La finta quota 100

Eravate già pronti a pregustare la pensione, con il nuovo governo pronto ad abolire la legge Fornero e introdurre la famigerata quota 100? Rimettete pure a posto le pantofole.
Quota 100 significherebbe la somma degli anni di età e di contribuzione sufficiente per andare in pensione: chi ha cominciato a lavorare a 20 anni e non ha mai smesso avrebbe potuto quindi farcela a 60 anni. Ma casualmente un piccolo riquadro a pagina 2 del Corsera di ieri segnala che “saranno introdotti minimi per l’età anagrafica e i contributi, che potrebbero essere rispettivamente 64 e 38 anni”.
Non credo che una frase del genere sia stata inserita così per sbaglio, senza una soffiatina; e a parte questo, tutti tacciono sul particolare di quanto verrebbe decurtata la pensione andandosene prima (cosa che è prevista sin dalla legge Dini).
Dal mio punto di vista tutto questo è rassicurante, perché significa che al governo c’è comunque qualcuno che si rende conto dei conti pubblici: per chi questo governo l’ha votato, non saprei.

3 comments

  1. Minimi che devono verificarsi entrambi o almeno uno dei due?

    Perché nel secondo caso ovviamente 64 + 38 sarebbe la migliore delle ipotesi e darebbe come somma 102.

    • me lo sono chiesto anch’io. Il punto è che averne uno solo serve relativamente a poco per tagliare il numero di persone che vanno in pensione.

  2. Sulla Stampa parlavano di 64 + 36, così la matematica sarebbe salva… E, dettaglio, abolizione dei “lavori usuranti” così da non poter comunque andare in pensione prima dei 64 in ogni caso.
    Ne sentiremo ancora delle belle.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.