Share’NGo e i suoi utenti

sharengo Quella che vedete qui a fianco è una macchina Share’NGo parcheggiata oggi alle 13:45 in piazza Principessa Clotilde a Milano. Esattamente sopra il passaggio pedonale. (Sì, si vede la targa. Tanto non è un’autovettura privata, quindi la privacy non conta un tubo).

È ben noto a chi abita in una città con un servizio di car sharing che gli utenti spesso lasciano l’auto dove gli pare, con la storia che tanto non gli arriverà mai una multa. Ma il modello di Share’NGo, almeno da quello che mi era parso di capire – non sono iscritto e al volo sul sito ho solo trovato FAQ, mentre questa mia domanda non sembra frequente – nasce anche pensando all’ambiente. Bene, perché non è possibile che nelle condizioni di servizio ci sia la possibilità di multare l’utente a cui evidentemente dell’ambiente non può importare di meno?

(Invio questo post anche a Share’NGo, naturalmente, perché sennò il tutto è inutile)

Aggiornamento: sono passato da piazza Principessa Clotilde alle 17:30 per tornare a casa e l’auto era ancora là. Non che la cosa dica molto, essendo una macchina condivisa…

4 comments

  1. Veramente le multe arrivano, eccome. E maggiorate delle spese che la compagnia addebita per la gestione della pratica.

    • le multe arrivano se passa un vigile a multare. Quando sono passato io tutto quel lato della piazza era vuoto, e quindi immagino che l’auto fosse lì parcheggiata da mo’…

      • Vabbe’, ci vuole il vigile. Ma che pretendeva, che l’auto si multasse da sola?

        • ci sono gli omini che prendono le auto e le portano alla presa di corrente. Si faccia loro spostare quelle auto, dietro laute spese di commissione addebitate all’ultimo utente.