È morto Corrado Böhm

Il mio primo esame universitario di informatica fu Teoria e Applicazione delle Macchine Calcolatrici (TAMC per gli amici), in versione ultrateorica perché (a) ero a Pisa (b) era la versione per matematici. In realtà di risultati teorici non è che ce ne fossero molti a disposizione: l’unico “teorema” che mi ricordo aver visto fu quello di Böhm-Jacopini, che in parole molto povere dice che si può programmare senza usare il GOTO. Da buon studente ingenuo immaginai che gli autori fossero informatici americani e giusto il secondo fosse di lontane origini italiane; grande fu il mio stupore quando scoprii che invece erano italianissimi.

Corrado Böhm è morto ieri, alla bella età di 94 anni. Andando a leggere la sua biografia ho scoperto che a parte il teorema in questione ha fatto tantissime cose (compreso un periodo di lavoro all’Olivetti degli anni ’50…) e che la sua tesi per il Ph.D. consistette nella definizione di un linguaggio di programmazione (nel 1951, ben prima che qualcuno definisse il FORTRAN…) e soprattutto che descrisse un compilatore per quel linguaggio scritto nel linguaggio stesso!

Böhm è stato insomma una delle pochissime persone che ha contribuito a far diventare l’informatica una scienza e non solo un’arte (come del resto continua a essere, come ben sa chi ha almeno una volta scritto del software).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *