Bikewatching

Ho scoperto (con un solo mese di ritardo) che Repubblica ha lanciato una delle sue grandi iniziative: Bikewatching, per fotografare le bici a flusso libero lasciate alla bell’e meglio, o meglio «per segnalare le situazioni più assurde o quelle che più creano disagio, le soste creative e quelle odiose. Fateci conoscere il vostro punto di vista.»
Mi chiedo perché non sia mai venuto loro in mente di fare la stessa cosa per il car sharing. I numeri dovrebbero essere minori, almeno in teoria (3000 auto contro 14000 bici, e soprattutto il fatto che una free bike può essere spostata da chiunque perché relativamente leggera e un’auto parcheggiata in divieto rischia una multa che viene ribaltata con gli interessi all’autista), ma secondo me darebbe comunque soddisfazioni. Strano, vero?

3 comments

      • Si compra per vendere. Il capo ha così tanti interessi da sostenere e da affossare che un giornale è comodo per annotarseli tutti.
        Ma, nonostante tutto il lavoro corrente, perseguono ancora gli antichi valori anche se (forse) non sono collegati agli interessi del capo attuale.
        Davvero encomiabile!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *