ricerche su Google hanno anche una serie di risultati sponsorizzati: li si riconosce perché sono in cima, a volte c’è scritto “Ann.”, e sono contornati in rosa. Anche nel mio caso possono esserci risultati sponsorizzati, tipicamente Amazon o qualche altra libreria online che pensa ci possa ancora essere qualcuno (a) interessato ai miei libri e (b) che non li ha ancora acquistati.

Però ultimamente trovo all’interno dei risultati siti che non hanno alcun senso, ma appaiono proprio come risultati normali. Quando ho fatto la mia ultima ricerchina, il primo risultato è https://www.renault.it/; il nono http://www.adidas.it/; il diciottesimo http://www3.lenovo.com/it/it/. Ora, anche immaginando che Renault sia collegato alle officine meccaniche Codogno Maurizio e Adidas all’allenatore ed ex giocatore anch’egli mio omonimo, risulta abbastanza chiaro che costoro abbiano un link alla home page delle aziende, e per i Lenovo non ho proprio idea di quale potrebbe essere la connessione. No, non mi capita di fare ricerche su nessuna delle tre aziende, se vi venisse in mente che il problema è dei cookie. Me lo fa sia con Firefox che con Opera, se vi venisse in mente che il problema è del browser. Me lo fa col pc di casa e con quello dell’ufficio, se vi venisse in mente che il problema potrebbe essere un worm.

Un altro piccolo passo verso il baratro.