02.09.11

[pipponi]     Pirateria digitale

A metà agosto ho comprato (su bookdepository, quindi indipendentemente dalla legge Levi sugli sconti massimi) un libro di didattica matematica applicata ai problemi. Se vi chiedete perché l'ho fatto *dopo* averne scritto uno io, qualche ragione ce l'avete anche :)

Il libro mi è costato quasi 50 euro, il che prova che anche il mercato librario anglosassone è completamente distorto, almeno per un certo tipo di saggistica: ma ognuno ha le sue manie, e ho pensato che per una volta potevo fare una mezza follia.

Ma il punto più interessante è che io ho comprato il libro dopo essermi (coff coff) procurato il pdf, averlo scorso, e aver deciso che meritava l'acquisto. Sono un po' cretino, lo so. Ma ho il sospetto di non essere l'unico cretino, come ho il sospetto che quelli che scaricano pacchi e pacchi di libri dal "mercato parallelo" poi non li leggano per mancanza di tempo, visto che un libro non è come un album musicale che può essere ascoltato in sottofondo.

Perché queste cose non le si dice più spesso?

29.08.11

[pipponi]     province

Continuano a dirci che le province non si possono abolire perché indicate nella Costituzione.

Però nella Costituzione ci sono anche le Città Metropolitane, di cui non mi pare ci sia traccia al di fuori della Carta.

E allora non si può fare lo stesso con le province? Le manteniamo come semplice possibilità teorica e via :)

30.12.08

[pipponi]     cooptazione grillina forzata

Ho appena scoperto via Paul The Wine Guy l'ultima, "simpaticissima" iniziativa del Re dei Bloggher. Pensate, una pagina intitolata "Tutti i blogger di beppegrillo.it"! Pensate! Non è bello sapere di poter far parte di una Grande Famiglia di Amici del Comico Riccioluto Genovese? E garantisco che la cosa è facilissima! Basta seguire tutte le istruzioni comodamente riportate in quella pagina, e potrai fregiarti di essere citato sul Blogh Più Importante d'Italia!
Peccato che la cosa sia troppo facile. Quello che beppegrillo™ ha fatto è semplicemente stato consigliare la gente a iscriversi a Technorati (un servizio che serve per vedere quanta gente ti cita) e usare uno script per tirare fuori gli indirizzi dei siti. È un po' come dire che "tutti i blogger di .mau." sono quelli citati qua. Come risultato collaterale, io che uso technorati sono appunto considerato un "blogger di beppegrillo.it", e la cosa mi dà parecchio sui nervi. Sarebbe bastato intitolare la pagina "beppegrillo.it citato dai blogger" e non avrei avuto nulla da ridire (e non venitemi a dire che il testo della pagina inizia con «Qui sotto trovate l'elenco dei blog che hanno linkato, recentemente*, www.beppegrillo.it.». Un qualunque scalzacani sa che è il titolo quello che resta in testa, mica il testo).
Ad ogni modo, da oggi e con effetto retroattivo aggiungerò la formuletta magica rel="nofollow" ai miei link al Vate del Blogocono, sperando che Technorati rispetti la convenzione di non considerare esistente quel link.

28.12.08

[pipponi]     Asimmetrie

Notizia di cronaca dal Corsera: Milano, tassista investe un immigrato. Già l'occhiello comincia a farci venire qualche dubbio, però: "Il conducente ha volutamente puntato sullo straniero. Fermato dai vigili, è risultato positivo alla cocaina". Ma è la lettura dell'articolo che ci fa capire come funzionano le cose qui da noi. Ecco alcuni frammenti dell'articolo, con le mie chiose.
* «due extracomunitari marocchini regolari, di 51 e 28 anni» - perché occorre rimarcare il "regolari"? Se non lo fossero stati sarebbe cambiato qualcosa? E perché occorre ridondare con "extracomunitari" e "marocchini"? Non sarebbe bastato "marocchini"?
* «ma lui si sarebbe rifiutato (a detta del tassista in quanto la via era imprecisata)» - a parte la banalità che non credo che uno fatto di cocaina sia in grado di capire il nome di una via detto da qualcuno che probabilmente non parla l'italiano (ma non avendone mai assunta magari mi sbaglio di grosso), qual è la ragione di questa parentesi? cambia qualcosa, considerando che nell'articolo non si parla di un alterco seguente, ma che «A questo punto i due si sono incamminati lungo la via Tonale»?
* «Ma l’autista, con una manovra volontaria, ha investito deliberatamente il pedone più giovane, come poi le telecamere comunali avrebbero dimostrato.» - mi viene solo da pensare "è una vergogna che ci siano tutte queste telecamere che non permettono più di stabilire la Vera Verità"
* il commento del vicesindaco De Corato, che mi rifiuto di citare. Non una parola sui due investiti, che d'altronde essendo extracomunitari e marocchini sono evidentemente subumani.
Bene. Come compito a casa provate a pensare a un tassista extracomunitario marocchino regolare che avesse investito volontariamente due operai brianzoli, e scrivete un articolo per il Corsera.

[pipponi]     Israele e Gaza

Sì, trovo anch'io barbari gli attacchi israeliani contro Gaza. Però mi chiedo anche alcune cose.
- Da Gaza avevano ripreso a lanciare razzi contro Israele. Anche supponendo che i miliziani (qualunque cosa voglia dire la parola) non siano direttamente legati al partito al potere a Gaza (Hamas), mi state dicendo che la polizia palestinese non è in grado di trovare da dove lanciano i razzi? sono lanciati dalla finestra di casa come i botti a Napoli?
- La comunità mondiale deplora le azioni israeliani, e tutte queste cose qua. Però poi l'italica stampa scrive che un razzo partito da Gaza casca subito, e uccide per errore due bimbe palestinesi. Si suppone che se fosse arrivato a destinazione e avesse ucciso due bimbe israeliane allora non sarebbe stato un errore, ma la logica conseguenza?
- Israele sta bloccando da mesi i valichi di frontiera, impedendo i rifornimenti. Però esiste un valico con l'Egitto (Rafah') che è anch'esso sempre bloccato. Come mai?
Io tendo a diffidare da chi vede le cose troppo in bianco-e-nero. Termino così il pippone citando un commento riportato da Paolo Guzzanti, commento con il quale sono generalmente in disaccordo tranne su una cosa: questo attacco è banalmente preelettorale, il che significa che Livni e Barak sono convinti che la maggioranza della popolazione israeliana, e non solo gli ortodossi, vogliano questi attacchi.

24.12.08

[pipponi]     Pesi e misure

Ho appena letto le motivazioni della sentenza di primo grado che ha condannato a 29 anni (e non all'ergastolo) Romulus Mailat per lo stupro e assassinio di Giovanna Reggiani. Ricordate? lo scorso autunno, fuori dalla stazione di Tor di Quinto, con Uòlter Weltroni che intimò a Prodi di emanare subito il decreto sicurezza.
Bene. Leggo che la riduzione di pena è stata fatta perché la corte d'assise «non può non rilevare che omicidio e violenza sessuale sono scaturiti del tutto occasionalmente dalla combinazione di due fattori: la completa ubriachezza e l'ira dell'aggressore, e la fiera resistenza della vittima».
Rileggete questa frase. Tradotta dal giuridichese, ci dice che (a) una donna deve accettare con cristiana rassegnazione lo stupro, per evitare che l'aggressore possa farle chissà cos'altro; e (b) che se sei ubriaco e alla guida gli altri hanno il diritto di linciarti, ma se sei ubriaco e a piedi tu puoi essere giustificato, perché presumibilmente stai risparmiando carburante e non rovini la tua macchina facendola sbattere contro una persona.
Non ce la faccio ad aggiungere altro. Buon Natale.

23.12.08

[pipponi]     Bernabè e beppegrillo™

Leggo da De Biase di questo simpatico scambio tra beppegrillo™ e Bernabè. A quanto pare, il comico blogghettaro ha iniziato a prepararsi per la prossima assemblea con questo post, e il presidente (almeno per il momento) di Telecom Italia gli ha risposto con un commento sul blog: commento che è stato immediatamente bloccato mentre i responsabili del blog contattavano Telecom e scoprivano che il commento era proprio suo: così oggi la risposta è riportata nel blog, dopo il controcommento di beppegrillo™ (si sa, è casa sua, quindi ha il diritto della prima parola)
Dopo avere letto il resto del post di De Biase, non sono riuscito a capire se la sua ultima frase ("E' un successo di Grillo, dei blog e di Bernabè.") sia davvero pensata oppure semplicemente ironica. Personalmente so bene che il mio presidente è bravo a rigirare la frittata, e ho già parlato male dell'ultimo piano industriale un paio di settimane fa. E sapete anche che io non sopporto Grillo adesso, proprio come non lo sopportavo dieci anni fa quando negli spettacoli spaccava i PC da vero luddista: quindi potrei essere prevenuto nei suoi confronti, e ve lo dico subito perché possiate farci eventualmente la tara. Però mi pare che la risposta del nostro mostri una debolezza di fondo. Già scrivere la risposta prima del testo, oltre che fare tanto Outlook (ma lì, ad essere tanto buoni, si può immaginare che il testo originale sia lasciato per riferimento) dà tanto l'aria di voler spiegare ai lettori quale dev'essere la corretta interpretazione dell'altrui testo. Ma più in generale c'è un punto di fondo. Il modo di comunicare di beppegrillo™ è urlato, pardon urlato, il che funziona benissimo per aizzare le folle quando dall'altra parte c'è il silenzio, oppure un urlo uguale e contrario. Ma quando ti trovi davanti uno che non urla, sei costretto a continuare a urlare ancora di più per farti sentire, e non è detto che l'escalation ti riesca. Guardate solo il testo di Grillo. Inizia dicendo "sono capaci tutti a risanare l'azienda licenziando e aumentando il canone" (vero, ma irrilevante se non hai un contropiano. Potete far notare che non è Grillo a doverlo avere, certo; però resta il fatto che questo è solo sfascismo). Continua dicendo "non fai i nomi, ma li dico io: è tutta colpa di D'Alema" (presumibilmente vero, anche se si dimentica che prima Prodi aveva praticamente regalato Telecom alla Fiat: ma non si vede perché Bernabè debba farli lui, i nomi) e "è inutile parlare della magistratura, i danni di Tronchetti e Buora che erano i capi di Tavaroli sono ora di sua competenza" (non c'entra nulla); si mette a parlare dei PC andando completamente fuori tema; afferma che Open Access non dà parità di accesso senza dare prove. L'unico punto su cui Grillo si sarebbe mosso bene è quello sulla mancanza di banda larga; peccato che caschi sul "ci sono posti dove non ci si connette nemmeno con il cellulare" (sta andando anche a chiederlo a Vodafone, Wind e Tre?), oltre che far perdere la cosa in mezzo a tutto il resto senza ad esempio chiedere "avete fatto delle stime di costi per portare in giro la banda larga? Perché non le pubblicate?" Insomma, più che altro il solito monologo, più o meno indipendente da quanto ha detto la controparte
Non che mi aspettassi nulla di diverso, intendiamoci. E voi? che ne pensate?

18.12.08

[pipponi]     Posta prioritaria

Il 4 dicembre scorso, mia mamma mi ha spedito una lettera, con dei documenti che mi servivano.
Ieri, 17 dicembre, me la sono trovata nella buca delle lettere.
Naturalmente la lettera è stata spedita come "posta prioritaria", visto che non c'è altro modo per farlo. Quello che non potete sapere finché non lo scrivo è che la lettera è stata spedita direttamente dall'ufficio postale di Usseglio, che due settimane fa non era isolato come in questi giorni, e che sulla busta non c'è il francobollo ma uno di quei codici a barre bidimensionali che immagino abbiano al loro interno tutto l'indirizzo (corretto, ho verificato) per un processamento più veloce.
Capisco che ci voglia ancora un anno per completare l'Alta Velocità da Torino a Milano, ma credo che anche usando un vagone postale agganciato a un treno regionale e anche essendo buonissimi e ricordandoci che lunedì 8 era festivo non ci sarebbero stati problemi a consegnare la busta il 9 dicembre (e stiamo parlando comunque di tre giorni lavorativi). Certo che se poi mi stupisco che stia aspettando dei libri spediti il 28 novembre, vuol dire che non ho proprio capito nulla dalla vita: dovrei semplicemente rassegnarmi, esattamente come mi pare stiano facendo tutti.

15.12.08

[pipponi]     De Mauro online: "la storia editoriale si è conclusa"

C'era una volta un dizionario liberamente consultabile online: il De Mauro-Paravia. Bastava andare sul sito, e iniziare la vostra ricerca.
Da ieri, niente da fare: leggo infatti dal FriendFeed di Teiluj che il vocabolario è stato tolto. Ragione? È scritto nella pagina stessa del sito:
«Il sito si rinnova: la versione online del Dizionario italiano De Mauro Paravia, la cui storia editoriale si è conclusa nei mesi scorsi, lascia ora il posto a un altro grande strumento per la conoscenza e l'uso della lingua italiana: il Dizionario dei sinonimi e contrari De Mauro Paravia.»
Premesso che io a suo tempo acquistai il De Mauro in edizione cartacea+cd e quindi la cosa non mi fa né caldo né freddo, mi limito a dire che credo di non aver visto molto spesso un'idiozia simile. Già la scelta dei termini, con la "storia editoriale conclusa", è assolutamente insensata: come se un vocabolario fosse un libro a orologeria che si distrugge dopo un paio d'anni. Ma è proprio dal punto di vista del marketing che la decisione è incredibile. Un vocabolario, almeno in Italia, viene comprato perché a scuola dicono che il figlioletto lo deve avere, e a scuola non puoi certo connetterti sul sito; la probabilità che una persona non compri un vocabolario perché può leggersi i lemmi online è scarsa se non nulla. Ma Paravia, dimostrando una testardaggine che farebbe credere che la casa editrice sia ancora torinese, ha preso la sua decisione.
Non posso che suggerirvi di andare dalla concorrenza: occorre una registrazione (gratuita) per consultare il Garzanti, ma almeno lo potete usare.
Aggiornamento: (9:30) In realtà da telefonino è ancora possibile consultare il De Mauro, andando all'indirizzo wap.demauroparavia.it. Bisogna dire che sono proprio teNNIci e sfruttano le più modernISSIME evoluzioni dei protocolli!
Aggiornamento: (10:15) Leggo nei commenti del Mantellini che la frase "la storia editoriale si è conclusa" ha un suo senso, visto che il vocabolario è ormai fuori catalogo. Resta intatto il mio giudizio sull'insipienza nel decidere di non lasciare disponibile una risorsa utile e che a loro non costava nulla e dava pubblicità. Se volevano pubblicizzare il dizionario dei sinonimi e dei contrari, bastava modificare l'output delle pagine in modo che dopo il lemma dal vecchio De Mauro ci fosse il bannerino del nuovo dizionario e i risultati di quella ricerca...
Aggiornamento: (11:20) Pier.labi nei commenti fa notare che old.demauroparavia.it al momento funziona ancora.
Aggiornamento: (7 ottobre 2009) Il dizionario non ci sta (quasi) proprio più.

13.12.08

[pipponi]     È una dura lotta

I miei ventun lettori sono sempre molto attenti, e si ricorderanno di questa mia notiziola, che tra l'altro ha anche avuto un discreto numero di commenti: la Corte di Giustizia europea ci ha condannato perché l'età pensionabile per le donne (specificatamente nella pubblica amministrazione, perché è l'unico settore in cui poteva emettere un giudizio) è più bassa di quella per gli uomini. Per quanto riguarda il resto degli italiani, ho i miei dubbi.
Detto questo, mi chiedo chi sia il più paraculo:
- Il MINIstro Brunetta, che oggi si bea aggiungendo un'altra tacca alla sua indefessa attività contro i fannulloni e proclama ai quattro venti che visto che «l'invecchiamento attivo è un obiettivo di bene pubblico » porterà a 65 anni l'età pensionabile nella Pubblica Amministrazione anche per le donne;
- Il Corsera, che nel suo resoconto ha dimenticato di dire che Brunetta sa benissimo che tanto deve farlo lo stesso, almeno secondo quanto invece riporta La Stampa;
- il sindacato, che è insorto come un sol uomo (e una sola donna, visto che il Corsera ha anche intervistato la Polverini, segretario dell'UGL) che proprio non sembra ricordarsi della sentenza UE.
Spero concorderete con me che non è così facile fare una graduatoria.

[pipponi]     Cinegiornale Luce

Oggi la signora Marina Berlusconi ha sposato il suo bello, Maurizio Vanadia. Sono certo che adesso che siete al corrente della cosa il vostro Natale sarà enormemente più felice.
A me la cosa riguarda molto poco, considerato che non conosco nessuno dei due sposi e chiaramente non sono nemmeno stato invitato al loro matrimonio, che poi non avrei nemmeno saputo cosa mettermi. Però, mentre aspettavo che l'Enel rimettesse in sesto la linea elettrica che alimenta la server farm che ospita tra l'altro il mio sito e queste notiziole, mi è capitato di vedere gli articoli pubblicati a riguardo dai tre principali quotidiani generalisti italiani: Nozze sobrie ad Arcore tra Marina Berlusconi e Maurizio Vanadia (La Stampa); Marina Berlusconi, 'Sì' ad Arcore - cerimonia sobria a Villa San Martino (Repubblica); Nozze sobrie e blindate in casa Berlusconi (Corriere).
Già dai titoli avrete notato una vaga somiglianza: ma magari avrete pensato che in periodi di crisi come questo è meglio calcare l'accento sulla sobrietà dei ricchi. Se però andate a leggere gli articoli (se non li trovate più, li ho salvati e postati sul mio Posterous), scoprirete che le somiglianze sono molte, molte più delle differenze; anzi possiamo dire senza paura di essere smentiti che tutti e tre gli articoli sono stati scritti partendo dalla stessa fonte. Settant'anni fa il MinCulPop preparava le veline da inviare ai vari quotidiani specificando cosa scrivere, cosa non scrivere e come scrivere: oggi le veline sposano i calciatori, e l'ufficio stampa invia una cartelletta alle agenzie con il testo già pronto, giusto da parafrasare qua e là.
L'evoluzione dei tempi.

[pipponi]     Le tariffe FS

Da domani, come probabilmente avrete intuito visto il battage pubblicitario (leggasi lo sfracellamento di cabasisi) partirà l'Alta Velocità sulla linea fefrroviaria Milano-Bologna. Non commento sul contemporaneo peggioramento dei collegamenti ferroviari normali tra le due città e tutte quelle che stanno in mezzo: ne hanno già parlato in tanti. Mi limito a riprendere La Stampa e verificare le tariffe. Milano-Bologna in seconda classe costerà 39 euro, contro i 28.50 attuali che ho appena verificato visto che erano stati opportunamente tralasciati; insomma dieci euro e mezzo in più per un risparmio di trentasette minuti. In compenso, Milano-Roma, sempre in seconda classe, passa da 56.10 euro a 79; vale a dire 22.90 euro in più per un risparmio di... trentun minuti, il che significa che da Bologna a Roma non solo si continua ad usare la stessa linea con gli stessi treni (a parte una riverniciatura) ma si va un po' più piano. È il mercato, baby!

[pipponi]     Natale Santa Lucia all'Esselunga

Oggi a mezzogiorno ho commesso il gravissimo errore di accompagnare Anna all'Esselunga per fare la spesa. Ero persino relativamente felice, perché avevamo deciso di andare a piedi e notavo con sadica gioia che viale Zara era tutto un ingorgo che nemmeno venerdì alle sei di sera. Poi siamo entrati nel supermercato e ho scoperto la dura verità: si erano dati tutti appuntamento qua.
L'unico vantaggio che ho avuto nel compenetrarmi tra la folla, oltre alla possibilità di scrivere questa notiziola se apprezzate l'autoreferenzialità, è di avere trovato una confutazione alla legge - che credevo essere di Cipolla, ma ho verificato e non è così - che afferma "l'intelligenza totale dell'umanità rimane costante"; da cui il semplice corollario che visto che la popolazione aumenta diventiamo in media più stupidi. La triste realtà è un'altra; se in uno spazio limitato il numero di persone aumenta, l'intelligenza totale diminuisce. Possiamo partire dall'alto, e cioè dal signor Bernardo Caprotti che ritieneche per mandare i commessi con i bancali a riassortire l'ora migliore sia mezzogiorno del sabato; ma naturalmente il problema è spalmato su tutta la filiera. Già mi sono sempre chiesto come mai persone di una certa notevole età che sicuramente durante la settimana possono al più dover accudire i nipotini debbano scegliere di aumentare la confusione il sabato. Ma fosse solo per loro la situazione non sarebbe così tragica. La gente stamattina aveva la tipica espressione di chi fosse appena giunto nel Paese dei Balocchi: si fermava all'improvviso, rapita dalla beatifica visione di un pacchetto di arachidi scontato del 20% o di una confezione tripla di sottaceti. Per la cronaca, l'estasi era di durata relativamente breve, non più di una quindicina di secondi. Superate queste crisi mistiche, si arrivava alla seconda prova: prendere la merce dagli scaffali. Supponendo di passare con il carrello tra le corsie, uno immagina di lasciarlo vicino agli scaffali appena più avanti di dove si trova la roba che ci interessa, prendere gli oggetti, e proseguire. Invece no. Il carrello è sempre a un palmo buono di distanza dagli scaffali, e soprattutto è girato. La parte anteriore fa un angolo dai 25 ai 35 gradi rispetto alla corsia. Per la distanza, immagino che ci siano problemi di attrazione gravitazionale che non permettono di avvicinarsi troppo alla merce in esposizione che altrimenti si riverserebbe immediatamente nel carrello. Ma l'angolo? Non può essere dovuto alla forza di Coriolis, il cui effetto è molto ridotto. Non può essere studiato per impedire alla gente di passare avanti e acquistare prima di noi le altre cose di cui abbiamo un terribile bisogno: un concetto come questo richiede troppa intelligenza. Non può nemmeno essere una forma imitativa, a meno che non sia assolutamente inconscia. No; secondo me è proprio l'imbecillità di base che fa sì che nessuno immagini l'esistenza di altre persone nei dintorni. In fin dei conti il proprio carrello, non facendo parte del proprio spazio vitale, per definizione non esiste, no?
Anche stavolta sono sopravvissuto, però; ho cercato un angolino poco frequentato e mi sono appiattito finché Anna mi ha detto "possiamo andare a pagare" :-)

11.12.08

[pipponi]     Piano industriale Telecom

Non so se qualcuno dei miei ventun lettori si sia chiesto come mai io non abbia parlato del piano industriale presentato la scorsa settimana da Franco Bernabè: so che nessuno me lo ha chiesto, probabilmente perché sanno che io non ho alcun rapporto con l'amministratore delegato dell'azienda in cui lavoro. Il motivo per cui non ho scritto nulla, ad ogni modo, è che non avevo dati a sufficienza per scrivere qualcosa non pretendo sensato, ma almeno con una parvenza di attinenza alla realtà. Adesso che ho qualche notizia in più, provo ad aggiungere i miei due eurocent.
Innanzitutto a me il discorso video che ci è stato messo nella home page dell'intranet aziendale non è piaciuto per nulla. Non tanto per il ritornello "tutti dobbiamo fare sacrifici per Telecom", quanto per il fatto che nel "tutti" sono compresi anche gli abbonati che si vedranno aumentare il canone. È un problema di linguaggio: se avesse detto qualcosa tipo "ci è anche toccato chiedere un aumento del canone che era del resto fermo da vari anni" almeno sarebbe stato più onesto. Che poi, a ben vedere, l'aumento del canone può essere un boomerang, visto che accelererà l'emorragia che sta facendo passare molta gente da una linea fissa a una mobile (il fatturato sul fisso è previsto scendere del 2.4% da qua al 2011, per la cronaca). D'altra parte è anche vero che - sempre secondo l'azienda - si vuole "privilegiare i clienti a maggior valore (Top Client e Business, pari al 40% degli attuali clienti Telecom)". Sappiatelo subito.
Ma in genere le misure previste dal nuovo piano triennale mi sembrano assolutamente schizofreniche, concordando stranamente con la Triplice che oggi ha emesso un comunicato. Non sono in grado di capire se effettivamente i 4000 ulteriori licenziamenti previsti sono solo il 5% del valore della manovra, come affermato da loro; però è indubbio che voler ridurre il debito vendendo la branca tedesca e Sparkle è assurdo, perché da un lato - a differenza ad esempio della branca francese che era in perdita strutturale - non sono dei costi sulle spalle del gruppo, e dall'altro non è che darebbero chissà quanti soldi essendo piccole. Altra cosa a mio parere con poco senso è tagliare pesantemente Open Access (ottocento persone in meno...) esternalizzando al contempo alcune attività: se il costo del personale è davvero così alto significa che c'è qualche problema a monte, e allora tanto vale farla davvero, la separazione della rete! Ma quello è un problema ancora diverso. La rete di per sé ha un costo molto alto, checché ne pensi la gente: solo che questo costo al momento non è sostenuto da nessuno, tanto che Telecom non solo non fa praticamente investimenti ma limita al minimo indispensabile se non meno la manutenzione ordinaria. Separare la rete dal resto di Telecom farebbe venire a galla questi problemucci...
Se qualcuno è preoccupato per me, posso dire che nel campo dell'IT sono previsti "solo" 100 tagli; il vero guaio è che vogliono razionalizzare le piattaforme software (e quella su cui si opera noi è assolutamente fuori standard) e integrare le varie software factory sul territorio (per quanto detto sopra, noi siamo difficilmente integrabili, oltre che essere di dimensione un ordine di grandezza inferiore a tutte le altre software factory)

09.12.08

[pipponi]     Censura in UK - per il momento fine

Per i curiosi che vogliono sapere cosa è successo con la censura a Wikipedia nel Regno Unito, l'IWF (Internet Watch Foundation, il gruppo formato dai principali Internet Provider inglesi per bloccare le immagini pedopornografiche) ha emesso un comunicato che dice fondamentalmente:
- l'immagine è pedopornografica, non ci sono dubbi di sorta;
- ma visto che è disponibile da così tanti anni da così tante parti, per questa volta soprassediamo...
- ...se l'immagine si trova all'estero, mentre se è in Gran Bretagna procederemo senza pietà;
- effettivamente la nostra non è stata una grande mossa, visto che l'immagine in questo modo è stata vista da ben più gente di quanto lo fosse prima.

In definitiva, il blocco è stato rimosso. Detto in altro modo, c'è stato un "sono stato frainteso" in salsa albionica, con conseguente arrampicata sugli specchi; e soprattutto un segno della forza del "marchio wikipedia", visto che non ci sono state campagne specifiche contro l'operazione se non una richiesta formale di procedura di appello. Non so: qua mi pare sempre più che si butti via il bambino :-) insieme all'acqua sporca, e che ci si pari dietro sacrosanti principî per censurare non solo le intenzioni ma addirittura le possibilità teoriche di giungere a un'intenzione. A questo punto bisognerebbe proibire tutte le armi: sia mai che una persona disturbata veda un fucile e gli venga voglia di andare a fare una strage...

Al riguardo, leggete anche cosa dice la Capa, che di queste cose ne sa un po' più di me.

Aggiornamento: (23:00) mi sono accorto di non avere spiegato una cosa molto importante. Il blocco fatto dall'IWF non era sull'immagine della copertina - che paradossalmente era ancora tranquillamente visibile! bastava sapere qual era l'indirizzo, che poi era logicamente ricavabile - ma sulla voce testuale che parla dell'album e ha un link appunto alla copertina stessa. Da un lato, quindi, una figura da cioccolatai; dall'altro una censura ancora più stupida perché si bloccavano le spiegazioni e non la figura stessa. D'altra parte, leggevo nella lista interna della fondazione Wikimedia che le autorità cinesi avevano molto apprezzato la mossa, affermando che è proprio quello che fanno loro: controllare internet proibendo quello che è vietato dalla legge...

[pipponi]     Non mischiamo

Leggo da Livingston che a ottobre 2009 con ogni probabilità chiuderà la libreria romana Babele (la dependance milanese è già sparita, ma di quella non penso se ne siano accorti in tanti).
Se anche uno come me conosceva di nome quella libreria, significa che aveva una certa importanza: nulla da eccepire. Però c'è qualcosa che non mi torna: non tanto nelle parole dei fondatori quanto nel commento di Marco.
Per come vedo io la cosa, il problema non è "Babele chiude perché è una libreria gay". Tutte le piccole librerie hanno le stesse difficoltà, e in questi anni anche quelle specializzate sono finite su questa brutta china; i bestseller li si trova ultrascontati negli ipermercati, e per la letteratura di nicchia ci sono le librerie online. Inoltre, se i fondatori di Babele affermano che oggi è più facile trovare libri di argomento lgbt nelle librerie generaliste, posso immaginare che la cosa sia vera.
Quello che traspare dall'annuncio, o almeno quello che ho capito io, è che comunque sembra terminata anche l'esperienza di fornire un punto d'incontro e di confronto per la comunità lgbt. Ora, non ho esperienza al riguardo, tanto meno a Roma: però mi sa che il vero problema sia appunto quest'ultimo, e la crisi della libreria sia solo qualcosa di secondario. Non che abbia delle soluzioni in nessuno dei casi, ma forse in questo modo per qualcuno è più facile avere delle idee al riguardo.

[pipponi]     segnali della crisi

Se siete assidui acquirenti nei negozi chic, probabilmente saprete già dell'esistenza dei pre-saldi: se siete nella mailing list del negozio stesso, qualche giorno prima dell'inizio dei saldi vi fanno uno sconto identico o quasi a quello ufficiale e guadagnate in tranquillità, evitando le resse.
Venerdì però Anna ha ricevuto una lettera da Fratelli Rossetti, dove annunciavano appunto i presaldi "già da subito". Con un mese di anticipo, e soprattutto ben prima di Natale. Questi sono segnali pesantucci di un calo di fatturato, mi sa.

08.12.08

[pipponi]     Censura, stavolta in UK

A me la notizia era arrivata ieri pomeriggio da Marco d'Itri, ma ormai penso la sappiate tutti: come fa notare la Capa, il Corsera ha scritto al riguardo, unico tra i grandi quotidiani online. Dai primi due link che vi ho dato trovate tutta la storia, ma faccio comunque un riassunto per i più pigri.
Da noi in Italia il governo invita "gentilmente" gli Internet Provider a bloccare l'accesso ai siti "cattivi" (quelli pedopornografici, dove il termine è inteso in maniera piuttosto ampia, e quelli di scommesse che non pagano il pizzo all'AAMS). Nel Regno Unito nessuno si sognerebbe di bloccare le scommesse e nessuno accetterebbe imposizioni statali: però il 95% degli internet provider locali fa parte di un'associazione che blocca volontariamente le immagini pedopornografiche. Tecnicamente viene fatta una redirezione della vostra richiesta, che non arriva più al sito originale ma a un proxy che verifica se la pagina richiesta è "buona" e la chiede a sua volta, oppure vi risponde picche.
Venerdì sera sono state aggiunte due pagine di wikipedia in lingua inglese: quella dell'album degli Scorpions Virgin Killer e dell'immagine della copertina dell'album, http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Virgin_Killer.jpg. Non l'ho scritta come link perché se uno vuole vedersela deve farlo esplicitamente. Per la cronaca, la copertina mostra una ragazzina preadolescente nuda, con le righe di un vetro rotto che coprono il pube. Sempre per la cronaca, la copertina restò in uso dal 1976 (data di produzione dell'album) fino al 2004, quando in un cofanetto con le riedizioni degli album degli Scorpions il CD apparve con una nuova copertina. Amazon, che fino alla scorsa settimana manteneva tranquillamente la copertina, l'ha tolta senza dire nulla: play.com, che pure è britannico, al momento in cui scrivo la fa ancora vedere a http://www.play.com/Music/CD/4-/3348266/In-Trance-Virgin-Killer/Product.html.
Premesso che trovo la copertina di pessimo gusto, ribadisco che a mio parere non è per nulla pornografica, e chi ha potuto pensare diversamente ho il sospetto che abbia dei forti problemi di suo. Ma soprattutto, se per decenni quel disco è stato venduto in svariate nazioni del mondo, com'è che ci si è svegliati solo ora? Tra l'altro, la cosa ha avuto risonanza internazionale perché Wikipedia è ovviamente famosa, e perché l'accesso all'enciclopedia è stato rallentato fin quasi al blocco - e bloccato in scrittura agli anonimi - per un'intera nazione; ma chissà in quanti casi non ci si è accorti di niente. E chissà cosa succederà quando si accorgeranno di tutti quei bimbetti nudi col pisello al vento che fanno i putti nei quadri del Seicento e Settecento.
L'idea di un gruppetto di persone che decide cosa può essere visto e cosa no a me continua a far paura.

06.12.08

[pipponi]     Crisi, grossa crisi: scappano tutti!

Siamo al ponte dell'Immacolata, che Milano ha festeggiato annebbiandosi tutta: la prima volta nella stagione, non ci sono più i nebiun di una volta. Continuiamo a sentire lamentazioni su come la crisi non sia finanziaria ma reale, e la gente - non quelli che poveri erano già, ma le persone del ceto medio e medio-basso - non abbia più soldi nemmeno per le spese normali, altro che le voluttuarie.
Epperò ieri in palestra - dove si paga in anticipo - ieri sera eravamo pochissimi, e stamattina sotto casa nostra c'erano vari posti auto liberi, di gente che evidentemente se n'è andata da qualche parte... (in compenso la metropolitana era piena di gente evidentemente arrivata a Milano da fuori, che riempiva la metropolitana con l'aria di chi avesse visto per la prima volta questa meraviglia della tecnica.) Mah. Magari hanno tutti preso l'auto, sfruttando la benzina scesa sotto l'euro e dieci al litro, per andare a Rho a vedere l'Artigiano in Fiera... Perché se la macchina l'hanno presa per gli Oh bej oh bej sono completamente pazzi.

[pipponi]     buone notizie giornalistiche

Come sapete, sono solito sbertucciare l'"italica stampa", e penso che continuerò a farlo. Però per onestà devo segnalare un paio di cose che mi sono piaciute.
La prima è biecamente personale: se vi ricordate, un paio di giorni fa avevo scritto a La Stampa, lamentandomi civilmente perché una mia foto che avevo lasciato su wikipedia era stata usata su Tuttoscienze senza indicare la fonte (me o Wikipedia, non importava) C'è stato uno scambio di mail, dove ho ribadito che ero più che altro interessato al principio per il futuro, non tanto a quel caso specifico. Comunque adesso l'articolo è stato ripostato nel sito della Stampa, e l'attribuzione c'è. Come dicevo, spero che la cosa diventi la norma.
La seconda cosa che voglio segnalarvi è questo post di Marco Pratellesi (il capo di corriere.it, per chi non lo sa). Lasciate perdere i toni trionfalisti del titolo e di parte del testo, e andate al sodo: ci dovrebbe essere finalmente la possibilità di vedere corretti, almeno sulla parte online del quotidiano, gli svarioni più marchiani. È vero che c'è sempre il rischio paventato nei commenti a quel post, che cioè qualche pennivendolo, visto che si trova la pappa già fatta e non deve nemmeno fare una ricerchina in giro, colga l'occasione per scrivere dei bellissimi "suoi" articoli sfruttando le conoscenze altrui senza nemmeno nominarli. Ma oggi voglio pensare positivo, e immaginare che almeno in una nota in fondo agli articoli le fonti saranno citate, e quindi si possa davvero parlare di collaborazione.

05.12.08

[pipponi]     Abusivi

Non sono mai andato agli Oh bej oh bej, perché non sopporto i mercatini troppo affollati (o se preferite sono un asociale). Tutti gli anni ne sento però parlare, con le eterne lotte tra gli ambulanti "ufficiali" e gli "abusivi". Nella mia beata ignoranza, ero convinto che gli abusivi fossero senza licenza da ambulante, e mi chiedevo come mai il vicesindaco di Milano fosse così buono e non li portasse mai al gabbio.
Oggi finalmente ho scoperto l'arcano. Gli "abusivi" sono così denominati semplicemente perché non hanno pagato la licenza aggiuntiva per gli Oh bej oh bej, ma per il resto sono regolari commercianti (ambulanti, claro). Tecnicamente nulla da eccepire, visto che "abusivo" letteralmente significa "fatto senza autorizzazione", però questa nuova conoscenza mi fa cambiare domande. Ecco cosa mi piacerebbe sapere.
- Quanto si paga per avere il diritto di mettere un banco durante gli Oh bej oh bej, e quanto si paga per avere un banco al mercato settimanale? (la seconda domanda mi serve per avere un'idea del costo relativo)
- Come vengono scelti gli ambulanti che partecipano alla fiera? Perché non si amplia il numero? (se negli anni scorsi gli abusivi venivano tollerati, vuol dire che di spazio ce n'è a sufficienza)
Non so chi abbia ragione tra comune e ambulanti, e sicuramente le notizie che si leggono non mi aiutano a trovare le risposte. Però avere delle domande è già qualcosa.

04.12.08

[pipponi]     Non sarebbe nemmeno così difficile!

Conoscendo abbastanza bene Douglas Hofstadter, mi è capitato di scattargli qualche fotografia. Io come fotografo sono un cane, ma lui è così fotogenico che il risultato è comunque stato ottimo: ho così inserito una mia foto di lui su Wikipedia. Come potete controllare guardando il file, l'immagine ha un copyright. Nulla di trascendentale: in pratica, chiunque può riutilizzarla, per usi commerciali e no, purché si faccia l'attribuzione all'autore e/o al licenziatario.
La foto l'ho trovata riutilizzata ovunque, dalla scheda su Hofstadter di Mondadori fino all'articolo su La Stampa-TuttoScienze di ieri. Inutile dire che da nessuna parte venivamo citati io o Wikipedia.
La cosa di per sé non mi dà problemi, visto che non sono un fotografo e non mi cambia nulla far sapere al mondo intero, e non solo ai miei ventun lettori, chi gliel'ha scattata. Ma cosa mi potrebbe succedere se iniziassi io a prendere immagini in giro, senza aggiungere una citazione dell'autore? Bella asimmetria, vero? :-(
(non per nulla non aggiungo altre foto :-P )

02.12.08

[pipponi]     Niente discriminazioni contro la pizza ai frutti di mare!

Sono convinto che la pizza ai frutti di mare sia un'aberrazione. Quando qualcuno con me la ordina, gli spiego che non ha nessun senso, né storicamente né come mescolanza di gusti, ed è stata inventata da qualcuno che voleva semplicemente spennare i gonzi. Ma sono buono: mi dicono che in certi comuni del Napoletano se un pizzaiolo prova ad aggiungere al proprio menu la pizza ai frutti di mare i carabinieri arrivano e sbattono in prigione il malcapitato per violazione della legge regionale sulla composizione della pizza: in questo modo sono certi che imparerà la lezione. Intendiamoci: pur non apprezzando la pizza ai frutti di mare, non sono affatto d'accordo con punizioni così gravi. Di per sé le cose potrebbero cambiare: è in discussione un disegno di legge che impedirà di vietare la pizza ai frutti di mare. Tutto bene, no? Beh, no. Sono contrarissimo a un simile disegno di legge: che poi va a finire che saremo costretti a indire il Premio Per La Miglior Pizza Ai Frutti Di Mare, come stanno già facendo negli USA. Siamo matti? La pizza ai frutti di mare è un abominio, e devo fare tutto perché non ci siano premi a favore di quella sconcezza!
Inutile dire che sto parlando delle affermazioni dell'osservatore della Santa Sede presso l'ONU contro la proposta francese di una dichiarazione per la depenalizzazione universale dell'omosessualità (tradotto in italiano: una dichiarazione - che tanto non è vincolante per nessuno ma almeno è un punto di principio - che affermi che non si può imprigionare o peggio una persona solo perché fa sesso con un'altra persona del suo stesso sesso). Questo perché con la scusa di tutelare gli omosessuali «si creeranno nuove e implacabili discriminazioni. Per esempio, gli Stati che non riconoscono l'unione tra persone dello stesso sesso come "matrimonio" verranno messi alla gogna e fatti oggetto di pressioni».
Ecco. Quando leggo affermazioni del genere, non credo che in Vaticano si sia davvero convinti che «nei confronti delle persone omosessuali si deve evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione.», come da Catechismo della Chiesa Cattolica. Mettere sullo stesso piano la depenalizzazione e i matrimoni monosessuali mi dà più l'idea che qualche enforcement statale contro l'omosessualità non sarebbe poi visto così male. (Una precisazione: la Chiesa Cattolica ha pienamente diritto di affermare che gli omosessuali debbano pentirsi ed essere casti, se non vogliono finire all'inferno per l'eternità. Ma questo riguarda appunto l'altro mondo, non quello in cui viviamo noi. In questo mondo io voglio che una persona possa fare quello che vuole, finché non fa del male agli altri.)
(che poi, come al solito, Leonardo lo spiega molto meglio)

[pipponi]     silenzio-dissenso

Leggo dal Corsera che il decreto anticrisi ha messo dei paletti sugli sgravi fiscali per chi fa operazioni per ridurre il costo energetico a casa: mettere pannelli solari, ma anche cambiare caldaia oppure infissi. Lo sgravio del 55% resta, però bisogna fare «un'apposita istanza» (telematica, claro) all'Agenzia delle Entrate «per consentire il monitoraggio della spesa e la verifica del rispetto dei limiti di spesa complessivi». Fin qua nulla di male. Peccato che se entro trenta giorni l'Agenzia non dà esplicita risposta positiva allora «l'assenso si intende non fornito». È su questo che io non sono affatto d'accordo. Non per me, che tanto non avevo in mente nessuna operazione di questo tipo, ma per principio.
Capisco che il nostro governo è del "fare". Ad esempio, questa manovra che "muove 80 miliardi" è stata approvata in dieci minuti, il che significa che i corsi di lettura veloce devono funzionare, visto che il decreto è composto di 70 schermate: facendo i conti, non si può perdere più di 8 secondi e 57 centesimi su ciascuna di esse. Ma questo non significa che tutta la funzione pubblica sia così efficiente, e che quindi il 100% delle domande sarà esaminata nei tempi dovuti. Non per nulla, il principio che è sempre stato usato è quello del "silenzio-assenso", che è un modo come un altro per dire che le colpe dello Stato non debbono ricadere sui cittadini. Stavolta, invece, si è (scientemente?) scelto l'opposto. Bel colpo, direi.

01.12.08

[pipponi]     The great Silvio in the Sky

[noticina iniziale: non mi ricordo più chi aveva fatto il Decalogo del Bravo Bloggher che diceva di non scrivere mai post importanti nel weekend perché non sarebbero stati letti, ma aspettare il lunedì. In effetti quasi tutti i post al riguardo sembrano stati scritti stamattina...]
Onestamente non credo che la scelta del governo di aumentare l'IVA sugli abbonamenti Sky (rectius, eliminare l'agevolazione che l'abbassava dal 20% al 10%) sia stata voluta per tarpare le ali all'unico concorrente attuale dell'azienda televisiva del PresConsMin. Possiamo discutere, come fa ad esempio Mfisk, se in effetti non fosse corretto lasciare un'agevolazione per la "diffusione radiotelevisiva con accesso condizionato effettuata in forma digitale a mezzo di reti via cavo o via satellite", esattamente come ci chiediamo da anni perché tra le forme di intrattenimento che godono di una riduzione dell'IVA non ci siano anche i dischi. Ma è anche vero che la facilitazione era stata data per agevolare la partenza sul mercato delle pay-tv (non solo Sky, come Berlusconi afferma: nel 1995 non c'era ancora un monopolista).
Quello che vedo però sono due cose: che Silvio ha la coda di paglia, visto che è stato pronto a dire che ha solo tolto un privilegio dato dalla sinistra (ma non si dice più "dai comunisti"?) e che pagherà anche Mediaset - cosa di cui non sono così certo, visto quanto scritto sopra e tenuto conto che il digitale terrestre non è né cavo né satellite); e soprattutto che Murdoch, che non è certo un agnellino, sarà pronto a sfruttare fino in fondo la campagna "conflitto di interessi", che per la prima volta verrà da un pulpito ad ampia visibilità. Ripeto: che ci sia davvero conflitto di interessi anche in questo caso, non ne sarei certo. Ma tanto quello che conta è sempre quello che la gggente capisce, e può darsi che stavolta i filoberlusconiani siano toccati molto di più che per tutto il resto...

28.11.08

[pipponi]     Carta Acquisti

(Mica si chiama Social Card! Controllate pure sul sito del Ministero!)
Innanzitutto (e non scherzo) è da apprezzare l'uso ufficiale di un termine italiano e non inglese. È vero che "acquisti" può essere visto come il solito conflitto di interessi del PresConsMin che ha tutto l'interesse che la gente faccia compere e quindi le aziende pubblicità tv; ma è anche vero che forse in questo modo l'uso della carta è più comprensibile; quindi non mi lamento. A parte questo, ci sono molte più ombre che luci a proposito della Social Card. Il sito del ministero è molto scarno al riguardo, e le informazioni che ho trovato altrove - sul Messaggero e, come segnalatomi da G., su Altroconsumo - sono a volte contraddittorie. Ecco il mio pensiero al riguardo, per quello che può valere.
È vero che sono pochi soldi e non è praticamente per nessuno, visti i limiti di reddito necessari: in effetti un milione e 300mila persone possibili beneficiari sono poco più del 2% degli italiani. Se già i soldi a disposizione sono pochi, tanto vale non darli a pioggia ma solo ai "peggio messi". Possiamo discutere su come mai il creativo Tremonti non abbia trovato nuovi fondi, al limite... La scarsità di negozi convenzionati mi sembra più che altro una scarsità di negozi che facciano sconti, e su quello probabilmente bisognerebbe aspettare qualche mese prima di essere certi che sia stato un flop. Sarebbe anche interessante capire se lo Stato non abbia pensato di mettere soldi "impliciti" favorendo i negozianti che fanno lo sconto.
A me sembra molto peggio il concetto di "carta ricaricabile", con l'aggravante dell'anonimato. Per quest'ultimo, sarebbe stato molto meglio farla sembrare esattamente come una carta di credito - tanto se poi ci vuole un documento di identità sai quanto uno è anonimo... Ma è il concetto di "denaro di plastica" che in questo caso è sbagliato! Stiamo parlando di una fascia di popolazione che probabilmente non ha mai visto un bancomat in vita sua. Che fai, fai loro un corso accelerato di uso di una carta di debito? E magari spieghi loro come si fanno le ricariche? (E PosteItaliane non hanno nemmeno offerto ricariche senza commissioni, tra l'altro?) (no, mi sa che non si possano fare ricariche, solo lo Stato può mettere i soldi se non ho letto male. Mah)
L'altra cosa davvero triste è che la persona che rientra in questi parametri non solo debba presentare domanda per ottenere la Carta, ma debba anche portare tutta la documentazione necessaria. Di nuovo, stiamo parlando di persone quasi certamente di bassa istruzione, che avranno per forza bisogno di qualcuno che li aiuti. Non sarebbe stato meglio verificare a priori, e non solo a posteriori come tanto faranno, i requisiti? O sperano che molti degli aventi diritto non chiedano la carta?
Insomma, la buona volontà la concedo, ma i risultati mi paiono deludenti.
Notarella finale: tra le clausole per cui non viene elargita la carta c'è «fruire di vitto assicurato dallo Stato o da altre pubbliche amministrazioni in quanto [...] detenuto in istituto di pena».

[pipponi]     deflazione?

Repubblica, ma immagino tutti i giornali, fa sapere che l'inflazione in Italia su base annua è passata dal 3.5% di ottobre al 2.7% di novembre, con un calo in questo mese dello 0.4%. Addirittura in Eurolandia si è passati dal 3.2% al 2.1%, e subito Rep. parla di deflazione.
Mah, forse nel resto dell'Europa ci può essere qualcosa del genere, ma in Italia mi pare proprio di no, a guardare i dati disaggregati. Il calo è quasi interamente dovuto a un -4.8% del comparto energetico (e sarebbe potuto essere maggiore se non ci fossero i prezzi regolamentati...). Per il resto, l'unico calo dovuto alla contrazione dei consumi si direbbe essere quello dello 0.6% (sempre su base mensile) di '"Servizi ricettivi e di ristorazione". Ancora un po' poco, mi sa. O forse è un semplice "attenti al lupo".

27.11.08

[pipponi]     Disparità

Non parlo ancora della Social Card, perché mi mancano alcuni punti per capire se e come sia una fregatura. Parlo invece di una notizia di alcuni giorni fa passata abbastanza in sordina.
Il 13 novembre, la Corte di Giustizia Europea ci ha infatti condannato, e fin qua è una cosa fin troppo frequente. Il motivo, stavolta, è la disparità dell'età pensionabile, che nel caso della pensione di vecchiaia per le donne è fissata a cinque anni in meno che per gli uomini. Sulle prime avevo capito che il problema fosse legato al fatto che una donna, dovendo andare in pensione prima degli uomini, era svantaggiata perché avrebbe avuto una pensione più bassa. Macché. Se leggete questo articolo di repubblica.it, scoprirete che la storia è completamente diversa.
Innanzitutto, l'anticipo dell'età pensionabile per le donne è (era?) una facoltà, non un obbligo: bastava richiedere di continuare a lavorare, e nessuno faceva storie. Secondo l'"Avvocato dello Stato" (wow!) Wally Ferrante, i due terzi delle donne sceglievano tale opportunità, il che significa tra l'altro che non era certo una possibilità ignota. Il guaio è che i cinque anni che le donne possono avere condonati sono "una discriminazione ai sensi dell'art.141 CE dal momento che la medesima facoltà non è concessa agli uomini". Insomma, discriminazione alla rovescia.
Non fidandomi dell'italica stampa, sono andato a cercarmi la sentenza. È anche in italiano, quindi è semplice da leggersi, per quanto "semplice" possa essere una sentenza. Si scopre così che è solamente relativa ai dipendenti pubblici, e che la difesa italiana non è stata considerata valida perché «la fissazione, ai fini del pensionamento, di una condizione d’età diversa a seconda del sesso non è tale da compensare gli svantaggi ai quali sono esposte le carriere dei dipendenti pubblici di sesso femminile aiutando queste donne nella loro vita professionale e ponendo rimedio ai problemi che esse possono incontrare durante la loro carriera professionale.»
Quest'ultima frase è indubbiamente vera, ma mi sembra irrilevante rispetto alla procedura per discriminazione; a questo punto mi aspetto una sentenza della Corte di Giustizia Europea - che però non ci toccherà - per eliminare le "strisce rosa" per i parcheggi pubblici. Più seriamente, non riesco a capire se questa sentenza è per tutto il resto una "cagata pazzesca" oppure no. Voi che ne pensate?

26.11.08

[pipponi]     Anche il governo del fare si addormenta ogni tanto

Stamattina mi hanno telefonato dall'Avis per andare a donare sangue. Dico "nessun problema, passo la prossima settimana", mi fanno le solite domande, ma poi sono costretto a bloccarmi. Lunedì sono infatti stato a Bologna, e quindi devo aspettare 28 giorni prima di una donazione, per le zanzare tigre - esattamente come succedeva l'anno scorso. Ho fatto sommessamente notare che con il freddo becco di questi giorni non credo proprio che di zanzare ne siano rimaste: la signora conveniva con me, ma ha detto che finché il ministero non ritira l'ordinanza non si può fare nulla.
A parte che non dovrebbe essere il mio caso, visto che nell'ordinanza si parla di "almeno una notte di soggiorno", e tenendo pure conto che probabilmente non c'entrano né il ministro del lavoro Sacconi né il sottosegretario Fazio, non è che qualcuno si prende la responsabilità di decretare il cessato allarme?

[pipponi]     Poveri musicisti

Leggo dalla BBC che è stato spedito al premier britannico Gordon Brown un video, da parte di 38.000 musicisti, per chiedere che venga approvata la proposta di legge per l'allungamento del copyright sulle esecuzioni musicali (che è al momento a "soli" 50 anni, a differenza di quello per gli artisti che è di 70 anni dopo la morte dell'autore). La Commissione europea propone di allungarlo a 95 (novantacinque) anni, ma il governo inglese non è d'accordo. Ah: il video naturalmente non è stato fatto da tutti i 38.000 musicisti, ché altrimenti si sarebbe battuto di gran lunga il record di We Are The World, ma da una delegazione di 29 persone.
A parte il banale fatto che per quello che ricordo io dei Beatles i session men venivano semplicemente pagati per la loro prestazione, e non ricevevano royalties (altra cosa è naturalmente quella degli interpreti: i Beatles non guadagnano diritti d'autore solo per le canzoni composte ma anche per quelle cantate da loro, almeno da un certo punto in poi), e a parte che io sono convinto che anche il copright degli autori dovrebbe tornare ad essere ridotto al massimo a 40 anni dalla produzione dell'opera (e non dalla morte dell'autore), qui stiamo parlando degli interpreti. Il copyright per gli autori nacque per fornire loro sostentamento per la vecchiaia, e infatti durava 28 anni che era considerato un periodo equo considerando la speranza di vita di allora. Però stiamo appunto parlando di autori. Qui abbiamo l'equivalente di un mobiliere che prepara un bel tavolo partendo da disegni altrui, vede che il tavolo è sempre usato in occasioni importanti e quindi chiede che per 95 anni gli si dia dei soldi, perché in fin dei conti il suo lavoro è sfruttato da tutti. Non mi sembra che si stia parlando di chissà quale creatività, no?

17.11.08

[pipponi]     Thyssen-Krupp - rinvio a giudizio

Guarinello sarà sicuramente contento, che per una volta ce l'ha fatta: i dirigenti della Thyssen-Krupp sono stati rinviati a giudizio per omicidio volontario. Nonostante quanto possa pensare uno che abbia letto la frase qui sopra, sono d'accordo: se ci sono i fondati sospetti che le apparecchiature di sicurezza, che non solo erano state ritenute necessarie ma per cui erano anche stati stanziati i soldi, non sono mai state installate perché tanto l'acciaieria stava per chiudere, è giusto considerare questa scelta pari a un omicidio volontario. È ora di finirla di pensare che la sicurezza sia qualcosa di facoltativo: ci penserà il processo - è fatto apposta - a valutare se i sospetti di cui sopra corrispondono o meno al vero. Però...
Però c'è una cosa che nessuno mi toglie dalla testa: e che cioè il sindacato avesse patteggiato con l'azienda, chiudendo due occhi sulla mancata installazione delle apparecchiature di sicurezza in cambio di qualche soldo in più per gli operai. Non so se i soldi in più fossero semplicemente gli straordinari che venivano fatti fare per arrotondare gli stipendi, oppure c'erano altri accordi; immagino comunque che fosse stato fatto tutto sottobanco, perché altrimenti gli avvocati degli imputati li avrebbero tirati fuori. L'alternativa - e che cioè il sindacato non sapesse delle condizioni pericolose della fabbrica - non mi sembra poi così probabile, nonostante tutto.
Ecco: diciamo che se il mio dubbio è vero io non vorrei essere uno di quei sindacalisti, anche se la giustizia non li potrà toccare.

14.11.08

[pipponi]     Diaz: che c'è di strano?

I giudizi aprioristici (da destra e da sinistra) sulla sentenza di primo grado per le violenze della polizia alla caserma Diaz li lascio agli altri. Mi limito a far notare due cose:
- per i giudici di primo grado (e probabilmente solo per loro, visto che il tutto finirà in prescrizione) le violenze della polizia ci sono state;
- oltre ai pestatori del Settimo nucleo mobile di Roma, è stato condannato il loro capo Vincenzo Canterini.
È vero: i funzionari di polizia che firmarono il verbale di perquisizione (e che non possono non avere visto) sono stati assolti. Ed è ancor più vero che i vertici della polizia - che non si può certo dire abbiano brillato per far luce sulla vicenda - non sono stati nemmeno toccati. Però ricordo che siamo nel paese dove per lo scandalo delle intercettazioni Telecom non è stato rinviato a giudizio Marco Tronchetti Provera, a cui Tavaroli riferiva direttamente. (Notate che ho scritto "rinviato a giudizio", non "condannato". Sono due cose distinte). Almeno qualcosa si è mosso.

13.11.08

[pipponi]     gli orari non tornano

Il segretario CISL Raffaele Bonanni nega decisamente di essere stato alla "cena di lavoro" da Berlusconi, assieme al suo omologo Angeletti e alla Confindustria, ma soprattutto senza Guglielmo Epifani. Alla domanda «Alcuni cronisti l'hanno vista lasciare Palazzo Grazioli da un'uscita secondaria» la risposta è stata «Si saranno sbagliati, non ero io, a quell'ora ero a Porta a Porta».
Sbaglio, o Porta a Porta non è in diretta ma viene registrata nel pomeriggio? :-)

12.11.08

[pipponi]     mamma, ho vinto il mutuo!

Probabilmente avete sentito parlare della lotteria-mutuo che si sono inventati a Torino. Il comune, di concerto con Intesa-Sanpaolo, hamesso a disposizione cento mutui a tasso agevolato con assicurazione di non essere buttati per strada anche in caso di insolvenza. Visto che le domande sono state più di 1400, si è deciso di sorteggiare i cento fortunati.
Personalmente non sono d'accordo con Galatea, o meglio con una parte del suo post. Non ho nulla in contrario, infatti, al principio "non facciamo una graduatoria, ma sorteggiamo i vincitori". Una volta stabilita una "soglia d'idoneità", in effetti, una graduatoria porta a una guerra tra poveri che può essere anche più deleteria. Quello su cui sono perfettamente d'accordo è che il metodo usato non solo è una pagliacciata, ma cancella anche la dignità delle persone. Perché bisogna fare tutto il teatro dell'estrazione tenuta in un teatro, manco fosse un reality show di serie C? non sarebbe bastato fare l'estrazione negli uffici comunali, davanti a un notaio, e comunicare direttamente il risultato? Ecco: è triste vedere che per tanta gente c'è bisogno di ricorrere alla fortuna per ottenere quello che dovrebbe essere un diritto, ma è anche triste vedere come sia importante apparire.

11.11.08

[pipponi]     scioperi Alitalia

Sento al GR, e poi leggo sul giornale, che i piloti Alitalia hanno deciso autonomamente di scioperare senza appoggio dei sindacati, e quindi sono stati automaticamente precettati (non perché non c'è l'appoggio sindacale, ma perché non c'è stato il preavviso sufficiente, immagino)
Mentre i miei neuroni si stanno lentamente mettendo in funzione, mi sono accorto che il primo mio pensiero era completamente sbagliato e probabilmente i piloti hanno ragione. Come sapete, la mia stima verso Alitalia - ma AirOne non è meglio - è virtualmente nulla, quindi faccio comunque fatica a mettermi nei loro panni. All'inizio però pensavo "perché non hanno continuato con il loro sciopero bianco, che in un ambiente come quello degli aeroporti fa praticamente gli stessi blocchi e non può essere sanzionato?" Poi mi sono reso conto che uno sciopero bianco peggiora l'opinione dei passeggeri, che non vedono nulla di formalmente strano epperò si trovano davanti a ritardi ben superiori alla ormai classica mezz'ora... il tutto senza che ci sia pubblicità della cosa. Uno sciopero bianco può essere utile dopo il passaggio a CAI, ma in questo momento è deleterio. Invece in questo modo i piloti sono riusciti a riprendersi le prime pagine dei giornali, e intanto possono tranquillamente continuare con le tattiche di sciopero bianco: il tutto senza formalmente intaccare i loro sindacati autonomi che possono sempre dire "noi avevamo annunciato gli scioperi con il corretto anticipo. Che possiamo fare?".
Insomma, se guardiamo le cose dal loro punto di vista in effetti c'è un netto vantaggio in un comportamento simile. Complimenti a chi ha avuto l'idea.

08.11.08

[pipponi]     Percezioni diverse

Stamattina Anna e io eravamo in piazzale Lagosta: è arrivato un tram, e alcuni extracomunitare l'hanno tenuto fermo mentre le loro mogli con le borse della spesa al mercato correvano a prenderlo. Vicino a noi c'era una signora direi sulla sessantina che è sbottata, sufficientemente ad alta voce, dicendo "Ecco! bloccano anche i tram!"
Non discuto sulla liceità o meno di quello che hanno fatto. Però faccio notare che io, in più di trent'anni che ho preso mezzi pubblici, ho visto persone di tutte le razze ed etnie fare la stessa identica cosa. Mi domando se la signora soffra di una qualche forma di cecità selettiva.

[pipponi]     Incentivi al riciclo

M'era già capitato una volta, ma stavolta non c'erano offerte speciali a inquinare i risultati. Anna me l'aveva detto, ma non volevo crederci: e invece oggi all'Esselunga il sapone liquido Badedas gocce di natura in confezione standard con l'erogatore costava 1.43 euro. La ricarica dello stesso sapone (uguali dimensioni, solo che c'è un tappo di plastica al posto dell'erogatore) veniva 1.59 euro. Quale sia la logica dietro tutto questo, e perché uno dovrebbe comprare una ricarica, mi sfugge.

07.11.08

[pipponi]     Povero Silvio

Come si legge ad esempio sul Corsera (noto quotidiano komunista), oggi Berlusconi ha avuto un "vivace scambio di battute" con un giornalista americano. Questi gli ha domandato se pensava di chiedere scusa a Barack Obama, e il PresConsMin ha prima risposto «Vedo che anche tu ti sei messo nella lista di quelli che ho detto ieri...» e poi se n'è andato dicendo «Ma per favore, per favore chiedi scusa tu all'Italia...non c'è il senso del ridicolo».
Mi è capitato di vedere il video mentre ero in palestra (comunque il sito del Corriere lo ha messo in linea): e mi sono venute in mente alcune cose.
1) Silvio è sbroccato. Non è per nulla vero che la sua prima frase sia stata pronunciata con una certa calma": era già scocciato ("annoyed"). Un qualunque politico degno di tale nome dovrebbe sapere da una vita che se ti fanno una domanda che ti infastidisce c'è un'unica risposta accettabile: "no comment". D'altra parte, non è la prima volta che gli capita: spero vi ricordiate tutti di come a luglio 2003 diede del kapò a Martin Schulz.
2) La risposta di Berlusconi è maleducata. Per prima cosa, un personaggio pubblico non deve permettersi di dare del tu a qualcuno che gli fa una domanda (dandogli chiaramente del lei). Vedi di nuovo il punto 1 qui sopra.
3) La TV in palestra era sintonizzata su Canale 5. Visto che non credo che la rete principale del Capo si stia smarcando, non mi resta che immaginare che B. a questo punto stia cercando lo scontro a tutti i costi, perché è convinto che la ggggente voglia un Presidente Decisionista. (Occhei, questo punto è in contrasto con il punto 1, ma non ho mai affermato di essere una persona razionale)
4) Se il punto 3 è vero, ciò significa che la maleducazione, oltre che essere un tratto non certo inusuale di B., è stata scelta come simbolo di capacità, seguendo quel precursore dell'Umberto Bossi.
5) In ogni caso siamo messi male.

06.11.08

[pipponi]     E sarei io ad avercela con Silvio?

Sono stato accusato (in privata sede) di essere fissato contro Berlusconi, e non perdere l'occasione di parlare male di lui, anche quando scrivo di tutt'altro. In realtà non è vero: mi capita spesso di parlare del PresConsMin per l'ottima ragione che lui è un presenzialista estremo, e sicuramente non penserei mai di votare per lui, ma non c'è nulla di più.
D'altra parte, il fogliaccio scandalistico scalfariano, AKA Repubblica, mi pare messa molto peggio di me. Basta vedere questo articolo, dove l'anonimo estensore riporta che il nostro PresConsMin, durante un incontro col presidente russo Medveded, definisce il prossimo presidente USA «giovane, bello e "abbronzato"» e commenta che la frase «sfiora pericolosamente i confini del razzismo. Dimenticando che storicamente il razzismo si nutre non solo di violenza e discriminazione, ma anche e sopratuttto di battute a doppio senso».
Questa è sicuramente una battuta che non fa per nulla ridere. Io la definirei semplicemente "inutile", nemmeno stupida. Ma da qui a considerarla criptorazzista mi pare ce ne voglia davvero tant. Ecco: diciamo che io inizio a preoccuparmi se il secondo quotidiano d'Italia si abbassa a fare "analisi politiche" di questo livello. Davvero in confronto io sono un editorialista gigante.
Aggiornamento: (7 novembre) Di per sé non è stata solo Repubblica a sbattere il tutto come prima notizia, come ho mostrato sugli Archivi. Notate che ieri sera Radio Popolare ha preferito metterla come terza notizia, facendola precedere da robettine tipo il taglio di mezzo punto del tasso di sconto e le nuove stime al ribasso del Fondo Monetario. Non mi sembrava poi così difficile.

[pipponi]     linguaggio sessista

Dopo la storia di Susanne Klatten e del suo amante a pagamento svizzero Helg Sgarbi (che razza di cognomi strani hanno gli elvetici!), si direbbe che la parola gigolò sia tornata prepotentemente d'attualità. La parola, ovviamente, non il concetto che è sempre stato ben noto anche se solitamente non appare nei media.
Se si leggono però notizie come questa, si scopre un'asimmetria nel linguaggio usato. Mentre la "persona di sesso maschile che dietro pagamento di congruo compenso allieta le serate di non più giovani persone di sesso femminile, con un tipo di attenzione non trovato nella prostituzione comune" è detta gigolò, la "persona di sesso femminile che dietro pagamento di congruo compenso allieta le serate di non più giovani persone di sesso maschile, con un tipo di attenzione non trovato nella prostituzione comune" è chiamata invece squillo. Può darsi che sia colpa mia, ma quest'ultima parola suona "più cattiva" dell'altra. Chissà quando si potrà tranquillamente parlare degli squillo.

03.11.08

[pipponi]     Scherzi da Divo

Ieri ci siamo corsi il rischio di veder morire Andreotti in diretta: qui la cronaca. Interessante notare che ieri pomeriggio, mentre repubblica.it ha subito messo il video con il senatore bloccato in modalità "risparmio energetico" - e in effetti uno potrebbe anche chiedersi quanti neuroni occorrano funzionali per essere intervistati da Paola Perego - corriere.it non ha scritto nulla per un bel po'. Scelte misteriose.
Ma mi pare più interessante notare due cose. La prima è che nonostante tutto, anche il Divo Giulio potrebbe non essere immortale (ma tanto ormai c'è Sìlviolo che ci sta pensando su seriamente. È un pensiero incredibile per quelli della mia generazione e anche di quella precedente, che sono così abituati ad avere Andreotti che la sua dipartita sarà uno choc anche per chi gli ha augurato millanta volte di morire. La seconda è più cattiva: la parabola discendente del Nostro. Diciamocelo: non ci sarebbe stato nulla di strano a immaginare un suo malore fatale durante una seduta al Senato. Non dico nel mezzo di una votazione palese, quello forse sarebbe troppo, ma in una lunga seduta magari sì. Pensare a un malore durante un talk show è sicuramente un sintomo di decadenza: ma magari è lo specchio dell'Italia attuale.

30.10.08

[pipponi]     parliam, parliam!

Non bastava Francesco Cossiga che, avvisandoci con qualche giorno di anticipo cosa sarebbe successo ieri, ha incidentalmente confermato l'uso di agenti provocatori infiltrati nei movimenti. A quanto riporta Repubblica, Giulio Andreotti conferma che nel 1986 il nostro governo ha avvisato Gheddafi di un imminente attacco da parte della Marina USA.
Non entro nel merito delle nostre scelte di politica estera: al limite faccio notare come sia ovvio che poi non veniamo ritenuti un partner così affidabile. Mi chiedo invece che cosa stia succedendo. Con il Presidente Emerito uno può sempre dare la colpa al dosaggio sbagliato delle medicine. Ma con il Divo Giulio? Non vorrete mica dare ragione a Leonardo e dire che è tutto un bisogno estremo di attenzione da parte dei nostri politici?

28.10.08

[pipponi]     Il taglio dei tassi è una fregatura

Si sente parlare di un nuovo taglio dei tassi, come Misura Per Far Ripartire L'Economia. Mi concedete di essere dubbioso?
Il Tasso ufficiale di sconto (TUS) è l'interesse che le banche centrali chiedono alle altre banche per prestare loro i soldi, ed è quello su cui sono generalmente basati i tassi di interesse passivi (quelli che il Conto Arancio vi dà se lasciate i soldi da loro, tanto per spiegarsi). Quindi si taglia il tasso di sconto e anche i tassi vengono tagliati. Il tasso variabile di un mutuo, però, è generalmente basato sull'Euribor, vale a dire su quanto si chiedono in media le banche per scambiarsi i soldi tra di loro.
In questi mesi le banche non si fidano per nulla tra di loro (mi pare lo dicesse mfisk, ma non ho trovato il riferimento puntuale), quindi l'Euribor non cala affatto in maniera corrispondente al tasso di sconto, e così la gente è fregata come prima. È possibile - non sono certo esperto di economia - che le aziende possano ottenere tassi più legati al TUS che all'Euribor, e sicuramente l'affermazione "abbassiamo i tassi" ha un effetto placebo sul mercato; ma mi sa che l'aumentare la possibilità che le banche chiedano prestiti alla banca centrale sarebbe più utile. Non fatevi problemi a commentare in contrario (tanto lo fate sempre :-P )
P.S.: il tasso di sconto in Islanda è appena passato dal 12% al 18%.

27.10.08

[pipponi]     Perché FriendFeed ha tanto successo

Non so se conoscete FriendFeed. È un sito che permette di raccogliere tutte le vostre presenze in rete (sempre che esista un feed, vale a dire che venga creato un flusso automatico di dati ogni volta che aggiungete un testo o una foto o chissà cos'altro), e renderle disponibili in un colpo solo. Di per sé, uno può anche farsi degli "amici immaginari" e raccogliere i loro feed, anche se loro non vogliono entrare in FriendFeed: però in questo caso, a quanto ho capito, solo tu puoi guardare quello che ha combinato il tuo amico.
Il punto davvero importante è che i tuoi amici (reali, per quanto si possa parlare di amicizia reale in rete) possono anche inserire un breve commento su quanto hai postato; e i commenti possono man mano formare una sorta di conversazione, con il vantaggio - o svantaggio, a seconda dei punti di vista - che tu utente FF vedi non solo le conversazioni tue e dei tuoi amici, ma anche quella degli amici-degli-amici, se i tuoi amici ci hanno commentato su.
Qualche minuto fa, dopo aver visto come questa discussione si è aggrovigliata, la parte di me nota come "sociologo Dixan" (nel senso che le mie capacità sociologiche sono l'equivalente di un premio trovato in un fustino di detersivo) ha improvvisamente capito perché nella solita cricca di blogghettari FriendFeed sia così di moda: ha riempito una nicchia che non era ben coperta.
Mi spiego meglio. Sono decenni che le "conversazioni" in rete tendono spesso a vagare senza nessuna meta precisa, con una serie di botta-e-risposta che non sono vere conversazioni - da qui le virgolette che ho usato - ma l'equivalente scritto di un chiacchiericcio da bar. Il guaio è che i sistemi usati finora per esprimere in pratica il chiacchiericcio di gruppo non sono mai stati molto comodi. Tralasciamo la preistoria con Fidonet, dove se ti andava bene ottenevi la risposta il giorno dopo. Le chat vanno bene, ma solo quando tutte le persone sono contemporaneamente presenti e attive, il che non è che può capitare molto spesso. Usenet ha un overhead troppo grande, si spediscono (e ti appaiono a video) mezze schermate di righe di header per un'unico misero commento. I forum andrebbero quasi bene, se non fosse che sembra necessario mettere pacchi di GIF animate come propria firma, annegando così il segnale. Sì, il chiacchiericcio è segnale, anche se a prima vista non sembra. Tumblr va benone per fare un meme e riciclare qualcosa che è piaciuto, ma se appena si tenta una discussione si finisce schiacciati sulla destra del video a furia di blockquote (le righe di commento).Twitter (ammesso che i server stiano su, cosa che non è affatto scontata) è un po' troppo spartano, con il limite di 140 caratteri e non ricordo quanti upgrade per ora, e la difficoltà di seguire più di una conversazione per volta.
Con FriendFeed si è raggiunto un compromesso praticamente perfetto. I vari thread sono ben separati, e uno può averne sott'occhio un certo numero; i commenti sono lì, uno dietro l'altro, senza inutili orpelli a fianco, e si possono vedere al volo. E soprattutto si può rispondere in tempo reale, oppure in differita. Occhei, non troppo in differita, vista la quantità di roba che passa: io ho solo 28 amici diretti, eppure ogni tanto salto un bel po' di roba per pura mancanza di tempo. Potete ben capire come un meme parta molto in fretta, soprattutto se qualcuno è bravo a fare le cose in modo da metterlo su un piatto d'argento. Io ad esempio non ne sono capace, probabilmente perché scrivo tanto (troppo) ma non ho frasi belle incisive: solo titoli di post, che possono piacere ma non portano a una "discussione cazzeggiosa". Ma poi tutti sono convinti che io sia una persona serissima.
È una Buona Cosa, tutto questo? Boh. Ad esempio, toglie questo chiacchiericcio dai commenti del blog, il che per me è apprezzabile ma per altri magari no. Si corre indubbiamente il rischio che la deriva degli argomenti renda inutile la chiacchierata a chi era interessato al tema iniziale, ma a questo punto forse conviene ricominciarne una da capo: costa poco. Il poter vedere gli amici di amici in maniera ricorsiva può far correre il rischio di beccare qualcuno con cui non si va per nulla d'accordo, e lì bisogna da un lato usare i mezzi tosti come bloccarsi la vista dell'utente e dall'altra sperare che i propri amici non riprendano i commenti del nostro compagno-di-thread. Ma forse parlare di Buona Cosa non è corretto, come non è corretto parlare di Cosa Utile: il punto è che come sempre ci sono varie tecnologie possibili per raggiungere un certo risultato, e per il chiacchiericcio FriendFeed è al momento la migliore esistente. Ma è una tecnologia, e quindi neutra: siamo poi noi a usarla, come ci continuano a dire da una vita :-)
(Chissà se i primi Neanderthal che hanno visto che una pietra appuntita poteva ammazzare anche un altro umano si sono grugniti qualcosa di simile tra loro!)
Aggiornamento: (28 ottobre) Mi sono dimenticato di Facebook. Credo sia un lapsus freudiano, perché mentre scrivevo ce l'avevo in testa, ma si sa che non lo sopporto. Dalla mia limitata esperienza, Facebook, più che al chiacchiericcio, scende al livello di cazzeggio. Di per sé dalla home page si possono vedere le varie discussioni, ma almeno tra i miei "amici" è rarissimo che una discussione superi i tre commenti. Non so dire se è la piattaforma ad essere più dispersiva in assoluto, o semplicemente che chi sta su Facebook preferisce dedicarsi a creare gruppi (a cui non partecipo) e comunicare lì.

[pipponi]     Non ci sono più Cavalieri di Vittorio Veneto

Ieri è morto Delfino Borroni. Oltre ad essere l'italiano più vecchio (110 anni...), Borroni aveva un'altra caratteristica: era l'ultimo dei Cavalieri di Vittorio Veneto, i reduci della prima guerra mondiale (anche se nell'elenco che avevo postato qui c'erano due persone nate nel 1900 che non erano state insignite dell'onorificenza pur essendo state arruolate).
Certo che se già la seconda guerra mondiale è un evento ormai lontanissimo per la maggior parte di noi, nonostante le polemiche che sorgono tutte le volte che la destra arriva al governo, pensare che fino a ieri c'era ancora un legame così lontano è qualcosa di incredibile.

22.10.08

[pipponi]     Lo stato in cui versa l'università

ricordate la scopiazzatrice? Ne avevo parlato ad aprile.
Bene, ho avuto posta da lei (dopo che il suo ragazzo ha fatto una ricerca sul suo nome). Per ragioni di privacy non posso citare verbatim il suo testo (ma il titolo del suo messaggio, la scopiazzatrice...! IHIHIIHIHIHIHI, sì). La fanciulla doveva fare un esame di matematica, e il professore ha chiesto agli studenti di creare un blog sulla matematica. Come potete immaginare, la fanciulla alla matematica non è interessata per nulla, e il concetto "indicare la paternità di quanto scritto" le è assolutamente alieno, visto che (per lei) era chiarissimo che non poteva averlo scritto lei, quel testo.
In tutto questo io vedo un grosso problema. No, il problema non è la fanciulla: è quel professore universitario, che fa fare delle cose a cui lui per primo non crede (altrimenti la fanciulla non avrebbe preso 30: o volete forse dire che copiare roba senza nemmeno una riga di commento serve a fare matematica?), che non servono assolutamente a nulla, ma fanno tanto "moderno". Il tutto da una persona che in teoria dovrebbe essere parte dell'élite culturale italiana. Il vero problema è questo.

[pipponi]     Il Codacons supera i patrii confini

Persino la BBC riporta la richiesta del Codacons di mettere un tetto al montepremi (in questo caso del Superenalotto) e distribuire tra i premi minori i soldi che altrimenti sarebbero andati al jackpot. Se non sbaglio non è la prima volta che Rienzi fa questa proposta, anche se stranamente mi sono accorto di non averne mai parlato in occasione delle precedenti ondate di caccia ai sei numeri vincenti.
Sapete benissimo che non sono mai stato tenero con il Codacons, ma in questo caso sono dalla loro parte. So perfettamente che allo Stato fa tanto piacere che il jackpot cresca, perché le persone sono sempre più invogliate a giocare e tanti soldini vanno all'erario. Però è anche vero che non penso la vita cambi molto vincendo cinquanta, settanta o cento milioni di euro (lo so, ci sono i gruppi di giocatori che comprano la quota del sistemone: a parte che da buon matematico non comprendo l'utilità pratica del sistemone, vorrà dire che il numero di giocatori del gruppo si ridurrà). In compenso, tutti i giocatori che fanno tre oppure quattro si troverebbero una sommetta maggiore, il che dovrebbe comunque fare piacere. Occhei, la ridistribuzione del reddito è un concetto prettamente marxista: però non credo che Groucho... ehm, Karl pensasse anche ai concorsi a premi. La televisione ha sicuramente rimpiazzato la religione come oppio dei popoli, ma le lotterie non sono poi così dietro.

20.10.08

[pipponi]     Facebook, privacy e chiacchiere a vuoto

Apis mi chiede "un autorevole parere sul mio blog" riguardo Facebook e la privacy, "considerato che ne parlano Mantellini (2 post), Attivissimo e molti altri". Io gli ho risposto che di queste cose non ne so niente; però, vivaddio, sono un bloggher, e quindi devo essere per definizione in grado di pontificare su cose che non so. Ecco quindi le mie (assolutamente inutili) considerazioni, per la gioia di quel pezzetto di blogocono che non solo ha conosciuto questo blog, ma non si è ancora scocciato della mia logorrea.
Premessa: ho un account su facebook. Ce l'ho da giugno 2007, secondo i miei record. Sul mio profile ci ho scritto una spataffiata di cose, tutte rigorosamente vere. Mi ci collego regolarmente per ignorare le richieste di amicizia (a meno che non conosca personalmente e seriamente le persone, o abbiamo fatto almeno tre anni di Usenet assieme ai bei vecchi tempi), ignorare il 99% delle varie richieste di far parte di un gruppo o di attivare un'applicazione, ed eventualmente rispondere al messaggio di qualcuno.
La mia personale opinione è che Facebook sia l'esperimento meglio riuscito di social engineering su scala planetaria. Per chi non lo sapesse, il social engineering è il modo più semplice per ottenere informazioni segrete. Crederete mica che i cracker e gli hacker abbiano fatto attacchi bruta forza per penetrare nei sistemi? Figuriamoci. È molto più semplice ricavare la password direttamente dalla persona stessa, magari chiacchierando un po' e facendo in modo che ti dia implicitamente degli indizi. Facebook è appunto l'estensione di questo concetto. Ti senti invogliato a riempire il tuo profilo parlando di te, perché così i tuoi amici ti possono trovare. (Tra l'altro, nota che il profilo non fa parte dei setting, cioè la parte che viene tipicamente vista come "la sicurezza"). Ti senti invogliato ad accettare tanti amici, perché così ti puoi mantenere in contatto con loro. Addirittura, non appena qualcuno ti manda un messaggio attraverso un'applicazione - e questo è così facile, visto che te lo fa fare di default - tu sei pronto a dare tutti gli accessi in lettura a questa applicazione. E lo fai volontariamente. Il paradiso per un social engineer, non c'è che dire.
Io non sono così paranoico. Come ho scritto, i dati che ho fornito sono parecchi e tutti rigorosamente veri. Però sono tutti dati che non mi dà fastidio riportare, anche in un unico posto il che permette di fare molta fatica in meno a radunarli. D'altra parte, basta leggere il mio blog per avere una quantità simile se non maggiore di informazioni su di me, quindi non è che ci perda così tanto :-) Il guaio è più che altro per chi non è abituato a questa perdita di intimità nell'Era della Rete (e poi magari piange perché pretende il diritto all'oblio...); inoltre non so cosa potrebbe succedere con un'applicazione meme che però ricavi abbastanza dati per fare un profilo demografico di un numero davvero grande di persone.
Se io dovessi rivedere il modello di Facebook, credo che lo farei "a cipolla": non definirei solo amici ma anche contatti, conoscenti, colleghi, familiari, intimi; renderei impossibile sapere a quale categoria appartiene una persona (un "contatto" non può vedere direttamente nulla, un "conoscente" vede amici colleghi familiari intimi tutti come "conoscenti", e così via), e per ogni dato lascerei la scelta di indicare fino a che categoria renderlo pubblico, con default "a nessuno". Ma so anche che un modello del genere non avrebbe mai avuto successo: il bello del social engineering è proprio che funziona proprio perché è il tapino stesso che vuole così, come del resto tutte le truffe anche nella vita reale. Quindi teniamoci Facebook così com'è; e svegliamoci, non sveliamoci!

[pipponi]     Niente assistenza medica ai clandestini?

Premessa: ho fatto una ricerca sul sito del Senato, e non sono riuscito a trovare l'emendamento leghista che, secondo Repubblica, vorrebbe cancellare
l'articolo 35, comma 5 del Testo unico sull'immigrazione: «l'accesso alle strutture sanitarie da parte dello straniero non in regola con le norme sul soggiorno non può comportare alcun tipo di segnalazione all'autorità». Di per sé questo non vuol dire nulla, se non che non è così facile cercare un emendamento nel sito del Senato.
Io spero che la notizia sia falsa. D'altra parte, anche se non lo fosse trovo ancora più triste il pensiero che la possa credere vera. L'idea di delazione aprioristica mi fa venire solo in mente la seconda guerra mondiale.
Aggiornamento: (h 17:55) A quanto pare è proprio vero, almeno secondo questo PDF. Non sono abbastanza esperto per capire la differenza per i commi 4 e 6, ma il 5 è indubbiamente cancellato.

16.10.08

[pipponi]     classi ponte

Non bastavano gli otto miliardi di euro di tagli alla scuola proposti dalla Maria Stella Gelmini (anche se a dire il vero il corteo per la manifestazione di ieri al Trotter è passato sotto il mio ufficio, e ci saranno sì e no state duecento persone, giusto per dare un ordine di grandezza). La Lega, già che ha visto l'opportunità, ha pensato bene di far votare una mozione per creare "classi ponte" dove mettere i bambini che non parlano italiano (leggasi gli stranieri). Persino da destra si sono levate voci contrarie: magari perché si corre il rischio di non riuscire ad approvare il decreto Gelmini prima che scada. Anche i blogh e i bloggher ne parlano, immagino con maggior cognizione di causa del sottoscritto che non ha figli e non sa come sia la classe di scuola di suo nipote a Torino. Però non evito comunque di sparare le mie idee.
Innanzitutto, già vent'anni fa per bocciare un bambino nella scuola elementare dove insegnava la mia mamma occorreva che fossero d'accordo il maestro, il direttore della scuola, lo psicologo e i genitori del bambino: giusto per capire che il problema non è dei bambini extracomunitari, che al tempo non c'erano almeno nella scuola vicino a casa mia. Possiamo discutere se sia meglio avere una classe con bambini dello stesso sviluppo fisico o una classe con bambini dello stesso sviluppo cognitivo, ma è appunto una discussione diversa.
La risposta più logica (beh, a dire il vero è anche quella dei legaioli) è "è meglio avere una classe con bambini dello stesso sviluppo fisico e dello stesso sviluppo cognitivo". D'accordo, in linea di principio. Però in questo caso sarebbe più logico avere un percorso aggiuntivo, dove chi non sa l'italiano a sufficienza e quindi ha difficoltà a seguire le lezioni abbia corsi suppletivi di italiano al pomeriggio che lo aiutino a raggiungere il livello sufficiente. Altrimenti è ovvio che separando le classi otterrai bambini di serie A e bambini di serie B-C1-C2...
Oops. Dite che è appunto così?

14.10.08

[pipponi]     Altro che le tonnare

Per la serie "le notizie che non arrivano da noi", leggo dalla BBC che si va verso una moratoria della pesca al tonno dalla pinna blu nel Mediterraneo. Il livello sostenibile per la pesca sarebbe 15000 tonnellate l'anno, mentre le quote ufficiali sono il doppio e altre 20000 tonnellate vengono pescate di nascosto: il risultato è che la popolazione è scesa a un terzo di quella degli anni '70. Sembra che finalmente Spagna (maggior pescatore) e Giappone (maggior consumatore) abbiano accettato un periodo di riposo.
Detto tutto questo, sbaglio oppure la pubblicità del tonno in Italia mette l'accenno al fatto che le scatolette hanno tonno dalla pinna gialla che è tanto più buono? Non è che qualcuno glielo va a dire ai giapponesi?

11.10.08

[pipponi]     Ipocrisie diverse

Io capisco chi si lamenta dei tentativi di intromissione della Chiesa nelle leggi dello Stato (andando poi contro anche le proprie stesse norme, come scrissi a suo tempo).
Ritengo ancora più ipocrita la posizione del nostro Parlamento, che invece di provare a scrivere una legge che definisca quando si può accettare di terminare anche le cure di sopravvivenza preferisce appellarsi contro la magistratura che prende le sue decisioni. (Ah già, mi ero scordato che in questa legislatura le leggi le fa solo il governo, non il parlamento).
Però vedere che non appena Eluana Englaro ha una crisi tutti i quotidiani online subito si buttano a pesce a scrivere titoloni a riguardo (sbagliando anche a scrivere): ecco, questo mi pare estremamente ipocrita. Se ritenete di voler fare una campagna a favore dello staccare la spina, potete intervistare il padre, oppure parlare con medici neurologi filosofi e quant'altro; però per favore non mettete in mezzo quella ragazza, che è vero che non può sentire nulla ma non credo che avrebbe voluto trovarsi in mezzo a tutto questo cancan. Anche questo è accanimento.

10.10.08

[pipponi]     Fede e Finanza

Io di economia non è che ci capisca molto, giusto per usare un eufemismo. Devo dire che mi sa che nemmeno gli economisti da Nobel ne capiscano più di tanto, e anzi non vedo l'ora di scoprire chi vincerà il premio quest'anno.
Detto questo, a me sembra abbastanza chiaro che soprattutto negli ultimi decenni i soldi che giravano sono sempre più stati finti. Non so se il punto di svolta sia stato Bretton Woods o la decisione nixoniana del 1971 di sospendere la convertibilità in oro del dollaro: fatto sta che oggi come oggi il denaro non ha più alcuna relazione con una produzione di beni. Non parlo di banche e finanziarie, che per definizione prestano molti più soldi di quelli che hanno basandosi sul fatto che non dovrebbero essere chiesti indietro tutti assieme, ma anche delle stesse aziende manufatturiere. Se sono quotate in borsa, significa che il valore delle quote azionarie non dipende più da quello che è immobilizzato per la produzione dei beni, ma da quello che "il mercato", qualunque cosa esso sia, ritiene che vale la pena pagare. Aggiungiamo poi che è possibile non solo comprare e vendere azioni ma anche comprare e vendere diritti futuri sulle azioni, per non dire di vendere azioni che al momento non si hanno ma in futuro si suppone di avere, e capiamo che tutto questo potrà ancora chiamarsi mercato ma è qualcosa di completamente diverso da quello con i banchetti per le strade: un po' come andare da Pizza Hut per prendersi un trancio di "pizza" che magari è anche gustosa ma sicuramente non è pizza.
Vb dice che bisogna avere fede nel denaro come in una qualunque religione. Io sostituirei a "denaro" il concetto di "mercato": per anni, se non decenni, si è andati avanti e sono stati moltiplicati pani e pesci... eh, indici e prodotti finanziari; ma ora la fede è stata persa, e non si vede un nuovo profeta all'orizzonte.
Perché, però, in questi giorni non sono state bloccate tutte le vendite allo scoperto? Quando dico "bloccate", significa proprio che uno debba mostrare di avere fisicamente il possesso di quelle azioni che stava vendendo. Almeno ci sarebbe una parvenza di ritorno al tangibile. O forse siamo andati troppo oltre?
Aggiornamento: (13:45) La Consob ha vietato le vendite allo scoperto. Stavano aspettando che io lo scrivessi?

07.10.08

[pipponi]     Non facciamoli più soffrire

Ieri sera al microfono aperto di Radio Popolare c'era come ospite Valentino Parlato del Manifesto, che chiedeva l'aiuto degli ascoltatori della radio per l'ultima "ultima chiamata": la non so più quantesima raccolta di fondi per evitare la chiusura del quotidiano. Nella decina di minuti in cui sono rimasto ad ascoltare, gli interventi - e ricordo che stiamo parlando di ascoltatori di una radio della sinistra dura e pura - sono stati tutti contrari, anche da parte di lettori e abbonati che quindi i soldi li stavano già cacciando: e non posso negare che ogni tanto ridacchiavo.
Due premesse. Le tendenze politiche dei miei ventun lettori sono assolutamente di tutti i tipi: so che uno ha creato un gruppo Facebook "Salviamo il Manifesto" (io non mi iscrivo a nessun gruppo colà, lo ammetto subito), e d'altra parte so che ci sono degli iperliberisti. È anche vero che Anna mi dice sempre che le mie posizioni politiche sono quelle del Manifesto: tutto nacque con l'assoluzione di Andreotti per il delitto Pecorelli, quando a colazione le dissi come la pensavo io sulla cosa e poi alla rassegna stampa scoprimmo che l'editoriale del quotidiano comunista era sulla stessa linea. In realtà non sono così a sinistra, ma non è così importante.
Quello che io so è che saranno quindici anni che si va avanti a richieste di fondi, il che significa che il Manifesto è strutturalmente in perdita. In effetti nessuno ci vieterebbe di fare un Bad Manifesto e trovare dei capitani (ma anche solo caporali) coraggiosi che ripartano da capo con gli asset che hanno ancora un certo valore: ma non credo che la cosa comunque funzionerebbe. Banalmente, non c'è una massa critica di persone interessata a quello che scrive il giornale; e aggiungerei "a come lo scrive", perché è chiaro che se uno lo acquista non è per sapere cosa è successo al reality ma per avere un certo tipo di visione di cosa sta accadendo nel mondo: però posso garantirvi che le volte in cui mi è capitato di comprarlo ho fatto fatica a seguire buona parte dei pipponi. In secondo luogo, evidentemente non ci sono aziende che pensano che sia utile pubblicizzarsi tra quei lettori.
A questo punto, i casi sono due: o si inventa una legge Bacchelli anche per le cooperative di giornalisti finite in indigenza e non solo per gli artisti finiti in indigenza, oppure si ha il coraggio di chiudere e basta. E secondo me è la seconda, la scelta giusta. Triste, perché è chiaro che non è bello pensare che Libero lo compri almeno il triplo delle persone, ma tant'è. È un po' come il proverbio che dice che non si possono raddrizzare le gambe a un cane.

[pipponi]     scuse all'italiana

Non mi verrebbe mai in mente di pretendere che, dopo un disastro come quello dell'ATM di ieri, i vertici aziendali si dimettessero. A parte che non credo che lo facciano più nemmeno in Giappone, non ha un grande senso. Ma che si scusassero, magari sì.
Invece Elio Catania, presidente ATM, dichjara papale papale «Questo guasto è il prezzo che città e azienda pagano per 10 anni di mancati investimenti nelle infrastrutture. Tutti i dipendenti oggi devono chiedere scusa ai clienti per il disservizio inaccettabile.» Bisogna dargli atto di una cosa: bisogna avercene tanta, di faccia tosta, per riuscire a dire una cosa del genere senza scoppiare a ridere. Innanzitutto, le "infrastrutture" non c'entrano nulla, visto che questo è ovviamente un problema di manutenzione. Poi i casi sono due. O gli addetti alla manutenzione delle linee aeree non fanno bene il loro lavoro e dunque i colpevoli sono solo loro e non tutti gli altri dipendenti; oppure - e non so come dirlo, ma io scommetterei più su questo - per poter affermare di avere il bilancio in attivo ATM continua a tagliare sulle cose incomprimibili e incrociare le dita.
Ma d'altra parte il facciaculismo è lo sport nazionale italico. L'assessore milanese alla mobilità Croci (insomma, il capo di Catania), prima di dire che «questo disservizio è inammissibile», ha ricordato che «Abbiamo il metrò più vecchio d'Italia». In effetti il tratto Caiazzo-Cascina Gobba è stato aperto nel 1969. Mi domando solo cosa Croci pensi possa succedere a Parigi o New York, la cui rete metropolitana ha una settantina d'anni in più. Anzi no, non me lo domando. Evitiamo la retorica almeno qua.

[pipponi]     Il potere magico dell'oro

Inutile dire che le battute sulla frase pronunciata dal papa al sinodo di ieri ("I soldi scompaiono: solo la parola di Dio è solida") si sono sprecate. Stamatina Gianmarco Bachi chiedeva al professor Di Stefano quant'è il rendimento della parola di Dio (questa però è facile: "il centuplo quaggiù", oltre all'eternità che però è difficile conteggiare in un piano finanziario).
A parte le battute anticlericali, quello che molti hanno fatto notare è che il Vaticano sembra non avere risentito piu di tanto della crisi finanziaria, visto che l'anno scorso, consigliato dai suoi analisti, aveva convertito molti titoli in oro, tanto che adesso ne aveva una tonnellata per un valore equivalente di 19 milioni di euro. Da questa notizia si possono trarre varie conclusioni. Innanzitutto, che il Vaticano sembra aver fatto tesoro del disastro dello IOR, e scelto gente magari senza tonaca, ma che ci capiva qualcosa di finanza. Tanto Marcinkus è morto. La seconda cosa è che i giornalisti non sono capaci di fare i conti. Anche se il Vaticano è picolo e non puo avere chissà quale bilancio, 19 milioni sono davero pochi. Se non sbaglio, solo l'Obolo di san Pietro, la donazione annua di tutte le chiese cattoliche nel mondo, vale dal doppio al triplo di tale cifra. (Sì, lo so che l'8 per mille dà circa un milardo di euro l'anno, ma lo dà alla CEI, non al Vaticano). E in effetti, se si va a leggere Il Giornale, si scopre che a parte l'oro il Vaticano ha anche disinvestito in titoli e tenuto in valuta l'equivalente di 340 milioni di euro, oltre a 520 milioni di euro in obbligazioni. Insomma, un totale più di quaranta volte maggiore delle riserve auree. Però volete mettere il fascino della parola "oro" (e forse la difficoltà di arrivare al secondo paragrafo del rapporto originale)?

06.10.08

[pipponi]     Rinormalizzazione faziana

Ieri sera, nell'attesa di Blu Notte, abbiamo visto l'ultima mezz'ora di Che tempo che fa. Anna, che notoriamente è più intelligente di me (e infatti non ha un blog), mi ha fatto notare che chi scrive i testi per la Littizzetto ha (magari sua sponte, intendiamoci) eliminato brutalmente tutta la parte legata alla politica. Ieri ci sono semplicemente stati i siparietti con Fazio, una tirata sulle forze di polizia e una contro i turisti che se ne vanno in giro nei posti pericolosi e poi devono essere salvati. Non mi ha fatto ridere.
In compenso mi è aumentata la febbre dopo aver sentito Marco Tronchetti Provera che, a domanda "Cosa non andava bene nell'offerta AirFrance-KLM per Alitalia dello scorso marzo?" è riuscito a rispondere "Nel piano si parlava di sostituire solo tre aerei l'anno" (si sa, bisogna muovere l'economia) e soprattutto "Come aveva anche ammesso Padoa Schioppa, bisognava chiudere Malpensa, che fa il 25% del traffico italiano". Sì, ha detto proprio chiudere. Non "togliergli lo status di hub", che era quello che voleva fare Spinetta, ma che forse è stato considerato un concetto troppo complicato.
Insomma, direi che effettivamente la Littizzetto si può anche togliere, i comici sono gli altri. E col placet di S.E. Cav.

03.10.08

[pipponi]     Mai citare il nemico

Ieri c'è stata l'ennesima aggressione ai danni di una persona. Questa volta l'aggredito è un cinese, gli aggressori un gruppetto di adolescenti romani. Cor&Rep hanno ovviamente pubblicato tutti i loro articoli generati più o meno automaticamente: la retorica è una merce che non soffre mai di penuria. Ma quello di cui mi interessa parlare è il taglio con cui la notizia è stata data ieri da Radiopop. La banda è stata subito presa, praticamente in flagrante, perché un consigliere municipale aveva assistito al pestaggio. Tutto qua. Solo stamattina, da City, ho capito il motivo: il consigliere, Fernando Vendetti, è stato eletto per AN.
Questo tacere il nome del nemico è una cosa che mi fa sempre andare in bestia. Una delle cose che ho imparato da giovane è di ricordarmi sempre di non etichettare automaticamente una persona, ma verificare prima i fatti. È stato uno di AN a fare il suo dovere? Bene, gli si dia il giusto merito. Poi puoi continuare a tuonare contro la politica che quel partito sta facendo a Roma; non c'è nessuna contraddizione. Ma omissioni parziali di questo tipo per me si categorizzano sotto "omertà".

30.09.08

[pipponi]     L'università negli USA

Repubblica lancia alti lai sulla possibile eliminazione dell'esame di italiano degli APP (Advanced Placement Program: in pratica, un portarsi avanti col lavoro, facendo già durante l'High School dei corsi che ti danno crediti per l'università). La situazione deve essere così tragica che non solo Rep.it ha messo dei collegamenti esterni, ma li ha persino colorati in rosso.
Poi uno va a leggere l'articolo e scopre che questo esame è nato due anni fa dopo una serie di spinte politiche, che non viene fatto praticamente da nessuno (ci saranno quasi tre milioni di diciassettenni statunitensi: 1800 persone è lo 0,06%...) e gli americani, da buoni liberisti, dicono "o qualcuno sgancia i soldi o si chiude baracca e burattini", né posso dar loro torto.
Sì, lo so che dire "mal comune, mezzo gaudio" è un'idiozia. Però mi sembra giusto far notare che non dobbiamo sempre guardare con invidia gli altri... o meglio, dobbiamo invidiarli perché sono capaci ad eliminare le cose inutili e costose.

23.09.08

[pipponi]     iosiismo

Alcuni anni fa era diventato di moda il termine "benaltrismo", usato per indicare coloro che, quando gli facevi notare una loro piccola mancanza, ti rispondevano "i veri problemi sono ben altri".
Passano gli anni, e occorre prendere atto che la categoria si è evoluta, se mi è concesso usare il termine in questo contesto. Ho cercato di trovare un bel nome per definirli, ma non ce l'ho fatta: se qualcuno vuole suggerire qualcosa meglio di questo cacofonico "iosiismo" è il benvenuto.
Tutto nasce con i commenti a questo post, dove varie persone si sono lamentate della caccia alle streghe contro chi ha bevuto e si mette alla guida, con una serie di motivi che vanno da "lo Stato non deve fare da balia" al sussulto di benaltrismo "perché, quelli che telefonano non sono pericolosi uguali?" e finiscono inevitabilmente con qualcosa di equivalente a "io ho guidato tante volte dopo avere bevuto un po', e non ho mai avuto un incidente", proprio come quello che si bullava ieri sera alla radio.
Ecco il tipico esempio di iosiismo: chi è affetto da questa sindrome sa perfettamente di avere sufficiente buon senso da poter fare qualcosa che è sanzionato come pericoloso... perché lui sì. (Uso il maschile perché non ci sono state commentatrici nella categoria: non saprei però dire se l'iosiismo sia fondamentalmente maschile o no). Potrei sparare sulla crocerossa, e far notare che anche se stai ancora giocando alla roulette russa non hai mai avuto un incidente. Ma di per sé non è nemmeno quello il punto.
Il punto è che per me non ci sarebbe nulla di male se tutti quelli che hanno "bevuto un po' di più", nel caso per loro ovviamente impossibile di un incidente, uscissero di strada e sbattessero contro un palo della luce, ammazzandosi sul colpo (ed eventualmente ammazzando i loro passeggeri, che hanno deciso di fidarsi di lui). Il punto è che con ogni probablità non capiterebbe così, e ci finirà in mezzo qualcuno che non c'entra nulla. Ah, naturalmente se nell'incidente di cui sopra quello che "ha bevuto un po' di più" fosse solo ferito, a questo punto il mio buon senso mi dice che tutte le cure ospedaliere se le paga lui, visto che lo Stato non deve fargli da balia.
Certo, un incidente può capitare anche a chi non ha bevuto nemmeno un goccio; certo, ci sono millanta cause che possono farti perdere per un attimo l'attenzione... (immagino che a questo punto abbiate capito perché l'iosiismo sia un'evoluzione del benaltrismo). Diciamo che gli iosiisti sono sempre bravi a trovare scuse. Ma in questo sono indubbiamente cittadini italiani a pieno titolo. Il famoso motto di molti degli industriali italiani "privatizzare i profitti, statalizzare le perdite" non è altro che iosiismo applicato alla gestione aziendale. "Io sì che so come far gestire un'azienda, e so quando le regole possono essere un po' piegate...", salvo poi fallire e pietire aiuto.

22.09.08

[pipponi]     C'è chi si vanta

Stasera, al microfono aperto di radiopop, si parlava dell'obbligo per i locali di esporre la tabella per il calcolo del tasso alcolemico. Telefona uno e dice "Ah, per me lo Stato non dovrebbe vietare nulla, ma semplicemente dare informazioni sulla pericolosità dell'alcol o della marijuana: poi ognuno si sa regolare. Prendete me: l'altra sera mi ero bevuto tre pinte di birra, mi hanno fermato, ma visto che non sembravo ubriaco non mi hanno fatto l'esame, perché io la birra la reggo". Il conduttore gli fa "ma eri ubriaco o no?" e lui "sì, ero un po' ubriaco, ma quando sono così io guido benissimo".
Se mai mi capitasse di dimenticarmi con che razza di gente ho a che fare non appena esco di casa, posso essere certo che loro me lo ricordano subito. Forse dovrei ringraziarli.

[pipponi]     L'esercito per strada

Me n'ero dimenticato. Venerdì, mentre rientravo da pranzo, ho visto una delle famose "pattuglie miste" che dovrebbero renderci tutti più sicuri. Due giovani in divisa beige e un giovane in divisa azzurra, per la precisione, che stavano passeggiando per viale Monza senza nessuno scopo preciso - nemmeno quello di farsi vedere, mi sa tanto.
Ricordo che quella di viale Monza - via Padova era stata considerata una "zona a rischio", tanto che il nostro ministro della difesa era fin venuto a fare il comizietto. Ora sì che mi sento più sicuro.

19.09.08

[pipponi]     rappresentatività

Non entro nel merito delle ragioni che hanno portato alla rottura delle trattative tra CAI e sindacati, anche se mi pare di aver capito che chi continua a puntare i piedi sono i piloti e non il personale di terra. Mi limito a segnalare queste frasi di Guglielmo Epifani: secondo Repubblica, il segretario generale Cgil ha affermato che la sua organizzazione ha espresso sul piano di salvataggio Alitalia «una sottoscrizione inequivoca per le parti di sua rappresentatività» (personale di terra), ma per piloti e assistenti di volo non poteva prendere una posizione «per un problema di democrazia sindacale: decide il 51% dei lavoratori. E le sigle confederali, tutte insieme, hanno una rappresentatività di gran lunga al di sotto di questa soglia».
Domandina 1: com'è allora che hanno accettato di fare incontri senza le altre sigle sindacali?
Domandina 2: come mai alle firme dei vari contratti TLC - quello che conosco di persona, e dove comunque non c'è certo il 51% di iscritti al sindacato - la CGIL e le altre confederazioni siglano l'accordo con la clausola "salvo approvazione da parte dei lavoratori", con relativo referendum, e qui no? Dov'è la differenza di rappresentatività?
Serietà sarebbe stata dire "potevamo accettare la parte relativa al personale di terra, ma non quella per piloti e assistenti di volo". Sarebbe stata un'assunzione di responsabilità. Dire "non abbiamo accettato perché non siamo rappresentativi" è solo una presa per i fondelli.

18.09.08

[pipponi]     L'Arena in amministrazione controllata

Martedì scorso l'Arena di Verona è stata commissariata. Occhei: se andate sul sito del ministero dei Beni Culturali, potete leggere che «Il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Sen. Sandro Bondi, ha nominato oggi il suo capo di gabinetto, Salvatore Nastasi, commissario straordinario della Fondazione lirico-sinfonica Arena di Verona. Il commissariamento, che avrà una durata non superiore a 60 giorni, si è reso necessario per affrontare la delicata situazione patrimoniale della Fondazione ed è stato deciso in accordo con il sindaco di Verona, Flavio Tosi.». Ma il significato pratico è quello.
Uno si potrebbe chiedere come faccia l'Arena ad andare in bancarotta, con il costo dei suoi biglietti. Ma io, come Alessio da cui ho scoperto la cosa, preferisco chiedermi com'è che per venire a sapere queste cose uno debba leggere il Guardian. Suggerirei al nostro poeta-ministro una soluzione all'italiana: invitare caldamente gli amministratori dei nostri teatri a spogliare le attrici. Almeno potranno trovare posto nella colonnina di destra dell'italica stampa online.

17.09.08

[pipponi]     Cosa non si fa per i soldi

Leggo dalla BBC che tale Eoin Colfer - che poi sarà anche un autore famoso, sono io a non conoscerlo - è stato incaricato di scrivere un seguito alla Guida Galattica dell'Autostoppista del fu Douglas Adams. Il tutto corredato dalla dichiarazione della vedova che afferma che "non poteva pensare a una persona migliore per portare Arthur, Zaphod e Marvin verso nuovi pascoli" (Ford Prefect no, vabbè).
Di per sé non ho nulla in contrario a portare avanti una saga dopo la morte del suo autore, in generale. Ma faccio notare che quando Douglas Adams scrisse "Mostly Harmless" ("Praticamente innocuo", anche se io avrei preferito l'avverbio "fondamentalmente") fece in modo che il finale fosse tale da impedire un qualunque sequel, e sono ragionevolmente certo che quella sia stata una sua scelta precisa, per la serie "mi prendo ancora un pacco di soldi con questo libro, visto che mi stanno rompendo da anni, ma poi basta sul serio". Perché si vuole far finta di niente e dimenticarsi della sua volontà?

15.09.08

[pipponi]     C'entra poco, che fosse negro

Io non credo che i due che hanno ammazzato Abdul Guibre l'abbiano fatto perché era "uno sporco negro". Credo che se fosse stato brianzolo dalla pelle bianca l'avrebbero massacrato lo stesso: sarebbero semplicemente cambiati gli insulti nei suoi confronti. Considerando che lui era nato in Italia, immagino parlasse italiano esattamente come gli assassini: e anche se non sembrerebbe, la cosa cambia molto.
Poi sono perfettamente d'accordo con Ricambi Riciclati che afferma che la cosa è tutto meno che tranquillizzante. Non che sarebbe stato tranquillizzante l'opposto! Il punto di base è che in questo momento il concetto "se qualcuno mi ruba, ho il diritto di ammazzarlo" è diventato del tutto normale, alla faccia della reazione proporzionata all'offesa. Se si continua però a parlare del "ragazzo di colore", mi sa che si perde di vista il vero problema, il che non può che far piacere a chi dice che "se non ci fossero i negher non ci sarebbero tutti questi problemi".

(per i non milanesi: via Zuretti è la parallela di via Gluck. La attraverso tutti i giorni per andare in ufficio, qualche rara volta la percorro anche)

05.09.08

[pipponi]     Solo se si ha tempo

Probabilmente avete letto della sentenza per cui quei comunistacci dei giudici milanesi hanno dato completamente ragione all'Economist nella causa intentata loro da Sìlviolo a causa di questo articolo non esattamente piacevole nei confronti di Sua Eccellenza Cav. Berlusconi. L'Economist, che ha affermato di non voler fare ulteriori commenti, ha messo sul suo sito la sentenza (24 pagine di pdf).
Tutto bene? No. Berlusconi ha citato l'Economist (per un milione di euro) nel luglio 2001 (l'articolo era dell'aprile 2001, per la cronaca). L'Economist ha potuto aspettare sette anni per vedersi dare ragione. Un Pinco Pallino qualunque no. Ricordatevelo.

[pipponi]     Alitalia perde più di 200 dipendenti al mese

(la palla me l'ha alzata Carletto Darwin...) Vediamo quanta gente si vuole far fuori da Alitalia.
28 marzo 2008, il Giornale: 2.100 esuberi: 1.500 esuberi per Alitalia, 100 esuberi tra i dipendenti all’estero, e 500 esuberi tra le attività di Az Servizi di cui è prevista la reinternalizzazione
4 settembre 2008, il Giornale: Esuberi inferfiori (sic) al previsto: 3.250, ha detto il ministro del Lavoro Sacconi.
I conti sono presto fatti: se in poco più di cinque mesi il numero di licenziandi aumenta di 1150 unità, ogni mese se ne perdono più di duecento. Chissà, forse così è più chiaro per qualcuno...
(sui soldi persi, se ne parla qui: ma all'Espresso sono tutti komunisti, quindi lascerei quei numeri da parte e mi limiterei ai dati tratti dal giornale di famiglia)

02.09.08

[pipponi]     La faccia. Il culo.

Repubblica.it ricicla una marchett^W intervista all'ex onorevole Vladimir Luxuria che dovrebbe apparire sulla rivista Tu (mai sentita, ma non faccio testo).
Wladimiro Guadagno racconta una serie di cose sulle quali non metto becco. Però alla fine si parla della sua partecipazione all'Isola dei famosi; punto sul vivo sulla cosa che a lui sta immagino più a cuore, sbotta: «Mi hanno fatto arrabbiare quelli che hanno detto che all'inizio avevo rifiutato per alzare il prezzo. Se dovessi vincere, l'ho messo a contratto, metà del premio andrà a bambini disagiati.»
Potrò sbagliarmi, e se qualcuno ne sa più di me per favore lo segnali nei commenti, ma a me pare che (a) il premio finale all'Isola è indipendente dal cachet che i famosi ottengono per partecipare; e soprattutto che (b) il regolamento dell'Isola prescriva che il vincitore debba devolvere metà del premio in beneficenza (qui il regolamento 2007).
D'altra parte, non posso nemmeno dire che ce lo eravamo voluti noi, come deputato: quello che l'ha voluto è stato Fausto Bertinotti, che ha pienamente sfruttato la nostra ignobile legge elettorale.

[pipponi]     Altroconsumo e le telefonate a casa

È di oggi pomeriggio la notizia che il Garante per la privacy ha per l'ennesima volta ingiunto alle società "esperte nel campo" di non prendere i numeri di telefono della gente, fregarsene dell'assenza del consenso, e usarli come bersaglio per i signori dei call center. Ma si sa che queste notizie viaggiano molto lentamente, e così anche stasera ci siamo cuccati la telefonata della signora Danila, assolutamente fuori legge visto che non abbiamo certo dato il consenso a ricevere telefonate commerciali.
Il guaio è che la signora Danila ci offriva gratuitamente per due mesi i servizi di... Altroconsumo. Interessante, vero? Posso immaginare che i signori in questione mi diranno qualcosa tipo "ma noi non facciamo offerte commerciali, visto che diamo gratuitamente i servizi in prova", nel miglior stile degli imbonitori delle feste di paese. Peccato che la cosa non cambi assolutamente nulla, per quanto ne so... e anche se lo facesse, non sarebbe comunque un bel biglietto da visita per un'associazione che promette di tutelare il cittadino.
(Ah, una simpatica miglioria alla legge sarebbe obbligare chiunque faccia telefonate commerciali a dire prima dell'argomento della telefonata il nome della società che sta facendo telefonate e dove è stato esattamente preso il numero di telefono. Non credo che nessuno proporrà mai una legge così)

[pipponi]     Cognomi ballerini

Nella marchetta di stamattina, Repubblica ci racconta di un bellissimo sito britannico dove si parla della distribuzione dei cognomi.
A parte che labo.net per l'italiano fa queste cose dal 2000, ma si sa che noi siamo tutti esterofili, quello che mi ha fatto ridere è che l'articolista ha scoperto che "Il cognome stesso, poi, a volte può essere fuorviante. Le conclusioni affrettate vengono però prontamente smentite dai dati. Così, ad esempio, se i Lombardi sono più comuni in Basilicata, i Romani sono più frequenti nelle Marche, i Veneziani in Emilia-Romagna e i Napolitano in Puglia." Cose da non credersi, vero? Il concetto che il cognome è nato come soprannome, e che non aveva senso chiamare "Romani" una famiglia che stava a Roma, mentre ce l'aveva eccome se si era trasferita da Roma in qualche altro posto è assolutamente incredibile. Qualcuno avvisi i Cavalli-Sforza, per favore!

31.08.08

[pipponi]     panem et circenses (pane poco)

Anche questa volta si è scongiurata la guerra civile. Venerdì sera la Rai e la Lega Calcio hanno graziosamente acconsentito a un accordo per i diritti delle trasmissioni radiotelevisive in chiaro. Pare che il nostro Nume Tutelare, Silvio B., abbia fatto discretamente delle pressioni sui vertici RAI per incrementare l'offerta economica: naturalmente, per ovvio conflitto di interessi, non ha potuto dire nulla al riguardo a Mediaset.
Detto tutto questo, mi chiedo un po' di cose. La più banale è perché io, come utente pagante il canone RAI, devo vedere parte dei miei soldi usata cosicché la gente abbia il "diritto naturale" di vedersi i gol in tv? La cosa aveva senso prima della nascita delle pay tv: uno poteva dire che non aveva altra possibilità; ma adesso viviamo nel migliore dei mondi possibili, e quindi se mi interessa qualcosa basta pagare il giusto. Detto questo, è interessante notare come Matarrese abbia pianto miseria per conto delle squadre di calcio, quando si sono fatti tutti quei soldi proprio grazie alle pay tv che hanno tolto interesse per i canali generalisti.
Ma la vera domanda è: adesso che sono arrivati nuove palanche, non è che le società calcistiche finalmente pagheranno i danni fatti a nome loro?

08.08.08

[pipponi]     Orwell? inutilmente complicato

Il Corsera riporta il discorso odierno di Sua Eccellenza Cav. Silvio Berlusconi. Tra le mille notizie (il congresso del PdL dove "il «reggente» sarà scelto «con regole democratiche al 100 per cento»"; la controprova dell'inutilità del Parlamento, visto che la finanziaria «Entrerà in Parlamento e ne uscirà così come è stata voluta e ragionata dal governo»; le vacanze "di lavoro") che ci rendono felici, ce n'è una nascosta molto bene, in stile panino: il futuro di Alitalia. Cito: Berlusconi
ha spiegato che non c'è stato alcun ripensamento sullo stop ad Air France, che nei mesi scorsi si era fatto avanti per rilevare la compagnia di bandiera. «Sarebbe stata una svendita - ha detto -. E poi avevano pensato a settemila esuberi, mentre noi pensiamo che se ne possano fare molti meno».
Settemila esuberi. Avete letto bene. Il Corsera, lo scorso 28 marzo, scriveva che gli esuberi complessivi sarebbero stati 2100. Orwell pensava che il Governo dovesse farsi mandare tutte le vecchie copie dei giornali perché fossero opportunamente riscritte; Berlusconi ha dimostrato che non ce n'è bisogno, perché tanto la gente non solo si dimentica di cosa era stato detto, ma non si prende nemmeno la briga di andare a cercarle. Quell'uomo ha vinto.

07.08.08

[pipponi]     assoluzioni strumentali

Leggo dal Corsera che è stato archiviato il procedimento contro Umberto Bossi che il mese scorso, durante il congresso veneto della Lega Nord, aveva alzato il dito medio pronunciando la frase «Non dobbiamo più essere schiavi di Roma. L'Inno dice che 'l'Italia è schiava di Roma...', toh! dico io».
L'archiviazione non è dovuta alfatto all'incapacità da parte del nostro ministro per le Riforme di comprendere il significato delle parole dell'inno di Mameli (è la vittoria, non l'Italia, ad essere "schiava di Roma"). Non è neppure dovuta alla dichiarazione del suo fisioterapista che ha spiegato che sollevare un dito è uno degli esercizi quotidiani che l'Umberto deve fare regolarmente. No. Cito sempre dal Corsera: «Non si sarebbe trattato, di espressioni in rapporto strumentale con l'esercizio delle funzioni ministeriali da parte del leader del Carroccio.»
Qualcuno mi spiega il tutto? Il reato di vilipendio è valido solo se è fatto da un ministro? Oppure c'è un simpatico comma 22 che dice che un ministro deve essere giudicato dal Tribunale dei ministri (come si evincerebbe dalla frase precedente: il PM, «trasmettendo gli atti al tribunale dei Ministri - visto che in questi casi la procura non può fare alcuna indagine - ha proposto l'archiviazione») ma il Tribunale dei Ministri non fa nulla se il ministro non sta facendo il ministro?
Mi chiedo a che diavolo sia servito il Lodo Alfano, a questo punto: si lasciava tutto così, e amen.

01.08.08

[pipponi]     Il caso Englaro

(no, non la chiamo Eluana, visto che non conosco la poveretta)
Io non ho problemi ad affermare che non ho idee chiare al proposito. Sono generalmente favorevole al diritto al suicidio; personalmente sono contro il suicidio, ma non credo che uno stato abbia il diritto di impedire a un proprio cittadino di ammazzarsi, solo perché così non pagherà più tasse. Non so se assieme ai nutritivi la singora Englaro riceva anche dei farmaci - in caso positivo direi che anche il Catechismo della Chiesa Cattolica (n. 2278) non ha nulla al contrario alla loro eliminazione. Nessuno mi toglie dalla testa che tutta questa storia sia stata montata ad arte da non so chi, e che in decine di casi simili la spina è stata staccata, anche in ospedali gestiti da religiosi, senza che nessuno si sentisse in colpa. E infine non vorrei assolutamente essere nei panni del padre.
Detto tutto questo, vorrei fare notare l'ipocrisia della votazione alla Camera di ieri. Nella migliore delle tradizioni italiane, infatti, si è votato su un argomento collaterale: "È un giudice che ha il diritto di prendere queste decisioni?" Peccato che la risposta sia "sì, è un giudice". Quando studiai educazione civica a scuola, mi insegnarono che i deputati fanno le leggi e i giudici le applicano. I nostri beneamati parlamentari sono convinti che una persona nelle condizioni di Eluana Englaro non possa essere lasciata morire? Bene, allora facciano una legge che lo dica esplicitamente. A questo punto i giudici si adegueranno. Ma immagino che una cosa del genere sia troppo facile, e poi per scrivere una legge ci vuole troppo tempo, e poi ci sono problemi maggiori da risolvere, e poi e poi e poi...
Un'ultima cosa: perché parlano tutti di "Eluana" quando lei, povera donna, non ha assolutamente nulla a che fare con tutta questa storia? Dal suo punto di vista non cambia assolutamente nulla. Sono i suoi parenti che hanno tutto sulle loro spalle.

31.07.08

[pipponi]     Alitalia e dispiacere

Se è vero che il piano di "salvataggio" di Alitalia prevede 5000 esuberi - e conoscendo Sìlviolo, sono abbastanza certo che qualche trucchetto lo troverà - mi dispiacerà per molti dei licenziati: ma non per quelli che hanno scelto di votare Berlusconi "perché Lui ha il Piano per salvarci tutti". Giusto per specificare: non parlo di chi ha idee politiche di centrodestra, ma di quelli che hanno creduto ai mirabolanti raccontini preelettorali del nostro attuale PresConsMin.
Ammetto però che c'è una cosa che mi dispiace ancora di più: che cioè nessuno dei leader sindacali che ha fatto affossare la trattativa con Air France non abbia l'onestà morale di dimettersi (e rimettersi a lavorare sul serio: non che fare il sindacalista non sia necessariamente un lavoro, ma è chiaro che loro non sono capaci a farlo. Nulla di male, nemmeno io so fare il capo, ma appunto non lo faccio)

30.07.08

[pipponi]     La confessione di Riccò

Non che credessi qualcosa di diverso. Oggi Riccardo Riccò ha confessato di avere preso EPO di terza generazione. Le voci (Radio Popolare, che dopo essersi disinteressata del tutto oggi ha deciso di andarci giù pesante) affermano che la scelta del giovine è stata legata non solo alla speranza di uno sconto di pena, ma al fatto che gli hanno sussurrato che il CERA che si è preso aveva una molecola marcatrice, e quindi trovarlo è stato un gioco da ragazzi o quasi.
Io però penso abbastanza male, e sono convinto che la sua confessione "ho fatto tutto da solo" serva anche per coprire i suoi compagni di squadra, tipo Piepoli, che probabilmente è risultato borderline - altrimenti sarebbe già stato squalificato - e che così ne potrà uscire non dico pulito ma almeno non troppo sporco. E aggiungo anche che gli spagnoli sono davvero più furbi, visto che mi sa che abbiano usato prodotti di una casa farmaceutica meno seria, o che presume di poter fare più soldi con un uso non esattamente ospedaliero dei suoi prodotti.

28.07.08

[pipponi]     libri on demand. Embeh?

Leggo sul Corsera che l'Espresso Book Machine farà la propria comparsa nelle librerie della catena Blackwell. La macchinona (270x150 centimetri) dovrebbe stamparti un libro "al volo", e tutte queste belle cose. Sarà. Lasciamo perdere che la tecnologia è già di alcuni anni fa, e che ci sono svariate case editrici che ti offrono di vendere "il tuo libro" prodotto in questo modo: posso anche immaginare che l'idea di andare in libreria e vedersi sfornare il libro sia più accattivante che cliccare su un sito web. Però, se uno va a leggersi il comunicato stampa, scopre che ci sono già svariati posti dove questo macchinario è presente, e che Blackwell è semplicemente la prima libreria britannica, il che non è poi di così grande interesse per noi italiani. Aggiungiamo poi che il loro punto di forza è il mercato accademico, e vediamo che la notizia è assolutamente una non-notizia, anche per i più rilassati standard estivi. Vengono quasi da rivalutare le solite foto di tetteculi, almeno sono più in tema stagionale!

25.07.08

[pipponi]     la calunnia è un wikicello...

Io non me n'ero accorto, ma Giuseppe D'Avanzo si dev'essere arrabbiato parecchio, visto che ieri ha pubblicato sul quotidiano di cui è vicedirettore questo articolo, in cui si lamenta di una "frottola" (il fatto che lui e il collega Carlo Bonini siano pagati dal Sismi) che - sono parole sue - «attecchisce e finisce scolpita nella voce che mi riguarda su Wikipedia, ritenuta in Internet l'enciclopedia più democratica, perché aperta a tutti i contributi e a tutte le correzioni.»; fa le sue ricerche e scopre che «quella bufala è stata sistemata lì da un computer del Senato della Repubblica italiana», paragonandosi implicitamente a chi ha visto la propria voce "aggiustata" da Cia e Vaticano.
So che bloggher molto più importanti di me ne stanno per parlare con maggior cognizione di causa, e non intendo rubare loro il lavoro; ma vorrei comunque dire un paio di cose ai miei ventun lettori. Innanzitutto, è assolutamente vero che la voce su D'Avanzo è stata creata da un computer della rete del Senato della Repubblica, come si può vedere lanciando il comando whois 82.112.217.1. Vi invito però a leggere non tanto la versione attuale linkata prima ma il testo originale. A parte gli errori di formattazione, la mancanza di fonti e lo stile di scrittura che è davvero sciatto e contribuisce ad abbassare il valore dell'enciclopedia tutta, non c'era affatto scritto "D'Avanzo ha preso soldi dal Sismi", ma "È stato chiesto in un'interrogazione parlamentare se D'Avanzo avesse preso soldi dal Sismi". Una mezza notizia, perché non veniva riportata la risposta a tale interrogazione (adesso c'è, fortunatamente) ma non certo una falsità o una calunnia.
L'articolo di D'Avanzo, più che una apologia di sé stesso, mi dà tanto l'aria di essere un messaggio in codice; ho sempre più la brutta impressione che Lassù In Alto stiano facendo una serie di giochi che non riesco a comprendere per mancanza di informazione, e la cosa vi assicuro mi dà parecchio fastidio :-)

22.07.08

[pipponi]     minestrone di fatti e commenti

Non so voi, ma a me lo stile con cui Repubblica ha presentato il "memoriale Tavaroli" (prima e seconda puntata) non è affatto piaciuto.
Giuseppe D'Avanzo ha il diritto, anzi il dovere di commentare quanto affermato da Giuliano Tavaroli; i monologhi non sono notizie, almeno per quanto mi riguarda. Nulla da eccepire, insomma, sulla parte iniziale del primo articolo. Ma andando avanti D'Avanzo ha iniziato a commentare tra le frasi di Tavaroli. D'accordo, tra parentesi e in corsivo, ma comunque interrompendo il discorso, e imponendo comunque una chiave di lettura specifica. Perché un conto è chiosare accanto al nome di Afef "(la moglie di Tronchetti)", un altro conto è aggiungere dopo Adamo Bove la parentesi "(il dirigente della security governance della Telecom precipitato il 21 luglio 2006 da un cavalcavia della tangenziale di Napoli: suicidio o istigazione al suicidio?)"; in questo modo si collega scientemente Tavaroli a Bove, e si può quasi far credere che il primo c'entri qualcosa con il suicidio del secondo. Né è bello aggiungere il paragrafo "(Tavaroli non dice né vuole dire se il dossier raccolto anche sulla moglie di Tronchetti sia stato una sua personale iniziativa o un'operazione commissionata da altri o addirittura concordata con il presidente della Telecom) dopo la frase "Anche Afef parve a rischio". Fai un altro articolo, e scrivi "Tavaroli glissa sul dossier Afef, e non dice se è stata un'idea sua o di qualcun altro". Però è appunto un altro articolo, separato. Oppure, come ho scritto sopra, metti le tue opinioni in fondo al testo. Volenti o nolenti, quanto detto da Tavaroli sono fatti: potranno essere fatti falsi, ma sono comunque fatti. Tavaroli non ha espresso le sue opinioni su cosa è successo, ma la sua verità.
Dal mio punto di vista, fatti e opinioni dovrebbero essere sempre distinti. La china che porta dall'interallacciare i primi con i secondi cambiando solo la presentazione grafica al comporre tutto il testo con lo stesso font è troppo ripida per i miei gusti. Poi non stupitevi se si accettano acriticamente i panini somministrati dai TG.

19.07.08

[pipponi]     la scuola oggi

Ieri repubblica.it, tanto per cambiare, lanciava l'allarme: "la destra vuole abbassare di nuovo a 14 anni l'obbligo scolastico", obbligo innalzato a 16 anni dal governo Prodi II. Peggio ancora: l'emendamento in questione non è che abbassi l'età dell'obbligo, ma permetterebbe di assolverlo "anche nel sistema regionale della formazione professionale e nei percorsi triennali istituiti dal ministro Moratti", invece che nelle scuole statali.
Onestamente non riesco a capire tutta questa storia. Dal mio punto di vista l'alzare a 16 anni l'obbligo mi sembrava tanto una misura presa per parcheggiare due anni in più i ragazzi, e abbassare ulteriormente il livello dell'insegnamento. Già oggi col 3+2 l'università è un superliceo; ma se nelle superiori infiliamo gente che ha tutto meno che voglia di studiare, o li si lascia per strada continuando a bocciarli, il che non mi pare una bella cocsa, oppure si toglie roba per tutti. Il vero problema non è avere l'Avviamento 2.0 semplicemente spostato dopo le scuole medie, ma non avere una vera traduzione pratica del dettato costituzionale dove lo studente meritevole non solo abbia gratuita la scuola, ma anche una borsa di studio che gli permetta di comprarsi i libri, di mangiare e finanche di avere qualche soldo. Studiare costa fatica, ed è giusto che venga premiato.
Su La Stampa (cartaceo) di oggi, in compenso, ho scoperto una cosa interessante: che in futuro per insegnare bisognerà avere fatto la laurea triennale nella materia da insegnare e il biennio di specializzazione in istruzione. Finalmente qualcuno - sembra che la proposta sia bipartisan, tra l'altro - si è accorto che non basta sapere le cose per insegnarle?

17.07.08

[pipponi]     Riccò positivo all'EPO

Toh. Stamattina Riccardo Riccò, giovine ciclista di belle speranze, è stato arrestato dalla Gendarmerie perché positivo all'EPO, anzi per la precisione al CERA, "Continuous erythropoietin receptor activator", che praticamente ti fa produrre l'EPO per conto tuo. Vedi Corsera, Gazzetta, Rep.it. Lasciamo perdere i commenti dei nostri simpatici giornalisti e proviamo ad andare più sul fatto in sé. Sono tante le cose che mi chiedo: se Riccò fosse tranquillo perché ha un certificato medico che dice che il suo emocromo è "naturalmente alto"; come mai abbia comunque fatto una cronometro pessima - tenete conto che il vantaggio del CERA sembra essere il fatto che lo prendi una volta e vai avanti per due settimane; perché non facciano test antidoping tutti i giorni a tutti i corridori per togliersi il pensiero una volta per tutte.
Ma forse è ancora meglio tornare al ciclismo epico del passato, quello dove si pigliavano le bombe, lo sapevano tutti e non succedeva assolutamente nulla. Perché se dopo dieci anni di controlli sempre più attenti siamo rimasti a questo punto, è chiaro che alla gente non gliene importa più di tanto di cosa il campione si sia fatto prima di inforcare la sella.

16.07.08

[pipponi]     neolingua musicale

Anche il Corsera si accorge della nuova normativa sul diritto d'autore per le opere musicali, approvata in questi giorni dall'Unione Europa. Riassuntino: la durata dei diritti d'autore per esecutori e interpreti di musica cresce dagli attuali 50 a 95 anni (!), ma in compenso viene fatto fuori il cartello delle SIAE europee, e ogni autore e compositore potrà scegliere dove iscriversi.
Vi rimando a Luca De Biase che domenica ha già fatto lo specchietto "chi ci guadagna, chi ci perde"; io mi limito a farvi notare come Charlie McCreevy, che dovrebbe essere il commissario europeo per la concorrenza, abbia venduto come "misura per liberare il mercato" quella che alla fine della fiera non è altro che un modo per dare un po' di fiato alle major che potranno sfruttare il catalogo dell'ultima musica pop/rock decente, che stava giusto per passare tutta a disposizione del pubblico. Non credo che neppure i grandi artisti riusciranno a rinegoziare i contratti (anche se indubbiamente un po' di soldini in più li avranno, il che farà loro comodo per le cure riabilitative): figuriamoci i nuovi artisti. Ormai non solo in Italia la politica è il modo per fregarti dicendo che ti stanno facendo un favore.
Aggiornamento: (17 giugno) la proposta della Commissione può essere letta a partire da qua (inglese, ma c'è anche in francese e tedesco)

[pipponi]     eBoost. eBooh?

[informazioni?] Ho ordinato da ibs alcuni libri. Non è la prima volta, anche se non sono un loro fedelissimo e mi divido con Deastore che per i testi - in genere in inglese - che mi interessano è molto più servito. Venerdì sera mi fatturano l'ordine, e lunedì pomeriggio mi dicono che è in partenza. Mi aspetto che il corriere mi porti il pacco ieri: invece nulla. Stamattina guardo la pagina col tracciamento online, e leggo 15-07-2008 STATO: DESTINATARIO NON DISPONIBILE (TURNO). Notate che l'indirizzo di destinazione è quello dell'ufficio, dove c'è una reception dalle 7 alle 19:30.
Telefono al numero verde, immaginando che loro abbiano più dati a disposizione della misera paginetta che io posso vedere in linea: scopro invece che anche l'azienda del gruppo Poste Italiane che vuole fare concorrenza ai corrieri ha esattamente la stessa visibilità mia e che non sa assolutamente dove sia il corriere. Posso sommessamente affermare che forse c'è ancora qualche sia pur minimo margine di miglioramento nella gestione delle consegne?
Aggiornamento: (17 luglio) Provate a indovinare cosa dice oggi la pagina dello stato della consegna. Che per il secondo giorno consecutivo il "destinatario non era disponibile".
Aggiornamento: (17 luglio, 15:00) Finalmente il pacco è arrivato. Si vede che una configurazione astrale ha riportato via Pietro Crespi nello stesso universo del corriere eBoost.

09.07.08

[pipponi]     "emergenza trasfusioni"

D'estate, a meno che come ieri vengano sdoganati i pompini, non è che ci siano tanti argomenti di cui scrivere: l'eccezionale ondata di caldo o la sua eccezionale mancanza, gli esodi vacanzieri, le saracinesche dei negozi serrate, gli animali lasciati al ciglio della strada.
Ah sì: poi c'è l'"emergenza trasfusioni", come regolarmente pubblicato da Repubblica. Depurato dal solito giornalettismo, veniamo innanzitutto a sapere che visto che non ci sono abbastanza donazioni vengono rinviate le operazioni programmate e fatte solo quelle urgenti. È vero che la raccolta di sangue in Italia continua a risultare deficitaria, e relativamente costante negli anni: ve lo dice uno che è arrivato alla cinquantanovesima donazione e conosce le cifre degli ultimi vent'anni. È anche vero che nessuno si mette a fare un'operazione che non è urgente nella stagione più calda, sangue o non sangue; ed è anche vero che se manca sangue si comprano all'estero gli emoderivati. Abbiamo poi la fine analisi sociologica del presidente della Fratres toscana: «Influisce il clima generale di insicurezza, anche economica, che stiamo vivendo. Chi deve pensare al mutuo che cresce e alla busta paga che scende è meno portato a donare, anche il sangue». Eh sì, vuoi mica che io mi faccia togliere un po' di sangue che non si sa mai che mi serva in futuro?
La cosa davvero preoccupante è però la frase finale di Giuliano Grazzini, direttore generale del Centro nazionale sangue dell'Istituto superiore di sanità. «Ho chiamato le grandi associazioni, Avis, Fratres, Fidas e Croce Rossa per organizzare una campagna di comunicazione che rilanci la donazione. Nel nostro paese oggi ogni donatore dona in media 1,6 volte all'anno. Bisogna alzare quel dato e riportarlo almeno a 2, come in altri paesi europei». Provo a scriverla in maniera diversa, così che risulti più chiara: "Dobbiamo costruire una casa, e abbiamo assunto pochi muratori. Bisogna dunque far loro fare turni di dodici ore al giorno, e togliere un po' di vincoli burocratici come fare indossare loro le protezioni". È infatti chiaro che non tutti possono donare sangue, ma dovrebbe essere altrettanto chiaro che i controlli fatti ai donatori servono per la loro tutela, e se chi si sbatte per andare all'Avis o alla Fidas lo fa raramente è perché gli hanno detto di fare raramente. Se - come avevo scritto la scorsa settimana - mi hanno detto di tornare per la prossima donazione dopo sei mesi e non tre come al solito, magari una ragione c'è, no? Una campagna davvero utile dovrebbe cercare di incentivare alla donazione chi potrebbe tecnicamente esserlo ma non lo fa! Mah, come sempre credo che mi manchi qualcosa per capire il quadro complessivo.

03.07.08

[pipponi]     impronta tu, ch'impront'anch'io

Leggendo i commenti di questo post di Leonardo, scopro che mentre nella vecchia carta d'identità cartacea l'"impronta del dito indice" veniva fatta apporre solo ai pregiudicati - non che ne vedessi l'utilità, ma vabbè - nella nuova carta d'identità elettronica viene presa e scansionata a tutti. Qualche rapido commento:
- già c'è meno spazio "viisuale", visto che la nuova carta d'identità è più piccina. Non sarebbe bastato salvare una copia digitalizzata nel chip, se proprio si ritiene di avere bisogno di averla? Che poi veniva anche un bel gioco di parole con l'impronta digitale in formato digitale :-)
- come mai nessuno ne aveva ancora parlato? È vero che tanto sono in pochi ad avere la carta d'identità elettronica, e visto che il MINIstro Brunetta ha prolungato per decreto la validità a dieci anni invece che cinque il problema non si pone per un po'; ma è sempre un'ulteriore schedatura
- ma poi serve davvero catalogarci tutti così? Ho grandi dubbi sul fatto che queste restrizioni che ci vendono come "per la nostra sicurezza" portino a vantaggi. Pensate solo al divieto di portare liquidi in aereo (come la maggior parte dei divieti relativi ai voli aerei, del resto).
- Per quanto riguarda le uniche impronte che sembrano attualmente degne di nota, una volta che hai quelle di un bimbo Rom che te ne fai? Controlli se le avevi già prese prima? sai a chi darlo se due coppie di genitori se lo contendono? La prima volta che lo becchi a compiere un reato non lo metti in riformatorio, ma la seconda sì?
Se non lo si fosse capito, sono della scuola che dice di stare molto attenti quando ti parlano di "sicurezza", perché in genere non intendono la sicurezza tua ma la loro. Solo che mi sa di essere in minoranza estrema.

29.06.08

[pipponi]     senilità o malafede?

Nell'omelia scalfariana odierna - per chi l'ha letta sull'edizione cartacea del giornale il brano incriminato si trova in prima pagina, quindi è difficile esserselo perso - il Fondatore de la Repubblica fa tutto un lungo preambolo per potere prendersela con Berlusconi. Fin qua nulla di strano, né nulla di male: anch'io parlo spesso male di Sìlviolo e faccio più o meno lunghi preamboli :-).
Il punto è che nella foga gli esce questa frase: «La vita privata e le intemperanze sessuali di Clinton furono raccontate nei minimi dettagli. Alla scadenza del mandato il giovane Bush, repubblicano, vinse le elezioni a mani basse.» Non che Clinton si potesse ripresentare dopo due mandati, a dirla tutta: ma affermare che Giorgino Bush vinse "a mani basse" contro Al Gore, quando dovrebbero ricordarsi tutti di quello che successe in Florida e della vittoria per decreto, mi pare piuttosto esagerato. A questo punto non vale nemmeno la pena di far notare che lo scandalo Clinton è stato ribattezzato "Sexygate" giusto in Italia (i pochi che negli USA gli hanno dato un nome simile hanno comunque usato "Sexgate").
Ma secondo voi, Scalfari non fa rileggere a nessuno i suoi fondi perché è geloso, oppure è solo circondato da yesmen?

27.06.08

[pipponi]     Franza o Spagna, basta che se magna

I ripetuti inviti al dialogo da parte del presidente Napolitano e di Vuoto Weltroni a quanto pare hanno finalmente trovato un'importante eco. Il Senato tutto, all'unanimità, ha approvato una mozione presentata dell'ex ministro Paolo De Castro. Tale mozione, tenetevi stretti, «è un atto formale per impegnare il governo alla "salvaguardia e valorizzazione" della dieta mediterranea e a "proseguire con grande determinazione" le iniziative perché venga inserita nel patrimonio dell'umanità dell'Unesco.» Ma c'è di più: non solo la mozione è bipartisan, ma addirittura supera gli angusti confini europei, visto che è «un'iniziativa congiunta di Italia, Spagna, Grecia e Marocco, all'insegna di "un'identità alimentare e culturale comune".»
D'accordo che l'Unesco è già riuscito nel dubbio exploit di inserire tra i patrimoni (immateriali) dell'umanità lo Zecchino d'Oro, il che la dice lunga sull'utilità attuale dell'agenzia. Ma non vedo perché il Parlamento debba rendersi complice di queste ridicolaggini.

24.06.08

[pipponi]     giustizialismo

Nonostante il tentativo di Silvio B. di convincerci che i giudici sono tutti cattivi e che noi italiani vivremmo in un paese idilliàco e paradisiàco senza di loro, la mia sensazione è che sotto sotto l'italiano medio si lamenti dell'opposto, e cioè che i giudici siano troppo buoni. Tra ieri e oggi ci sono stati due esempi preclari.
Ieri il Tribunale del Riesame ha formalmente cancellato la denuncia per omicidio volontario nei confronti di Pierpaolo Brega Massone, il primario della clinica Santa Rita di Milano, che comunque rimane in carcere accusato di lesioni gravissime e truffa ai danni del SSN. Oggi la Giunta per le Autorizzazioni del Parlamento (occhei, non sono giudici, ma mi spiego dopo) ha respinto all'unanimità la richiesta di arresti domiciliari per Nicola Di Girolamo, il senatore eletto all'estero per il Popolo delle Libertà che ha fatto finta di essere residente a Bruxelles senza neanche essersi preso prima lo stradario; decisione quest'ultima che ha fatto arrabbiare molto Tonino Di Pietro che però in effetti magistrato non lo è più.
Ma pensiamo un attimo ai due casi. Brega Massone, che spero si becchi una condanna esemplare, non aveva nessun interesse ad ammazzare i propri pazienti: un paziente morto non è più un paziente operabile, e quindi non è più una fonte di guadagno. Quindi ci sono delle possibilità che si tratti di omicidio colposo, fors'anche preterintenzionale - e il processo lo dovrà valutare; ma omicidio volontario si direbbe un po' difficile. Quanto a Di Girolamo, a cosa serve metterlo agli arresti, ancorché domiciliari? Le prove non le può più inquinare, visto che i fatti sono sotto gli occhi di tutti; per quanto riguarda la reiterazione del reato non mi pare ci siano elezioni a breve; a meno che non si creda che voglia scappare ad Etterbeek per capire esattamente dove si trova la sua residenza ufficiale non vale nemmeno la possibilità di fuga. Di nuovo, mi aspetto una pena esemplare; ma prima si fanno i processi e poi si comminano le pene.
Eppure si sentono alti lamenti contro questa malagiustizia: quasi più di quelli contro i giudici che rilasciano immediatamente i ladri, in modo che siano pronti a derubarci di nuovo. Gli antichi romani avevano proprio ragione: panem et circenses, e anzi in questo periodo in cui il prezzo della farina sta schizzando verso l'alto potremmo anche recuperare la prima parte della frase...

21.06.08

[pipponi]     quando Radiopop ciurla nel manico

L'ultima notizia del giornale radio di stamattina di Radio Popolare verteva sulle dichiarazioni di "Ringhio" Gattuso secondo cui «"Le nozze tra omosessuali non mi trovano d'accordo: per me le nozze sono tra un uomo e una donna», con relativo commento di Franco Grillini al riguardo.
La prima cosa che mi è venuta in mente è un banale "dove sta il problema se un cittadino italiano senza cariche pubbliche esprime il proprio parere?" Dovremmo ancora vivere in un paese libero, per quanto ne so, e se Gattuso non è d'accordo con le nozze gay ha tutto il diritto di affermarlo.
Ho però poi scoperto la fonte della citazione (un articolo della rosea), leggendo che il ringhiopensiero non terminava così ma proseguiva con «Sì, io mi scandalizzo, perché credo nella famiglia. E se credi nella famiglia e nella tua religione, non puoi essere d'accordo. Poi, siamo nel 2008 e ognuno fa quello che vuole» (neretto mio). Insomma, il povero calciatore ha esplicitamente affermato che quello che diceva era una sua opinione personale ma non si sognava di dettare le regole agli altri, e non lo trattano così ma tagliano artatamente il suo discorso?
(ma io lo so, qual è il vero motivo. Gattuso gioca nel Milan, ed è ben noto che già da ben prima dell'arrivo di Sivio B. come presidente del Milan la redazione di Radiopop è tutta di interisti)

12.06.08

[pipponi]     dimenticate il codice della strada

Ho letto questo articolo sull'edizione torinese di Repubblica. Lasciamo perdere come l'articolista sia riuscita a fare un fritto misto tra la taratura degli autovelox e quella dei semafori che ti pinzano col rosso: cito testualmente: «una temperatura troppo elevata o troppo bassa, le vibrazioni dei mezzi sulla strada, l´angolazione della telecamera rispetto all´asfalto possono falsare il dato registrato». Tenendo conto che la macchina fotografa il semaforo e il veicolo. iimmagino che le vibrazioni potrebbero causare un effetto doppler che faccia virare il colore del semaforo dal verde al rosso, e la temperatura scaldare la pellicola o il CCD sempre per cambiare il colore. Ma l'angolazione della telecamera? ha forse un grandangolo che sposta di qualche metro la striscia di arresto, e fanno sembrare l'auto inopinatamente avanzata fino in mezzo all'incrocio?
Ma credo che sia molto più "istruttivo" il motivo per cui un imprenditore di Chieri è riuscito a farsi cancellare la multa «Stando al suo racconto, l´uomo avrebbe attraversato con il verde ma a causa della coda quando il rosso è scattato si trovava ancora in mezzo alla strada. Peccato che questa circostanza di forza maggiore non potesse essere rilevata dalla fotografia arrivata a casa.» Davvero interessante. Dire che il Codice della Strada (articolo 145, comma 7) affermi che «È vietato impegnare una intersezione o un attraversamento di linee ferroviarie o tranviarie quando il conducente non ha la possibilità di proseguire e sgombrare in breve tempo l'area di manovra in modo da consentire il transito dei veicoli provenienti da altre direzioni.» Concetto molto complicato, visto che il giudice di pace non ha ritenuto opportuno usarlo e ha scelto di dare ragione all'imprenditore (un Sìlviolo in sedicesimo?) Certo, ci possono essere casi in cui tu sei costretto a metterti in mezzo all'incrocio per forza maggiore: ad esempio, se dietro di te arriva un'ambulanza a sirene spiegate e tu devi farle strada. In questo caso mi aspetto però che ci sia anche la foto dell'ambulanza ;-) Ma in effetti non vale la pena di fare tutta questa fatica, quando basta avere un avvocato abbastanza furbo.

11.06.08

[pipponi]     ma non si può fare causa a lei?

Leggo sul Corsera che Wanda Montanelli porta in tribunale l'Italia dei Valori per «danni esistenziali»: per «la mancata gratificazione di un ruolo istituzionale», la mancata «evoluzione della carriera politica», il danno «alla serenità, al tempo perso e alla cinestesi lavorativa» (tutti i virgolettati sono del giornalista).
A parte le tristi risate che mi sono fatto al pensiero di una "mancata evoluzione della carriera politica", risate tristi perché io sono ancora convinto che la carriera politica sono gli elettori che dovrebbero avallarla, e a parte che non so cosa sia la cinestesi lavorativa e nemmeno il De Mauro mi sa dire qualcosa al riguardo, vorrei aggiungere i miei due eurocent. La signora Wanda Montanelli è da anni che mi straccia i cosiddetti con i suoi comunicati stampa - rigorosamente in allegato - che mi arrivano sulla vecchia casella tin.it, senza ovviamente che io li abbia mai chiesti e senza nemmeno una possibilità di eliminarmi dalla sua mailing list. Non dico il milione di euro che la signora Wanda Montanelli ha chiesto a Di Pietro, ma qualche migliaio di euro glieli potrei chiedere?

10.06.08

[pipponi]     come nobilitare maggiormente l'uomo

Come potete leggere su Repubblica - oppure qua se preferite l'inglese e volete trovare i puntatori ai comunicati dell'UE - i ministri del lavoro dell'Unione Europea hanno fatto un bellissimo accordo, parole loro. Sì, i lavoratori interinali avranno il diritto alla stessa paga degli assunti fin dal primo giorno e gli stessi diritti in caso di malattia, anche se dopo tre mesi; ma la cosa che salta più all'occhio è il nuovo tetto di ore lavorative in una settimana. Anzi no, peggio ancora: il tetto rimane a 48 ore, ma come per le case è possibile costruire un soppalco, e arrivare a 60 ore la settimana. (Non guardate il limite di 65 ore: è nei casi di lavoro a chiamata in cui anche l'attesa conta come lavoro, il che significa che comunque sei a disposizione ma non stai faticando). Visto che gli euroburocrati sono buoni, hanno aggiunto che non puoi iniziare a farti un mazzo tanto dal primo giorno; che l'iperstraordinario deve essere su base prettamente volontaria; che non puoi essere mobbato se ti rifiuti di farlo. Come? qualcuno sta dicendo che il secondo e il terzo punto sono in contraddizione? Allora non hanno bene capito come funzionano le cose nelle piccole imprese.
Sessanta ore significano dodici ore al giorno dal lunedì al venerdì, o se preferite dieci ore al giorno dal lunedì al sabato: più o meno quello che si faceva nel 1908. Quel che è peggio, è che l'arretramento viene sbandierato come grande conquista, un po' come il taglio di tasse sugli straordinari che fa tanto bene alle aziende ma è spacciato come la mecca per l'operaio o l'impiegatuccio che finalmente - se il capo glielo consente - potrà restare inchiodato al pezzo per avere lo stesso potere di acquisto di dieci anni fa.
Prepariamoci, che non è finita qui.

07.06.08

[pipponi]     Quanto vende Il Foglio?

Giovedì sera, mentre tornavo a casa dall'ufficio (a piedi, perché giovedì mattina pioveva forte) sono passato davanti a un'edicola né grossa né piccola che stava chiudendo, e ritirando i giornali. L'edicolante stava ritirando il pacco di copie invendute de Il Foglio. Erano una quindicina: fortunatamente il quotidiano ferrariano è sottile, e non sono stati poi così tanti gli alberi che sono stati piantati solo per diventare parte del nostro mondo "getta senza usare".
Purtroppo sono un timidone, e non ho avuto il coraggio di chiedere all'edicolante quante copie avesse venduto nella giornata: posso immaginare quattro o cinque, visto che ero in una zona periferica senza un bacino d'utenza presumibilmente interessato a quel tipo di articoli. Visto però il risultato pratico, ho come il sospetto che gli aiuti ai quotidiani siano legati al numero di copie stampate, non a quelle vendute: e che il Giulianone queste cose le sa benissimo, e ha quindi scelto di fare un quotidiano con poche pagine (la carta costa sì, ma mi sa che le prebende siano indipendenti dal peso di una singola copia) e vivere così di aiuti, da vero cortigiano.
Mah. Peccato che dopo il gran casino del V2-Day con le firme inutili per il referendum persino beppegrillo™ abbia lasciato perdere tutto.

05.06.08

[pipponi]     Traffico di rifiuti

Leggendo bene il discorso di ieri di Napolitano, a me in effetti vengono in mente un po' di cose.
La prima è molto banale: dando per buono che «La criminalità organizzata è responsabile di molti traffici compreso quello dei rifiuti tossici», e che «questi rifiuti insalubri in gran parte sono arrivati dal nord» (non sarebbe così strano, immagino che ci siano più piccole attività industriali altamente inquinanti al nord che al sud), se ne deduce che i campani devono comunque piangere sé stessi per la condizione in cui si trovano, dato che Napolitano ha in pratica detto che le discariche sono gestite dalla camorra.
La seconda è più sottile. Le immagini che si vedevano fino a poco tempo fa (diciamo metà aprile?) erano di rumenta assolutamente normale, tipo quella che io butto via tutti i giorni. Si direbbe quasi che il Presidente della Repubblica ci stia dicendo che i rifiuti tossici prodotti nel nord Italia siano così tanti da riempire le discariche campane, senza lasciare spazio per l'immondizia "locale". Altrimenti il discorso non avrebbe senso (beh, sì, potrebbe essere stato qualcosa tipo "se convincete i camorristi a non prendere i rifiuti tossici allora potrete stare tranquilli che le discariche previste non daranno alcun problema", ma mi pare un concetto un po' difficile da sostenere con quelli che stanno facendo i blocchi). Ma a questo punto inizio a capire perché l'Autosole è così piena di camion: fanno la spola per portare giù i rifiuti tossici!

03.06.08

[pipponi]     Pena di morte per procura

Devo dire che mi stupisce scoprire che qualcuno riesce a leggere CronacaQui, un quotidiano che fa sembrare Libero un giornale borghesuccio. Ad ogni modo, grazie a pbeneforti, ho scoperto che è stato urgentemente espulso un tunisino, che era sotto custodia cautelare per un processo per atti di terrorismo. Posso anche credere che questa persona sia effettivamente un terrorista, e che si meriti un bel po' di anni in gattabuia. Peccato però che in Tunisia quelle cose le puniscono con la pena di morte, e che in genere l'Italia ha sempre rifiutato di estradare persone che potevano essere giustiziate nel paese di origine. Ma si sa, qui non si parla di estradizione ma di espulsione, che anche se inizia con la stessa lettera dell'alfabeto è una cosa ben diversa: proprio come la parola "terrorismo" è stata scelta apposta per evitare di correre il rischio che qualcuno definisca tali cose "atti politici" su cui la Costituzione parla chiaro. Non era probabilmente questo il caso, ribadisco: resta il fatto che nonostante un pronunciamento della Corte Europea a cui CronacaQui ovviamente irride il nostro governo abbia scientemente scelto di lavarsene le mani e lasciare a chi sa e può il lavoro sporco. Tanto sono lontani, non se ne accorge nessuno.

[pipponi]     Al Codacons sono proprio bravi

La benzina costa tanto. Il gasolio costa pure tanto. A parte banalità come l'aumento intrinseco di tutti i generi alimentari spostati qua e là per l'Italia e la speranza che la saga Alitalia si concluda prima del tempo e prima che il dottorVespa prepari il plastico relativo, anche i quotidiani si sono lanciati sulla notizia, presentando come una Grande Italica Conquista l'esistenza di distributori che praticano un prezzo alla pompa inferiore del 5% a quello standard. Aveva iniziato quindici giorni fa il Sole-24 Ore, che aveva anche allegato un elenco di distributori italiani a basso prezzo, senza però mettere prezzi. La settimana scorsa di era accordata Repubblica, ma forse quella era solo una marchetta per le Coop, visto che si parlava del (singolo) distributore a marchio Conad. Molto più interessante l'articolo di ieri del Corriere della Sera, buon ultimo. Non tanto per l'informazione, ma per il solito siparietto comico di Carlo Rienzi, che al modico prezzo di un euro (IVA inclusa però, ché il Codacons è un'associazione seria!) ti dà una password per andare a scaricare il file con tutti i distributori indipendenti. Proprio così. Non i distributori meno cari, ma quelli indipendenti. D'altra parte, nella pagina che ho appena indicato c'è scritto bello chiaro: «I dati sono stati verificati dal 6 al 19 febbraio 2008 ma i consumatori devono accertarsi prima di acquistare che effettivamente non sia variata o diminuita la convenienza.» (corsivo loro). C'è anche scritto «Preghiamo tutti i consumatori di informare il Codacons di eventuali aumenti dei prezzi e di diminuzione della convenienza nel prezzo praticato dai distributori elencati in modo da poterli cancellare.». Detto in altro modo: tu cacci l'euro, secondo Rienzi perché «Il servizio che mettiamo a disposizione on line ci costa»; e ti trovi dati vecchi di tre mesi e mezzo che forse sono stati corretti dagli utenti stessi. A questo punto tanto vale usare un sistema veramente sociale, come prezzi benzina. Questo naturalmente a meno che tu non sia Carlo Rienzi, un suo parente o un suo amico. Resta al più da chiedersi a quale delle due altre categorie appartiene l'estensore dell'articolo del Corsera, visto che la giornalista in questione non è Rienzi.

30.05.08

[pipponi]     Retata sui mezzi ATM: un po' controcorrente

Prima di aggiungermi al coro di lai della sinistra sulla retata dei clandestini nei tram milanesi mi piacerebbe sapere alcune cose.
- Sono stati chiesti i biglietti a tutti i passeggeri, che sembrassero italiani o no?
- Nel caso uno non avesse avuto il biglietto, fosse italiano e non avesse con sé documenti (il che in Italia dovrebbe ancora essere legale. Tu devi fare la carta d'identità, ma non sei costretto ad averla), è stato messo anche lui nel bus-cellulare, quello che in genere si usa per portare i tifosi allo stadio?
- Se uno (bianco, nero, giallo, verde, non importa) non aveva il biglietto ma si offriva di pagare la multa direttamente - e quindi di documenti non c'era bisogno - gli chiedevano i documenti?
Aspetto risposte.

[pipponi]     matematica e donne

Ero convinto di avere già letto di questa ricerca, riportata da rep.it, di quattro economisti italiani expat. In pratica loro hanno tirato fuori una correlazione tra la quantità di donne matematiche (alcune delle quali questo blog si pregia di avere come lettrici) ed emancipazione. Lo studio è stato pubblicato su Science, mica albicocche artiche: un abstract più serio di quanto trovate on line lo si può leggere qua (in inglese, ma non si può pretendere troppo)
Sarà, ma questi risultati non mi convincono affatto. Nulla da eccepire sull'affermazione iniziale, che cioè non ci sia nessuna ragione genetica per differenziare uomini e donne. Ma dire che le donne non sono in posizioni scientifiche importanti perché non sono sufficientemente emancipate è banalmente una tautologia, quindi non è che porti chissà quale contributo. Mi chiedo invece quanto possa essere importante la diversa competitività (non credo genetica ma sociale anch'essa: però è una cosa diversa rispetto alle pari opportunità) tra maschi e femmine. Quando vedo i partecipanti ai giochi matematici in Bocconi, noto che man mano che sale l'età la percentuale di donne diminuisce. Visto che non credo diventino più stupide, posso immaginare che abbiano meno interesse a gareggiare. Sarà falso? sarà vero? Non lo so, ma so anche che limitarsi a calcolare le correlazioni statistiche non basta per dire "X dipende da Y".

28.05.08

[pipponi]     Scajola illegale

Non ho commentato sulla scajolata "in cinque anni avremo di nuovo le centrali nucleari" (in realtà, in cinque anni si poserebbe la prima pietra di una centrale nucleare che se va bene sarà pronta tra quindici-vent'anni) perché non ho un'opinione precisa in proposito.
Però una cosa non la posso tacere, ed è relativa alla promessa di fare uno sconto sulle bollette a chi si troverebbe in giardino una centrale nucleare. Quando nel 1987 ci sono stati i "referendum sul nucleare", non è stata affatto abrogata una legge che permetteva di avere centrali nucleari, anche perché probabilmente una legge non c'era. Sono stati invece fatti tre referendum "fiancheggiatori", come potete vedere. Più precisamente, è stata negata la possibilità per l'Enel di partecipare alla costruzione di centrali nucleari all'estero (anche se poi in questi anni si sono comprate società elettriche straniere che gestivano centrali nucleari), si è tolta la possibilità allo stato di bypassare i comuni che non volevano concedere territori per le centrali, e si sono aboliti i contributi ai comuni che avevano nel loro territorio le centrali nucleari.
In pratica l'affermazione di Scajola va contro il terzo di questi referendum, anche se in realtà i soldi non vanno ai comuni ma agli abitanti. Qualcuno glielo andrebbe a dire?

27.05.08

[pipponi]     Rigirare le notizie

Repubblica.it pubblica un'analisi di Mediobanca, col rassicurante titolo "Banche, per quelle italiane meno perdite ma più sofferenze". Rassicurante per chi non sa cosa siano le sofferenze: crediti che non si spera praticamente più di recuperare. Detto in altro modo: le banche all'estero hanno messo in bilancio come perdita una serie di cose; le banche italiane preferiscono fare finta di nulla e sperare nello stellone. Vi ricorda qualcosa?
(che poi è ovvio che nel 2006 le banche hanno avuto i massimi guadagni: prestavano soldi allegramente a chi non era detto che li potesse restituire. Non è poi così diverso dal Multi-Level Marketing: finché dura, va bene; poi crolla tutto)

26.05.08

[pipponi]     Italiani brava gente (sul serio)

Ho appena letto un articolo sul nostro contingente di militari in Afghanistan. L'articolo è della BBC, e quindi posso supporre priva del solito "volemose bene" all'italiana. Bene: sembra proprio che il microcontingente italiano stia effettivamente facendo un buon lavoro. Il perfido giornalista albionico prende in giro le "divise stilose" dei militari e termina scrivendo che Sarobi "è un luogo relativamente sicuro e che gli italiani stanno mantenendo la pace invece che creare un ambiente stabile partendo da illegalità e caos"; detto tra noi, però, la cosa mi pare più che altro positiva perché mostra l'intelligenza del nostro comando a scegliersi un posto "tranquillo". Inoltre c'è una differenza di base con Nassiriya, dove se ricordate gli italiani - dopo la strage - avevano scelto di starsene belli chiusi nella loro caserma e lasciare la gestione ai capi locali. A Sarobi continuano a interagire ufficialmente solo coi capi, ma leggendo l'articolo si capisce che comunque hanno anche a che fare con la gente, tanto che i locali si lamentano perché il ricambio dei soldati è troppo veloce... il che significa che li riconoscono e non sono una massa informe e interscambiabile.
Non credo che quanto facciano gli italiani laggiù sia tutto perfetto, né penso che la situazione rimarrà per sempre così; e comunque vi ricordo che un soldato italiano è morto, in Afghanistan. Però sono contento che almeno questa volta il contingente sia davvero "di pace". (Ci sarebbe anche il Libano, ma lì tremo al pensiero di cosa vorranno fare Silvio e Ignazio)
Aggiornamento: (27 maggio) Come non detto. Ci pensano già per l'Afghanistan.

25.05.08

[pipponi]     "la politica non c'entra"

L'aggressione al Pigneto, secondo Repubblica e Corsera, "non avrebbe una matrice politica", ma sarebbe «un gesto sintomo di una forte intolleranza e insofferenza». E leggendo attentamente si può sentire il sospirone di sollievo.
Ma che razza di sollievo sarebbe? Anche ammettendo che il raid delle teste rasate sarebbe stato esattamente lo stesso se il malcapitato fosse stato un romano al centopercento (cosa di cui mi permetto di dubitare), credete forse che il raid sia stato compiuto da gente senza nessuna idea politica? E magari che hanno spaccato le vetrine di altri negozi gestiti da extracomunitari semplicemente per prepararsi spiritualmente all'incontro, ma purtroppo in quella zona non c'erano negozi di italiani e quindi la dura legge della statistica ha colpito ciecamente?
Massì, tanto la colpa si sa di chi è: «È proprio l'illegalità che è stata permessa dalla sinistra che ha generato questa realtà». Parole virgolettate di Alemanno, che probabilmente si sta preparando a partecipare al Premio Faccia Di Tolla 2008... ammesso che non gli diano il premio senza nemmeno concorrere, "per manifesta superiorità".
Ah: dell'aggressione a Christian Floris non se ne sente più parlare. Ma tanto lui è gay, se la sarà sicuramente voluta: almeno gli extracomunitari sono nati negri e simili e non ci possono fare nulla, no?

[pipponi]     ma l'ha detto wikipedia!

È dura la vita dei giornalisti sportivi in questi periodi di magra tra la fine del campionato e l'inizio dei campionati, europei o sportivi che siano. Così "L.Ban." in un trafiletto su La Stampa è andato a scrivere «Le mosse di mercato dei Milan non sono frettolose come l'enciclopedia online Wikipedia che ieri ha aggiornato la scheda di Alberto Gilardino, scrivendo che l'attaccante era della Fiorentina per 14 milioni di euro. Peccato che l'annuncio da parte della società ancora non ci sia stato e così a un certo punto del pomeriggio la notizia è sparita.»
In realtà, osservando la cronologia della voce, si può notare come ieri ma anche oggi ci sia una serie di anonimi che continuano a modificare la voce, e una serie di altri utenti che la rimettono a posto. (beh, già che c'ero ho bloccato per qualche giorno le modifiche alla voce da parte degli anonimi). Nulla di così strano, a dire il vero, e ragione in più per ricordarsi che Wikipedia è molto utile, ma non è la Bibbia.
Però una cosa strana, a dire il vero, c'è: Com'è che L. Ban. è stato costretto a guardare Wikipedia per avere qualcosa da scrivere?

23.05.08

[pipponi]     non si riesce sempre a dare la colpa ai Rom

l'assassino è un ultras Questo qui di fianco è il titoletto in home page di repubblica.it che porta a questo articolo.
Seriamente: è importante che l'investitore sia un ultras? Stava forse andando allo stadio, o tornandoci? O magari era a un sabba dove si danzava intorno agli stendardi della propria squadra? Io ho generalmente una bassa opinione degli ultras (salvo eccezioni, ma si sa che un conto è una categoria e un altro le singole persone), però trovo che un titolo del genere serva solo e unicamente a obnubilare ancora di più il cervello del lettore, e a farlo entrare nell'ordine di idee "tutti gli X sono sporchi e cattivi e da eliminare", per un valore di X a scelta.

[pipponi]     Silvio e i mutui

Per non dire che sono sempre prevenuto, inizio a parlare dell'unica cosa buona uscita dalla gita aziendal... pardon, dal Consiglio dei Ministri in trasferta napoletana: la rimodulazione dei mutui a tasso variabile.
Premessa: nessuno creda a quanto sbandierato da Tvemonti, che cioè una famiglia potrebbe risparmiare fino a 850 euro l'anno. In realtà, se uno sceglierà di avvalersi della rimodulazione, pagherà di più. Ma ricominciamo da capo.
La norma proposta dal governo - non mi pare l'accordo con le banche sia già ufficiale - prevede che chi ha un mutuo a tasso variabile può tornare a pagare la rata del 2006, allungando contestualmente la durata del mutuo. Detto in altri termini: invece che avere una durata fissa e una rata variabile, si può avere una durata variabile e una rata fissa, pari a quella iniziale. Faccio un esempio pratico: io ero partito con una rata da 500 euro al mese. Adesso mi mancano 10 anni alla fine e la rata è salita a 600 euro; posso chiedere di riportarla a 500 euro e pagare per 12 anni... e rotti. Ci vorranno più di dodici anni perché i soldi ancora da pagare matureranno interessi per la banca, e quindi bisognerà pagare una cifra maggiore; è la stessa ragione per cui più allunghi la durata di un prestito più soldi devi rendere.
A vederla così, insomma, si direbbe che chi ci guadagna sono solo le banche, che infatti sono contente: tra l'altro è vero che se uno non paga il mutuo la banca gli confisca la casa, ma non è detto che le banche siano così contente di avere una serie di immobili e quindi di soldi immobilizzati (scusate il gioco di parole). Perché allora dico che l'accordo governativo è Una Buona Cosa? Perché sono sempre dell'idea che se uno è stato così stupido da fare un mutuo a tasso variabile cinque anni fa quando era chiaro che i tassi non potevano [che] salire, è un suo problema, e non vedo perché io - nel senso della comunità - debba pagare per la sua scelta. Detto per inciso, quando Anna ha fatto il mutuo per la casa dove stiamo (prima di conoscermi, quindi è tutto merito suo) l'ha scelto a tasso fisso. Trovo quindi giustissima l'idea di fare in modo che il mutuatario abbia la possibilità di pagare una rata accettabile viste le sue entrate, ma trovo anche corretto il fatto che ciò abbia un costo, relativamente piccolo ma comunque un costo. Non un risparmio: ma tanto uno che ha fatto un mutuo a tasso variabile cinque anni fa non si accorgerebbe comunque della differenza.
Per completezza, devo aggiungere che le associazioni dei consumatori hanno spiegato correttamente cosa accadrà. Effettivamente però le sigle interpellate sono Aduc, Adusbef e Adiconsum: l'articolo del Corsera non cita Codacons :-)

19.05.08

[pipponi]     Impari opportunità

Se qualcuno dei miei lettori è stato attento, avrà notato che non ho ancora parlato della signorina [1] Mara Carfagna, neoministro delle Pari Opportunità; in particolare non ho parlato delle (piacevoli, dal mio punto di vista) opportunità che ha sfoggiato in passato. La cosa per me era assolutamente irrilevante: un ministro lo giudico da quello che fa come ministro, non da quello che ha fatto in precedenza. Ergo, ne parlo oggi, data la sua intervista riguardo il (non) patrocinio del Gay Pride.
Giusto per mettere le cose in chiaro, se io fossi omosessuale mi darebbero probabilmente fastidio quei pochi - ovviamente gli unici che vengono mostrati dai telegiornali, che si guardano bene dal mostrare il grosso del corteo - che si vestono manco fosse una giornata di moda ultratrash. Non essendolo, non betto becco su quelle scelte. Premetto anche che non ho mai capito l'istituto del patrocinio, pardon Patrocinio, in generale. Una volta ero convinto che "patrocinio=soldi elargiti come sponsorizzazione"; ma credo che almeno in Italia la cosa sia diventata "ti concedo di usare il mio nome, ma non ti do un euro".
La signorina Carfagna, oltre a parlare dei suoi "amici omosessuali" più o meno come fanno tutti quelli che devono darsi un contegno nei riguardi di una categoria X, afferma che loro non le «dipingono una realtà così tetra per gli omosessuali del nostro Paese»: immagino che la frase si possa tradurre in italiano come "non ci sono ronde che vanno a tirare fuori gli omosessuali dalle loro case per pestarli e cospargeli di catrame e piume". Quindi la commissione per i diritti LGBT che sta sotto il suo ministero è per lei inutile, e la signorina Carfagna, dopo averci resi edotti che non ha ancora «preso bene visione di cosa sia e a cosa possa servire» - in effetti, se non hanno discriminazioni perché dovremmo avere una commissione per verificare ciò che non esiste? - è già comunque pronta a usarla «per occuparmi anche di altro». Bontà sua, c'è un "anche".
Credo che sia inutile farvi osservare come la signorina Carfagna avrebbe potuto esprimere gli stessi concetti in maniera positiva e non negativa, ma immagino che lei voglia mettere subito in chiaro le cose. Non so, ma in questi casi io sogno che un mattino la signorina Carfagna si svegli innamoratissima di un'altra donna e scoprendo che i maschi le fanno improvvisamente schifo. Almeno potrebbe verificare di prima mano se di discriminazioni ce ne sono oppure no.
[1] il termine è stato scelto apposta.

15.05.08

[pipponi]     Etnie

In un editoriale su La Stampa Gian Enrico Rusconi si lamenta perché il sindaco di Novara ce l'ha contro le celebrazioni che si terranno nel 2011 per il centocinquantenario dell'Unità d'Italia, proponendo invece una "Disunità". Fin qua tutto bene. Però Rusconi si mette a ricordare la battaglia di Novara del 1849, che terminò con una pesante sconfitta la Prima Guerra d'Indipendenza, e afferma che «La battaglia perduta a Novara è stata un’umiliazione per l’idea dell’Italia unita e una festa per gli austriaci (croati e sloveni) e chissà forse per qualche lombardo austriacante.»
Mah, per quello che mi ricordo di lombardi austriacanti ce n'erano anche parecchi, ma passi. Quello che mi chiedo è perché croati e sloveni sarebbero dovuti essere felici della sconfitta piemontese. Nel 1849 l'impero austriaco non era nemmeno ancora austro-ungarico, e in quegli anni in Croazia c'è stata anche maretta. Le liti tra italiani e sloveni sono iniziate dopo la prima guerra mondiale, quelle con i croati durante la seconda; prima, i veneziani andavano contro i dalmati e non contro i croati. In pratica direi che a loro gliene dovrebbe essere importato assai poco, e nel caso sarebbero magari stati un po' tristi perché non era stata data una spallata. A questo punto mi chiedo il perché di quella chiosa fuori tema e comunque sbagliata. C'era un numero minimo di cartelle da riempire?

13.05.08

[pipponi]     Ce le beviamo proprio tutte

Immagino che da una parte o dall'altra avrete letto la scorsa settimana questa notizia: un tecnico nordcoreano è morto di fame a Sakhalin, perché la sua compagnia si è dimenticata di inviare i rifornimenti.
Cfdp riprende Luca Sofri, che ha provato a fare una ricerca e non ha trovato nessun riferimento alla storia. D'altra parte, fa notare, non c'è il nome del tecnico né quello della società; aggiungo io che è un po' strano che un nordcoreano vada in un'isola russa vicino al Giappone. E in effetti ho fatto anch'io una ricerca su più strade, senza trovare un ragno dal buco.
No. A dire il vero ho trovato questo, questo e questo. Può anche darsi, anche se non ci credo, che tutte queste siano notizie messe in giro ad hoc dai sudcoreani, per screditare il regime dall'altro lato del Trentaseottesimo Parallelo. Resta il fatto che sui nostri quotidiani si trova la bufala quasi certa, e non la bufala improbabile. Bella situazione.

05.05.08

[pipponi]     Redditi online

Ci sono voluti alcuni giorni, ma finalmente domenica qualcuno si è acorto qual è il problema fondamentale della pubblicazione online dei redditi 2005 di tutti gli italiani: una delle tante polpette avvelenate che il governo Prodi II ha lasciato ai successori. La privacy, tanto invocata da chi probabilmente non sa nemmeno cosa sia, non c'entra assolutamente un tubo: gli elenchi erano già pubblici, e su questo Visco ha ragione. Tutto bene, allora? Per nulla. La legge permette di fare domanda al Comune per esaminare le dichiarazioni di una persona: quindi si sa chi ha chesto di chi. Con gli elenchi in linea si sarebbe potuto tranquillamente fare una cosa del genere.. data una definizione opportuna di "tranquillamente". Si sarebbe dovuta sviluppare un'interfaccia alla base dati, autenticare il richiedente, e definire quali tipi di ricerca si potessero fare. Troppo complicato, probabilmente, per quelli dell'Agenzia delle Entrate.
Il punto che però sembra sfuggire a tutti è che il vaso di Pandora è stato aperto, e che le liste circolano. Toglierle dal sito ufficiale significa semplicemente lasciare le copie in giro su eMule, o in vendita per chi smanettone non è proprio; peggio ancora, significa che non ci vuole nulla a fare un po' di poisoning delle liste, cioè mettere in circolazione delle liste "leggermente" diverse nei valori senza poter sapere quali sono vere e quali no... il che potrebbe persino essere peggio per le persone che si vedono additate con redditi farlocchi, in più o in meno. Chiudere la stalla dopo i buoi sono scappati è insomma inutile e pernicioso: chissà quando Qualcuno Lassù In Alto si accorgerà della cosa.
(beh, dovrei anche parlare del Codacons che ha annunciato una richiesta danni di venti miliardi di euro al ministro. Però che pretendete da Renzi? Se i dati non fossero stati diffusi, avrebbe fatto una richiesta danni di non so quanti miliardi perché il ministro ci aveva negato il diritto a conoscere i redditi delle persone con cariche pubbliche. Non è una battuta, l'ha detto lui stesso medesimo che abbiamo questo diritto. Ribadisco: che pretendete da Renzi?)

[pipponi]     Perché non sopporto beppegrillo™

Pungolato da Anna, e dai cinque minuti del V2 Day che hanno trasmesso giovedì ad Annozero - magari hanno mostrato anche altri spezzoni, ma dopo qualche minuto la coppia Santoro-Sgarbi ci ha convinto che sarebbe stato meglio spegnere la tv - provo a raccontare cos'è che non mi piace di beppegrillo™, anzi per la precisione del Grillo politico. In effetti, a differenza della maggior parte dei suoi detrattori, non ho nulla contro il comico; né mi infastidiscono i milioni di euro del suo reddito o il fatto che nel suo blog venda i dvd dei propri spettacoli. Fa solo bene, e chi non è d'accordo mi sa tanto che sia solo invidioso. Anche sulla sua vita privata non metto becco; l'ipocrisia è una merce fin troppo comune al giorno d'oggi e io sono ormai disposto ad accettarla, fintantoché ci sia perlomeno un vantaggio a seguire ciò che qualcuno fa pubblicamente.
Sarò stato sfigato nei cinque minuti che ho visto, in cui beppegrillo™ se l'è presa con Franzo Grande Stevens, ma credo proprio di no. Le battutine sul nome dell'avvocato, ben diverse da quello del suo avvocato, le capisco: hai da tenerti attente 50000 persone, sei costretto a trucchetti di questo tipo. La battuta sulla parola "Equity swap", strabuzzando gli occhi e dicendo qualcosa tipo "una volta si parlava di furto, adesso c'è l'eeequiti ssssuop!" già mi sta molto meno bene, per la banale ragione che Grillo non ha affatto spiegato cosa diavolo sia un equity swap e quindi ha turlupinato le masse in ascolto, che continueranno a non sapere nulla ma crederanno fermamente che sia un Male Assoluto, "perché l'ha detto beppegrillo™". Ma il peggio è stato l'attacco a Grande Stevens perché con l'equity swap avrebbe ridato la Fiat agli Agnelli, pagando le azioni cinque euro invece di otto, e togliendo così i soldi dalle buste paga degli operai. Io non so se l'operazione fatta dagli avvocati degli Agnelli sarà sanzionata penalmente (qualche milione di euro di multa se la sono presi), e concordo che non sia stata per nulla onesta: ma gli operai non c'entrano un tubo.
Cosa era successo? C'era un prestito in scadenza da parte di un pool di banche che stava per essere convertito in azioni; dopo la conversione la quota della finanziaria di famiglia, l'Ifil, sarebbe scesa sotto il 30% e quindi Fiat sarebbe stata scalabile. Di soldi per comprare azioni, di per sé, ne aveva, visto che in quel momento il titolo veleggiava a poco più di cinque euro per azione contro gli otto del valore del prestito. Però se avessero preso le azioni prima o dopo la scadenza del prestito sarebbe scattato l'obbligo di OPA su tutte le azioni, e tutti quei soldi gli Agnelli non ce li avevano. Grande Stevens e soci hanno così pensato di fare un accordo con Merrill Lynch, perché comprassero le azioni in borsa e poi gliele scambiassero in contemporanea alla conversione del prestito. Risultato: Ifil è rimasta a una quota di sicurezza e non ha dovuto fare l'OPA.
Le buste paga degli operai non c'entrano proprio un tubo, insomma; al limite i soldi sono stati rubati alle banche. Col senno di poi, le scelte successive degli Agnelli hanno risollevato la Fiat a tal punto che ci hanno guadagnato tutti, le banche e gli stessi operai; ma quello non conta. Quello che conta è che Grillo ha scientemente manipolato i fatti, perché dire "Grande Stevens ha rubato i soldi alle banche" non gli sarebbe servito. E questa è una cosa che non sopporto.
Ma non è tutto qui. Beppegrillo™ è un esperto indubbio nella pars destruens, ma per quanto riguarda la pars construens non fa nulla. Prima che torme di grillini vengano a ricordarmi più o meno gentilmente che ci sono i meetup: lo so che ci sono, grazie. Peccato che nonostante tutti i proclami del nostro, la loro visibilità sia praticamente nulla. Guardate il blog: ogni giorno c'è il pippone politico, in italiano inglese e presumibilmente giapponese. Non ci vorrebbe troppo ad avere anche ogni giorno una notizia di un'azione concreta di uno dei tanti meetup, no? Perché allora non ci sono? Certo, saranno iniziative locali, e a Piazza Armerina quello che fanno a Pizzighettone non importa direttamente: ma vedere che c'è chi sta facendo qualcosa secondo i dettami del vate inviterebbe a fare qualcosa. Di nuovo, sono queste le cose che a me non piacciono per nulla. Non che la cosa cambi molto, lo so: ma del resto ho l'idea che quarantamila dei presenti in piazza san Carlo a Torino fossero lì più che altro che per gustarsi uno spettacolo gratuito di Grillo, quindi non cambia molto nemmeno per loro.

28.04.08

[pipponi]     Cosa si ricerca in Italia

Come sapete, il PresConsMin in pectore ha chiesto al PresConsMin uscente di prestargli du' spicci (trecento milioni di euro, che poi sono lo 0,02% del nostro debito pubblico... davvero una miseria, no?) per avere il tempo di trovare i soci dell'Italica Cordata che indubbiamente salverà la nostra compagnia di bandiera. Ma non preoccupatevi: il prestito-ponte verrà indubbiamente restituito entro fine anno con gli interessi, sempre ammesso che Alitalia non fallisca prima.
Qualcuno magari si sarà chiesto dove siano stati trovati questi trecento milioni, in un bilancio che in fin dei conti non è che ci faccia sguazzare nell'oro. Il tesoretto è già svanito da mo': il governo uscente ha così pensato di recuperare dei fondi stanziati ma non ancora utilizzati, e che stavano nel fondo per finanziare la ricerca. In effetti bisogna ricercare finanziatori, e la cosa non è affatto banale.
(via Faccio Cose Vedo Gente)

25.04.08

[pipponi]     Le firme per i referendum di beppegrillo™

Nel mio post precedente sui referendum proposti da Grillo, Procellaria Westfalica ha fatto notare come secondo la legge le firme raccolte oggi verrebbero invalidate. Via vb (che oggi ha anche scritto che l'ex-comico, nel suo comizio odierno a Torino, ha accennato alla cosa - quindi la conosce anche lui) sono arrivato a questo blog che spiega come stanno le cose.
In pratica, la legge 25 maggio 1970, n. 352, afferma all’articolo 31 «Non può essere depositata richiesta di referendum nell'anno anteriore alla scadenza di una delle due Camere e nei sei mesi successivi alla data di convocazione dei comizi elettorali per l'elezione di una delle Camere medesime.». Siamo tutti d'accordo che la prima parte non fa testo e quella che conta è la seconda: i comizi elettorali sono stati convocati il 6 febbraio, quindi fino al 6 agosto non si possono consegnare le firme; e visto che il tempo di raccolta è di tre mesi, tutte quelle raccolte prima del 6 maggio non saranno valide. A Generazione V cercano di arrampicarsi sugli specchi con un'interpretazione della frase "Salvo il disposto dell’articolo 31 [della legge]", ma mi pare proprio che la frase significhi proprio il contrario, a meno che uno non pensi di avere "le firme in freezer".
Sulle prime pensavo che beppegrillo™ fosse stato fregato dalle elezioni anticipate; peccato però che la sua richiesta ufficiale dei referendum sia datata 22 febbraio, quindi dopo che le Camere erano state sciolte. Lascio ai miei lettori decidere se l'ha fatto apposta per far sorgere il caso, o più semplicemente si sia dimenticato di leggere attentamente la legge.

24.04.08

[pipponi]     glissiam, glissiam...

Continuo l'analisi sull'obnubilamento del V2 day di beppegrillo™ da parte dei media. Non guardando la televisione, non posso dare giudizi su cosa viene trasmesso al riguardo, ammesso che ne parlino: ma posso guardare i siti web dei quotidiani.
La Stampa tace, limitandosi a un instant poll con titolo "Nel giorno in cui si celebra la Liberazione, a Torino in Piazza Castello Beppe Grillo vuole celebrare il Vaffa Day per un'informazione libera. Voi siete favorevoli a scendere in piazza?". Ai miei attenti lettori non sarà sicuramente sfuggito il modo in cui il sondaggio è stato presentato: Grillo "vuole celebrare" il Vaffa Day, e per di più nel giorno in cui "si celebra" la Liberazione.
Il Corriere della Sera ha scritto un articoletto in perfetto stile "panino politico". Ecco l'incipit dell'articolo: «Contro il finanziamento pubblico dei partiti, contro l’Ordine dei Giornalisti («perché chiunque è giornalista, chiunque è scrittore…questa casta di persone incredibili…e l’Ordine è una cosa di Mussolini alla memoria») perfino contro il Grande Fratello.» Non so dove l'anonimo estensore abbia letto che Grillo parlerà contro il finanziamento pubblico dei partiti: è contro il finanziamento pubblico dei giornali collegati a partiti, ma forse la frase così era troppo complicata. Ad ogni modo il punto fondamentale del V2 Day è piazzato in mezzo a due temi - veri o falsi che siano - di sicura presa, e quindi il lettore medio si ricorda degli estremi e non della parte centrale, come Clemente J. Mimun ci ha insegnato ormai da molti anni.
Il top, però, è di Repubblica. Ecco qua l'articolo in tutto il suo fulgore. Tralasciamo l'inizio: «A creare un clima conflittuale è stata la scelta di Beppe Grillo di organizzare il suo secondo Vaffa Day proprio in concomitanza con l'anniversario della Liberazione dal nazifascismo». Uno potrebbe in effetti chiedersi con chi ci sia il conflitto, ma leggendo che a Torino il PD ha organizzato in tutta fretta una contromanifestazione per evitare che tutti accorrano da beppegrillo™ inizio a capire il punto di vista espresso dall'anonimo estensore. Ben più interessante è però questo paragrafo, che ho copiato verbatim: «Come accadde per la prima versione dell'8 settembre, il Vaffa-2 Day, oltre all'appuntamento principale in programma a piazza San Carlo con la presenza sul palco dello stesso Grillo, l'iniziativa prevede una mobilitazione in molte altre città, dove anche nei prossimi giorni saranno raccolte le firme per ottenere i tre obiettivi del programma "grillino" sulla stampa.» Leggetelo. Rileggetelo. Provate a fare l'analisi del periodo, se siete abbastanza vecchi da averla studiata a scuola. Vi accorgerete che la frase messa com'è non ha alcun senso logico: virgole a casaccio e doppio soggetto glielo impediscono. Mettiamola così: Grillo dovrebbe ringraziare per il bello spot che gli è stato fatto, dimostrando che se uno pubblica un testo così scritto non si vede l'utilità dell'Ordine dei Giornalisti. O magari invece è un altro astuto modo per glissare sulla manifestazione: si scrive, ma si fa in modo che sia impossibile leggere!
(la cosa che mi dà più fastidio di tutto questo, e chi mi conosce lo sa bene, è che mi tocca dare ragione a beppegrillo™. Ma non posso abdicare ai miei principî)
Aggiornamento: (14:15) Il Corsera ha pubblicato un nuovo articolo. Notate la frase «ma lui è pronto e galvanizzato per manifestare insieme al suo popolo a Torino, in Piazza Castello, cuore della città.» Da quello che ho capito io, Piazza Castello era la locazione scelta inizialmente, ma poi gli si è chiesto più o meno gentilmente di spostarsi in Piazza San Carlo (per i non torinesi: sono cinquecento metri sì e no), perché in Piazza Castello avrebbero così fatto la Grande Manifestazione Per Festeggiare La Resistenza. Domanda: hanno scritto il posto sbagliato perché avevano notizie vecchie di due mesi e non sono andati a verificare, oppure per vedere di spostare un po' di gente all'altra manifestazione?
Aggiornamento: (15:15) Anche La Stampa ha messo un articolo in homepage, dove - oltre chiaramente a ricordare che beppegrillo™ sarà nella nostra bella città di Torino - riesce ad affermare che per lui la lotta contro la disinformazione si limita al fatto che tra un po' Sìlviolo avrà di nuovo sei televisioni nazionali tutte per sé. I giornali insomma non c'entrano.

22.04.08

[pipponi]     V2 Day e referendum

Confesso che non avevo intenzione di parlarne. Cosa mi ha fatto cambiare idea, allora? Due cose. La prima è che ieri ho scoperto che, a differenza dell'altra volta, quest'anno i banchetti proporranno di firmare per tre referendum. La seconda, ben più importante, è capitata oggi a pranzo con i colleghi: mentre si chiacchierava, in due hanno detto "com'è che Grillo non sta facendo nulla?" e nessun altro ha risposto loro. Questo significa che i media non stanno parlando dalla manifestazione che si terrà contro di loro; a questo punto mi pare doveroso che la mia flebile voce dia un resoconto. Parziale, non c'è dubbio, ma credo meglio che il silenzio.

Il testo dei referendum lo trovate qui. (Però, insomma, mettere anche una pagina accessibile faceva così schifo? L'accessibilità è un tema davvero serio, anche se non ti dà visibilità tra il grande pubblico). Sul terzo, sull'abolizione della legge Gasparri, non ho molto da dire: lo condivido pienamente, e ha il vantaggio di essere molto semplice, visto che il testo dice "volete che si abroghi il Decreto Legislativo 31 luglio 2005, n. 177?". Sugli altri due personalmente ho dei dubbi. Iniziamo dal finanziamento ai quotidiani. Già il fatto che il quesito, a differenza degli altri due, sia più complicato significa che la materia non è banale. La prima parte, quella che toglie le prebende alla stampa di partito, è di nuovo sacrosanta: al limite, preferirei che le prebende siano date per volantini e manifesti senza pubblicità, non come aiutino per le vendite dei giornali.
La seconda parte, l'abolizione degli articoli dal 22 al 41 della legge sull'editoria, è curiosamente negletta nella spiegazione di beppegrillo™ e del suo staff. Bisogna dire che deve proprio avercela con i giornalisti, visto che non solo li vuole mandare via ma anche senza pensione e cassa integrazione (tutte cose presenti in quegli articoli...) Del resto, lo stesso Beppe Lopez così portato sugli scudi da beppegrillo™ scrive che la legge sui contributi è sì da riformare, ma non da abolire bensì da tarare su chi avrebbe davvero bisogno di una spinta per iniziare.
Per quanto riguarda l'abolizione dell'Ordine dei Giornalisti, che l'Ordine sia da riformare pesantemente è indubbio, e che molti giornalisti siano più che altro dei pennivendoli, pure. Ma ho l'impressione che la sua abolizione manderebbe via tali pennivendoli semplicemente per sostituirli con altri pennivendoli ancora più pronti a obbedire agli ordini degli editori, che sono certo sarebbero felicissimi della cosa. Il punto è banale: distruggere (pardon, abrogare) è facile, ricostruire dalle macerie no.

Termino il pippone con una nota molto personale. In una discussione chez Mantellini veniva fatto notare che se questi referendum raggiungessero il numero sufficiente di firme verrebbero tenuti insieme a quelli elettorali rimasti a bagnomaria causa elezioni, e quindi «il quorum è praticamente garantito». Ho fatto notare che non ne ero così certo, visto che «l'ultimo referendum tenutosi sulla legge elettorale non raggiunse il quorum» e mi è stato risposto «ne sei proprio sicuro? io fossi in te controllerei..» Per la cronaca, ho fornito le prove. Non ce l'ho contro chi mi ha risposto così, che poi si è anche scusato: faccio però notare ai miei ventun lettori una cosa. Non è un peccato mortale non ricordarsi cosa sia successo nove anni fa: magari uno all'epoca aveva dieci anni e non era certo interessato a queste palle politiche. Poteva assolutamente darsi che io mi sbagliassi, in buona o cattiva fede, e non c'è nulla di male a non credere a quello che scrivo: lo sapete bene che ogni tanto prendo delle cantonate. Però quella era un'informazione facilmente ricavabile, e mi sarei aspettato che in un consesso di persone che si suppone sia esperta a ricavare informazioni la gente andasse a verificarla di persona, invece che darmi del bugiardo senza se e senza ma. Tradotto nella vita reale, siete così sicuri che sia tutta colpa dei giornalisti, se la gente non sa cosa succeda davvero?

[pipponi]     Milano e la concorrenza.

Fortuna che Bernardo Caprotti nel suo libro ci fa notare come la mancanza di concorrenza faccia crescere i prezzi dei beni, il tutto contro il povero consumatore. Dato che i prezzi degli alimentari a Milano sono dell'11.2% superiori alla media italiana, mentre per gli articoli per la casa e di arredamento la differenza è del 25.8%, dobbiamo ringraziare Esselunga per un calo di quasi il 15% del prezzo degli alimentari!
D'accordo, la conclusione è farlocca. Ma il commento resta lo stesso: non credete bovinamente ai miracoli del mercato. Ognuno fa come gli riesce meglio.

12.04.08

[pipponi]     Quanto ci costa il debito pubblico

Si parla sempre tanto del nostro enorme debito pubblico, e di quanto ci costa. Ma quanto ci costa, in effetti? Ho provato a fare un po' di conti spannometrici, tanto per avere un numero non troppo lontano dal vero.
Rispetto agli altri grandi paesi UE, noi abbiamo un differenziale di debito pubblico di 40 punti percentuali abbondanti del nostro PIL (104% contro circa 60%), cioè di 700 miliardi di euro in più circa. Supponendo che questi soldi siano rimunerati al 4% agli acquirenti di titoli di stato italiani, sono circa 25 miliardi di costi in più l'anno per gli italiani. Facciamo 30 miliardi per sicurezza. Il tutto per la politica degli anni '80, giusto per mettere subito le cose in chiaro. Altro che il tesoretto...

[pipponi]     cosa succederebbe in Italia?

Non so se vi ricordate che l'avevo scritto: martedì scorso sono stato alla Italian Biotech Law Conference '08. Occhei, ne ho visto solo metà per problemi di incastro e roba simile (beh, bisogna pur lavorare ogni tanto, no?) ma per fortuna gli interventi che ho seguito erano quelli che mi interessavano di più - e di cui ci capivo qualcosa, il che non è banale visto il tema.
Ho così scoperto dall'intervento di Stephen Firth che da più di dieci anni il Regno Unito ha creato un database DNA nazionale (NDNAD, che sembra tanto uno scioglilingua).
Al momento ci sono quattro milioni e mezzo di campioni (salvati criogenicamente), da cui sono stati ricavati prima sei e adesso dieci marker, oltre a quello che indica il sesso. A parte i volontari, viene inserito in modo coatto chi è stato condannato da un tribunale, ma anche chi ha ricevuto solo un'ammonizione formale. Succede così che la distribuzione è assolutamente non statistica, con 80% di uomini e 18% di donne (oltre a un 2% "unknown"...) e con un'incidenza di meno del 10% della popolazione totale, ma del 75% dei maschi afrocaraibici, e centrata soprattutto tra i teenager e gli under 30.
Fin qua non ci sarebbe ancora nulla di male. Peccato però che dieci marker sono troppo pochi per dare una certezza di identificazione - e questo il giudice spesso non lo sa - e che i campioni sono tenuti... in laboratori privati, tanto che quest'anno hanno sospeso cinque dipendenti che vendevano i dati ai concorrenti ed è in corso una causa legale (solo civile e non penale, perché il governo non vuole dare troppa pubblicità alla cosa). Il tutto mentre il governo vuole aggiungere all'elenco dei pericolosi malfattori che verranno schedati biometricamente anche quelli multati per guida pericolosa, passare col rosso, guida senza cintura, guida senza patente, e senza biglietto del bus!
A parte che non so quanto quest'ultimo approccio potrà essere adottato in una nazione che ancora oggi non accetta l'imposizione di una carta d'identità, quello che mi viene in mente è che se mai in Italia si farà qualcosa del genere - e lo si dovrà fare, visto che l'UE sta già premendo sui vari stati al riguardo - sarà difficilissimo avere una tutela di questi dati che sono estremamente personali. Chissà se qualcuno a suo tempo si accorgerà della cosa.

09.04.08

[pipponi]     debiti sotto il tappeto

Oggi Bankitalia ha diffuso i dati sul debito pubblico a gennaio 2008 (qua il PDF).
Lasciate stare le frasi ad effetto come "Le entrate di gennaio-febbario a +10,5%" e guardiamo direttamente il debito pubblico... in maniera leggermente diversa da quella propinata dai giornali. A gennaio 2008 il debito pubblico, salvo correzioni, era di 1621,880 miliardi di euro, contro i 1590,791 di gennaio 2007. Differenza, 31,089 miliardi di euro. A dicembre 2007 era 1596,762 miliardi di euro, contro 1575,636 di dicembre 2006. Differenza 21,126 milardi di euro. Questo significa che tra dicembre e gennaio il differenziale del debito è cresciuto di dieci miliardi di euro, o se preferite dello 0,6% del PIL. Ci potrebbe essere qualche piccola ragione congiunturale, ma la spiegazione più semplice per questa differenza è che si sono spostate delle spese da fine 2007 a inizio 2008 per abbellire i conti dell'anno passato. Chi mi conosce sa quanto mi costi fatica ammetterlo, ma Tremonti probabilmente aveva rag... ragn... rgion..., sì, insomma l'avete capito. Mi sa che Prodi se lo sentiva, che tanto dopo Natale l'avrebbero affossato, e quindi ha pensato bene di lasciare una polpetta avvelenata. Non enorme come i 30-40 miliardi che saranno sicuramente citati tra due o tre mesi, ma nemmeno quisquilie. Sappiatelo fin d'ora.

08.04.08

[pipponi]     dimissioni telematiche - 3

A un mese abbondante dalle mie notiziole in merito (1 - 2) torno a parlare delle famose "dimissioni telematiche", citando un articolo di lavoce.info.
La situazione è ancora peggiore di quanto immaginassi. Innanzitutto il modulo di dimissioni non deve essere usato quando le dimissioni sono consensuali: come si poteva banalmente immaginare, chi voleva fare il furbo adesso è passato a fare firmare in bianco, al momento dell'assunzione, un accordo di risoluzione consensuale.
Peggio ancora, con una seconda circolare del 25 marzo (tre mega di PDF, non chiedetemi come mai sia così grande) è stato tolto l'obbligo di andare dai Centri per l'Impiego a farsi dare il modulino datato: puoi farti dare il numero dal tuo PC connettendoti al sito. Peccato che in questo modo il datore di lavoro, che i dati del lavoratore ce li ha, può farsi dare l'identificativo e compilare lui stesso il modulo di dimissioni per quando gli serve. Insomma, ci vorrebbe la firma digitale... che ovviamente non esiste per nulla all'atto pratico.
Resta insomma il mio solito triste commento: l'idea era buona, la realizzazione no.
Aggiornamento: (4 luglio) è di nuovo cambiato tutto. Vedi qua.

04.04.08

[pipponi]     Lo Zecchino d'Oro patrimonio dell'umanità

La notizia era apparsa su qualche quotidiano il primo d'aprile, ma si direbbe vera visto che c'è anche sul sito dell'Antoniano (e datata 28 marzo). Domani pomeriggio l'Unesco consegnerà ufficialmente all’Antoniano di Bologna una targa che attesta che lo Zecchino d’Oro fa parte del programma UNESCO “Patrimoni per una cultura di pace”.
Non che abbia qualcosa di particolare contro i frati dell'Antoniano o il mago Zurlì, ma non è che l'Unesco abbia qualcosa di meglio da fare che premiare gli spettacoli?

03.04.08

[pipponi]     Repubblica della Pizza

Nella nostra simpatica Italia, dove per presentarsi alle elezioni politiche basta convincere due parlamentari qualunque una settimana prima - non che i due parlamentari debbano poi correre per quella lista, sarebbe troppo semplice - succede che un partito presenti un simbolo ritenuto troppo simile a quello di un altro partito. La risposta della Giunta per le Elezioni, invece che dire "quel simbolo s'ha da cambiare" è stata "quella lista non s'ha da presentare".
Così l'ineffabile Giuseppe Pizza, segretario di un partito che sarà la DC in quarantottesimo ma ha comunque il nome di Democrazia Cristiana, prende la palla al balzo, si ricorda che in Italia un qualche organismo che ti dà ragione c'è sempre, e va al Consiglio di Stato. Il Consiglio di Stato chiama tutti, ma nessuno gli dà retta (tranne l'UDC, che ovviamente vuole mantenere con le unghie e con i denti il suo scudo crociato); così se la lega al dito e emette un'Ordinanza con la O maiuscola nella quale dice sostanzialmente "il ricorso non è sui candidati ma sulle liste, quindi è robbba nostra, e noi il ricorso lo ammettiamo".
Pizza fa la voce grossa e dice che gli altri sono stati dei cattivoni e gli hanno tolto venti giorni di campagna elettorale senza i quali non possono più vincere le elezioni: subito Giuliano Amato va a dire che si potrebbe dover rinviare le elezioni, prima che qualcuno faccia sommessamente notare al costituzionalista di vaglia quale lui è che magari c'è un insignificante problemuccio: la Costituzione (articolo 61) dice che le elezioni debbono essere tenute entro settanta giorni dallo scioglimento delle precedenti, e si suppone che in Italia la Costituzione sia ancora un po' più importante degli organismi amministrativi. A questo punto il governo ha pensato bene di ricorrere in Cassazione, mentre - immagino - fa stampare subito una nuova serie di schede elettorali perché non si sa mai.
In tutto questo, l'ineffabile Giuseppe Pizza si deve essere sentito scavalcato nella gara a chi la spara più grossa, ed è uscito con quella che secondo me dovrebbe essere la frase migliore del 2008: i settanta giorni prima delle elezioni devono essere effettivi (immagino lavorativi...) e quindi si può anche andare a 90 giorni dopo: immagino a questo punto facendo le elezioni di lunedì e martedì, perché la domenica non è un giorno effettivo. Per amor di verità, il testo non è virgolettato, e quindi magari è un'idea venuta al giornalista. Lascio ad altri più esperti di me scoprire il vero ideatore del concetto di "giorno effettivo".
Ricapitolando: per colpa di una legge elettorale che permette di presentarsi alle elezioni senza dover dimostrare un seguito popolare ancorché minimo, di una commissione elettorale che non distingue il concetto di lista da quello di simbolo presentato e di un organo dello Stato che aspetta tre settimane prima di dare una risposta ci troviamo nella solita situazione all'italiana. Posso tranquillamente immaginare che la soluzione sarà anch'essa all'italiana, con la Cassazione che respingerà il ricorso intorno a venerdì 11 nel pomeriggio; ma il risultato finale per quanto mi riguarda non cambia di una iota.

31.03.08

[pipponi]     "il traffico aereo è qui"

Non lo dico io, ma Roberto Formigoni, e se lo dice Roberto Formigoni è sicuramente vero. Che la regione Lombardia di cui Roberto Formigoni è governatore abbia messo tanti soldini su Malpensa - non so esattamente dove, ma li ha messi di sicuro - è indubbiamente ininfluente. Però vorrei provare a vedere le cose senza troppi paraocchi.
La frase di Formigoni è di per sé corretta, se per "qui" intendiamo l'Italia settentrionale in genere. Su questo penso siano d'accordo più o meno tutti. Ma se per "qui" intendiamo Malpensa, le cose diventano un po' diverse. Basta già chiedere a un torinese o a un bergamasco (ma anche a molti milanesi), e ti diranno che loro di Malpensa non se ne fanno un tubo, anzi. Tutto il traffico che si è perso con il taglio dei voli Alitalia è traffico finto, che passava di là perché Malpensa doveva essere il secondo hub di Alitalia. Un po' come i tir pieni di bottiglie d'acqua che dal nord vanno al sud e incrociano i tir pieni di bottiglie d'acqua che dal sud vanno al nord, insomma. Dal punto di vista di chi l'aereo lo prende, non c'è nessuna ragione specifica per andare a Malpensa, e anzi se sta al nord ci potrebbero essere ragioni per non andarci, visto che le distanze nella Pianura Padana sono piccole e i tempi morti di trasferimento diventano importanti... e qui torniamo al vecchio problema "fai un aeroporto in capo al mondo e non pensi nemmeno ad avere pronto un sistema serio e veloce di collegamenti su ferro?" (ma neanche su gomma, a dire il vero)
Se Malpensa fosse davvero il "qui" dipinto da Formigoni, insomma, l'unica differenza dopo la dehubbizzazione sarebbe l'aumento di voli verso l'Europa, e il fatto che non mi sembra esserci stato tutto quel rush mi fa credere che forse tutto quell'interesse non c'è. Occhei, magari è possibile che Alitalia non abbia rilasciato gli slot che non sta usando, e quindi gli altri vettori aerei siano impossibilitati a occupare il posto. Ma in tal caso mi chiedo come mai nessuno abbia posto il problema. O forse non me ne sono accorto io?

28.03.08

[pipponi]     e poi dite che ce l'ho con rep.it...

rep.it dà i numeri

Sono gli ultimi giorni possibili per mostrare i risultati dei sondaggi elettorali. Repubblica fa la sua analisi, e nota come il divario tra le due coalizioni maggiori sia tra il 5 e il 6%. Fin qua tutto bene. Poi dà i numeri precisi non tanto per il sondaggio commissionato da lei, dove la differenza è del 6.6%, ma per quello di SWG (vi ricorda qualcosa?), che riduce il distacco al 4.6% per il Senato. Ancora tutto bene. Ma poi riesce a scrivere «tenendo conto che l'assegnazione dei seggi senatoriali avviene su base nazionale» (castroneria bella e buona, ma ammettiamo pure che sia un errore di battitura) e soprattutto «e che la Lega non è presente nel centrosud, quel 4,6 di differenza può essere letto come un sostanziale pareggio.»
Qualcuno mi saprebbe dire cosa significa quest'ultima frase, buttata lì senza nemmeno provare a scrivere le percentuali - non che contino per il Senato, intendiamoci - che si immaginano per i due schieramenti divise per nord e centro-sud? Dove sarebbe il pareggio così sostanzialmente chiaro secondo rep.it? Ricchi premi e cotillons - tanto offre Eugenio S. - a chi lo sa spiegare.

27.03.08

[pipponi]     I Was PD

Premetto: a me il video dove il circolo 02PD di Milano rifaceva Y.M.C.A. dei Village People in salsa uòlteriana mi sembrava molto, molto trash. Però era allegro: non credo avrebbe spostato voti, ma almeno ci si divertiva a vederlo.
Ma a quanto pare questo video non s'ha da fare: "la concessionaria per l’Italia della proprietà della composizione dal titolo “Y.M.C.A.” di Bellolo – Morali Willis" ha chiesto che il video venisse tolto, immagino perché ledeva non so bene quali diritti. Ero convinto che in Italia esistesse il diritto di parodia, purché non danneggiasse gli autori originali e si pagassero comunque i diritti; sicuramente quest'ultimo punto non era stato fatto, ma per il resto non credo che i Village People venissero danneggiati dall'esposizione a Weltroni dopo che - immagino pagando il giusto - la versione originale era stata usata in una delle manifestazioni di Silvio. Però magari mi sbaglio, e il diritto di parodia non esiste: non sono un avvocato.
Resta naturalmente il banale fatto che il video lo si può trovare più o meno ovunque - in questo momento, ad esempio, è su Alice - e che in questo modo verrà scambiato molto di più. Secondo me gli agenti dei Village People non ci hanno fatto una bella figura.

26.03.08

[pipponi]     i giochi di prestigio di Rep.it

Continuano i tentativi di Rep.it di cercare di convincere il lettore che il PD ce la può fare: l'ultimo lo trovate qua, e mostra queste tabelle secondo cui è chiaro che al Senato ci sarà un pareggio nella migliore delle ipotesi per Silvio B. Come riescono a fare un gioco di prestigio simile? Beh, bisogna essere davvero bravi e fare tante cose.
(a) Non è stato fatto un sondaggio (anche perché in quel caso sarebbero stati costretti a pubblicarlo su sondaggielettorali, ma si sono basati su un non meglio identificato gruppo di sondaggi con qualche ulteriore focus. I sondaggi sono stati scelti accuratamente per dare il minimo vantaggio al PdL (cinque punti, quando la media è di otto).
(b) Le tabelle sono fatte immaginando che i seggi guadagnati da Sinistra Arcobaleno e UDC siano costanti: le uniche differenze tra i vari scenari consistono nel premio di maggioranza che viene dato all'uno o all'altro dei due principali partiti in alcune regioni chiave.
(c) non è affatto detto che i senatori a vita voteranno contro il governo, come indicato sotto: magari non parteciperebbero alla votazione, ma in genere il loro ruolo è di stabilità istituzionale.
Ma soprattutto (d) tutti questi conti sono fatti nell'ipotesi che l'UDC sia all'opposizione. E adesso non venitemi a dire che PierFurby ha giurato eterna vendetta contro Silvio: ricordo che non più tardi di dicembre 2007 Gianfranco Fini aveva spergiurato "mai più alleati con Forza Italia". E in effetti è così: sono nello stesso raggruppamento elettorale che però non si chiama Forza Italia.
Come sempre insomma, non fermatevi ai titoli ma leggete, leggete, leggete!

25.03.08

[pipponi]     Niente sigarette, siamo inglesi

Secondo il Corsera, nel Regno Unito si sta studiando una legge che non solo vieterebbe i distributori automatici di sigarette, ma non permetterebbe nemmeno ai tabaccai di esporle all'interno dei negozi. La ragione? Il ministro della Salute inglese dice «È fondamentale far arrivare ai bambini il messaggio che fumare fa male».
Io non ho mai fumato una sigaretta in vita mia, anche se mi sono sposato con una forte fumatrice: ma io non sono il tipo che segue le mode o roba del genere. Quello che però mi pare è che una scelta di questo tipo sia assolutamente controproducente: volete mettere il piacere di fare qualcosa di nascosto? Probabilmente sarebbe più utile iniziare a produrre fiction tv dove a fumare sono solo gli sfigati :-)

22.03.08

[pipponi]     omofobia spicciola

Titolo di rep.it: "Sei stilista, quindi gay - non ti do in affitto casa". Sottotitolo:«Milano, incredibile rifiuto a Coveri jr - "E io non sono omosessuale"»
Per amor di precisione, dal testo dell'articolo si vede che Francesco Martini Coveri ha detto una cosa un bel po' diversa, e la colpa di quanto scritto lì sopra sia più che altro del titolista. Però non so se ve ne siete accorti: scritto così, il problema sembra più che altro che il padrone di casa non abbia nemmeno voluto sincerarsi se il possibile inquilino fosse effettivamente omosessuale, ma per il resto non ci sarebbe nulla di male. Non so, a volte credo che la gente sia convinta che l'omosessualità sia una malattia altamente contagiosa... magari confondono i ricchioni con gli orecchioni, o magari hanno semplicemente paura di quello che non entra nel loro ristretto ordine.

21.03.08

[pipponi]     Come spostare gli elettori

Fosse stato su Repubblica, non avrebbe nemmeno meritato la fatica di copiare il link. Ma vista sul Corsera, la cosa è un po' diversa. Questo articolo racconta come la percentuale di quelli che credono che Uòlter potrebbe vincere le elezioni, anche se ancora assolutamente minoritaria, è triplicata nell'ultimo periodo. Per la serie "mentire con le statistiche", non sono affatto postati numeri a riguardo (e non è così banale, visto che immagino ci sia anche una percentuale non bassa di persone che credono si avrà un sostanziale pareggio al Senato): ma quello è il minore dei problemi.
Scrivere che la gente sta cominciando a pensare alla possibile vittoria di Uòlter, infatti, significa più che altro cercare di convincere gli elettori delusi che sì, se ppo' ffa', e quindi cercare di fare una profezia che si autoavvera. Come dicevo in cima, è una cosa che mi aspetto da Rep.it, non dal Corsera. Che abbia ragione Fabio Forno (vedi un suo commento alla notiziola sull'Alitalia), che Silvio stia cercando di fare il possibile perché si è accorto che vincere non gli conviene mica poi tanto?

18.03.08

[pipponi]     redditi degli onorevoli: guardiamo in fondo alla classifica!

Sono stati pubblicati i redditi 2006 dei parlamentari. Chissà perché, tutti vanno a vedere che Silvio B. ha dichiarato 139.245.570 euro: non solo una cifra assolutamente incomprensibile all'atto pratico, ma anche una cifra relativamente insensata, visto che ad esempio per quanto ne so i proventi azionari possono essere tassati a parte senza metterli nella dichiarazione dei redditi. Mi pare molto più interessante guardare il fondo della classifica, dove si nota che deputati e senatori hanno come limite inferiore 124.000 euro, e molti dei leader sono vicini a quella cifra. Questo mi fa immaginare che, a differenza di cosa capitava alcuni anni fa, le prebende ottenute in quanto onorevoli sono indicate nella dichiarazione dei redditi - e soprattutto che tali prebende sono appunto sui 124.000 euro anni. Ora, questa è una cifra che si riesce a concepire: ad esempio è ben più del doppio del mio stipendio, con l'aggiunta che io ci pago le tasse su, loro se non ricordo male no (il che di per sé non è un problema, non sono così iconoclasta io). E fa capire perché il Piddì chiede ai suoi "candidati sicuri" un contributo spese tra i 30.000 e i 50.000 euro: che volete che siano?
Tornando al reddito di Silvio, faccio comunque notare che quest'anno è stato maggiore della somma degli stipendi (non dei redditi) di tutti i deputati e senatori. Le conseguenze ve le traete voi :-)

12.03.08

[pipponi]     la lunga onda satanica

Voi non lo sapete, ne sono quasi certo, ma sabato scorso migliaia di afghani sono sfilati per le strade di Herat per protestare contro la ripubblicazione delle "vignette sataniche". Secondo il giornalista, questa sarebbe stata la manifestazione più importante dal 2006, vale a dire da quelle che si tennero quando le vignette furono inizialmente pubblicate.
Il mio pensiero sulle vignette in sé l'ho già scritto due anni fa e quindi non lo ripeto. Preferisco fare notare altre cose:
- Herat è la città dove è di stanza il contingente italiano in Afghanistan. Questo spero che ve lo ricordiate. Com'è che non ho sentito parlare sull'italica stampa di questa notizia, che mi pare piuttosto interessante per noi?
- Come mai in Afghanistan sapevano della ripubblicazione delle vignette?
- Visto che sanno tante cose, non è che sappiano anche che nel 2006 un ministro della Repubblica Italiana, in questo momento vicepresidente del Senato, gettò benzina sul fuoco? (dall'articolo non si evince nulla, ma ovviamente alla BBC che gliene può importare di un dentista padano?)
- Che si è pensato di fare a protezione del nostro contingente? Sono anche disposto a credere che i nostri militari stiano effettivamente impegnati nella ricostruzione, a differenza di quanto facevano a Nassiriya (dove tendenzialmente, dopo l'attentato, se ne stavano chiusi nella base facendo giusto un giretto ogni tanto belli blindati e lontani dalla gente). Resta il fatto che qualche suicida fanatico lo si trova abbastanza facilmente, e non vorrei trovarmi degli altri funerali di stato per colpa di quello di cui sopra.
Vabbè, le solite domande senza risposta di metà settimana :-(

11.03.08

[pipponi]     Le opinioni di Andrea Galli

Un giornalista dovrebbe separare i fatti dalle opinioni, almeno si sente dire così. Io non sono un giornalista, e queste mie notiziole non sono un giornale: però stavolta ho preferito fare le cose per bene e distinguere i "fatti" (si fa per dire) riportati da Andrea Galli sul Corsera riguardo all'assemblea di Wikimedia Italia ("fatti" che ho elencato ieri) dalle sue opinioni. Oggi tocca alle sue opinioni.

Avevo già accennato ai virgolettati che sono stati messi assolutamente a caso, partendo forse da una parola scribacchiata su un taccuino. Ma se leggete attentamente l'articolo, ai «fedeli» attratti dalla «biblioteca» sono stati affibiate descrizioni da comprimari di un film di Fantozzi. Non mi riferisco al «certo autoelogio di quanto si faccia, e di come naturalmente lo si faccia bene», ma ai «volti pallidi modello ragioniere al mare d’agosto», ai «pensionati dagli occhi spiritati che sembrano di ritorno da una guerra o dalla luna» e che avrebbero pronunciato - ma magari quello è vero, chi lo può sapere? «È una droga, una droga!». Poi c'è la «metamorfosi facciale tendente alla tristezza più cupa e con drammatico trasporto emozionale», manco si fosse vista la Madonna. Capisco che uno potrebbe anche essere scocciato di dover perdere una domenica pomeriggio perché l'hanno mandato a sentire dei nerd, soprattutto poi se c'erano solo «cinque figure femminili in sala». Magari però non è il caso di proiettare le proprie aspettative deluse sul pensionato, e commentare «Che gl’importa. È concentrato sul miglioramento del suo record». Allo stesso modo, terminare parlando del ragazzino non ancora quattordicenne (e che tra l'altro scrive molto meglio di certi giornalisti) e con una domanda/risposta «Ah. E le vostre mamme lo sanno?» «Sì. Non facciamo una brutta cosa, vero?» contribuisce a dare un'idea volutamente fasulla di Wikipedia e dei progetti fratelli.

Qualcuno magari potrebbe chiedersi perché me la stia prendendo così tanto, visto che Galli non ha parlato di me (non arrivo certo a «una media di due ore al giorno» su wiki, non credo nemmeno di arrivare a due ore la settimana). Beh, la cosa mi riguarda comunque. Io e le persone che domenica hanno partecipato all'assemblea facciamo parte di un'associazione che vuole promuovere la cultura libera in Italia (Wikipedia e i suoi progetti fratelli, ma non solo); e siamo così convinti della bontà di quello che stiamo facendo che paghiamo per farlo (la quota sociale, oltre ovviamente ai costi impliciti nel regalare del tempo). Scrivere un articolo in quel modo fa credere alla persona qualunque che legge il pezzo che per collaborare all'enciclopedia occorre essere parecchio alienati e magari anche un po' pazzi, e che sicuramente non è roba per loro: esattamente il contrario della realtà. E visto che io di Wikimedia Italia ne faccio parte, anzi ne sono socio fondatore, mi arrogo il diritto di criticare chi non sa o non vuole fare il proprio lavoro di cronaca, ed è convinto di stare scrivendo su un periodico di gossip e non sul secondo o terzo quotidiano italiano. Ah: a quanto mi è stato detto, il resoconto più obiettivo dell'assemblea è stato sul primo quotidiano per diffusione, La Gazzetta dello Sport.

Facendo un po' di ricerche in rete, si scopre comunque che Andrea Galli non è un nome esattamente sconosciuto. Alessandro mi ha inviato un paio di link: qua viene commentata la sua proprietà di linguaggio, mentre qua i wikipediani potranno consolarsi, visto che le sue attenzioni sono andate anche a gente ben più importante di noi.
Per finire, consiglio a tutti di leggere quanto scritto direttamente da Gatto Nero, che è parte (lesa) in causa molto più che il sottoscritto. Tra le altre corse, Gatto Nero fa notare come non solo lui non ha voluto essere intervistato - e questo posso confermarlo, visto che domenica mentre io e lui stavamo parlando il giornalista di Repubblica gli ha di nuovo chiesto se era proprio sicuro di non volere dire nulla - ma che Galli non gli ha nemmeno chiesto nulla. Magari potete anche leggere Marco Pratellesi, che sta cercando di arrampicarsi sugli specchi che nemmeno l'Uomo Ragno.
(p.s.: la "capa" ci è andata giù pesante anche lei: vedere la lettera che ha spedito)

05.03.08

[pipponi]     Il culto della teiera

Bisogna dire che il Corsera sta facendo di tutto per abbassare il già non eccelso livello della cultura italiana. Prendiamo ad esempio questa notizia. Il titolo, "Condannata seguace del culto della teiera", potrebbe al limite far venire in mente i Monty Python con Brian di Nazareth, anche se dubito che il lettore tipico del Corsera conosca il Culto della Scarpa Perduta. Anche l'occhiello, "tra le altre cose gli adepti venerano un'enorme teiera alta come una casa di 2 piani", concorre a far credere che il tutto sia semplicemente una storia divertente come tante altre, tranne magari per la donna che è stata condannata.
E invece no.
Se uno si mette a leggere tutto l'articolo, scopre che la condanna (a due anni di prigione, mica a un'ammenda più o meno nominale) è stata comminata per apostasia. A più di quattrocento anni dal rogo a Giordano Bruno, è ancora possibile essere condannati per avere deciso di lasciare la propria religione... e magari bisogna essere ancora grati che in fin dei conti ti lascino la vita e si limitino a farti passare un paio di anni in gattabuia. Per un illuso come me, questa è semplicemente una cosa inconcepibile; ma ancora meno concepibile è vedere che essa viene lasciata assolutamente sullo sfondo, per raccontare invece di come la teiera sia "il recipiente che usa il Creatore per distribuire la sua benevolenza agli uomini" e come nel villaggio dove il culto è basato si trovi anche "un grande ombrello, metafora del conforto e riparo che offre la fede".

01.03.08

[pipponi]     più tasse per tutti

Rep.it l'ha scritto in fondo in fondo al suo articolo intonante peana sul risultato 2008 dei conti pubblici italiani, "Deficit/Pil all'1,9% nel 2007 - Mai così basso dal 2000". Il Corsera lo scrive nell'occhiello, confidando sul fatto che il titolone "Istat: l'Italia cresce poco, ma cala il deficit" lo copra. Solo La Stampa, forse in ricordo di quello che avrebbe fatto trent'anni fa, titola a tutta pagina: "Il 2007 è l'anno delle tasse record". (Per la cronaca: ho guardato anche Il Giornale, ma non ho trovato nulla). In pratica, la pressione fiscale nel 2007 è stata del 43.3% del PIL, il dato più alto dal 1997 con la famosa eurotassa e i salti mortali per riuscire ad acciuffare i parametri di Maastricht ed entrare nell'euro. Per dare un'idea, tra il 2001 e il 2006 la pressione è oscillata dal 40.5% al 41.7%. Ma che vuol dire tutto questo?
Sull'edizione cartacea de La Stampa c'erano degli articoli interessanti, che però non parlavano esplicitamente delle ragioni di questo impennarsi della pressione fiscale. Una possibilità è in effetti quella della lotta all'evasione fiscale, che ha fatto sì che la gente pagasse più tasse; potrei aggiungere che un mio amico - notoriamente non di sinistra - afferma che in realtà quella storia è una balla, e c'è semplicemente stata una pletora di misure formali unite a obblighi di pagare "per evitare accertamenti, che non si sa mai cosa portino" forfait ben superiori a quello che si sarebbe dovuto fare.
Ovviamente non sono un economista e quindi non so dare risposte precise al riguardo, ma sono un matematico e una cosa la vedo facilmente. Anche partendo dal punto di vista che l'aumento della pressione fiscale dipenda interamente dai soldi emersi, non è che questa sia una buona notizia per chi è sempre stato onesto. Questi numeri sono infatti calcolati facendo il rapporto tra il Prodotto Interno Lordo globale e i soldi pagati globalmente di tasse, il che significa che gli onesti pagavano già prima troppi soldi, solo che le percentuali ufficiali non lo mostravano. E questo, come immaginate, non capita solo con quest'ultimo governo, ma arriva da ben più lontano. La vera colpa di Prodi, piuttosto, è stata quella di non ridurre le spese, il che avrebbe in effetti permesso una riduzione delle tasse senza farci bacchettare dall'Europa; ma la cosa più divertente, almeno secondo l'articolo della Stampa cartacea di oggi, è stato che nel 2007 Prodi ha anticipato delle spese correnti (e non bruscolini, si parla dell'1% del PIL) per non avere troppo poco deficit e rischiare quindi che l'anno prossimo l'UE gli chiedesse di fare ancora di più. Ciò significa che i conti di quest'anno respireranno un po' di più, ma che l'abbassamento delle tasse proposto dal Partito Uno e Bino, e che sembrerà così fattibile visto lo stato della spesa lo pagheremo pesantemente dal 2009 in poi.
Ma deve ancora nascere il politico che riuscirà davvero a contenere la spesa pubblica.

29.02.08

[pipponi]     Offerte speciali a cascata

Stasera siamo andati a fare spesa all'Esselunga. Tra le altre cose, c'era un'"irripetibile" offerta delle pastiglie per lavastoviglie Finish: due confezioni da 32 tabs impacchettate insieme al prezzo di una (occhei, era ben più del prezzo normale di una confezione, diciamocela tutta). Però c'era anche l'offerta speciale dell'Esselunga stessa: su quel prodotto, c'era il "paghi uno e prendi due". All'atto pratico, sono dunque arrivato in cassa con quattro confezioni di pastiglie, che tanto non vanno a male e inquinano allo stesso modo se prese in un colpo solo o nei mesi.
Se devo dire una cosa, però, mi chiedo quale sia il ricarico, e pertanto il guadagno, sui detersivi.

28.02.08

[pipponi]     i bloggher e il dottorvespa

Visto che la blogosfera è un'entità molto importante e attenta a quanto succede nel mondo, è una settimana che sono tutti lì a riempirsi la bocca col video di Porta a Porta dove il dottorvespa e la sessuologa più famosa d'Italia discettano - in una trasmissione in cui si parlava di tutt'altro - sui blog e su come questi siano "siti di prostituzione virtuale".
Visto che la blogosfera è un'entità molto importante e attenta a quanto succede nel mondo, una teoria di bloggher importanti (non in quanto bloggher, ma in quanto persone) hanno scritto una lettera aperta al dottorvespa, così che si possa ancora passare tutta la settimana a parlare della lettera aperta, in un sano sussulto di autoreferenzialità.
Ma la cosa più divertente, almeno dal punto di vista di uno come me che si sa è un povero sfigato, è vedere la lista dei firmatari: una sfliza di paroloni che mostrano quanto costoro siano fighi, ma tutto preceduto nel 90% dei casi dalla magica parolina "blogger". A me quella lista ha fatto tornare alla mente gli sketch delle Tribune Politiche con Covatta Paolantoni Sarcinelli che ce l'avevano sempre con i napoletani, e alla fine, nei titoli di coda, mettevano sempre vicino ai loro nomi l'appellativo "(napoletano)".
Non so se il dottorvespa rimarrà accecato dalla qualità dei firmatari. Però credo che il messaggio avrebbe avuto molta più forza se invece di fare così si fossero lasciate le affiliazioni serie e in fondo il link al loro blog. Sì, è vero che il dottorvespa magari non ci avrebbe fatto cliccare su, ma magari qualcun altro avrebbe potuto farlo e vedere di che si parla esattamente... Invece no, l'andywarholismo della ripetitività del "blogger-mantra" ha vinto anche stavolta. Basta che poi i bloggher non si lamentino di come vengono trattati :-)
(PS: "dottorvespa" è suo)

27.02.08

[pipponi]     Gravina

Non so se Francesco e Salvatore Pappalardi siano stati buttati in quella cisterna, oppure siano caduti. Però so che se i nostri solerti sistemi di ricerca non sono riusciti a scoprire un posto potenzialmente pericolo a duecento metri dall'ultimo luogo in cui i due fratelli erano stati visti, tanto solerti non è che siano.

22.02.08

[pipponi]     dimostrazione dell'inflazione percepita

Questo articolo di rep.it mi ha stupito davvero. Non è che mi abbia stupito scoprire che il costo dei prodotti ad "alta frequenza d'acquisto", cioè quelli che prendiamo tutti i giorni, sia salito molto di più del valore "ufficiale" dell'inflazione: spannometricamente ci arrivavo anch'io, e l'anno scorso avevo anche scritto qualcosa su come i panieri Istat non rispecchiano quello che la gente vede tutti i giorni: è un banale artificio legato al fatto che i nuovi prodotti introdotti in genere tendono a scendere di prezzo. Non mi ha stupito più di tanto nemmeno il fatto che quei prodotti contino solo per il 39% nell'indice: nella media italiana probabilmente è vero, peccato però che per le famiglie più povere, quelle cioè che sono più interessate agli aumenti, la percentuale cresca di molto.
No: quello che mi ha stupito è che l'Istat abbia scelto di preparare una simile statistica, e che un grande quotidiano nazionale ne parli.
D'altra parte, viviamo in una nazione in cui si nasconde la tabella che compara i prezzi dei carburanti in Italia, perché le compagnie petrolifere potrebbero sfruttarla per fare un cartello dei prezzi...

20.02.08

[pipponi]     castrazione chimica

In Italia, capita spesso che i temi di discussione ricompaiano ciclicamente, giusto perché capita qualche fatto grave e allora tutti si sentono in dovere di estrarre dal cappello le "loro" soluzioni. Così la storia del pedofilo agrigentino ha subito risvegliato le discussioni sulla castrazione chimica, con la destra pronta a cavalcare l'indignazione popolare promettendo il pugno di ferro e la sinistra che parla di "risolvere a monte", qualunque cosa voglia dire.
Naturalmente nessuno si mette a ricordare che la maggioranza degli abusi su bambini viene fatta da genitori o parenti stretti, perché mi sa tanto che in questo caso la tanto sbandierata approvazione popolare si raffredderebbe un po' al pensiero "e se lo facessero a me?" Di per sé, se qualcuno vuole scamparsi parte del carcere chiedendo volontariamente una cura farmacologica di quel tipo io non ho nulla in contrario: però renderlo obbligatorio non mi pare affatto bello... forse perché mi torna immediatamente in mente quanto successe ad Alan Turing.

19.02.08

[pipponi]     Kosovo? non so...

Occhei, dopo il titolo monovocalico un bel pippone, che è un po' che non ne scrivo più.
Per prima cosa, una constatazione banale. Il Kosovo dove si trova, esattamente? Non vale andare a vedere su 'pedia, né vale dire "da qualche parte nei Balcani". Sono comunque quasi tutte montagne, niente sbocchi al mare né grandi fiumi, insomma posti dove o ci sei nato e vissuto o non è che ci vai apposta. Epperò sembra che siano tutti quanti interessati.
Seconda cosa: immaginiamo che una regione italiana a caso, il Veneto :-), decida la secessione unilaterale da Roma Ladrona. Cosa farebbe il governo italiano, di destra o di sinistra che sia? Sono ragionevolmente certo che prenderebbe l'esercito e comincerebbe ad andare da quelle parti a spiegare civilmente la cosa. Qui invece i paladini della libertà come gli USA sono pronti a prendere le parti dei poveri kosovari... Chissà come mai. Forse perché devono fare vedere che loro non ce l'hanno con i musulmani in sé ma solo con quelli cattivi, e il Kosovo è l'esempio preclaro? E come mai non è capitata la stessa cosa con il Kurdistan iracheno? Quale sarebbe la differenza, che mica l'ho capita?
In tutto questo, l'Unione Europea ha mostrato la sua usuale coesione, lasciando libertà di riconoscimento ai vari stati. Ora che c'è Sarkozy, la Francia trova il pieno accordo con gli USA - per il Regno Unito si sa che non c'erano problemi - e i due grandini hanno fatto a gare per essere i primi a riconoscere il nuovo stato. Ad essere contrari sono casualmente gli stati con più spinte separatiste interne, Spagna e Cipro (occhei, Cipro è già separata); stranalmente il Belgio ha invece subito riconosciuto il nuovo stato, probabilmente perché non volevano perdere tempo prezioso nei litigi interni su cosa fare da loro. Più preoccupante il fatto che tutti gli stati della zona (Grecia, Bulgaria e Romania) non sono d'accordo, e ancora più strano il no della Slovacchia che la sua divisione l'ha fatta... ma ammetto di non sapere come sia la situazione delle loro minoranze.
Resta l'Italia. Che facciamo noi? Il nostro ministro per gli affari esteri correnti Minimo d'Alema ha ufficialmente annunciato che sì, adesso dobbiamo cercare un po' di capire bene le cose, ma in settimana sicuramente riconosceremo il nuovo stato, mentre ci sono i soliti gruppi contrari a prescindere. La sinistra-sinistra si trova stranamente con una posizione unica: ma lì penso sia un banale riflesso pavloviano nel sentire che gli USA approvano la secessione kosovara. L'altro gruppo politico contrario all'indipendenza del Kosovo è, udite udite... la Lega. Sì, i paladini dell'autodeterminazione dei popoli. È vero che i leghisti sono sempre stati filoserbi, perfino durante i bombardamenti Nato su Belgrado; è vero che il Kosovo è la parte meridionale della Serbia, quindi i suoi abitanti sono ipso facto dei terroni; però mi chiedo come poi facciano a chiedere l'indipendenza della Padania. È anche vero che la maggior parte del loro elettorato non credo riesca a fare tutti questi parallelismi.
I miei affezionati lettori invece si saranno accorti che sono stato molto attento a non indicare cosa ne penso io, di tutto questo. La risposta è "per l'ottima ragione che non so che cosa dire". So che per i serbi quella regione ha forti connotati di unità nazionale - e non mettetevi a ridere perché ricordino con così tanto affetto una sconfitta. Presente la prima guerra di indipendenza italiana? - ma mi sa che ci sia anche qualcos'altro dietro, che però mi sfugge. Quindi sospendo il giudizio, e lascio la palla a voi :-)
Aggiornamento: (20 febbraio) Borghezio è un cattivone, e ha subito pensato bene di darmi torto.

15.02.08

[pipponi]     amici del giaguaro

Leggo su rep.it del tonfo odierno delle azioni Telecom, dopo che l'amministratore delegato Franco Bernabè aveva parlato con i sindacati, e il segretario UILCom aveva subito spiattellato tutto ai media.
Sono abbastanza convinto che la prima versione delle dichiarazioni ("azienda impoverita dal punto di vista industriale ed internazionale e compromessa dal punto di vista finanziario") sia quella più vicina al vero. Un po' come i buchi nel bilancio dello stato, chi se ne va via può avere nascosto un bel po' di roba sotto il tappeto. Però un conto è sapere come stanno le cose, e un altro andare a spiattellarle in giro come ha fatto Bruno di Cola. Se lun'azienda perde valore, il sindacato si trova in difficoltà: e queste cose uno che fa il segretario generale della Uil Comunicazione forse le dovrebbe sapere. E non mi venga poi a dire che erano sue personali riflessioni, visto che non ci crede nessuno.
L'unica ipotesi dietrologica che mi può venire in mente è che UILCom, che per quanto ne so in Telecom è il più debole della Triplice, sta cercando di sparigliare qualcosa. Ma anche così mi sembra un'azione assolutamente da kamikaze: mi sa che non è solo in Parlamento che abbonda la gente con qualche problemuccio nell'immaginare le conseguenze delle proprie azioni!
(vedi anche Quintarelli, che probabilmente gongola)

14.02.08

[pipponi]     pensieri cattivi

a margine del tragico incidente di oggi (rep.it, - corsera):
- nessuno sbraiterà contro gli extracomunitari al volante (il Cayenne che ha originato l'incidente è svizzero)
- nessuno commenterà sul fatto che corso di Porta Vittoria, per come è fatto (parte centrale con la corsia preferenziale leggermente sollevata, e pochissimo spazio tra la preferenziale e le macchine parcheggiate da cane sul fianco) dovrebbe avere un limite di velocità di trenta all'ora, e probabilmente con i dossi artificiali. Le per fortuna rarissime volte che sono dovuto passare di là in bici, mi sono sempre piazzato sulla preferenziale che comunque è generalmente più sicura nonostante tutto.
- qualcuno si è in effetti chiesto che diavolo siano andati a fare lì la Moratti e il De Corato. La cosa strana è che gli strali contro sindaco e vicesindaco (Un gruppo di cittadini radunati a margine della strada hanno gridato: «Vergogna, vergogna. Non è questa la sicurezza che vogliamo» all'indirizzo della Moratti e De Corato.) in questo momento sono riportati dal Corsera e non da rep.it.
- in compenso, a rep.it iniziano la galleria di immagini (si sa che lo splatter fa sempre bene) con la scritta "questa galleria contiene immagini drammatiche". Scritta che non appare cliccando a partire dall'articolo, visto che viene linkata l'immagine numero 2 - che per me è già stata più che sufficiente, pur non vedendosi nulla. (P.S.: adesso (19:40) qualcuno se ne è accorto, e la galleria parte dall'avviso)

13.02.08

[pipponi]     Codette di pagliuccia

Leggo da Alberto Biraghi che l'ufficio stampa del PD non è affatto d'accordo sul chiamare le consultazioni interne per scegliere i candidati alle prossime politiche "primariette". Cito verbatim:
«Il termine 'primariette' non ci appartiene e dipende esclusivamente da una scelta del giornalista che, con tale termine, esprime anche un giudizio, che noi stigmatizziamo, su un importante strumento democratico con cui il partito sta completando il suo processo costituente, anche in vista della prossima tornata elettorale».
Repubblica, sempre fedele alla linea, si è subito allineata al diktat uolteriano: come si può ora leggere, adesso l'articolo recita «Primarie, no meglio "primariette". Anzi, per correttezza è più giusto chiamarle "consultazioni"». Il maanchismo, insomma, stavolta si perde del tutto.
Eppure il De Mauro, alla voce "-etto", recita è usato produttivamente con valore diminutivo, a volte con connotazione affettiva e solo più in basso aggiunge può assumere talvolta connotazione ironica o, anche, spregiativa. Personalmente, quando ieri ho visto il termine, l'ho subito adottato pensando a parole come "superette" ((piccolo supermercato) e ritenendo che corrispondesse perfettamente alla valenza di "piccole primarie", senza alcun intento ironico. Però vedere questa piccata presa di posizione mi fa immaginare che al loft del PD non siano così paciosi e felici come vorrebbero far credere: a questo punto credo che non mi periterò di usare la parola come vogliono loro :-)

10.02.08

[pipponi]     Il Codice Olindo

Alessandro mi segnala questa notiziona, che ci rende edotti che il codice dei "geroglifici" scritti da Olindo Romano sulla sua copia della Bibbia è stato "decriptato da alcuni studiosi". Devono aver fatto una faticaccia per scoprire il codice: ogni simbolo corrisponde ad una lettera dell'alfabeto.
Insomma, è vero che scrittori del rango di Edgar Allan Poe e Arthur Conan Doyle hanno scritto racconti e libri basandosi su codici a sostituzione formati da tanti disegnini: però sono decenni che basta prendere un appassionato solutore de La Settimana Enigmistica e dirgli "a numero uguale corrisponde lettera uguale" per trovare la soluzione. E adesso come farà Bruno Vespa?

[pipponi]     Rivoluzione all'italiana

Ho già parlato più volte di Rivoluzione Italiana, il blog di Paolo Guzzanti. Oltre alla copia dei comunicati stampa da lui inviati in giro, Guzzanti sr. ha creato una sua comunità, sotto i princìpi appunto della "Rivoluzione Italiana": «perché l’Italia non ha mai avuto la sua rivoluzione democratica e borghese, quella che in modi diversi ma non troppo hanno avuto l’Inghilterra nel 1688, gli Stati Uniti d’America con la guerra di indipendenza e di rivoluzione democratica culminata nella dichiatazione del 4 luglio 1776, e la prima parte della rivoluzione francese del 1789, prima che degenerasse nel mostro che produsse tentacoli e orrori fino ai nostri giorni attraverso il nazional socialismo hitleriano e il comunismo marxista.» (lo scrisse lui).
Si va alle urne e comunica - previo sondaggio bulgaro nel blog - che «Il senatore Paolo Guzzanti annuncia che il laboratorio politico-culturale ‘Rivoluzione Italiana’ confluira’ nel Popolo delle Liberta’.»
Giusto per mettere le cose in chiaro: non c'è nulla di male nell'avere avuto un sondaggio bulgaro. Immagino che i seguaci di quel blog siano effettivamente tutti della stessa idea del loro Nume, altrimenti che ci starebbero a scrivere a fare? Comprendo benissimo anche la chiosa di Guzzanti sr sul non avere nessun problema di trovarsi dentro con Mastella e Dini: "pacta servanda sunt", afferma il nostro, e i due sono stati ai patti.
Però definire tutto questo una rivoluzione... no, grazie.

08.02.08

[pipponi]     I professori contano di più

Tra ieri e oggi c'è stata una levata di scudi di tutta l'italica stampa contro il blog colpevole di avere pubblicato la "black-list di 162 professori ebrei", accusati di "fare lobby a favore dei sionisti".
Dopo che si è svegliato nientemeno che il Ministro degli Interni, il blog in questione è stato cancellato; nella cache di Google ho trovato solo un paio di pagine (una - due) che non riescono ad andare abbastanza indietro nel tempo, giusto per raccontare della "prontezza" con cui ci si è accorti della cosa. Onestamente quello che ho visto sono banali farneticazioni deliranti, nulla che preoccupi me: ma magari è la mia coscienza ad essere obnubilata, tutto è possibile. Quello che però mi pare davvero strano è che l'indignazione non sia arrivata per il sito in genere, ma per la "lista dei professori ebrei". Se per questo, nella cache ho anche trovato una "LISTA DI AFFARISTI EBREI NEL MONDO-TRATTA DA INFORMAZIONECORRETTA.COM": niente, quella non viene per nulla considerata. Quale sarà la differenza con la ormai sparita "LA LISTA DELLA CASTA BARONALE EBRAICA NELLA UNIVERSITA ITALIANA- LISTA PROFESSORI UNIVERSITARI EBREI ALLA UNIVERSITA LA SAPIENZA DI ROMA"?

07.02.08

[pipponi]     memoria storica cancellata

Stavo per scrivere una notiziola di apprezzamento per la decisione del Corsera, che ha reso accessibile l'archivio testuale dal 1992 in poi.
Poi sono andato all'archivio, e ho provato a fare una ricerca: risultato, una pagina bianca. Ho provato a cambiare ricerca (qualcosa tipo "Ratzinger" nel 2005... ): niente. Ho provato a cambiare browser, prendendo un IE6 senza optional: niente.
È vero che magari la colpa è del mio proxy che potrebbe fare delle brutte cose, ma mi sa che la notizia è come minimo un po' prematura :-)
Aggiornamento: (11:10) adesso funziona. Insomma, la notizia non era troppo prematura :-)
Ritorna il pieno apprezzamento per il Corsera!

05.02.08

[pipponi]     prepensioniamoli

A quanto pare mi sono sbagliato, e si andrà a votare prima che i neoparlamentari 2006 abbiano guadagnato il diritto alla loro sudata pensione. È anche vero che Silvio è Buono, la legge elettorale è Ottima, e presumo che i deputati e senatori del centrodestra verranno ricandidati in posizioni sicure. Quelli del centrosinistra? è un loro problema.
Ciò detto, concordo pienamente e vorrei dare massima diffusione all'appello di Bubbo Bubboni. Il Parlamento, come un solo onorevole, faccia una legge ad hoc che dia il diritto a una più che dignitosa pensione - ma che dico: a un'ottima pensione! - ai nostri attuali parlamentari. Unica clausola: non facciano più politica attiva, nemmeno come consigliere comunale di Alluvioni Cambiò.
In fin dei conti, anche nel mondo aziendale abbiamo casi di dirigenti pagati per non fare nulla, il che è comunque un vantaggio rispetto a quando "facevano": perché non possiamo esportarlo nel pubblico?

03.02.08

[pipponi]     Aborti tardivi?

Di per sé, che un feto che dia segni di vita debba essere rianimato non è nulla di strano, anzi. Una volta che il cordone ombelicale è stato tagliato, è un essere vivente per conto suo: ovviamente non sarà riconosciuto dalla madre, ma questo già adesso non è un problema con la legge attuale. Però ci sono alcuni punti che non mi convincono affatto:
- questo documento è "casualmente" apparso in occasione della Giornata per la Vita;
- continuo a chiedermi come mai ci siano aborti così avanti nella gravidanza, visto che anche le analisi si fanno al terzo, massimo al quarto mese;
- e naturalmente mi chiedo perché non venga applicata la legge 194 e qualcuno non faccia dei consultori finanziari dove insegnino che il modo migliore per evitare di abortire poi è la contraccezione prima. Ovvio che aborti ce ne saranno sempre, ma almeno sarebbero di meno.

02.02.08

[pipponi]     Teatrino della politica

Sono certo che Renato Brunetta e Fabrizio Cicchitto, assieme a Paolo Guzzanti, saranno assolutamente convinti di essere delle persone divertentissime. E in effetti, guardando Brunetta a figura intera, uno potrebbe anche essere d'accordo.
Però, se io fossi in Marini e Napolitano, mi affretterei a dedicare al loro comitato "Elezioni subito" tanto, tanto, tanto tempo. Giusto il tempo necessario per rinviare di un bel po' le elezioni. E io sono uno di quelli che le elezioni le vorrebbe davvero subito.

31.01.08

[pipponi]     Quando il degrado fa bene

Ora che la famigerata modifica alla legge sul diritto d'autore è stata licenziata da entrambe le Camere, l'ottimo Andrea Monti fa notare che tecnicamente un qualunque file MP3 è degradato, e quindi in pratica diventerà possibile scambiarsi qualunque file, purché "per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro". La cosa purtroppo non vale per le immagini, visto che "bassa risoluzione" è un termine generico; però è sicuramente interessante. È interessante anche il commento dell'ineffabile Enzo Mazza, presidente della FIMI, che se ne esce bel bello dicendo «La legge non ci preoccupa perché sappiamo già come sarà il decreto che fisserà i paletti» (dell'"uso didattico o scientifico" e facendo intuire che il nostro Parlamento non si deve preoccupare, visto che ci penseranno loro a dettargli cosa dovranno scrivere: ma in effetti mettere limiti a quel livello significa rischiare pericolosamente l'incostituzionalità (articolo 33).
È probabile che presto verrà fatta una leggina riparatrice: ma per il momento godiamoci questa piccola libertà.

[pipponi]     Governo elettorale

Se il problema fosse solo quello di fare una legge elettorale, non c'è nemmeno bisogno di scomodare Marini.
Ecco qua il disegno di legge:

Articolo 1
La Legge 21 dicembre 2005, n. 270 è abrogata.

Non che il Mattarellum fosse chissà che cosa, ma due legislature complete ce le aveva assicurate. E il risultato finale al Senato non credo sarebbe così diverso da quello che si avrà votando con l'attuale Porcellum (voto che ci sarà, per la prima volta nella storia della Repubblica italiana, a novembre... scommettiamo?); per quanto riguarda la Camera, non si avrebbe l'ampia maggioranza garantita dalla legge attuale, il che significherebbe solo che anche i deputati sarebbero costretti ad andare a Montecitorio più spesso. Poi con calma si potrebbe studiare una nuova legge. Peccato che la legge attuale faccia tanto comodo a tutti i partiti.

30.01.08

[pipponi]     wikipedia e le buone intenzioni

Wikipedia è una gran bella cosa. Come tutte le cose grandi e belle, c'è sempre chi è invidioso e cerca di rovinarla: in gergo, i wikipediani parlano di "vandalismi". I vandalismi sono una rottura di scatole, ma generalmente si riescono a riparare abbastanza in fretta. Già più complicate da gestire sono le faide all'interno di alcune voci, spesso di politici ma anche di altro genere (signoraggio è un esempio preclaro).
Le persone però più difficili da gestire sono quelli che vogliono tanto partecipare senza sapere esattamente di che cosa si sta parlando. Quando il governo Prodi non ha avuto la fiducia al Senato, varie persone si sono immediatamente precipitate a indicare il governo come terminato, cosa che non è affatto vera - per quanto francamente impossibile, potrebbe ancora darsi che Napolitano lo rimandi alle Camere. Lo stesso sta capitando oggi con il "governo Marini". La pagina corrispondente è stata creata alle 16:25, per essere cancellata dopo meno di un'ora e diciannove modifiche (solo 19 perché a un certo punto era stata bloccata in scrittura agli utenti anonimi). Ma la cosa peggiore è vedere queste persone lamentarsi affermando che
In Italia i Governi sono in carica nel momento in cui il Presidente della repubblica affida il mandato per la formazione di un Governo; il giuramento è il primo atto solenne del Governo! Quindi, in questo caso, tra pochi minuti se Marini avrà ricevuto l'incarico (e naturalmente l'avrà accettato) sarà, già da oggi, il Presidente del Consiglio dei Ministri.
A parte il notare che non c'era nemmeno ancora un comunicato ufficiale, l'ignoto commentatore non ha sicuramente letto la Costituzione (articoli 92 e 93) né tanto meno il comunicato del Quirinale che afferma Ho pertanto chiesto al Presidente del Senato – facendo appello al suo senso di responsabilità istituzionale – di verificare le possibilità di consenso su un preciso progetto di riforma della legge elettorale e di sostegno a un governo funzionale all’approvazione di quel progetto e all’assunzione delle decisioni più urgenti in alcuni campi.
È vero che in parte la colpa è di giornali e tv che parlano di "incarico esplorativo" facendo credere che sia un incarico di governo; ma è anche vero che sarebbe simpatico che una persona si documentasse, prima di scrivere. Epperò è anche vero che anche i contributori a Wikipedia sono specchio della popolazione italica :-(

26.01.08

[pipponi]     L'etica dei giornalisti al Corsera

Qualche volta ho citato nelle mie notiziole Paul The Wine Guy. Tra le cose che ha pubblicato in questi mesi, c'è anche una galleria di immagini, "Understanding art for geeks", che prende alcuni quadri famosi e li modifica come potrebbe vederli una persona che di arte non capisce nulla ma delle mille icone attuali sì. Questo è il set di immagini su flickr.
A inizio settimana, queste immagini sono state notate all'estero e pubblicizzate nei siti più noti al pubblico geek, come ad esempio Slashdot. Così è capitato che qualche "giornalista" (le virgolette servono) del Corsera abbia pensato che sarebbe stato bello, e soprattutto gratuito, farci una rassegna di immagini. Peccato che è vero che le immagini sono distribuibili gratuitamente, ma la licenza d'uso prevede l'attribuzione all'autore, quando si riutilizza l'immagine. D'altra parte, una cosa come questa non dovrebbe nemmeno essere evidenziata: la proprietà intellettuale è una cosa molto seria... tranne che quando non c'è di mezzo la SIAE, la RIAA o tutti quelli che tuonano ogni tre per due contro il "furto". La galleria postata sul Corsera dice semplicemente che le immagini si trovano "su flickr.com" (in modo tra l'altro che nessuno possa andare a vederle in originale, non sia mai).
Brava gente, nevvero?
Aggiornamento: (27 gennaio, 17:30) non so esattamente da quando, ma adesso la galleria indica correttamente l'autore, e su ciascuna delle immagini viene un po' cripticamente indicato (vedi gallery: tinyurl.com/yux7sh) che punta alle foto di Flickr.
Aggiornamento 2: (28 gennaio: 16:20) Come fatto notare da Elvira, le scuse del Corsera sono finite sulla home page di www.corriere.it. Tutto è bene ciò che finisce bene (anche se sto sempre aspettando che PTWG rimetta in linea le immagini :-P )

24.01.08

[pipponi]     Silvio 1 e Silvio 2

Dichiarazioni di Berlusconi dopo la caduta del governo:
21:57 - "Pensavo che Prodi avesse qualche carta coperta, due o tre senatori a favore del governo. Questo non è successo. Quindi non mi spiego come il presidente del Consiglio si sia sottoposto ad una mezza giornata di critiche e di polemiche, che per lui non deve essere stata certo felice." (al TG5)
21:59 - "Non ci sono più margini di dialogo con Veltroni. C'è una legge elettorale vigente che è una buona legge e dalla quale, in un mese, si potrebbe togliere l'anomalia del premio di maggioranza regionale portandolo ad essere premio di maggioranza nazionale." (a Porta a Porta)
È bello vedere quest'uomo rinascere di colpo [*], anche se deve avere perso il senso della realtà. Non tanto perché ha scoperto solo adesso che il Porcellum è appunto un Porcellum, senza che gli venga in mente che quelli del centrosinistra non si sogneranno mai di cambiare la legge elettorale solo per fargli un favore; ma anche perché non riesce proprio a capire come una persona (Prodi) possa avere un impegno morale. Ma forse sono ingiusto con lui, e il senso della realtà ce l'ha perfettamente: non c'è forse Raiset che in due minuti lo intervista in stereo?

[*] qui c'era una battuta cattiva ma ingiusta nei confronti di una persona terza.

[pipponi]     I need a translator

Di Cossiga ho già parlato: è chiaro che si diverte come un bambino a fare dichiarazioni che vengono smentite rapidamente ma forse senza troppa gioia dagli interessati. Però c'è chi è ancora più criptico. Leggete questa dichiarazione fatta da Giacinto Pannella detto Marco a Radio Radicale, secondo quanto scritto da rep.it (ore 14:30):
«Occorre dare atto che è venuto fuori da Romano Prodi un comportamento lineare e preciso, contro tutti e contro tutto. Dopo aver cercato nottetempo di far fuori non tanto Prodi, ma il Prodi che rappresenta una sorpresa di stampo liberale, di difesa del diritto e dello stato di diritto, oggi si va davanti al Senato. Se poi, come non accade, la sostanza è totalmente indipendente dalla forma, discuteremo»
Qualcuno sarebbe così gentile da tradurmela?

23.01.08

[pipponi]     Muoia Romano con tutti i filistei

Lo scrivo adesso perché stia agli atti. Spero che Prodi non vada al Colle a rimettere il mandato prima del voto in Senato. Apprezzerei anche che - nel caso ottenga sì la fiducia, ma con l'apporto determinante dei senatori a vita - rimettesse comunque l'incarico; ma quello è secondario.
Il punto è molto semplice: che non ci sia più una maggioranza lo deve dire il Parlamento, che anche se non abbiamo potuto votarlo direttamente grazie al Porcellum e si chiude a riccio appena qualcuno vuole toccare qualcuno di loro è comunque (purtroppo?) sovrano. Aprire la crisi in modo extraparlamentare è un'ulteriore presa per i nostri fondelli, e nonostante tutto ho ancora abbastanza stima per il Mortadellone perché non lo voglia fare. Qui non si parla di governare a tutti i costi, ma di fare in modo che i senatori abbiano il coraggio delle loro scelte.
Peccato che la proposta di Lunar (nei commenti a Mantellini, è il #5) di sciogliere solo il Senato è impraticabile non tanto costituzionalmente quanto praticamente, nel senso che il Porcellum darebbe una maggioranza di pochi voti al centrodestra, perpetuando l'instabilità. E peccato che questa legge elettorale non sarà cambiata, perché sotto sotto fa troppo comodo a tutti. Ne parleremo comunque domani, mi sa.

[pipponi]     ISTAT e Corte dei Conti

Una pessima abitudine invalsa da alcuni anni per la fine dell'anno civile è quella del cosiddetto "decreto milleproroghe": un lunghissimo decreto legge che serve a mettere a posto tutto quello che non si è riusciti a fare durante l'anno, dando ancora sessanta giorni di tempo per riuscire a votarlo. Quello che c'è di brutto in questo decreto è che al suo interno c'è proprio di tutto, e non si ha mai il tempo di capire se le norme in esso contenute sono valide, inutili o addirittura dannose.
Tra quanto approvato il mese scorso, fa notare Lavoce.info, c'è stato un codicillo pieno di buon senso. Occorre fare un passo indietro e ricordare che l'ISTAT, l'Istituto ufficiale italiano di Statistica, ogni tanto fa delle domande a un campione di persone per poter preparare le sue statistiche. Ricordo ad esempio che una quindicina di anni fa mi arrivò un bel plico dove mi si chiedeva di rispondere a una sfilza di domande sulla mia occupazione post-laurea: come sempre ho rovinato i risultati ;-) Io non ho naturalmente avuto nessun problema a rispondere, ma immagino ci sia della gente che per principio o per pigrizia non lo faccia: bene, la legge (decreto legislativo 322/1989, articoli 7 e 11) prevedeva una multa da 200 a 2000 euro (se privati) o 5164 euro (se aziende) nel caso non si fosse risposto. All'Istat sono delle persone intelligenti e hanno sempre fatto finta di nulla; alla Corte dei Conti sono tutti dei ragionieri, e hanno contestato all'Istat di avere fatto un ingente danno all'erario, qualcosa come 191 milioni di euro. Bene: nel decreto milleproroghe c'è anche una norma che restringe la multa ai soli rifiuti formali, e rende la norma retroattiva.
Ma perché ho scritto che all'Istat sono intelligenti? Beh, pensateci su un attimo. Se qualcuno mi costringesse a rispondere a un questionario, pena una multa, e io non avessi affatto voglia di farlo, la prima cosa che mi verrebbe in mente sarebbe mettere risposte a caso. (Qualcuno di voi magari avrebbe scritto l'opposto del vero, ma io sono più bastardo e preferisco evitare ogni correlazione possibile). Il risultato sarebbe un inquinamento delle risposte, che è sicuramente peggio di avere dei dati in meno: un bravo statistico riesce a ottenere qualcosa anche con dati meno completi di quanto vorrebbe, in fin dei conti, ma non può fare nulla con dati sbagliati.
Insomma, onore a chi ha pensato di sanare questa magagna, e onore a quelli di Lavoce.info che l'hanno resa pubblica, checché ne scrivano quelli di CriticaMente.

22.01.08

[pipponi]     Macché crisi e crisi!

Le prime pagine di tutti i giornali continuano a rilanciare notizie sulla crisi di governo (ah, Prodi si è quasi scocciato del tutto, se chiederà esplicitamente la fiducia. Solo "quasi", perché va prima alla Camera dove dovrebbe comunque averla...). Poi, se si va sulle pagine molto interne, si può ad esempio leggere questo. C'era una legge, fatta da nemmeno tre mesi, che vietava alle discoteche di vendere alcolici dopo le due di notte. Ma l'Italia è il paese delle leggi, e improvvisamente si è risvegliato l'iter della legge di riforma sulla sicurezza stradale. In un sussulto di decisionismo, la nuova legge è stata approvata in Commissione Trasporti all'unanimità, e quindi non dovrà passare in parlamento. Peccato però che casualmente non ci sia più il divieto di cui sopra. Un pensiero in meno. Ragazzi, sono riusciti a fare protestare contro l'abolizione della norma financo Carlo Giovanardi! Ma vi rendete conto? (no, probabilmente no)
Ho sbagliato tutto dieci anni fa, quando potevo ancora andarmene via dall'Italia senza problemi.

19.01.08

[pipponi]     Piccinerie

Sarebbe l'ora di smetterla di parlare di Ratzi e della Sapienza, ma non posso esimermi dal citare Ipazia, che a sua volta riporta un articolo del fisico Giorgio Parisi che svela come la lettera dei 67 fisici non sia stata scritta il 10 gennaio, ma a metà novembre scorso, il che in effetti cambia parecchio le cose. E come mai è rimasta nel cassetto fino alla settimana scorsa? Beh, sempre Ipazia linka questo verbale del Senato, dove si scopre che uno dei firmatari dell'appello è stato designato presidente del CNR e ora qualcuno vuole annullare la nomina a causa appunto della sua firma all'appello. E noi che pensavamo che fosse un contrasto sui Fondamentali Princìpi di Libertà e Tolleranza...

In una notizia più o meno correlata, Paolo Guzzanti racconta cosa è successo sulla mozione che non è passata per le assenze dei deputati di Forza Italia. Si può credere o no sulla sua accusa alla Lega, quasi da inciucio, ma vi invito a leggere attentamente tutto il testo guzzantiano e immaginare cosa facciano davvero i nostri rappresentanti, oltre che appunto lamentarsi del presidente designato per il CNR. Cito solo una frase: La mozione presentata da Calderoli in un giorno della settimana - il giovedì - normalmente dedicata ad interrogazioni e interpellanze (e dunque un giorno in cui i senatori per lo più non restano a Roma).

[pipponi]     Figli di

Se vi dico "Mastella", pensate subito a Clemente; ma in questo caso parlo di suo figlio Elio. Se dico "Sortino" probabilmente non pensate a nulla, oppure - se guardate la TV - pensate a Sebastiano, inviato delle Iene.
Detto così, sembrebbe esserci una asimmetria; però, se avete visto questo video, saprete voi che le cose si possono aggiustare. Infatti, dopo essere rimasto un po' a rispondere alle incalzanti domande della Iena, alla fine non ce la fa più e fa amabilmente notare come il contrattista per Mediaset sia il figlio di Sebastiano, uno dei commissari dell'Autorità Garante per le Comunicazioni. Insomma, tutto torna perfettamente.
Vorrei aggiungere che Mastella jr. ci ha fatto un'ottima figura, anche perché già quello stile di intervista così amato a Mediaset in realtà è l'equivalente moderno di essere messi al Colosseo a combattere contro i leoni, e anche la persona più innocente di questo mondo può essere disegnata come un sanguinario bruto se non ha una capacità di controllo ben oltre la media, e poi perché comunque non era lui quello che c'entrava in tutta la storia. Poi, essendo io curioso e non guardando la TV, mi chiedo come mai Sky avesse la registrazione dell'intervista :-)

(via Vittorio Bertola)

15.01.08

[pipponi]     Ratzinger, Galileo, Feyerabend e altri ancora

Metto subito una cosa in chiaro: della storia dello "studente tedesco che rinuncia all'università", come Alessandro Robecchi chiosa la rinuncia del Papa a intervenire durante l'inaugurazione dell'anno accademico alla Sapienza, non mi è per nulla interessata, e infatti non è un caso che non ne avessi affatto parlato da queste parti. Se proprio avessi dovuto commentare, avrei detto che chi voleva manifestare manifestasse pure, e che i 67 docenti di fisica, invece che scrivere l'ormai famosa lettera, avrebbero fatto meglio a chiedere di poter parlare dopo Benedetto XVI e raccontare tutte quelle cose lì. Ma capisco che in questo modo si sono fatti molta più pubblicità. Però stasera Stefano mi ha chiesto di commentare il discorso di Paul Feyerabend citato dall'allora cardinale Ratzinger, e il tuttologo che in me non si può certo esimere. Da buon tuttologo, non so nulla di quello di cui parlerò, ma non c'è certo problema: tanto tra le mie lettrici (almeno due, più una che il blog non ce l'ha e quindi non posso linkare) e forse anche qualche mio lettore [*] di gente che potrà dottamente sbertucciarmi ce n'è.

La frase incriminata di Feyerabend (tratta da questo sito: come sempre, per prima cosa cercare le fonti!) è questa: «La Chiesa dell'epoca di Galileo si attenne alla ragione più che lo stesso Galileo, e prese in considerazione anche le conseguenze etiche e sociali della dottrina galileiana. La sua sentenza contro Galileo fu razionale e giusta, e solo per motivi di opportunità politica se ne può legittimare la revisione» Cominciamo dalla seconda frase, che è la più semplice: si traduce in "Galileo è stato condannato per ragion di Stato, ed è stato riabilitato per ragion di Stato". Macché fede, ragione, o anche solo morale o etica: tutto quello che contava e che conta era ed è "cosa viene più comodo". Da questo punto di vista, insomma, la laicità della scienza non c'entra un tubo, proprio perché la religione non c'entra un tubo. Ricordo - ma questo è probabilmente inutile - che il "metodo scientifico" non era certo così noto ai tempi di Galileo, visto che è stato lui ad inventarlo. Quindi l'"attenersi alla ragione" della Chiesa di allora era l'attenersi alla "ragione aristotelica", mi sa tanto.

Mi ha stupito, invece, che i fisici non si siano lamentati di un'altra citazione nell'intervento di Ratzinger. Non certo quella di von Weizsacker che "fa ancora un passo avanti, quando vede una «via direttissima» che conduce da Galileo alla bomba atomica". Penso che su quello si sia tutti d'accordo: senza il cambio di paradigma dalla scienza aristotelica a quella galileiana, non si sarebbe certo arrivati alla bomba atomica, o se per questo al PC su cui leggete questo mio sproloquio. Parlo invece del pezzo che riguarda Ernst Bloch. La premessa è giusta: «il sistema eliocentrico -così come quello geocentrico- si fonda su presupposti indimostrabili». Peccato che parta subito per la tangente, dicendo «Tra questi, rivestirebbe un ruolo di primo piano l'affermazione dell'esistenza di uno spazio assoluto; opzione che tuttavia è stata poi cancellata dalla teoria della relatività.» La relatività non c'entra un tubo, mi spiace. Il punto è banalmente che la scienza (galileiana, non aristotelica) non può avere certezze ma solamente modelli, e si deve scegliere il modello che (oltre a fare previsioni dimostrabili, che è l'unica cosa che si sente dire in genere) è il più semplice. È chiaro che avere delle orbite ellittiche intorno al sole che sta in uno dei fuochi dell'ellisse è di gran lunga più semplice che avere epicicli di primo e secondo ordine per "aggiustare" le orbite circolari intorno alla Terra, ma questo non sarebbe stato un problema. Se non ricordo male, Bellarmino aveva cercato senza riuscirci di convincere Galileo a dire che usava il sistema eliocentrico perché era il più semplice, senza però dire che "era quello vero"; cosa che il pisano non ebbe assolutamente intenzione di fare (doveva essere una testa ben dura anche lui).

Diciamo che io mi sarei aspettato come critica a Benedetto XVI appunto questa: che parla di scienza (la parte blochiana sulla teoria della relatività) senza sapere di cosa parla, e di parlare tanto di "presupposti indimostrabili" ma poi affermare implicitamente che la Chiesa ha il modo di affermare la Verità anche su quelli prettamente scientifici (se le due teorie scientifiche geo- ed eliocentrica si basano entrambe su presupposti indimostrabili, perché si doveva affermare che quella Vera era la prima?) A parte la stupidità, almeno per come la vedo io, di una battaglia di retroguardia - crederete mica che Ratzinger creda nella Terra al centro dell'universo? - quello in effetti è un punto piuttosto pesante. Mi sa però che forse era troppo fine... stiamo parlando in fin dei conti di fisici :-P

[*] il buffo è che le due fanciulle che cito stanno dalle "parti opposte della barricata" rispetto ai due fanciulli. Queste connotazioni sessiste...

[pipponi]     Suharto, chi era costui?

Beh, chi legge queste notiziole - l'ho già detto - è per definizione una persona intelligente ed acculturata e si ricorderà perfettamente che Suharto è stato il sanguinario dittatore dell'Indonesia dal 1966 al 1998. Insomma, un tipino non esattamente raccomandabile e che si è assicurato un posticino nella storia del XX secolo: non esattamente tra i Buoni, ma non importa. Indubbiamente non è Uno Qualunque.
Ora, è una decina di giorni che Suharto è in fin di vita. Se uno segue la BBC, può sapere giorno per giorno l'evoluzione della sua malattia. Voi lo sapevate? con ogni probabilità no. Non perché siate stupidi e ignoranti, ma perché i nostri media non ritengono sufficientemente interessante la notizia, nonostante tutto quello che si dica sulla globalizzazione. Qui non è nemmeno problema di casta, mi sa, quanto piuttosto di visione distorta del mondo.

13.01.08

[pipponi]     Thyssen-Krupp

Immagino che abbiate già letto tutti questo articolo del Corsera.
Ma onestamente, vi aspettavate qualcosa di diverso da una multinazionale? O forse pensavate che fuori dall'Italia fossero tutti parenti di Lupo de' Lupis, il lupo tanto buonino? Nei contratti di lavoro c'è scritto che tu non puoi parlare male dell'azienda, e dire che non si faceva nulla per la sicurezza cos'è, se non "parlare male"?
Venerdì Ezio Mauro (che è stato direttore de La Stampa, e quindi Torino la conosce bene) ha scritto questo. Non leggetelo se non siete d'animo forte.
Aggiornamento (14 gennaio): leggendo il corrispondente articolo su La Stampa (che qui gioca in casa), si rafforza la sensazione che le notizie sul dossier della Thyssen-Krupp, che in teoria immagino fossero un memo interno confidenziale, siano state casualmente fatte uscire fuori direttamente da Guariniello che si voleva togliere qualche sassolino dalla scarpa.

[pipponi]     Quando le idee sono chiare

Premessa: è ovvio che in un paese come l'Italia non si può fare una legge elettorale. Ci sono troppi partiti con troppi interessi diversi, a destra, a sinistra, al centro, sopra, sotto, eccetera. L'unica possibilità che mi viene in mente è selezionarne cinque o sei, e poi sorteggiare quella che verrà promulgata.
Comunque Silvio B. non perde l'occasione per lamentarsi, e fin qua nulla di strano. Però c'è un passaggio che non mi torna. Cito dall'articolo:
«Berlusconi ribadisce: il "porcellum" di Calderoli, ritoccato, andrebbe benissimo, mentre a questo punto il traguardo ideale resta il modello francese. "Sono d'accordo con Veltroni, ha dato buoni risultati. Per fare in Italia quello che Sarkozy ha fatto in Francia in poco tempo servirebbero 2-3 anni. Ci vuole un solo turno, una sola scheda, un solo voto. Speriamo si trovi l'accordo".»
Ora, il modello francese può darsi abbia una sola scheda e un solo voto, ma sicuramente ha due turni. Mi resta solo un dubbio: è fuso Berlusconi, sono fusi quelli di Repubblica o semplicemente si parte dal presupposto che tanto è tutta una farsa e quindi non bisogna fare attenzione a quel che viene detto?

10.01.08

[pipponi]     grandeur télévisuelle

L'altro ieri Nicolas Sarkozy ha parlato un po' di cosa vuole fare alla TV pubblica francese. Hanno parlato quasi tutti della proposta di togliere la pubblicità per la TV di stato, da finanziare con una tassa sul porno e sulle televisioni private: si sa, in Italia certi temi sono persino più scottanti della proposta moratoria sull'aborto.
Preferisco però parlare dell'altro punto: la chiusura di France24, o meglio il suo accorpamento, insieme a Radio France internationale e TV5, in un nuovo soggetto che dovrebbe chiamarsi "France Monde". Il peccato originale di France24 (un canale tuttonews)? Non trasmette soltanto in francese, ma anche in inglese e in arabo, e quindi "non porta la presenza della Francia in modo massiccio". Al limite, concede monsieur le Président, si potranno lasciare i sottotitoli in inglese, spagnolo e arabo a seconda della regione.
Sarà. A me però la cosa continua a non tornare. Secondo me una mossa come quella si rivela un boomerang: se il francese non lo sai, non ti metterai nemmeno a selezionare il canale. Non dico di fare l'esterofilo a tutto spiano, ma forse pensare che la Francia non è solo la lingua francese potrebbe essere interessante.

09.01.08

[pipponi]     le domande per il momento ci sono

Nel suo blog, Alessandro Gilioli racconta di come non abbia intervistato beppegrillo™. Personalmente non mi aspettavo nulla di diverso, ma si sa che io sono una persona fin troppo prevenuta nei suoi confronti, come il mio amico Ugo non si perita certo di ricordarmi ogni poco.
Fortunatamente questa volta però c'è un sistema semplice per zittirmi. Nel post che ho citato sopra Gilioli riporta una serie di domande. Alcune sono chiaramente retoriche - la terz'ultima e la penultima, ad esempio; per quanto possiamo poi sapere noi, potrebbe poi non avere riportato nel post le domande che hanno fatto davvero incazzare beppegrillo™. Però le domande che sono state riportate avrebbero tutte diritto a una risposta: non sarebbe bello per tutti se il nostro "lider internético" rispondesse sul suo blog a quelle domande? Non sarebbe un ottimo sistema per dimostrare di essere superiore alla tanto vituperata "casta dei giornalisti"?
(e lasciate stare quella camicia di forza, garantisco di non essere pericoloso)

[pipponi]     La via italiana per combattere il phishing

Chi mi legge sa che cos'è il phishing - beh, in questi giorni forse lo sa persino chi legge i quotidiani, il che è tutto detto - e sa che in Italia il sito di gran lunga più scelto dai phisher è quello di Poste Italiane, anche se ci sono banche messe molto peggio (per non fare nomi, Fideuram che almeno fino a un paio di giorni fa aveva una possibile falla di sicurezza niente male). È ovvio che da un lato occorre che gli utenti stiano molto attenti a quello che fanno, ma è anche ovvio che anche le banche devono fare la loro parte.
E la stanno facendo alla perfezione, naturalmente in stile italiano. LivePaola racconta che ieri non è riuscita a pagare online i contributi per la colf. Motivo? La sua banca, Fineco, ha silenziosamente messo un tetto massimo di 149 euro per i pagamenti con una loro carta sul sito poste.it. Il tutto, ovviamente, "per motivi di sicurezza". Detto in altro modo: visto che noi banche non siamo capaci a fare le cose in maniera sicura, ti impediamo di farle, sperando che tu non te ne accorga nemmeno, visto che tanto non è che tutta questa roba di gestione online dei pagamenti sia così importante, e la facciamo solo perché è di moda[*]. Se poi proprio ci va male e vieni a romperci le scatole, ti spieghiamo che lo facciamo per il tuo bene. Mi pare un modo perfetto di spiegare come vanno le cose in Italia.

[*] sì, lo so che Fineco è una banca online. Che lo sappiano loro, non ne sono certo.

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati

Ultime aggiunte su xmau.com

[NEW!] 29 aprile 2010
Sono presente su Il Post.

[new] 4 marzo 2010
Aggiornate le sezioni Matematica light, testi e articoli.

20 agosto 2009
Sono nati Jacopo e Cecilia!

Ultimi commenti conosciuti

un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 22 Feb alle 15:26
Marco B. Rossi, su _Mathematical Omnibus_ (libro) , il 22 Feb alle 12:37
.mau., su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 16:23
Irina La Sgualdrina, su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 15:35
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:16
Sergio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:05
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:41
un cattolico, su L'algebra di Ezio Mauro , il 21 Feb alle 11:30
delio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:29
un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:05
.mau., su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 16:00
Mauro, su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 15:26
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
banasci, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:37
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:27
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:18
mestesso, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 13:16
un cattolico, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:25
nicola, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:02
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:59
garden, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:18
un cattolico, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 19:40
mestesso, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 12:17
JB, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 10:54

Puntatori vari

rss 1.0 feed     vicini di casa
rss 2.0 feed     il feed del mio Tumblr
full feed (rss 1.0)     scriptygoddess.com
commenti (rss 0.91)     klipfolio
hacker    

Sign In

Recent Comments

un cattolico su ai limiti della truffa?: @.mau.: scusa colpa mia. Quanto a Magister, chissà che Scola da capo rito non lo ascolti...
Marco B. Rossi su _Mathematical Omnibus_ (libro): Urca lo scarico subito, grazie! P.S. Ussignur sono 465 pagine!
.mau. su "mica l'ho fatto apposta": *Io*, quando guido, sto anche a guardare le pozzanghere. Evidentemente il coglione sono io.
Irina La Sgualdrina su "mica l'ho fatto apposta": Non è che uno, mentre guida, sta a guardare le pozzanghere. Sarebbe gentile se stesse attento, ma è
.mau. su ai limiti della truffa?: @Sergio: ah. Quindi potrebbe essere un vero prodotto licenziato? (il sito mi pare francese, magari l
Sergio su ai limiti della truffa?: In Realtà Monster Academy è il titolo francese (che devono sempre fare gli originali) quindi se il p
.mau. su ai limiti della truffa?: (non capisco questa deriva carnascialesca, comunque...) La Quaresima (rito romano) prevede quaranta
un cattolico su L'algebra di Ezio Mauro: @camillo: però sicuramente più simpatici del matematico più noto in Italia oggigiorno: se togliamo l
delio su ai limiti della truffa?: ma quindi è una quaresima di durata ridotta o a milano la pasqua viene festeggiata quattro giorni do
un cattolico su ai limiti della truffa?: Da meneghino acquisito hai 4 giorni in più di "festa" a disposizione per loro due, visto che tirate

Archives