_Vizio di forma_ (ebook)

Seconda raccolta di racconti di “pseudofantascienza” di Primo Levi, scritti tra il 1968 e il 1970, questo libro (Primo Levi, Vizio di forma, Einaudi 2016 [1971], pag. 269, € 6,99, ISBN 9788858422069, link Amazon) è probabilmente meno noto all’interno della produzione del grande scrittore torinese; ed è un peccato. A me piace tanto il suo stile retrò d scrittura, quasi come un osservatore alieno (prendete “Visto di lontano”, per esempio) ma anche come qualcuno che prende un’idea assurda e la infila in un racconto quotidiano (per esempio in “Protezione” che apre la raccolta). Personalmente non mi sono affatto accorto dell’ottimismo che qualche commentatore vede; anzi a me pare che la burocratizzazione spinta da lui narrata (vedi “Le nostre belle specificazioni”) mostri un’alienazione davvero triste; in aggiunta, i suoi racconti terminano sempre con un anticlimax che almeno per me rovina un po’ la storia. “Lavoro creativo” e “Nel parco” mi ricordano il tardo Heinlein, con i personaggi della letteratura che vivono davvero in un universo parallelo, ma lo predatano. Un’ultima curiosità: Stefano Bartezzaghi ha raccontato che Levi era riuscito a farsi assegnare per la sua casa di campagna un numero telefonico che era l’anagramma di quello di casa: insomma il racconto “A fin di bene” deriva anche da una scena di vita vissuta.

One comment

  1. A me era piaciuto soprattutto quel racconto dove l’acqua diventava leggermente piu’ viscosa, con conseguenze catastrofiche. Un bell’esercizio di what if, probabilmente piu’ profondo di come l’ho percepito.

Leave a Reply to Marco B rossi Cancel reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *