RACCONTO: Dal libro di Turing (11, 1-9)

In quel tempo, tutti gli algoritmi avevano la stessa complessità.
Emigrando dall’oriente i programmatori capitarono in una pianura nel paese di Knuth e vi si stabilirono.
Si dissero l’un l’altro: “Venite, scriviamo degli algoritmi e programmiamo”. Gli algoritmi servirono loro da pietra e il software da cemento.
Poi dissero: “Venite, costruiamoci una libreria software, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperdere tutte le soluzioni ottimali”.
Ma il Signore scese a vedere la libreria software che i programmatori stavano costruendo.
Il Signore disse: “Ecco, essi sono un solo popolo e i loro algoritmi hanno tutti la stessa complessità; questo è l’inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile.
Scendiamo dunque e confondiamo le loro subroutine, perché non comprendano più quali siano i problemi che si possono risolvere meglio..
Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la libreria software.
Per questo la si chiamò P=NP, perché là il Signore confuse le subroutine di tutta la terra e di là il Signore disperse le soluzioni deterministiche polinomiali.

5 settembre 2013

One Comment

  1. Reply
    .mau. October 16, 2013

    Questo è ovviamente un divertissement buttato giù in pochi minuti a partire da un’idea che mi è venuta in mente all’ultimo minuto. D’altra parte, quando una storia è buona perché non sfruttarla?
    Forse avrei dovuto invertire Knuth e Turing, ma sapendo quanti pochi conoscano DEK mi sa che sia meglio così.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

(i miei cookie)