Nel numero di febbraio di Le Scienze c’è una recensione del libro scritta dall’ottimo Piero Fabbri, come vedete dall’immagine in bianco e nero… che è così perché mi ero dimenticato di settare lo scanner su “colore” e sono troppo pigro per scansionarla una nuova volta 🙂