Interfacce bancarie 2

Ricordate il mio post di lunedì? Bene, ci sono degli aggiornamenti.

Mi è venuto in mente che non molto lontano dal mio ufficio c’è una filiale del gruppo bancario che è stata aperta un anno fa, e dove quindi si suppone che i bancomat siano più moderni. Lunedì esco in pausa pranzo, vado allo sportello, di quelli ultrafighi dove puoi anche versare contanti e assegni, infilo la mia bella tessera, clicco sul tasto “SERVIZI PIN”. Nulla. Dopo un po’ lo sportello va in timeout e mi ridà la tessera.

Provo allora con lo sportello standard lì a fianco. In questo caso il tasto una volta cliccato mi manda al menu, digito il vecchio pin, digito e ridigito quello nuovo… e mi viene di nuovo detto “carta non abilitata”.

A questo punto un vecchio esperto di interfacce utente quale io sono comincia ad avere un dubbio. Non è che il problema sia in effetti io? Meglio: non è che la maledetta carta voglia necessariamente un pin a quattro cifre anziché le cinque che avevo messo per abitudine? Nuova prova: vecchio pin, nuovo pin “breve”, ridigito pin… e mi arriva il messaggio “Codice pin errato”. Ok, finalmente qualcosa di sensato (e secondo me è sensato che ti venga detto alla fine della procedura e non all’inizio, tra l’altro). Ovviamente non avevo con me il codice pin originale, che avevo memorizzato venerdì mattina per l’operazione; ma il mio neurone si è improvvisamente svegliato, si è reso conto che il pin non era XYZW come avevo digitato ma XWZY, e finalmente sono riuscito a concludere l’operazione.

Risultato finale: forse il bancomat di venerdì scorso non è poi così vecchio. Sicuramente le istruzioni dovrebbero essere più precise (non c’era scritto nulla sulla lunghezza del pin scelto) e comunque il software dovrebbe essere un po’ rivisto. Ma finalmente posso digitare 1234 🙂

2 comments

  1. Se non hanno cambiato nulla negli ultimi vent’anni posso dirti che avendo sviluppato un SW che leggeva i bancomat (utilizzati in questo caso come tessere di riconoscimento, non per erogare denaro) il PIN veniva usato come chiave per decrittare il contenuto della banda magnetica. Se siano quattro o cinque cifre il bancomat o chi per lui non lo può sapere.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *