Posts Tagged: blogh

Perché si parla di blogoSFERA?

Quando ci si riferisce all’insieme dei blog – pardon, quando i blog che parlano dell’insieme dei blog si riferiscono all’insieme dei blog: perché basta provare a infilare anche solo l’alluce in MySpace e ci si accorgerà che i piranha sono ben poca cosa – si parla di blogosfera, o blogopalla nel caso il parlante decida che la consonante “s” e la consonante “f” l’una vicina all’altra portano inevitabilmente alla parola “sfiga” e un Very Important Bloggher non è mai assimilabile anche indirettamente alla sfiga.
Il nome è una scopiazzatura dagli USA, e fin qua non c’era nemmeno bisogno di dirlo. Ma nessuno sembra accorgersi dell’assunto che sta dietro a questa similitudine: che l’universo dei blog è isotropo. Come una sfera, in qualunque modo la giri, rimane sempre perfettamente sovrapponibile a sé stessa, così il mondo dei blog dovrebbe essere identico da qualunque parte lo si guardi. Corollario: non esistono le blogstar e le blogstarlette.
Occhei, c’è qualcosa che non va nel mio ragionamento. Lo so che mi state dicendo che il vero modello è quello di un centro
centrale, fucina di talentuosi talenti, che irradia la propria blogghità in un vasto universo di sempre più rarefatti blogghini. E io vi dico che questo è impossibile: un VIB non potrebbe mai stare nascosto al centro. Al limite posso concedere di riesumare la teoria la Terra è cava e vedere i VIB tutto intorno alla superficie terrestre, immanenti e permanenti come per loro diritto divino.

Va bene, va bene. Basta con la retorica da quattro soldi e parliamo più seriamente, anzi più geometricamente.

Non esiste una blogosfera: esiste un blogocono (avrei dovuto forse dire un blogogaussianoide, ma ho promesso di essere serio), messo rovesciato, dove i pochi VIB tengono sulle proprie spalle tutte le possibili conversazioni, che vengono inesorabilmente attratte verso di loro non appena raggiungono una seppur minima massa critica. Ma un cono non può stare in equilibrio sulla punta! come è possibile che non sia già cascato? Elementare, mio caro Blogson. Basta tagliare la punta, e l’equilibrio, per quanto poco stabile, è comunque tecnicamente stabile. E chi è la singola punta del cono? Ma è chiaro: beppegrillo™! Tutto torna. Finalmente si può comprendere l’utilità del pingue genovese nel mondo dei blog: è la pietra angolare, l’equivalente della casellina vuota nel Gioco dei 15 che permette di muovere tutto il resto. Insomma, il blogocono sarebbe poi un blogotroncocono, ma credo che possiamo limitarci alla forma più semplice.

Vi invito insomma a usare la dizione “blogocono” al posto di “blogosfera”: la proprietà intellettuale del termine resta mia, ma potete utilizzarlo liberamente anche in contesti commerciali/tramezzinici, senza nessuna royalty da pagare. Perché qua
siamo tutti amici, no?

Altro che le beghe di condominio!

Se state leggendo queste mie righe, probabilmente sapete cos’è un blog. Io non lo so: o meglio, a differenza della maggior parte degli altri, lo vedo come un substrato tecnico, non dico equivalente a un foglio di carta ma a un foglio di carta distribuito in giro. Ma
non è di questo che voglio parlare.
Sembra ci siano 110 milioni di blog nel mondo. In Italia ce ne saranno varie decine di migliaia, forse si arriva a numeri a sei cifre: ma i “blog” con le virgolette, quelli che secondo i “blog” con le virgolette sono i Veri Blog Che Fanno Tendenza, sono poche centinaia (se contiamo i vassalli) e qualche dozzina (se ci limitiamo agli alfa blogger). Il tutto è regolarmente monitorato da BlogBabel, che pubblica la classifica giornaliera di chi vuole più bene a chi. Detto in maniera tecnica, sarebbe chi scrive qualcosa nel proprio blog mettendo un collegamento al blog di un altro; ma il concetto è insomma questo.
Lo scorso weekend questi hanno fatto una bella festicciola, purtroppo rovinata dalla pioggia, su in Trentino: non avessi avuto impegni familiari, ci sarei magari andato anch’io. La chiamo festicciola, ma è anche stata seguita dai quotidiani italiani, anche perché chi scrive sui Veri Blog Che Fanno Tendenza spesso scrive anche sui quotidiani stessi. Sembra però che all’interno della festicciola ci sia stata una lite tra uno che afferma di fare il creativo e uno che afferma di essere un creativo: la differenza principale è che uno ha un blog e l’altro no. Fin qua nulla di strano: l’occupazione principale di un blogger è quella di litigare, e io non faccio certo eccezione. Però stavolta, forse perché ci sono ancora i postumi della festicciola, gli amichetti dell’una e dell’altra parte hanno iniziato a insultarsi a vicenda, proprio come in una di quelle riunioni di condominio tanto amate dai sociologhi, soprattutto se abitano in una villetta.
L’escalation continua: persino austeri giornalisti entrano nel tunnel dell’autoreferenzialità – faccio notare che il suo “in buona parte” non si applica certo alle decine di migliaia, ma al limite alle poche centinaia di vassalli. Ma il commento che mi ha divertito di più è stato quello di Matteo Bordone, che scopre che dopo aver parlato della bega il suo blog «guadagna posizioni nella classifica di blogbabel.»… La prova provata dell’autoreferenzialità. Peccato che quel bravo ragazzo (ci siamo visti qualche volta, anche se io non ho un Vero Blog Che Fa Tendenza; e garantisco che è un bravo ragazzo) mi caschi proprio in vista del traguardo, facendo appunto un post e terminandolo con «ps – Questo post è senza link e senza commenti, perché se no alé, altro giro, altra fiera interplanetaria della sfiga triste.». Peccato che quello che conta per la Classifica siano i collegamenti in entrata, e non quelli in uscita, e quindi il giro c’è lo stesso.
Tutta la storia però mi è servita per capire come mai tutte le volte che le regole della Classifica venivano modificate io immediatamente risalivo, per poi scendere lentamente ma inesorabilmente. Non è perché non ho un Vero Blog Che Fa Tendenza; i miei affezionati lettori ce li ho comunque. È che non potrò mai competere con tali livelli di onfaloscopia! E ho anche capito perché è un bel po’ di tempo che non solo non guardo la Classifica – e questo poteva essere dovuto al non volermi veder scivolare sempre più giù – ma non guardo nemmeno quali sono le “discussioni calde”. Il mio subconscio è più intelligente di me e si era già accorto della loro sostanziale inutilità: io scrivo su quello che interessa a me, e cito e/o commento quello che scrive chi ritengo interessante. Se c’è qualcosa di davvero importante, in un modo o nell’altro ne vengo comunque a conoscenza.

(ps: non è un caso che questo post non appaia sul mio blog, ma solo su questa dependance che non è presente in nessuna delle varie classifiche: almeno posso predicare più o meno bene senza essere tacciato di razzolare male)

sociologia blogghica

Giovy non c’è riuscito, forse perché da ex editor ha qualche aggancio. Sara Taricani ce l’ha fatta; Marco Camisani Calzolari a quanto pare no. Se ho saltato qualcuno, me ne scuso: non controllo mai bene cosa succede. Qual è lo sport preferito dai semiVIB[*]in questa nemmeno troppo calda estate? Si direbbe il farsi togliere dalla classifica di BlogBabel. La modalità, non esistendo a quanto pare un sistema ufficiale per farsi cancellare, consiste nello scrivere un post pieno di link, che secondo le FAQ di BlogBabel porta all’immediata squalifica del blog stesso.

I più ingenui tra voi potranno chiedersi perché mai i semiVIB debbano fare tutta questa fatica. Non basta non curarsi della classifica e vivere felici? A parte che mi chiedo come un ingenuo sia arrivato fin qua (spero che stavolta Eìo mi lasci in pace…), la risposta è banale e un qualunque sedicente sociologo ve la può dare in un attimo. La classifica è importante perché afferma di essere rappresentativa; se uno ritiene che la classifica non rappresenti correttamente la sua importanza, il togliersi ha un effetto doppio! Prendendo come esempio MCC, infatti,
(a) nessuno può prendere quella classifica come base per dire che MCC è solo il settantunesimo blog per importanza (dati di oggi);
(b) in più, si può dire che la classifica BlogBabel non è rappresentativa, visto che non considera blog evidentemente importanti come quello di MCC, che pure su wikio è al settimo posto!
Ho già scritto che delle classifiche mi importa poco; la parte sociologica però mi diverte, e mi chiedo se a BB non hanno appositamente tolto MCC dalla classifica perché hanno fatto la mia stessa analisi (o l’hanno intuita), e qualcuno ha il dente avvelenato. Chissà 🙂

—-

[*]Very Important Blogger. Non ditemi che non conoscevate l’acronimo. I VIB in Italia saranno una decina sì e no; i semiVIB forse un centinaio, me compreso. Inutile dire che di importante i semiVIB hanno ben poco; però molti di loro cercano di passare di categoria.

il bello delle classifiche è che ce ne sono tante tra cui scegliere

La posizione delle notiziole di .mau. su blogbabel è oggi la numero 70.
Su wikio, la mia posizione agostana è la numero 26.
Se io fossi presente nella classifica di blogitalia, mi troverei in
posizione 247.

È chiaro che c’è qualcosa che non va.

Quello che non va è ovviamente il concetto di “classifica dei blog”.
Diciamocela tutta: il 90% degli italiani manco sanno cos’è un blog.
Limitandoci ai blog-cognoscenti, e tolto beppegrillo™ che è fuori
classifica, ci saranno sì e no dieci blog più o meno noti. Tutti gli
altri sono delle isolette, con un po’ di traffico locale e nulla più.
Con numeri così piccoli (il grafico di lloogg qui sotto mostra le
visite uniche alle notiziole e al calendario: persino Il Riformista
vende più copie) non ci vuole proprio nulla a modificare la
classifica: basta toccare appena qualche parametro (link ai singoli
post o al blog, anche nel blogroll), e/o considerare come blog oggetti
diversi (blogitalia ha anche siti tipo pannasmontata e mukkamu, per
dire il secondo e il terzo in classifica: facendo temi per i blog si
beccano tutti i link di gente che sicuramente non li legge) per
cambiare completamente i risultati.
Altro punto da considerare è la BLO. No, non trovate la sigla in giro,
perché me la sono inventata in questo momento. Come la SEO è la Search
Engine Optimization, così la BLO è la Blog Link Optimization. Non ci
vuole molto a scrivere un post per salire di classifica: ad esempio –
e su questo mi scoccia dirlo, ma CiaoFabio ha ragione – un post
autoreferenziale come questo è quasi perfetto. Basta solo aggiungere i
link a due o tre tra i migliori autoreferenzialisti in classifica, con
un lapidario commento a loro riguardo, e zac! i link fioccano.

Il tutto serve a qualcosa? non lo so. Non è un caso che queste cose le
scriva qua su posterous, che essendo tenuto fuori dalle classifiche
gode di una certa libertà. Forse tanti link vogliono dire qualche
soldino da Google Adsense. Forse essere settantesimi in classifica dà
una botta di adrenalina e risolleva l’ego appiattito da tutto quello
che ci è successo negli ultimi vent’anni. Forse la classifica è un
modo di definire un celolunghismo indipendente dal sesso. Chissà. Io
di pubblicità sul mio blog non ne metto (qua magari prima o poi ce ne
sarà, ma non sarò io a guadagnarci), il mio ego sta bene lo stesso, e
ce l’ho piuttosto piccolo. È però bello avere i miei ventun lettori
affezionati, che spesso non sono d’accordo con me ma apprezzano il mio
punto di vista sull’argomento (altrimenti non mi leggerebbero, no? o
sono così masochisti?) ed è bello che ogni tanto qualcuno capiti per
caso dalle mie parti e decida che valga la pena dare abitualmente
un’occhiata alle mie notiziole. So perfettamente di non essere un tipo
da grandi numeri: ma così ho il vantaggio che la fatica che mi tocca
fare per scrivere è fatta per me, e non “per la classifica”.

Lloogg0808

chi conta davvero

caro diario… ehm: caro Posterous,
sono davvero felice che tu esista. Non tanto per l’interfaccia
blogga-per-email che in fin dei conti uso adesso per la prima volta,
quanto perché mi dai la possibilità di scrivere le tamarrate che
voglio senza rovinare il mio bel blog, e soprattutto senza che mi si
dica che faccio tutto questo per salire in classifica. Questi "archivi
di .mau." non sono indicizzati da nessuna parte, e li conosce giusto
chi ci ha cliccato su dal link al mio blog. Ma ciancio alle bande.

Ieri mattina ho scritto una cazzatina, di quelle che metto in
"minimalia" perché il commento è lasciato al lettore; era una battuta
sul cognome del PM che ha in carico le indagini su Tavaroli e co, PM
che si chiama Napoleone e che mi ha fatto venire in mente Luca Luciani
e il suo "Napoletone a Waterloo". La battuta è stata ripresa credo
intorno a mezzogiorno da http://netmonitor.blogautore.repubblica.it/;
in questo momento lloogg mi dà 40 hit sugli 88 totali del post.
Numeri assolutamente fuori da ogni logica: non tanto gli 88 accessi al
singolo post, in genere in una giornata è facile superare i 100,
quanto i 40 link da una singola sorgente.

Mi spiace solo per i 40 cliccanti, che probabilmente pensavano di
trovare chissà quali altre battute fulminanti e invece si sono visti
roba tipo le mie giaculatorie sull’assistenza interna telecom e il mio
pippone matematico. D’altra parte i miei ventun lettori sanno che da
me si può trovare scritto di tutto e sono abituati a saltare quello
che a loro non interessa. Resta il punto che è proprio vero che con
tutto il polverone che si solleva per i "contenuti creati dagli
utenti" e la "coda lunga" va a finire che quando arriva un media
tradizionale (Netmonitor ha un link nella home page di repubblica.it)
le cose vengono subito rimesse nella reale proporzione. Secondo me
qualcuno tra i VIB (Very Important Bloggher) dovrebbe fare un reality
check 🙂

(ah, mentre scrivevo i referrer da Netmonitor sono passati a 43 su 91.
Cosa stavo dicendo sull’importanza del referrer giusto?)

RELAX: il diciotto luglio…

18 luglio 2006: Ludo comunica di avere preparato una classifica dei primi cento blog italiani, e invita chi vuole a iscriversi, per ottenere dati più acculturati.

18 luglio 2007: la classifica di BlogBabel viene compulsata da qualche migliaio di blogger, e sfruttata dai media online per scoprire chi sono “i più importanti blogger italiani”. Ludo elimina man mano gli indicatori d’uso diversi dai link ad altri blog.

18 luglio 2008: dopo alcuni mesi di sosta, BlogBabel riparte più nuova che pria. Da mezzanotte alle 9.42 si verifica un blocco delle connessioni internet in Italia, inizialmente creduto essere un attacco DDoS ma in seguito valutato più correttamente come tentativo di connessione al server BlogBabel. Ludo comunica che da oggi occorre fare richiesta esplicita per entrare in classifica.

18 luglio 2009: si scopre che Silvio Berlusconi consulta tutte le mattine la classifica di BlogBabel per verificare la posizione del blog di Mara Carfagna. L’Espresso e Panorama pubblicano settimanalmente la classifica Top20 e le nuove entry. Ludo mette a disposizione dei blogger un bookmarklet da inserire nel proprio sito per migliorare l’attendibilità della classifica, che ormai raccoglie 20000 blog.

18 luglio 2010: si viene a scoprire che Ludovico Magnocavallo ha silenziosamente acquistato alcuni dei siti di classifiche blog, e fornisce loro i dati secondo diverse viste, “per migliorare la visibilità globale della classifica BlogBabel e raggiungere anche alcune nicchie in precedenza trascurate. Il governo ventila la possibilità di una tassa sui blog, basata sulla classifica di BlogBabel.

18 luglio 2011: la proposta di nazionalizzazione dei blog ha portato a una serie di sollevazioni di piazza e ad elezioni anticipate, vinte con larga maggioranza dal nuovo partito Comunicazione Blog. Il suo leader, dottor Ludovico Magnocavallo, ha varato un programma di unità nazionale per aumentare la capacità del Paese di superare il digital divide. BlogBabel raccoglie 150000 blog, e il trend di crescita è costante.

18 luglio 2012: convertito in legge il Decreto Garzilli sull’alfabetizzazione informatica: ogni cittadino al di sopra dei 15 anni è tenuto ad avere un blog e a postare almeno una volta la settimana. Una Commissione Permanente, presieduta ad honorem dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Cavaliere Ludovico Magnocavallo, verificherà lo Stato dei Blog Nazionali e inviterà i più meritevoli a iscriversi a BlogBabel.

18 luglio 2013: con un post a blog unificati, S.E. il Cavaliere Ludovico Magnocavallo comunica che a partire da oggi per accedere a una qualsivoglia carica pubblica occorre essere iscritti a BlogBabel. “Abbiamo ormai raggiunto i due milioni di iscritti, e chiunque non intenda misurarsi con la parte più sana della nazione non ha alcun diritto di pretendere di servire la cosa pubblica”. Appaiono i primi commenti antiBlogBabel, firmati dalle sedicenti “Brigate PTWG”.

18 luglio 2014: il Parlamento è stato sciolto, e sostituito dall’Assemblea dei Blog. Tolta l’iscrizione a BlogBabel a beppegrillo® e Antonio Di Pietro, in seguito a una serie di post ritenuti antiblog. S.E. l’Illuminato Cavaliere Ludovico Magnocavallo assicura che le ronde di polizia che controllano il posting quotidiano obbligatorio hanno ricevuto istruzioni di non usare la forza contro i renitenti, “se non in casi estremi”.

18 luglio 2015: truppe svizzere sono entrate nelle principali città italiane, “per evitare che la crisi che ha colpito l’Italia continui a mietere vittime”. Pacchi di cibo sono consegnati ai superstiti, che si mettono mestamente in coda. L’unica forma di comunicazione rimasta, dopo la distruzione delle fibre ottiche e dei ponti radio, sono rimasti i fogli di carta. Non si hanno più notizie di Magnocavallo, dopo il suo ultimo videopost in cui invitava la popolazione a resistere contro i mestatori.

(i miei cookie)