_The Turing Option_ (ebook)

Marvin Minsky aveva avuto un’ottima idea per divulgare le proprie idee sull’intelligenza artificiale: mettersi insieme a uno scrittore di fantascienza per scrivere un libro di SF Hard. Il risultato? Non ha retto alla prova del tempo. Il libro (Harry Harrison e Marvin Minsky, The Turing Option, 2013 [1992], pag. 361, € 1,99, ISBN 9780446515658) parte con un assalto al maggior centro statunitense (privato: questo in effetti l’hanno azzeccato!) sull’intelligenza artificiale, con la razzia di tutto il materiale e l’uccisione dei ricercatori: solo il giovane leader rimane agonizzante e con il cervello severamente danneggiato, e i militari USA che hanno preso in carico la faccenda di sicurezza nazionale acconsentono a un’operazione mai tentata di ricostruzione della “società della mente” del protagonista (il termine è minskyano). Il guaio è che a venticinque anni dalla sua pubblicazione (e poco più di un lustro prima della data in cui la storia ha inizio) il testo è terribilmente invecchiato. Lasciamo perdere l’intelligenza artificiale, o la Machine Intelligence come viene chiamata nel libro, e guardiamo la pratica Alcune predizioni si sono avverate, come l’uso delle staminali e soprattutto l’ubiquità dei telefonini (ma senza connessione dati…), ma per esempio la quantità di memoria nei dispositivi è enormemente sottostimata: 1000 MB (“giga” e “tera” non pervenuti) è considerato tantissimo. Non parliamo poi dei pipponi di Minsky; ma anche la parte più romanzata di Harrison ha enormi buchi nella trama e non funziona affatto. In pratica, se non l’avete mai letto continuate così.

Comments are closed.