Tuttolibri sotto Creative Commons

e io che mi pensavo mi fa scoprire come La Stampa, serio quotidiano sabaudo, ha modificato la licenza dei suoi supplementi Tuttolibri e Tuttoscienze. Invece che il solito © sottotitolato “tutti i diritti riservati”, abbiamo una licenza Creative Commons, per la precisione la Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 2.5.
Da un punto di vista pratico, la cosa non cambia molto: chi si sarebbe accorto se un insegnante avesse usato gli articoli degli inserti per fare lezione? Però questa modifica è una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il concetto dell’uso dei contenuti. Spero che l’esempio venga seguito.

Comments are closed.