tanto tuonò che piovve

E così – anche se il sito del comune di Milano riporta al momento solo l’annuncio e non l’ordinanza che si ha ancora da fare – la Grande Decisione è stata presa. Tre giorni di blocco della circolazione degli autoveicoli nella città, da lunedì 28 a mercoledì 30.

Peccato che il blocco sia dalle 10 alle 16, quindi fondamentalmente inutile in una settimana come quella tra Natale e Capodanno in cui non è che si vada così tanto in giro a fare shopping. Mi direte “sì, ma non possiamo bloccare la circolazione dalle 8 alle 19: altrimenti come fanno quei pochi sfigati che devono andare a lavorare?” Ecco: il problema è proprio quello. Si fa qualcosa giusto per dire che non se ne sta con le mani in mano, ma nulla che serva davvero. Ecco, magari un miniblocco di quel tipo sarebbe servito questa settimana, dove la gente come al solito guidava impazzita per le strade: o forse nemmeno quello, perché si sarebbero tutti messi alla guida alle 16:01 e io non sarei riuscito a tornare a casa incolume. Forse obbligare ad essere almeno in due in auto potrebbe servire a qualcosa, ma chi è poi che certifica le violazioni?

In definitiva, secondo me l’unica misura con un po’ di senso sarebbe tentare una danza della pioggia.

5 comments

    • il centro è troppo piccolo, ma è anche troppo piccola la cerchia della 90-91. Il numero di macchine in circolazione resterebbe fondamentalmente lo stesso.

  1. O magari fornire dei dati sulle cause dell’inquinamento, così da cercare di capire cosa bloccare, quando e come.

  2. Pingback: La colpa dell’inquinamento | Notiziole di .mau.