User Tools

Site Tools


Writing /home/httpd/html/xmau/wiki/data/cache/0/04be15b70b2634dc09f85884cc74b1eb.i failed
Unable to save cache file. Hint: disk full; file permissions; safe_mode setting.
parole:tangente

tangente

La parola tangente deriva dal verbo latino tangere (con l'accento sulla a, per la cronaca), che ha il significato di “toccare” ed è una creazione tutta italica: non sono state infatti trovate radici indoeuropee corrispondenti. Chi ha un'infarinatura di cultura cattolica e/o artistica magari si ricorda il “Noli me tangere” (non toccarmi) pronunciato da Gesù appena risorto alla Maddalena. La parola passa all'italiano, tanto per cambiare, con Dante, ma di per sé non ha avuto un grande successo: l'unica espressione italiana in cui la si può trovare è “non mi tange”, nel senso di “non mi tocca, non me ne può importare di meno”. Per curiosità, il passato remoto farebbe “tansi, tangesti, tanse”, anche se nessuno lo usa. Più usato il derivato tangibile, nel senso di “che si può toccare con mano”, anche in senso figurato; di un vantaggio tangibile te ne accorgi, insomma.

Galileo però recuperò il verbo, anzi il suo participio (tangente, appunto) per indicare una retta con un punto in comune a una curva, e da lì il significato matematico iniziò a prosperare… non solo tra i matematici, visto che l'espressione “filarsela per la tangente” deriva da qua. Per amor di precisione, la definizione matematica attuale di tangente è un po' diversa, visto che due curve sono tra loro tangenti se si toccano in un punto “che vale almeno per due”, ma si sa che i matematici sono dei precisini, a differenza della lingua comune dove la tangenziale (parola datata almeno 29 luglio 1953: la data è così precisa perché apparve sul Corriere della Sera) tocca tutto il contorno di una città. Da questo punto di vista, i tedeschi che parlano di Ring (anello) sono più corretti! Tra l'altro, il secondo significato matematico di tangente, vale a dire la funzione trigonometrica che si ottiene dividendo il seno per il coseno di un angolo, è una banale estensione di questo: se si prende un cerchio di raggio uno, si disegna un angolo x e si prolunga uno dei due raggi dell'angolo fino a incontrare la tangente (appunto…) al cerchio che passa dall'altro raggio si ottiene un segmento la cui misura è appunto la tangente dell'angolo.

Che c'entra tutto questo con i soldi passati sottobanco? C'entra, c'entra. Ricordate che avevo scritto all'inizio che il verbo “tangere” significa “toccare”? Il DELI racconta che nella seconda metà del XVIII secolo la parola tangente prese il significato di “quota che tocca a ciascuno quando si dividono le spese o i guadagni”. Nella traduzione datata 1777 di un resoconto della rivoluzione americana, si trova infatti la frase “La sostanza delle parole è che gli abitanti di quella Provincia pagassero «la loro tangente di tali tasse come erano allora levate, o che si dovessero levare in appresso dal Parlamento in Inghilterra»”. Ma già nel 1768 Cesare Beccaria l'aveva usato… nella frase “la tangente dell'utile comune”, che non parlava di mazzette ma appunto di quota parte. Il termine perse di importanza nel corso dell'Ottocento, dato che i puristi lo deprecarono, per poi essere ripreso nel 1977, con lo scandalo Lockheed. Il significato era ancora quello di “quota”, anche se a questo punto la quota era quella che toccava al potentino di turno solo perché lui esisteva. La parola ha però preso rapidamente quota :-), ci si è dimenticati del significato originale, e ormai significa solo “somma versata illegalmente per ottenere dei favori”, senza più pensare al “toccare”… a meno naturalmente che uno ritenga che gli tocchi qualcosa per il solo fatto di essere Uno Che Conta!

Ah: il tango, nonostante il nome e il fatto che i due ballerini senza dubbio si tocchino, non ha alcuna relazione col verbo “tangere”. La parola sembrerebbe essere onomatopeica dal suono dei tamburi. Che adesso nel tango i tamburi non si usino più è irrilevante.


seno - (↑ indice) - teorema

parole/tangente.txt · Last modified: 2013/02/17 17:54 by xmau