_Travolti dal caso_ (libro)

Quest’ultima fatica di Joseph Mazur (Joseph Mazur, Travolti dal caso [Fluke], il Saggiatore 2017 [2016], pag. 238, € 22, ISBN 9788842823674, trad. Elisa Faravelli, link Amazon) mi è piaciuta molto più del precedente suo lavoro che avevo letto. La parte più matematica racconta un po’ di storia su come è nata la teoria della probabilità, comprese alcune notizie che non conoscevo; ma la parte principale del testo consiste nel raccontare dieci coincidenze, o se preferite colpi di fortuna (i “fluke” del titolo originale) e valutare spannometricamente la probabilità che accadessero, o meglio a quale quota sarebbero date da un bookmaker. Dopo aver discusso quali sono effettivamente le condizioni al contorno per definire casuali certi avvenimenti, il libro termina infine con alcune considerazioni più filosofiche su quanto siamo noi a cercare inconsciamente quei pattern che poi chiamiamo coincidenze. L’idea che mi sono fatto è che l’argomento stia davvero a cuore a Mazur: lo si vede bene in come ha scritto il testo. Purtroppo ci sono un paio di punti nella traduzione di Elisa Faravelli che rovinano la lettura (e ad ogni modo nelle scommesse si parla di quote, non di quotazioni. I dizionari possono anche riportarlo come sinonimo, ma tutte le volte che vedevo scritto “quotazione” mi faceva l’effetto di un gessetto che strideva sulla lavagna)

_Scienza e media ai tempi della globalizzazione_ (ebook)

La scienza è complicata. Spiegare la scienza è doppiamente complicato, anche perché è solo da poco tempo che si è capito che la divulgazione della scienza non può essere lasciata alla buona volontà dei giornalisti e degli scienziati, e occorrono competenze specifiche. (Nota personale: sto predicando bene e razzolando male, visto che faccio divulgazione matematica senza essere né giornalista né scienziato). Questo libro (Pietro Greco e Nico Pitrelli, Scienza e media ai tempi della globalizzazione, Codice 2009, pag. 196, € 4,99 (16), ISBN 9788875782092, link Amazon) nella prima parte racconta per l’appunto di questi problemi, mentre nella seconda guarda in modo più generale la situazione e l’evoluzione dei media. Ho trovato questa seconda parte meno interessante della prima; più precisamente, mi è sembrato che gli autori girassero intorno ai problemi senza raggiungere una posizione specifica. Il problema segnalato da Greco e Pitrelli è però reale, e prenderne coscienza è già un primo passo.

_Capitan Mutanda_ (film)

Come tenere buoni per un pomeriggio due ottenni? Portandoli a vedere il film tratto dai libri di Dav Pilkey, mi pare ovvio. Capitan Mutanda (vedi scheda) è l’idea di un supereroe creato da due pestiferi bambini delle elementari, che ovviamente sono più che altro interessati a un discorso coprofilo (non è un grande spoiler dirvi che la battuta chiave del film è “Urano”, che in italiano è così così ma in inglese si pronuncia come “your anus”).
Forse il film avrebbe beneficiato di una decina di minuti in meno nella seconda parte, ma è stato sorprendentemente piacevole anche per Anna ed io, pur senza avere uno specifico sottotesto per adulti come altri film (mi ricordo solo una battuta sull’incapacità di ridere “proprio come una supermodella”). Forse il merito è nel fatto che spesso si passava a un metapiano, con la scena che si fermava e i due protagonisti che spiegavano cosa sarebbe successo a quel punto.
Ah, i pinguini delfini vanno sempre bene!

_Vizio di forma_ (ebook)

Seconda raccolta di racconti di “pseudofantascienza” di Primo Levi, scritti tra il 1968 e il 1970, questo libro (Primo Levi, Vizio di forma, Einaudi 2016 [1971], pag. 269, € 6,99, ISBN 9788858422069, link Amazon) è probabilmente meno noto all’interno della produzione del grande scrittore torinese; ed è un peccato. A me piace tanto il suo stile retrò di scrittura, quasi come un osservatore alieno (prendete “Visto di lontano”, per esempio) ma anche come qualcuno che prende un’idea assurda e la infila in un racconto quotidiano (per esempio in “Protezione” che apre la raccolta). Personalmente non mi sono affatto accorto dell’ottimismo che qualche commentatore vede; anzi a me pare che la burocratizzazione spinta da lui narrata (vedi “Le nostre belle specificazioni”) mostri un’alienazione davvero triste; in aggiunta, i suoi racconti terminano sempre con un anticlimax che almeno per me rovina un po’ la storia. “Lavoro creativo” e “Nel parco” mi ricordano il tardo Heinlein, con i personaggi della letteratura che vivono davvero in un universo parallelo, ma lo predatano. Un’ultima curiosità: Stefano Bartezzaghi ha raccontato che Levi era riuscito a farsi assegnare per la sua casa di campagna un numero telefonico che era l’anagramma di quello di casa: insomma il racconto “A fin di bene” deriva anche da una scena di vita vissuta.

_Linus – Storia di una rivoluzione nata per gioco_ (libro)

Per quelli della mia generazione e di quella precedente Linus è stata una pietra miliare. Questo libro (Paolo Interdonato, Linus – Storia di una rivoluzione nata per gioco, Rizzoli Lizard 2015, pag. 380, € 17, ISBN 9788817080408, link Amazon) racconta la storia iniziale della rivista, diciamo principalmente il “periodo Gandini”, ponendola nel contesto della cultura del tempo. Interdonato prende alcuni granchi (per esempio quando fu aperta la prima tratta della metropolitana milanese il biglietto costava 100 lire, non 50 come per le linee di superficie) ma ha fatto un grande lavoro per raccontare cosa stava dietro le scelte della redazione, sia per quanto riguarda i fumetti che per tutta la parte di contorno. Il mezzo secolo dalla nascita della rivista aiuta ad avere uno sguardo storico che ai tempi non poteva chiaramente esserci; Interdonato ha sfruttato pienamente questa possibilità, recuperando alcuni segnali che all’epoca non si potevano cogliere ma ora sono più chiari. Interessante il confronto con le altre riviste di fumetti nate nel periodo, a partire da Diabolik e quelle di deriva più soft porno. Una nota negativa: il libro mi pare una raccolta di brani scritti in tempi diversi, e non è stato rivisto per eliminare i doppioni nel testo.

_Le vite segrete dei numeri_ (libro)

Non si parla di matematica in questo libro (Michael Millar, Le vite segrete dei numeri : Storie curiose dietro alle cifre di ogni giorno [The Secret Lives of Numbers], Bollati Boringhieri 2013 [2012], pag. 170, € 9,99 (Kindle), ISBN 978-88-339-7230-5, trad. Adria Tissoni, link Amazon) ma solo di alcuni numeri, e delle curiosità a loro collegate, non certo matematiche. Abbiamo per esempio 562 che rappresenta uno dei codici più noti dei produttori di boccali di birra, ma anche i codici scritti sugli pneumatici e nei vinili. Il libro è molto britannico, e quindi a volte un po’ lontano da quello che troviamo qui da noi. L’inizio è un po’ debole, poi per fortuna il testo si è ripreso abbastanza bene: la traduzione di Adria Tissoni è scorrevole.

_Giocati dal caso_ (libro)

Questo (Nassim Taleb, Giocati dal caso: Il ruolo della fortuna nella finanza e nella vita [Fooled by Randomness], Il Saggiatore 2013 [2001,2003], pag. 215, € 10,90, ISBN 9788842820239, trad. Gianluca Monaco, link Amazon) è il primo libro scritto da Nassim Taleb, prima del famosissimo Il cigno nero. Oggettivamente devo dirvi che io ho preferito questa sua prima opera all’altro bestseller. Intendiamoci: lo stile di Taleb è sempre irritante come al solito, e la struttura del libro sembra più la riproposizione di una serie di brevi pensieri, quasi come una serie di post su un blog che non è poi stata rivista per la pubblicazione come libro per evitare doppioni e per armonizzare il tutto. Però ho trovato il pensiero di Taleb espresso in modo molto più chiaro; e devo dire di essere d’accordo con il suo punto di vista; la maggior parte dei trader, come del resto la maggior parte della gente, scambia la bravura con gli effetti del caso. La traduzione di Gianluca Monaco (lodato da Taleb nella prefazione) è scorrevole: non so di chi sia la colpa dell’unico punto matematico incomprensibile, quello del modello dell’urna di Polya, che per fortuna non è importante nell’insieme del testo.

_Il CronoWeb_ (ebook)

Il CronoWeb (Sergio Failla, Il CronoWeb, ZeroBook 20174, pag. 317, € 0,99, ISBN 9788867110971, link Amazon) è un progetto nato da Paolo Attivissimo e gestito poi da Sergio Failla che come dice il nome stesso raccoglie una cronologia della Rete, intesa in senso molto ampio (si parte da Leibniz e l’idea di computazione…) Il grande vantaggio di questo testo è il poter vedere come si è sviluppato il concetto stesso di Internet; spesso si fa fatica a mettere nella giusta relazione tutte le cose che abbiamo visto negli anni, e trovarsele in ordine cronologico (e con una caterva di collegamenti!) è davvero utile.
Io ho letto in anteprima la versione 2017: se mi è consentito un appunto, secondo me è stato dato troppo spazio all’elenco di attacchi di Anonymous, che sembrano quasi un libro nel libro. Immagino che la cosa sia voluta, ma un vecchietto come me preferisce una narrazione più sul positivo che sul negativo…