Questa pagina è mia!

Giovanni De Mizio (wikipediano, tanto per chiarire) ha segnalato questa pagina dove Amy Osmond Cook (CEO di Osmond Marketing) scrive alcune considerazioni riguardo al fatto che la sua pagina su Wikipedia (in inglese) è stata cancellata dopo alcuni mesi che era sull’enciclopedia.

Io non entro nel merito delle cause addotte e dei consigli della signora Osmond Cook, anche per l’ottima ragione che non sono così addentro alle regole usate su en.wiki che sono diverse da quelle di it.wiki, anche sulle contribuzioni per commissione. Però una cosa la voglio far notare: la signora ha scritto “la mia pagina su Wikipedia. La frase originale è «After having my own page on the site for several months, one Wikipedia editor decided my page should be taken down.», quindi non ci sono dubbi. Ora, io capisco che la CEO di Osmond Marketing veda tutto come marchettaro, ma questo lapsus digitorum fa capire molte cose. Tu non hai la tua voce su Wikipedia: hai la voce su di te che è un concetto del tutto diverso. Puoi anche averla preparata tu (sconsigliato almeno da noi ma non vietato); puoi averla corretta tu (se aggiungi fonti terze affidabili, va più che bene); ma non è tua bensì della comunità. Se vuoi una voce tua te la metti sul tuo sito: a me pare ovvio, a tanti altri evidentemente no.

4 comments

    • beh, un anno e mezzo fa io ho cancellato la voce su di me in it.wiki perché di persona evidentemente non enciclopedica. Sono già pronto al passo successivo: “mi si nota di più se ci sono o se non ci sono?”

  1. Interessante la scelta di parole già nel titolo, la voce è stata cancellata da un troll, mica da un amministratore 😀
    Già questo fa capire che l’intero op-ed è una sequela di nonsense mascherato con buzzword a caso, la cui unica speranza è quella di poter sfruttare l’ignoranza del lettore. Non entro neanche nel merito perché il pezzo si commenta da sé, basta anche solo scrollare la pagina per constatare che l’intero articolo suggerisce comportamenti che violano più o meno tutte le linee guida wikipediane in materia. Oltre ad essere estremamente controproducente per il wannabe io-sono-enciclopedico, mostra totale ignoranza di cosa Wikipedia sia e funzioni, oltre ad una estremamente scarsa abilità strategica su tutti i fronti.
    Ok che il mondo delle PR è 99% fuffa, ma questa è proprio fuffa di bassa qualità…

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *