Monday, 20 November 2017
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Un saluto a tutti i lettori…:... che hanno comprato la versione "edicola" di Matematica in relax. Se avete domande potete tranquillamente farle, se saprò rispondere risponderò altrimenti dirò che non so rispondere. (una cosa bella ...
  • _Matematica in relax 2_ è su Amazon!:Cari tutti, è arrivato il momento che aspettavate (forse) da sei anni. Il seguito di Matematica in relax è disponibile in formato cartaceo su Amazon: qui ci sono i link ...
  • _Matematica in relax_ nella collana Hachette di giochi matematici: C'è ancora qualcuno che legge questo blog? Bene, sappia che venerdì 20 ottobre il nono numero della collana "Sfide e giochi matematici" di Hachette sarà la riedizione di Matematica ...
  • Dati di vendita:Per i curiosi, nel 2013 sono state ancora vendute 230 copie di Matematica in relax, e ne sono state mandate al macero 26 fallate. Rimangono ancora 258 copie a magazzino: ...
  • concorro al premio Peano 2011:Come potete vedere qui, il mio libro è tra i tanti che concorrono all'assegnazione del premio Peano 2011, indetto dall'associazione torinese Mathesis. Se andate su questa pagina e avete voglia, potete ...
Home » nel mondo reale » concorro al premio Peano 2011

La Prestigiosa Rivista di Matematica fondata nello scorso millennio e nota a tutti gli appassionati ha recensito il libro nel numero 148, all’interno della rubrica EuNBeT (“Era una Notte Buia e Tempestosa”, sapete tutti da dove viene la citazione, vero? Come spiega Wikipedia, è una celebre frase scritta da Edward Bulwer-Lytton nel racconto Paul Clifford, pubblicato nel 1830).

Vi rimando alla rivista per leggere la citazione, e vi lascio solo un paragrafo tratto da essa.

Vi consigliamo di prendere un mezzo pubblico, andare in libreria, comprare il libro, incontrarvi con un amico e convincerlo a riaccompagnarvi a casa sempre con i mezzi pubblici: in questo modo, sarete in possesso di tre biglietti usati, che rappresentano il numero strettamente necessario di segnalibri per riuscire a leggere il libro di .mau.: infatti, è organizzato in una sezione Problemi, per ciascuno dei quali c’è un rimando alla sezione Aiutini dalla quale, se proprio non ce la fate, vi trovate costretti a saltare alle Soluzioni: nella Sua Infinita Bontà, .mau. fa seguire il Post-Scriptum alla soluzione, quindi il quarto biglietto è inutile.

Ricordo ai rudimathematologi che la recensione, in questo caso particolare, non è stata scritta da Piotr Rezierovich Silverbrahms ma bensì dal Gran Capo in persona, Rudy D’Alembert.