Tuesday, 25 July 2017
  • RSS
  • Delicious
  • Digg
  • Facebook
  • Twitter
  • Linkedin
  • Dati di vendita:Per i curiosi, nel 2013 sono state ancora vendute 230 copie di Matematica in relax, e ne sono state mandate al macero 26 fallate. Rimangono ancora 258 copie a magazzino: ...
  • concorro al premio Peano 2011:Come potete vedere qui, il mio libro è tra i tanti che concorrono all'assegnazione del premio Peano 2011, indetto dall'associazione torinese Mathesis. Se andate su questa pagina e avete voglia, potete ...
  • il libro al Festival della Scienza!:Oggi alle 18 sarò a parlare del libro al Festival della Scienza a Genova. Allegate a questo post ci sono anche le slide (in formato .pptx, mi spiace...) annotate ...
  • segnalazione su Donna Moderna:Non so se il testo sia anche apparso sulla rivista in edicola, però sulla versione Web di Donna Moderna trovate questa pagina dove Laura Carcano (ciao!) ha segnalato anche il ...
  • recensione su La Provincia di Cremona:A dire il vero la recensione è stata pubblicata più di un mese fa, il 26 giugno: ma sono estremamente in ritardo con tutto, quindi ve la segnalo solo oggi.
Home » nel mondo reale » recensione su La Provincia di Cremona

La Prestigiosa Rivista di Matematica fondata nello scorso millennio e nota a tutti gli appassionati ha recensito il libro nel numero 148, all’interno della rubrica EuNBeT (“Era una Notte Buia e Tempestosa”, sapete tutti da dove viene la citazione, vero? Come spiega Wikipedia, è una celebre frase scritta da Edward Bulwer-Lytton nel racconto Paul Clifford, pubblicato nel 1830).

Vi rimando alla rivista per leggere la citazione, e vi lascio solo un paragrafo tratto da essa.

Vi consigliamo di prendere un mezzo pubblico, andare in libreria, comprare il libro, incontrarvi con un amico e convincerlo a riaccompagnarvi a casa sempre con i mezzi pubblici: in questo modo, sarete in possesso di tre biglietti usati, che rappresentano il numero strettamente necessario di segnalibri per riuscire a leggere il libro di .mau.: infatti, è organizzato in una sezione Problemi, per ciascuno dei quali c’è un rimando alla sezione Aiutini dalla quale, se proprio non ce la fate, vi trovate costretti a saltare alle Soluzioni: nella Sua Infinita Bontà, .mau. fa seguire il Post-Scriptum alla soluzione, quindi il quarto biglietto è inutile.

Ricordo ai rudimathematologi che la recensione, in questo caso particolare, non è stata scritta da Piotr Rezierovich Silverbrahms ma bensì dal Gran Capo in persona, Rudy D’Alembert.