User Tools

Site Tools


parole:seno

Differences

This shows you the differences between two versions of the page.

Link to this comparison view

Both sides previous revision Previous revision
parole:seno [2011/11/23 17:19]
xmau formattazione
parole:seno [2011/11/23 17:20] (current)
xmau fix
Line 2: Line 2:
 Quando alle superiori si introduce la trigonometria, non si fa certo fatica a sentire un risolino serpeggiare tra gli studenti maschi non appena si parla di "seno". (Chissà perché il termine [[parole:tangente|tangente]] non provoca alcuna reazione, né tra i maschietti né tra le femminucce...) Il bello è che la storia di questa parola mostra come gli errori si facciano strada anche in un campo tutto sommato serio come l'etimologia! Quando alle superiori si introduce la trigonometria, non si fa certo fatica a sentire un risolino serpeggiare tra gli studenti maschi non appena si parla di "seno". (Chissà perché il termine [[parole:tangente|tangente]] non provoca alcuna reazione, né tra i maschietti né tra le femminucce...) Il bello è che la storia di questa parola mostra come gli errori si facciano strada anche in un campo tutto sommato serio come l'etimologia!
  
-La derivazione di **seno** è chiarissima: il nome latino //sinus, -i//. Peccato che in latino sinus non significhi affatto tetta, ma "golfo" - da cui il nostro "insenatura" e un certo qual incipit «Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi» - oppure "cavità" - da cui la nostra "sinusite". Quindi al limite il seno sarebbe dovuta essere quello che gli inglesi chiamano "cleavage", la scollatura. In effetti la prima citazione in italiano della parola "seno" è di Jacopo da Lentini, nel senso di "intimità della coscienza"; Dante la usa come "insenatura", Boccaccio - e chi altri? - come "petto muliebre", o "spazio tra il vestito e il petto"; si attribuisce infine a Petrarca il significato di "ventre materno", come poi cristallizzato nell'Ave Maria. Tutto questo è riportato dal DELI, come anche il passaggio del termine, soprattutto nel plurale, al significato attuale: già Carducci scrive dei "nudi seni", probabilmente sull'influenza del francese //seins<// attestato sin dal XVI secolo. +La derivazione di **seno** è chiarissima: il nome latino //sinus, -i//. Peccato che in latino sinus non significhi affatto tetta, ma "golfo" - da cui il nostro "insenatura" e un certo qual incipit «Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi» - oppure "cavità" - da cui la nostra "sinusite". Quindi al limite il seno sarebbe dovuta essere quello che gli inglesi chiamano "cleavage", la scollatura. In effetti la prima citazione in italiano della parola "seno" è di Jacopo da Lentini, nel senso di "intimità della coscienza"; Dante la usa come "insenatura", Boccaccio - e chi altri? - come "petto muliebre", o "spazio tra il vestito e il petto"; si attribuisce infine a Petrarca il significato di "ventre materno", come poi cristallizzato nell'Ave Maria. Tutto questo è riportato dal DELI, come anche il passaggio del termine, soprattutto nel plurale, al significato attuale: già Carducci scrive dei "nudi seni", probabilmente sull'influenza del francese //seins// attestato sin dal XVI secolo. 
  
 E per il seno matematico? Beh, qui la storia è ancora più complicata: seguo il percorso riportato da Lucio Russo nel suo //La rivoluzione dimenticata//. Innanzitutto bisogna ricordare che la trigonometria è stata scienza relativamente recente, nata in epoca ellenista, e mai realmente riportata in opere latine: anche Tolomeo scrisse il suo Almagesto in greco. Peggio ancora, gli ellenisti non usavano come unità fondamentale il seno, ma la corda; non è un grave problema, visto che corda(α) = 2 sin(α/2), ma questo significa che non esisteva un termine per il seno.  E per il seno matematico? Beh, qui la storia è ancora più complicata: seguo il percorso riportato da Lucio Russo nel suo //La rivoluzione dimenticata//. Innanzitutto bisogna ricordare che la trigonometria è stata scienza relativamente recente, nata in epoca ellenista, e mai realmente riportata in opere latine: anche Tolomeo scrisse il suo Almagesto in greco. Peggio ancora, gli ellenisti non usavano come unità fondamentale il seno, ma la corda; non è un grave problema, visto che corda(α) = 2 sin(α/2), ma questo significa che non esisteva un termine per il seno. 
parole/seno.txt · Last modified: 2011/11/23 17:20 by xmau