Centri estivi comunali e Progetto A

Oggi sono partiti i centri estivi comunali. Sì, la scuola era finita giovedì, ma posso capire che ci voglia qualche giorno per rimettere a posto tutto. Come l’anno scorso, i gemelli sono finiti in Bovisa, a due chilometri da casa con un percorso che passa per strade strette con marciapiedi ancora più stretti. Vabbè, evidentemente a Milano si pensa che tutti portino la loro prole in automobile, a parte che lì non c’è nemmeno parcheggio.

Ad ogni buon conto stamattina partiamo di buon’ora in bicicletta, e arriviamo alla scuola con qualche minuto di anticipo rispetto alle 8:30, trovandoci davanti il solito grumo osmotico di genitori: un classico che avevo tenuto in conto. Quello che non avevo tenuto in conto è stato tutto il resto. Alle 8:35 qualcuno della cooperativa Progetto A pensa che potrebbe essere utile attaccare dei fogli con le assegnazioni dei bambini. I fogli sono scritti in corpo 12, quello di una lettera tipica, i nomi sono messi a caso (né alfabetico né per data di nascita) e man mano qualcuno scriveva a penna il numero della classe corrispondente. Non che servisse sapere quel numero, visto che le educatrici radunavano i bambini per classe frequentata per poi smistarli dopo; una volta che la cosa è stata chiarita – a nessuno della cooperativa era venuto in mente di appendere un cartello bello grande per spiegarlo – ho lasciato i gemelli all’educatrice. E qui cominciano i guai.

Erano le 8:45. Il coordinatore della cooperativa si alza. Io me ne sono andato via alle 9:10 senza avere avuto il piacere di vederlo e consegnargli la documentazione richiesta dal comune, documentazione che a questo punto ho lasciato sul tavolo avendo io anche da andare in ufficio. Ah, ma poi c’era anche il modulo con la documentazione interna per la cooperativa, modulo che ovviamente non era stata inviato con la mail del Comune perché non era roba del Comune. Penserete mica che questi moduli fossero a disposizione dei genitori in numero congruo? Macché. Ne era rimasto esattamente uno. Per fortuna una mamma ha preso, è andata in segreteria e se ne è fatta fare qualche fotocopia (ed è già andata bene: nella scuola dei gemelli non gliele avrebbero fatte fare).

Io avevo preventivato che l’ingresso dei bimbi non sarebbe stato immediato, ma non avrei mai pensato a una incapacità gestionale a questo livello da parte della cooperativa Progetto A.

One comment

  1. Hai elencato una parte dei motivi percui non iscrivo i miei figli ai centri estivi comunali (attualmente mio figlio è all’oratorio e mia figlia in una materna privata).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *