Grande saggistica


Io so bene che la mia prosa è spesso arzigogolata, con incisi e sottoincisi che nemmeno Machiavelli. (Poi quando scrivo qui sul blog ci sono anche erroracci, ma questa è un’altra storia). Però non riuscirei proprio a terminare un capoverso e cominciare il successivo con un gerundio legato al capoverso precedente. Anzi, nel testo qui sopra non avrei neppure messo una virgola, altro che un a capo.

Temo che troverò molto pesante leggere questo saggio.

3 comments

  1. “pesante”? Io lo scarterei per i tre concetti sballati che ha espresso e i tre errorini logici che vedo nell’estrattino. Sono sempre stupito delle cose che riesci a leggere senza problemi.

    • Vedi, è importante sapere cosa pensa la gente che ha la possibilità pratica di fare le leggi. È una cosa diversa dallo studiare cosa è giusto o sbagliato.

      • Vero, ma ci vuole una pazienza a leggere certe cretinate che non ho. Tanto più che il solo uso del termine “fake news” e il “senso” dell’estratto fa capire che si tratta di un discorso pre-pensato. Quindi non so (e non voglio sapere) se il tale è davvero la guida del branco o se non è invece un gran traduttore di ben superiori menti.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *