Monthly Archives: August 2008

ORWELL Y2K mancato

L’incidente sull’A4 di ieri è stato davvero grave, e le notizie sono
arrivate in maniera frammentaria: quindi è abbastanza normale che la
pagina su Repubblica.it
http://www.repubblica.it/2008/05/sezioni/cronaca/incidenti-stradali-1/morti-a4/morti-a4.html
sia stata aggiornata più volte, ampliando e correggendo. Le tre
immagini qui sotto sono delle versioni con ore rispettivamente
16:12:57 – 17:21:01 – 19:19:40.
Eppure, nonostante tutte le volte in cui sono andati a mettere le mani
sull’articolo, a nessuno è mai saltato l’occhio sul titolo, dove si
parla dell’autostrada Venezia-MESTRE (e non Trieste). Come autostrada
sarebbe davvero corta, no?

Venezia-mestre1Venezia-mestre2Venezia-mestre3

sociologia blogghica

Giovy non c’è riuscito, forse perché da ex editor ha qualche aggancio. Sara Taricani ce l’ha fatta; Marco Camisani Calzolari a quanto pare no. Se ho saltato qualcuno, me ne scuso: non controllo mai bene cosa succede. Qual è lo sport preferito dai semiVIB[*]in questa nemmeno troppo calda estate? Si direbbe il farsi togliere dalla classifica di BlogBabel. La modalità, non esistendo a quanto pare un sistema ufficiale per farsi cancellare, consiste nello scrivere un post pieno di link, che secondo le FAQ di BlogBabel porta all’immediata squalifica del blog stesso.

I più ingenui tra voi potranno chiedersi perché mai i semiVIB debbano fare tutta questa fatica. Non basta non curarsi della classifica e vivere felici? A parte che mi chiedo come un ingenuo sia arrivato fin qua (spero che stavolta Eìo mi lasci in pace…), la risposta è banale e un qualunque sedicente sociologo ve la può dare in un attimo. La classifica è importante perché afferma di essere rappresentativa; se uno ritiene che la classifica non rappresenti correttamente la sua importanza, il togliersi ha un effetto doppio! Prendendo come esempio MCC, infatti,
(a) nessuno può prendere quella classifica come base per dire che MCC è solo il settantunesimo blog per importanza (dati di oggi);
(b) in più, si può dire che la classifica BlogBabel non è rappresentativa, visto che non considera blog evidentemente importanti come quello di MCC, che pure su wikio è al settimo posto!
Ho già scritto che delle classifiche mi importa poco; la parte sociologica però mi diverte, e mi chiedo se a BB non hanno appositamente tolto MCC dalla classifica perché hanno fatto la mia stessa analisi (o l’hanno intuita), e qualcuno ha il dente avvelenato. Chissà 🙂

—-

[*]Very Important Blogger. Non ditemi che non conoscevate l’acronimo. I VIB in Italia saranno una decina sì e no; i semiVIB forse un centinaio, me compreso. Inutile dire che di importante i semiVIB hanno ben poco; però molti di loro cercano di passare di categoria.

il bello delle classifiche è che ce ne sono tante tra cui scegliere

La posizione delle notiziole di .mau. su blogbabel è oggi la numero 70.
Su wikio, la mia posizione agostana è la numero 26.
Se io fossi presente nella classifica di blogitalia, mi troverei in
posizione 247.

È chiaro che c’è qualcosa che non va.

Quello che non va è ovviamente il concetto di “classifica dei blog”.
Diciamocela tutta: il 90% degli italiani manco sanno cos’è un blog.
Limitandoci ai blog-cognoscenti, e tolto beppegrillo™ che è fuori
classifica, ci saranno sì e no dieci blog più o meno noti. Tutti gli
altri sono delle isolette, con un po’ di traffico locale e nulla più.
Con numeri così piccoli (il grafico di lloogg qui sotto mostra le
visite uniche alle notiziole e al calendario: persino Il Riformista
vende più copie) non ci vuole proprio nulla a modificare la
classifica: basta toccare appena qualche parametro (link ai singoli
post o al blog, anche nel blogroll), e/o considerare come blog oggetti
diversi (blogitalia ha anche siti tipo pannasmontata e mukkamu, per
dire il secondo e il terzo in classifica: facendo temi per i blog si
beccano tutti i link di gente che sicuramente non li legge) per
cambiare completamente i risultati.
Altro punto da considerare è la BLO. No, non trovate la sigla in giro,
perché me la sono inventata in questo momento. Come la SEO è la Search
Engine Optimization, così la BLO è la Blog Link Optimization. Non ci
vuole molto a scrivere un post per salire di classifica: ad esempio –
e su questo mi scoccia dirlo, ma CiaoFabio ha ragione – un post
autoreferenziale come questo è quasi perfetto. Basta solo aggiungere i
link a due o tre tra i migliori autoreferenzialisti in classifica, con
un lapidario commento a loro riguardo, e zac! i link fioccano.

Il tutto serve a qualcosa? non lo so. Non è un caso che queste cose le
scriva qua su posterous, che essendo tenuto fuori dalle classifiche
gode di una certa libertà. Forse tanti link vogliono dire qualche
soldino da Google Adsense. Forse essere settantesimi in classifica dà
una botta di adrenalina e risolleva l’ego appiattito da tutto quello
che ci è successo negli ultimi vent’anni. Forse la classifica è un
modo di definire un celolunghismo indipendente dal sesso. Chissà. Io
di pubblicità sul mio blog non ne metto (qua magari prima o poi ce ne
sarà, ma non sarò io a guadagnarci), il mio ego sta bene lo stesso, e
ce l’ho piuttosto piccolo. È però bello avere i miei ventun lettori
affezionati, che spesso non sono d’accordo con me ma apprezzano il mio
punto di vista sull’argomento (altrimenti non mi leggerebbero, no? o
sono così masochisti?) ed è bello che ogni tanto qualcuno capiti per
caso dalle mie parti e decida che valga la pena dare abitualmente
un’occhiata alle mie notiziole. So perfettamente di non essere un tipo
da grandi numeri: ma così ho il vantaggio che la fatica che mi tocca
fare per scrivere è fatta per me, e non “per la classifica”.

Lloogg0808

RELAX: Testamento tricologico

Ho deciso. Vado dal notaio, e deposito il mio testamento tricologico. Rispetto a molti altri maschi, sono fortunato: potrei rasarmi i capelli a zero con l’unico motivo che mi piacciono, e non per coprire (si fa per dire) una calvizie incipiente; e i miei capelli bianchi crescono sempre più, ma sono ancora relativamente pochi. Però sono trent’anni che quando passo le mani tra i capelli me ne rimane sempre qualcuno attaccato, e la cosa non mi piace per nulla. Avrò anche circa 100000 capelli, ma devo iniziare a pensare anche a loro.

D’altronde quei capelli sono stati una parte di me, fors’anche la parte migliore. Hanno diritto a una collocazione meno ria dello scarico del lavandino – che poi mi tocca anche usare l’idraulico liquido. Sono conscio della difficoltà di trovare una soluzione ai problemi etici che un testamento tricologico pone: primo di tutti, andare dal barbiere può definirsi eutanasia? è lecito usare una macchinetta nella quiete di casa propria, oppure è sempre necessario che un terzo vigili sulla corretta applicazione dei protocolli? esiste una lunghezza minima garantita per definire lo status di capello? i peli della barba possono essere oggetto di una regolamentazione civile che li parifichi, oppure una simile norma verrebbe bocciata come anticostituzionale perché contro l’articolo 3? Ma confido nelle capacità del nostro Parlamento di trovare un accordo bipartisan per riuscire finalmente a dare una risposta che potrà presa ad esempio da governi e popoli di tutto il mondo.

In fin dei conti ho sicuramente un supporter d’eccezione: il nostro Presidente del Consiglio.

Orwell Y2K #1 – Dalla Scozia con furore

Ormai bisogna pubblicare tutto e subito, e non si può perdere tempo a
fare anche solo un minimo controllo sulla correttezza dei dati. Così i
siti dei quotidiani online contengono spesso erroracci. Non parlo dei
refusi all’interno del testo, quelli capitano a tutti – anche e
soprattutto a me – ma delle topiche davvero incredibili. Il bello
dell’Internette è che basta correggere il testo e puff… è svanito. O
no? L’idea di questi post è appunto prendere una schermata comprovante
il misfatto e postarla, insieme alla versione emendata.
Inizio con questo esempio, gentilmente fornitomi da Lopo. L’isola di Jersey, nel cui
orfanotrofio è stata fatta la macabra scoperta, non ha nulla a che
fare con la Scozia: però l’anonimo titolista doveva avere studiato su
un manuale un po’ taroccato, mi sa!

Jersey-1Jersey-2

(i miei cookie)