30.04.11

[recensioni]     Anche tu matematico (libro)

[copertina] Occhei, sono passati vent'anni dalla pubblicazione di questo libro (Roberto Vacca, Anche tu matematico, Garzanti 1989, pag. 181, € 15, ISBN 9788811739999). Gli esempi in GWBASIC sono irrimediabilmente datati, oggi probabilmente si metterebbe l'URL di un'applet; ma quello lo possiamo mettere in conto, e poi non è che fossero così essenziali nell'economia del libro. Ma è buona parte del resto che non va, e probabilmente non andava nemmeno vent'anni fa. Vacca è un ingegnere, e lo si vede benissimo; il suo punto di vista si può riassumere in "c'è questo concetto, vi mostro i conti che si fanno in un esempio qualunque, e adesso siete pronti a fare lo stesso anche voi". No, la matematica non è questa. La matematica è (dovrebbe essere) prima capire cosa sta dietro il problema, poi capire il problema, e solo alla fine fare i conti. (Un Vero Matematico li lascerebbe persino come facile esercizio al lettore, ma non sottilizziamo). Non so, ho come il sospetto che questo libro abbia allontanato più gente di quanti abbia avvicinato alla matematica, il che non è certo il massimo della vita. Degne di nota le due previsioni che fa alla fine del libro, rispettivamente sul numero di malati di Aids e sulla diffusione dei personal computer in Italia. Vacca afferma correttamente che anche se i dati a disposizione sembrano corrispondere a una crescita esponenziale la cosa è impossibile in pratica, e si otterrà probabilmente una curva logistica (una specie di S che tende a un limite massimo); poi mi casca miseramente, scommettendo che si tenderà a 2300 malati e poco più di 5 milioni di PC. Un errore solo di un fattore 10. Lo so che è facile sparlare a posteriori, ma io non mi sarei mai fidato di estrapolare una curva logistica a partire da sette soli punti... e cose come queste fanno sembrare il matematico uno stregone, perdipiù incapace. E allora chi te lo fa fare a diventare matematico?

29.04.11

[io]     chi è il suggeritore di amazon.it?

Stamattina mi è arrivata una simpatica mail dall'indirizzo email store-news@amazon.it; mail che mi salutava «Ciao Maurizio Codogno,», si domandava - retoricamente, mi pare chiaro - «Stai cercando un prodotto nella categoria Libri sulla Matematica?» e benignamente mi dava anche la risposta: «Forse potrebbero interessarti i seguenti articoli», con lista allegata immediatamente sotto. Nulla di particolarmente strano, in fin dei conti è lo stesso trucco usato dagli imbonitori e con le carte fedeltà. È probabile che io sia interessato a libri di quel genere, e magari se mi presenti qualcosa che non ho potrei decidere di comprarmelo.

Detto questo, comincerei a chiedere a quelli che hanno scritto il software in questione come mai tra le proposte fattemi (libri che ho già tutti, ma a loro non era dato di sapere) ce ne fosse uno del quale ho postato una recensione sul sito stesso di Amazon. Vabbè, mi si dirà, magari me l'ero fatto prestare da un amico, e ora posso usufruire dello sconto per averne una copia tutta per me. Ma mi chiederei anche come mai la prima proposta che mi viene fatta è quella... del libro che ho scritto io! Occhei, anche qui uno potrebbe dire "sì, ma magari l'autore vuole regalare il suo libro in giro, e noi glielo offriamo apposta". Bisogna essere MOLTO buoni per pensare qualcosa di simile, ma con un po' di sforzo ci si arriva.

Però non puoi scrivermi alle 8 del mattino proponendomi di accattarmi il libro di Bressanini sui giochi matematici del Pacioli, quando alle 11 di sera del giorno prima mi hai scritto confermando di avermi spedito il libro di Bressanini sui giochi matematici del Pacioli! o volevi dirmi che si è perso?

[milano]     In bicicletta da via Padova alla Martesana - 2 bis

[il percorso NON è quello reale]Un piccolo aggiornamento sulla storia della pista ciclopedonale di cui ho fatto il reportage fotografico.

Ieri, mentre passavo davanti a un negozio in viale Monza, ho visto una locandina dove l'assessore Carlo Masseroli presenta orgoglioso la sperimentazione del "suo" percorso ciclopedonale e invita residenti e passanti a un incontro pubblico per "dialogare assieme" (no, l'incontro c'è già stato). Capisco, in fin dei conti siamo sotto elezioni. Però quello che non capisco è come mai la cartina del percorso stesso sia quella del percorso progettato, e non quella che poi è stata effettivamente preparata.

Secondo voi l'assessore lo sapeva, che gli hanno cambiato il progetto sotto i suoi occhi? (beh, "sotto i suoi occhi"? occhei, cancellate l'ultimo sintagma)

[politica]     scaramanzia

[il governo dice] Occhei, la scaramanzia è una cosa molto importante, lo scudetto è una cosa ancora più importante, e capisco che il PresConsMin, come sicuramente farebbe la maggior parte degli italiani, si affretti a negare di aver pronunciato previsioni al riguardo.

Ma vivaddio, invece che usare il sito ufficiale del governo non potrebbe aprirsi una pagina Facebook e scriverlo là?

28.04.11

[io]     dell'utilità del blog

sto cercando di compilare il 730, e ho scoperto che non solo debbo dire che ho cambiato residenza pur essendo rimasto a Milano, ma anche indicare la data dell'avvenuto cambio di residenza, cosa che avevo fatto a gennaio 2010. Come ho fatto a trovare il giorno esatto? Semplice, sono andato a fare una ricerca sul mio blog :-)

[religione]     De Mattei, Sodoma e Gomorra

Dev'essere davvero dura la vita del vicepresidente del CNR Roberto De Mattei. Non solo è costretto, pur di rendere noto al mondo intero il messaggio divino, a esprimere concetti sempre più forti che però hanno sempre meno spazio sui media "laici" (no, non è una campagna anticattolica, ma il semplice risultato della mitridizzazione dell'opinione pubblica) ma viene anche indirettamente rampognato da padre Cantalamessa (che – nomen omen – è il predicatore pontificio...) e financo dal Papa stesso, tanto che nel suo sito si sente in obbligo di esprimere delle controaffermazioni sul contenuto della predica stessa... argomentazioni, le sue, che mi sa non siano state raccolte dalla stampa. Proprio un complotto, non c'è che dire.

Ora io sono notoriamente un pessimo cattolico, e non ho certo una formazione teologica. Però, quando sento parlare di distruzione per castigo divino, mi torna subito in mente la storia di Sodoma e Gomorra. Il capitolo 19 della Genesi, quando gli inviati del Signore arrivano da Lot e subito i sodomiti vorrebbero abusare di loro, è sicuramente ben noto a tutti almeno nelle grandi linee; ma magari molti non hanno mai letto il capitolo precedente, quello dove Dio comunica ad Abramo che è pronto a distruggere le due città e il profeta, peggio di un commerciante levantino, inizia un tiremmolla convincendo Dio a promettere che non avrebbe distrutto la città se avesse trovato un numero abbastanza alto di giusti; numero che inizialmente Abramo pone a cinquanta, per scendere via via fino a dieci. Potremmo argomentare che Dio, essendo onnisciente, ha giocato un po' come il gatto con il topo; ma è anche vero che Lot, in qualità di giusto, viene fatto fuggire. Insomma, il castigo di Dio secondo la Bibbia non cade ugualmente su buoni e cattivi, ma c'è comunque una separazione.


Eppure secondo De Mattei questa separazione non ci sarebbe stata; il terremoto + tsunami giapponese è simbolo del castigo di Dio. Ma allora non c'era nemmeno un giapponese "buono" e risparmiato? Non mi pare che il successivo riposizionamento di De Mattei, con la "sofferenza vicaria" delle anime che si offrono volontariamente in espiazione, sia applicabile, anche perché in tal caso il castigo non sarebbe dovuto esserci stato. Non parliamo poi del Dio che vorrebbe il male "per accidens"; a questo punto sarebbe un ribaltamento a 180 gradi del suo pensiero originario e allora le altre tre schermate di giustificazioni sarebbero inutili. Oppure siamo noi che non ci siamo accorti di un rivolo di nipponici giusti che si sono allontanati di soppiatto dall'area devastata prima del giorno fatale? O peggio ancora, nessuno ha cercato di intercedere con Dio per risparmiare il Giappone? Questa sì che sarebbe una vergogna: Roberto De Mattei dovrebbe fare pubblica ammenda e penitenza per questo suo atto di superbia che ha impedito a molti giusti il poter vivere ancora lunghi anni!

27.04.11

[pipponi]     congiuntivo trapassato

Lo so, sono una persona orribile e soprattutto un grammar nazi. Con tutti i guai che ci sono al mondo, e con tutti quelli che si stracciano le vesti perché Berlusconi, pur di non arrivare al referendum sul legittimo impedimento, sta cercando di fare quello che i proponenti degli altri quesiti referendari volevano, io mi metto a fare le pulci sui tempi verbali.

Nella conferenza stampa di ieri con Sarkozy Berlusconi ha pronunciato - ho sentito l'audio io stesso - le seguenti parole:

«Se fossimo andati al referendum, il nucleare non sarebbe stato possibile per molti anni»

Periodo ipotetico del terzo tipo, o dell'impossibilità: l'antecedente usa il congiuntivo trapassato. Peccato che a oggi non sappiamo affatto cosa decideranno quelle toghe rosse della Cassazione, e quindi il periodo ipotetico sarebbe dovuto essere del secondo tipo, o della possibilità, con un congiuntivo imperfetto: «se andassimo al referendum, il nucleare potrebbe non essere possibile per molti anni» (io aggiungo anche un "potrebbe", perché non si sa mai, ma non è quello il concetto chiave). Ora è vero che la Cassazione non può e non deve tenere conto di quelle parole del PresConsMin che non hanno alcun valore legale, checché ne pensino Di Pietro e amici; ma è anche vero che - a differenza ad esempio di costui - ritengo possibile che la Cassazione mantenga il quesito, per l'ottima ragione che una moratoria non è un'abrogazione ma solo un rinvio. È chiaro che io non ho formazione legale a differenza del PresConsMin, ma mi picco di conoscere la lingua italiana...

(nota scorrelata: Silvio ha anche affermato che la scelta di andare a bombardare la Libia è dovuta alle richieste «dei nostri alleati e anche degli Stati Uniti d'America». Lascio terminare ai miei ventun lettori il passaggio logico)

[recensioni]     L'uomo sul tetto (libro)

[copertina] Sono passati sette anni dal caso di Roseanna, il primo della serie; il commissario Martin Beck ha sette anni in più, è divorziato e la figlia maggiore è già una donna, tanto che all'inizio si vedono padre e figlia a chiacchierare in un locale. Ma a parte queste considerazioni e l'accorgersi che la coppia Sjöwall-Wahlöö è sempre specializzata in descrizioni minutissime di luoghi, tanto che uno potrebbe farci un Google Maps coi loro libri, in questo libro (Maj Sjöwall e Per Wahlöö, L'uomo sul tetto [Den vedervärdigen mannen från Säffle], Sellerio "La memoria - 807" 2010 [1971], pag. 282, € 13, ISBN 978-88-389-2422-4, trad. Renato Zatti) sotto la trama del poliziesco c'è un romanzo di denuncia, come giustamente spiegato nel risvolto di copertina: si parla della violenza gratuita di molti poliziotti, e dello spirito di corpo che nasconde per quanto possibile le malefatte dei colleghi. L'altra denuncia che si legge nelle pagine è sul "rinnovamento" delle città, con edifici se non addirittura quartieri sventrati per costruire nuovi svincoli stradali e gli affitti che balzano alle stelle. Beck continua a essere un antieroe, e le tensioni interne tra i suoi colleghi sono più forti; per il resto, la struttura del libro è simile a quella dei precedenti, col caso che si dipana più o meno per conto suo e le ultime decine di pagine dedicate al redde rationem. Insomma, consigliato per chi apprezza il genere; dubbi per gli altri. E a proposito di dubbi: chissà come mai è stato scelto un titolo che ha più o meno senso con il libro ma non c'entra nulla con l'originale...

26.04.11

[io]     PEC

Non ci crederete, ma oggi mi è arrivata una notifica che mi avvisava che nella mia casella di Posta Elettronica Certificata c'era una comunicazione (dell'INPS, per la cronaca, con l'attestazione dei soldi che avevo versato).
E la cosa più incredibile è che avevo ancora la password per entrarci :-)

[sfrucugliate]     In bicicletta da via Padova alla Martesana - 2

Un mesetto fa avevo fatto un reportage fotografico sul progettando percorso ciclopedonale che avrebbe unito la pista di via Padova con quella sulla Martesana. Ora i lavori sono terminati, e sono sicuro che i miei ventun lettori stavano aspettando con ansia il rapporto complessivo su quanto successo. Avete perfettamente ragione: martedì scorso ho di nuovo preso la macchina fotografica per immortalare le dieci piccole differenze col passato. Dopo il salto potrete vedere il tutto e un mio commento finale: come executive summary posso anticipare che chi ha fatto il lavoro perlomeno ha usato il cervello, anche se date le premesse non si poteva aspettare molto di più.

Continua a leggere... In bicicletta da via Padova alla Martesana - 2.

25.04.11

[giochi]     gioco per Pasquetta: Pigs Can Fly

Questo Pigs Can Fly di Smart Kit è interessante non tanto come gioco in sé (il primo schema con un minimo di interesse è il sesto) quanto per come funziona. In pratica il cursore deve essere man mano colorato come i pezzi da spostare (o il maialino da portare alla pozione che lo farà volare). Una volta fatto il movimento necessario si richiude la fiaschetta col colore, il gioco sembra ritornare alla schermata iniziale; però quando si apre la fiaschetta del nuovo colore si vedrà automagicamente un cursore dell'altro colore ripetere tutte le mosse che sono state fatte. È più facile provarlo che spiegarlo, ve lo garantisco!

24.04.11

[giochi]     gioco della domenica: Plumber 3

Nei dieci livelli di Plumber 3 bisogna unire con un percorso, il più intricato possibile se si vogliono guadagnare più punti, la parte iniziale di un tubo con quella finale. Un po' come il gioco che si faceva nei videoarcade venticinque anni fa, magari state pensando... e invece no. I pezzi sono già posizionati tutti, c'è un solo quadretto vuoto, e voi dovete spostare le tessere come se steste giocando al gioco del 15. Dopo un po' vi girerà la testa, secondo me :-)

via Passion for Puzzles

23.04.11

[milano]     due minuzie milanesi

Nella campagna elettorale milanese Letizia Moratti ricorda che il numero dei reati è calato del 48% (facendo gongolare l'Eterno Vicesindaco), e si bea dell'attenzione per i bambini e dei vigili urbani come aiuto per l'onesto cittadino. Indubbiamente.

Giovedì sera Anna è uscita per andare a trovare una sua amica: quando torna, erano le 23:30, mi fa "Ci hanno aperto la macchina". Uscita dall'amica ha trovato la portiera destra socchiusa (gli ignoti devono essere stati molto bravi, in passato qualcuno ci ha spaccato la serratura che è inutilizzabile), le poche monetine che stavano dentro erano sparite, e il cassettino portaoggetti era stato aperto in cerca probabilmente del libretto dell'auto, che tanto non c'era. Nulla di grave, per fortuna. Ma in che zonaccia di Milano si trova l'amica di Anna? Quarto Oggiaro? Stadera? via Padova? No, piazza Insubria. Posso solo immaginare che tutte le forze di polizia spostate sui quartieri che De Corato ritiene pericolosi perché pieni di extracomunitari abbiano lasciato sguarnito il resto della città.

Stamattina ero in giro coi bimbi sul loro passeggino, all'inutile ricerca di uno stampo per dolci a forma di colomba. Ero in piazzale Minniti e dovevo arrivare in piazzale Lagosta: la matematica detterebbe il passaggio per via Garigliano che le unisce, il mercato che si tiene il sabato mi ha fatto scegliere il percorso più lungo per via Borsieri e via Perasto, visto che non mi sembrava proprio il caso di incuneare il passeggino in mezzo alla gente che giustamente va al mercato. Faccio il giro, arrivo in piazzale Lagosta, e scopro che mi è impossibile passare perché macchine e furgoni hanno parcheggiato tutti belli a lisca sul marciapiede del piazzale a massimo 60 cm tra l'uno e l'altro (il passeggino doppio è largo 78 cm). Smadonno, torno indietro di cento metri al primo passo carraio dove posso uscire, mi rifaccio via Perasto rigorosamente in mezzo alla strada, e torno all'incrocio dove continuavano a stazionare due vigili urbani che sicuramente stavano monitorando il territorio da una posizione favorevole. Mi avvicino e gli faccio "Scusate, capisco che c'è il mercato, ma di qua è assolutamente impossibile passare!" E loro: "Sì, noi facciamo sempre in modo che resti un po' di spazio per passare, ma quella macchina là si dev'essere spostata..." indicando una BMW sotto la quale l'asfalto era asciutto (c'era stata una pioggerellina dal mattino, niente di trascendentale). Non ho osato chiedere se lo spostamento era frutto di un terremoto o di telecinesi; ho chiuso con la domanda retorica perché non avessero almeno dato una multa.

Ecco, questa è la pratica dietro la teoria morattiana.

[recensioni]     Discorso sulla matematica (libro)

[copertina] (se vuoi una recensione più seria, va' su Galileo!)

Italo Calvino, da buon membro dell'Oulipo, è sempre stato interessato alla scienza in generale e alla matematica in particolare: ma forse rileggere il suo testamento letterario, le Lezioni americane, come se parlassero di matematica è un po' esagerato. Questa è però stata la scelta esplicita di Gabriele Lolli, che in questo libro (Gabriele Lolli, Discorso sulla matematica, Bollati Boringhieri 2011, pag. 226, € 18, ISBN 978-88-339-2193-8) si è addirittura permesso di non parlare di coerenza - il testo della sesta lezione che Calvino non ha fatto in tempo a preparare e che pure sarebbe stato un argomento perfetto quando si parla di matematica. Il risultato è molto migliore di quello che ci si potrebbe aspettare di primo acchito; Lolli, anche se ogni tanto si aspetta che i suoi lettori abbiano una conoscenza perfetta del formalismo della logica matematica ed è capace a scrivere la famosa formula di Eulero come e^2(πi) - 1 = 0, è molto bravo a cogliere similitudini molto labili, e sfruttarle per raccontare come i matematici vedono il proprio campo di studi. In definitiva, leggendo questo libro magari non imparerete molto di letteratura ma avrete un'idea abbastanza chiara di che cos'è la matematica.

22.04.11

[politica]     santini elettorali: Giuliano Pisapia

Pezzo grosso, oggi! Nientemeno che il candidato sindaco del centrosinistra Giuliano Pisapia!
Naturalmente Pisapia, come del resto la Moratti col suo bel librino patinato, non ha fatto mettere in buca delle lettere un volantino ma ha scritto una lettera vera e propria (tariffa ultrascontata elettorale da 4 centesimi), per la precisione intestata a mia moglie. Considerando che ci siamo trasferiti a questo indirizzo da meno di un anno e mezzo, i casi sono due: o quando Anna andò a votare per le primarie si dimenticò di specificare che non voleva alcuna pubblicità elettorale, oppure il comitato Pisapia ha sfruttato la leggina che permette ai candidati di farsi dare nominativi e indirizzi degli elettori; leggina che abolirei subito, ma tant'è.

Pisapia - no, scusate, il Comitato Elettorale: il committente della lettera, per la cronaca, è Bruno Siracusano - è uno che va subito al sodo: assieme alla lettera ci sono due bollettini postali (identici) per fare donazioni al Comitato Pisapia X Milano. Perché due? Mah, forse perché tanto c'era spazio per due bollettini, oppure perché seguendo i dettami comunisti l'elettore possa dividere la gioia con un suo amico o collega, o magari perché uno potrebbe sempre sbagliarsi a scrivere e almeno ha ancora una copia di scorta.

Ma passiamo al testo vero e proprio. Dal punto di vista sintattico, è una delusione: è scritto in italiano corretto e chiaro, si direbbe che sia passato al vaglio di qualcuno esperto in comunicazione prima dell'imprimatur. Anche le poche righe di presentazione di Pisapia stesso, messe in fondo al testo, seguono la stessa falsariga: un po' sul lezioso quando scrive «Per me la politica è soprattutto servizio, verso i più umili e verso le istituzioni. Per questo mi candido a sindaco della città che amo e nella quale ho sempre vissuto». Trovo solo pesante l'uso spropositato del grassetto per indicare i punti fondamentali: nei punti 3 e 4 del programma il grassetto è praticamente metà del testo, il che dà contenuto informativo praticamente nullo.

Passando al punto di vista semantico, è interessante notare che la prima metà del testo segue esattamente i canoni portati avanti in questo ventennio da Berlusconi, con l'unica differenza che il testo (nonostante il grassetto) è meno urlato o per la precisione meno "popolare". Si mostrano i sondaggi (beh, l'unico sondaggio che lo dà vincente), si batte molto sulla necessità di battere il centrodestra, si aggiunge una (inutile) stoccata a Berlusconi che rifà il giochino di candidarsi, prendere il botto di preferenze e andarsene subito dopo (se la lettera la stai mandando a un tuo supporter, quello comunque Silvio e Letizia non li vota; al limite può indignarsi, ma non è che quello gli faccia venir di nuovo voglia di andare a votare; se la stai mandando a caso e finisce a un elettore di destra, lui se ne impippa e fa bene, perché ho come il sospetto che avere Berlusconi in lista serva più che altro a non farsi annullare le schede dove l'elettore maldestro ha aggiunto il cognome del suo Nume); si casca verso la fine con il timore di potere perdere Expo 2015 (occhei, questo pezzo gliel'ha infilato di nascosto Boeri, ne sono certo. Secondo me il milanese medio, di destra o di sinistra, che non faccia il palazzinaro di professione nella migliore delle ipotesi ritiene l'Expo irrilevante).

Retoricamente parlando, tre delle «quattro volontà fondamentali» sono in realtà doppie, sfruttando i bisensi: l'aria pulita (da respirare per le strade e nell'amministrazione), il muoversi sicuri (sia come mobilità che come sicurezza), la cultura (per chi arriva da fuori e per chi in città ci vive), e questo non dev'essere un caso ma una scelta per fare imprimere meglio le cose nella testa degli elettori. Ma è più interessante notare cosa NON c'è scritto, e capire che la coalizione che sostiene Pisapia è indubbiamente ampia ma ben poco unitaria. Per pulire l'aria si parla solo di riconversione energetica degli edifici comunali. Per la mobilità, si accenna a chi tornando a casa non riesce a trovare un parcheggio glissando sul fatto che non ci sono parcheggi sufficienti per le automobili presenti in città. Si parla di piste ciclabili di quartiere che non servono a nulla (l'isola pedonale di quartiere può servire come punto di aggregazione cittadino, ma le piste ciclabili per essere utili devono essere a rete su tutta la città e anche fuori.

Boh, alla fine di questo pippone temo di aver capito perché la destra vince facile: perché è come Roger Rabbit, e sa far ridere. Con la sinistra non ci si riesce, si diventa subito seri (e tristi)...

21.04.11

[minimalia]     mi ricordava qualcosa

«La sovranità appartiene ai lavoratori, rappresentati dal Parlamento». No, non è Ceroni, ma l'articolo 3 della Costituzione staliniana del 1936.

[politica]     umorismo costituzionale

Ho sempre pensato che il Popolo della Libertà abbia imparato dal Capo che le barzellette sono una cosa importante. Perché non può essere altro che una barzelletta la proposta di legge costituzionale del deputato pidiellino Remigio Ceroni, che farebbe diventare l'articolo 1 della Costituzione «L'Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro e sulla centralità del Parlamento quale titolare supremo della rappresentanza politica della volontà popolare espressa mediante procedimento elettorale». Il Parlamento conta poco o nulla; basta vedere la sproporzione tra il numero di leggi di iniziativa parlamentare e quello di iniziativa governativa che sono state approvate nella legislatura (meglio che nella precedente, intendiamoci: e molto meglio rispetto al 2008. Ma sempre sproporzione è). D'altra parte con questa legge elettorale, non per nulla apprezzata in maniera bipartisan, si dovrebbe parlare di rappresentanza quantitativa e corretta della volontà popolare. Eppure il deputato Ceroni, il cui cognome dovrebbe essere gradito al PresConsMin, non ha avuto alcun problema a far fruttare la sua laurea in sociologia e creare un testo - indubbiamente di iniziativa parlamentare - dove ci viene baroccamente garantito che la volontà popolare non viene espressa mediante sondaggi. Dai, poteva andare peggio.

(ah: per chi non se lo ricordasse, l'articolo 1 della Costituzione attualmente recita «L'Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.» In effetti il secondo comma è attualmente disatteso.)

20.04.11

[politica]     santini elettorali: CRUPI Cristina

In occasione delle elezioni amministrative milanesi inauguro una sezione di commenti sui santini elettorali che mi troverò nella buca delle lettere in questo mese, perché non è giusto che chi a Milano non abita non possa goderne allo stesso modo.

Il primo candidato a presentarsi, quando ancora c'è gente che si sta togliendo dalle liste, è la signora Cristina Crupi, lista Il Popolo della Liberta' - Berlusconi per Letizia Moratti. Il suo volantino è formato 12x12 cm (per intenderci, come la copertina di un CD: un candidato attento alla modernità vintage, insomma), e poi si apre in 12x36. Il committente (mi sa che sia obbligatorio indicarlo per legge) è il candidato stesso.

La signora Crupi nella vita fa l'avvocato: tiene a farci sapere che «Contraria ai "Politici di Professione", lavoro quotidianamente per far crescere lo Studio Legale Crupi, unitamente al mio staff giovane e dinamico.» (segue mission dello studio legale, la cui pertinenza con le elezioni mi sfugge). Le maiuscole sono una passione della signora, però: nel suo curriculum scolastico ci sono le Suore Marcelline e il Liceo Scientifico, si parla delle Istituzioni Milanesi, e soprattutto nell'incipit afferma «Sono nata e ho vissuto In Puglia». Ah, sì: pugliesi di Milano, sappiate che ha fondato (dirige? fa parte? Non è chiaro) l'Associazione "Milano chiama Puglia". Oltre alle maiuscole c'è un bell'esempio di virgola prima di un verbo, indubbiamente inserito per facilitare la vita agli elettori di una certa età che non hanno possibilità di modulare la durata delle pause senza respirazione.

Resta da dire qualcosa sulla parte politica: nel 2006 la signora Crupi è stata eletta al consiglio di Zona5: «sono stata tra le donne più votate di Milano», dice mostrando un certo qual sessismo. Ma si accontenta di poco, gioendo dello «straordinario risultato di 12.131 voti» (per la cronaca, il 34,19% dei voti del collegio, che però a quanto pare non le sono bastati). E infine la notizia bomba: «Sono stata nominata dal Ministro Maria Stella Gelmini Vice Coordinatrice Regionale del PDL Giovani per la Lombardia», con un profluvio di maiuscole!

Ora sapete tutto della candidata. Chi sarà il prossimo?

[italica_stampa]     dell'inconsistenza di Fassino

[e Torino?] Quello che vedete qui a fianco è un pezzetto della pagina del Corriere della Sera di oggi sulle elezioni amministrative del prossimo maggio. Nulla di trascendentale: un classico asterisco dove si richiama la notizia che poi viene trattata all'interno dell'articolo a fianco.
Quello che è strano è che come "principali comuni al voto" sono indicati, immagino da nord a sud, Milano Bologna e Napoli. A me (e immagino ancora più a lui) pare che anche a Torino ci siano le elezioni comunali. Quale potrebbe essere la spiegazione di questo lapsus calami del Corsera?

- tanto a Torino si sa già come finiscono le elezioni, quindi non ha senso parlarne;
- Torino non è che sia poi così importante come comune;
- loro sanno qualcosa che noi non sappiamo ancora: chessò, che Marchionne ha ingiunto che si firmi un accordo per non votare a maggio altrimenti se ne va via da Torino;
- al Corsera non riescono a vedere l'esistenza di Torino, è un po' come il punto cieco dell'occhio.

Scusate se non metto su il sondaggio, ma potete comunque commentare :-)

19.04.11

[politica]     Legittimo impedimento nucleare

La vita, per il nostro PresConsMin, è sempre una dura battaglia. Non bastava il doversi esporre in prima persona nelle elezioni comunali di Milano (tanto gli toccava già di passare da quelle parti a visitare i brigatist... pardon, i magistrati; tanto valeva unire l'utile al poco dilettevole). Non bastava l'aver chiesto al ministro tastierista di spostare il più in là possibile i referendum, sperando che tutti si dimenticassero della loro esistenza. Macché: quei senzadio di giapponesi si sono fatti venire terremoto e tsunami per riuscire a far sì che la centrale di Fukushima si nuclearizzasse, così gli italiani si sarebbero mossi in massa per votare ai referendum, il quorum sarebbe stato raggiunto e il legittimo impedimento (oggetto di uno dei referendum) spazzato via.

A questo punto, a mali estremi estremi rimedi: hanno dovuto perdere i lucrosi guadagni già messi in conto e bloccare l'iter per costruire centrali nucleari. In questo modo il referendum cadrà, gli italiani andranno al mare e tutto sarà salvo. Una vergogna, vero?

18.04.11

[politica]     O con Silvio o contro Silvio

Confesso - ma tanto l'avevate già capito - che non ce la sto facendo più a seguire il dibattito (si fa per dire) politico italiano. Non per lo schifo che fa ma proprio perché non ho tempo. Questo sta diventando un problema, perché dovrebbe essere noto a tutti che gli articoli dei giornali e i servizi dei tg devono essere accuratamente interpretati per riuscire ad avere un'idea abbastanza accurata di quello che sta dietro.

Prendiamo ad esempio le dichiarazioni che il nostro attuale PresConsMin ha fatto durante il weekend. Così ad occhio mi pare che non ci sia nulla di nuovo: è risaputo che Berlusconi dà il meglio di sé nel conflitto, e quindi essendo in campagna elettorale si sta prodigando - nelle pause concessegli dalla dura agenda parlamentare per la costruzione di un salvacondotto - per radunare a sé le pecorelle smarrite del centrodestra. Anche cinque anni fa, tanto per dire, si è candidato come capolista a Milano; spero che nessuno degli elettori del suo schieramento sia così stupido o ingenuo dal pensare che Lui si possa mai presentare in consiglio comunale.

Quello che mi chiedo è se però sono io inguaribilmente ottimista oppure è vero che a Milano le intenzioni di voto non siano così rosee come un tempo. Non certo per merito della "sinistra", che sta facendo il possibile per perdere ancora una volta: non sia mai che i DS siano costretti a governare la città, specialmente con un sindaco che non sarebbe certo dei loro. Ma il Terzo Polo dovrebbe rosicchiare quei sei-sette punti percentuali sufficienti a togliere la maggioranza assoluta a Letizia Moratti; ed è ben noto che ai ballottaggi la destra si trova sempre in difficoltà. Qualcuno ha impressioni un po' più precise?

[milano]     Guardia Medica Pediatrica

Nel libro delle Cento Cose fatte da Letizia Moratti in qualità di sindaco di Milano c'è anche l'istituzione della Guardia Medica Pediatrica, che è stata messa insieme al servizio ambulatoriale di continuità e risponde al numero facilmente memorizzabile 02.34567.

Il numero è in effetti facilmente memorizzabile: peccato che tutte le volte che Anna ed io abbiamo tentato di comporlo ci siamo trovati ad ascoltare una musichetta di attesa nemmeno troppo simpatica con un avviso registrato che ogni tanto segnalava come tutti gli operatori fossero occupati e che si pregava di riagganciare se il caso non fosse stato urgente. In effetti se il caso fosse stato urgente mi pare chiaro che uno avrebbe riagganciato lo stesso, per evidente impossibilità di ottenere un qualsivoglia risultato in tempi accettabili.

Ma la cosa più interessante è che lo stesso messaggio l'abbiamo ascoltato sabato pomeriggio alle 14.45, quando il servizio non è funzionante (c'è una pausa pranzo, riprende alle 15). Erano tutti a provare a vedere se c'era per caso qualcuno?

17.04.11

[io]     italiche mamme

Stamattina ho portato i giovini a prendere un po' d'aria. Visto che oramai sono abbastanza grandi da scocciarsi di stare bloccati nel passeggino per tutto il tempo, mi sono diretto a quelli che chiamo "giardinetti segreti", che a dire il vero sono visibilissimi ma sempre praticamente vuoti, a differenza ad esempio dei giardini Wanda Osiris. Come potete facilmente inmmaginare, gestire due unemezzenni allo stato brado non è banalissimo; quindi preferisco avere meno distrazioni possibili.

Stranamente oggi i giardini erano strapieni, addirittura una dozzina di persone oltre al sottoscritto-e-allegati, il che è significato per esempio il non poterli fare andare sull'altalena (devo averle entrambe disponibili per ovvie ragioni). C'era comunque lo scivolo, Cecilia si diverte sui cosi a molla soprattutto dopo che ha capito che bisogna spingersi con un ritmo preciso, Jacopo da buon ingegnere in pectore è rimasto per un po' a guardare la sbarra che chiude la strada privata sollevarsi e abbassarsi un paio di volte.

Ma torniamo allo scivolo: i due giovini lo apprezzano, ma hanno i loro tempi, e fin qua nulla di male. A un certo punto è arrivata una bambina ben più grande, diciamo sui cinque anni; la bambina ovviamente passava davanti ai due (e fin qua nulla di male), ma non è che poi scendesse dallo scivolo; no, se ne stava lì a bloccare il passaggio, mostrando evidenti segni di bullismo precoce. Anche questo non è poi così strano; quello che - pur essendo anch'esso tristemente normale - mi ha fatto incavolare parecchio è che la mamma della bimba non si è mai degnata di alzare il suo culo dalla panchina dove si era piazzata, limitandosi ogni tanto a dire con voce monocorde "Emma, fai passare gli altri bambini!". Visto l'esempio della sua mamma non credo che Emma imparerà mai a fare qualcosa di simile.

[giochi]     gioco della domenica: Paper Train

Vi è sempre piaciuto giocare con i trenini? Paper Train, da Smart-Kit, allora fa per voi. La cosa divertente è che i trenini si muovono... su carta, o meglio su una schermata in stile foglio di carta. Se volete spendere sette dollari avrete la versione completa; ma secondo me ci si diverte già - oppure ci si arrabbia già, fate voi - con la versione limitata gratuita.

16.04.11

[pipponi]     Le mani nelle tasche degli italiani

Oggi sono andato a comprare l'antibiotico per Jacopo, cosa putrtoppo abbastanza usuale. Il farmacista mi dice che quello specifico indicato nella ricetta non ce l'aveva, e se mi andava bene il generico. Certo, faccio io, non penso che i batteri si accorgano della differenza e secondo me nemmeno Jacopo avrà qualcosa da ridire. Il farmacista mi dà la confezione, e poi mi dice che - come da cartello esposto - devo comunque pagare un euro e 33 centesimi perché il ministero della Sanità ha abbassato da ieri i rimborsi per i farmaci generici e si è dimenticato di abbassare contestualmente le tariffe. Probabilmente tra qualche giorno la cosa si allineerà, ma per il momento paga Pantalone.

Capisco che il governo italiano abbia cose molto più importanti a cui pensare, e capisco anche che essere costretti a tenere i Consigli dei Ministri in pausa pranzo con in mano un panino e un bicchiere di spuma può far sì che un povero ministro si dimentichi qualcosa mentre cerca disperatamente di far quadrare i conti dopo i tagli impostigli dal Giulio (che se Visco veniva raffigurato come vampiro lui cosa sarebbe, Edward Mani di Forbice?) Né sarà l'euro e trentatré sborsato che cambia la mia vita. Però mi sono scocciato di sentire ripetere che questo governo non mette le mani nelle tasche degli italiani: che almeno si dica che non potendo rubare le monetine dalle cassette delle offerte in chiesa lo fa dai portamonete dei cittadini

[recensioni]     L'orizzonte di Riemann (libro)

[copertina]Lo dico subito, cosi mi tolgo il dente: da questa antologia di racconti matematici fantascientifici, o di racconti fantascientifici matematici che dir si voglia (Antonio Bellomi e Luigi Petruzzelli (ed.), L'orizzonte di Riemann, Edizioni Della Vigna "La botte piccola - 8", pag. 320, € 16,18, ISBN 978-88-6276-032-4), mi aspettavo parecchio di più. I racconti sono tutti inediti in italiano - quindi per esempio non c'è And He Built a Crooked House di Heinlein, un classico del genere - e si dividono in italiani contemporanei e in americani di annata. Può darsi che io mi sia ormai rovinato, ma devo dire che i secondi, nonostante il loro essere un po' naïf, sono di solito una spanna sopra dei primi. È anche vero che andando avanti a leggere mi è sembrato di vedere un miglioramento: La sparizione di Majorana di Antonino Fazio è un po' troppo didascalico e Orologio veneziano di Veronika Santo un po' poco fantascientifico; 1+1=4 di Francesco Perrotta ha un'ottima idea che poteva essere resa un po' meglio. Poi c'è un'eccezione notevolissima, Teorema sinfonico di Massimo Ferri (ma è il Max Ferri dei tempi fidonettiani?) che merita davvero sia come idea che come realizzazione, e migliora sicuramente l'umore del lettore, che su alcuni degli altri racconti potrebbe essere rimasto sconcertato.
Molto interessante il post scriptum di Giovanni Valerio con altri suggerimenti di lettura; il tutto fa però risaltare ancora di più l'assenza di una presentazione dei vari autori, cosa a cui mi sono oramai abituato a furia di antologie asimoviane e greenberghiane. Insomma, una buona occasione sprecata, il che paradossalmente fa ancora più dispiacere proprio perché si vede che il libro è stato curato fin nei minimi particolari (provate a chiedervi il perché di quel prezzo non arrotondato...) e direi quasi amato.

15.04.11

[milano]     occhei, siamo nel pieno della campagna elettorale

Ricordate il mio pippone sui cancelletti scassati ai giardini Wanda Osiris? Una settimana dopo averlo scritto, visto che non c'era stato nessun intervento riparatorio, mi sono armato di santa pazienza e sono andato a cercare lo sportello reclami web del Comune di Milano. Notate come venga chiesto un identificativo dell'identità (anche se il codice fiscale sono capaci tutti a generarselo, quindi non vedo la grande utilità).

Bene, ho appena ricevuto un'email dall'inquietante titolo RISPOSTA CONCLUSIVA dove «in riferimento al reclamo inviato in data 12/04/2011 12.18.48 dal codice DSEV-8FUE4N» l'Area Tecnica competente mi risponde che «a seguito di una verifica effettuata in data odierna, La informiamo che entro il 22 aprile c.a. si provvederà a sostituire i meccanismi di chiusura dei cancelletti che sono risultati manomessi.»

I tempi sono (davvero) stati rapidi. Ora sarebbe interessante fare un controllo, e avere una segnalazione simile da fare a settembre :-)

[recensioni]     I cento progetti realizzati (spam elettorale)

Ebbene sì, mercoledì anche a noi è arrivato il famoso libro elettorale di «Letizia Moratti Sindaco di Milano» (questa è la scritta ufficiale con cui il mittente è indicato, assieme a una righetta in fondo che sentenzia «Materiale prodotto e distribuito senza alcun costo per il Comune di Milano». Ah, quando parlo di "noi" intendo che una copia è arrivata al sottoscritto e un'altra copia ad Anna. Cecilia e Jacopo sono stati graziati, immagino perché non hanno ancora raggiunto la maggiore età e quindi non possono recarsi alle urne apportando il loro presunto contributo alla rielezione di Letizia. Una noticina tecnica: l'invio non è stato fatto come pubblicità elettorale (con le tariffe previste) ma molto più banalmente come PostaTarget Basic, codice DCOOS5661, autorizzazione NAZ/096/2008. Insomma è già da un po' che la Moratti ha questa idea di sfruttare le poste per inviare materiale.

Strappata la busta, troviamo una letterina del sindaco che Ci ringrazia perché «siete stati parte attiva nella definizione del mio programma e che siete solleciti nel segnalarmi inefficienze e nel propormi nuovi servizi utili alla comunità.» (ma non preoccupatevi, prosegue subito dicendo che tanto quelle cose mica le vuole fare). Per la cronaca, la lettera termina con le noticine in corpo 4 che ci ricordano che il Comitato Letizia Moratti per Milano, via Montebello 42 Milano tratta i miei dati al fine di inviarMi materiale di propaganda, e che il Responsabile del Trattamento è Cemit Interactive Media spa, via Toscana 9, San Mauro Torinese.

Ma basta con queste quisquilie, e passiamo alla ciccia, pardon al libro. Formato 25.5 x18.5, non è pinzato come gli omologhi che il nostro attuale PresConsMin ci ha spedito per ben due volte, ma bensì incollato. Insomma, l'aspetto estetico è molto migliore di quanto uno potesse ragionevolmente aspettarsi. A pagina 3 c'è l'executive summary con tutte le cose belle che Letizia ha fatto in questi anni, con una serie di numeri che almeno a me non dicono nulla fuori dal contesto; l'unico su cui posso mettere becco sono i 6980 lampioni in più, che diviso per i 1937 km di strade (esclusi parchi e giardini) fanno uno ogni 277 metri.

Chiaramente il libro ha tanta grafica e poche parole; non mi sono messo a contare il numero di foto in cui appare Letizia, né la quantità di ritocchi Photoshop che sono stati necessari, anche se oggettivamente sono molto minori di quanto noi milanesi vediamo nei poster. Ci sono i dati visti nei cartelloni di questo inverno, come il «-48% di reati a Milano in 3 anni» (qualcuno glielo va a dire all'Eterno Vicesindaco che è sempre lì a lamentarsi?; ci sono i dati finti, come l'inaugurazione dei "Raggi verdi" fatta l'anno scorso (nemmeno il raggio numero 1 è stato completato a oggi), e le arrampicate sugli specchi (una parola sola: Ecopass); ci sono i dati comici, come la cartina della rete metropolitana che non segna come terminati i prolungamenti di M2 (e qui almeno c'è stato uno stelloncino a fianco) e M3: nemmeno loro si fidavano di riuscire a inaugurarla in tempo.

Risultato finale? Non credo che una pubblicazione del genere sposti un solo voto. Però sicuramente muove l'economia, e potrebbe persino aumentare la percentuale di rifiuti riciclati in città (no, la mia copia me la tengo stretta, sono un feticista)

14.04.11

[politica]     Prescrizione breve

Continuo a pensare che abbreviare il tempo necessario per terminare un processo sia Un'Ottima Cosa. Questo in linea di principio. Poi quando ci si mette a fare le cose in pratica occorre capire come mai i tempi sono così lunghi. Se la causa è la mancanza di un numero sufficiente di giudici, la risposta dovrebbe essere capire perché non ci sono giudici. È perché ce ne sono davvero pochi? allora bisogna aumentarne il numero. È perché si fanno troppi processi inutili, che potrebbero essere più proficuamente sostituiti da una multa? allora bisogna fare una legge per abolire alcuni tipi di processo. Se invece la causa è dovuta all'ostruzionismo degli avvocati difensori, non vedo perché occorra accorciare il tempo dopo il quale essa va in prescrizione; l'unica ragione per farlo dovrebbe essere dovuta all'iperpignoleria dell'accusa, che non deve avere il diritto di aumentare i tempi a dismisura per accanirsi contro l'imputato, chiunque egli o essa sia.

Ecco perché ritengo la legge sul processo breve sommamente ingiusta all'atto pratico: viene messo un limite predefinito alla durata senza verificare perché mai quel limite sia stato superato. Poi può essere vero che, come dice il comico di casa Guzzanti, i processi per strage non avranno certo problemi di prescrizione (ma quello Parmalat sì... anche se probabilmente la fregatura era già nata con le depenalizzazioni dei primi anni '00). Mi piacerebbe poi sapere quanti sono effettivamente i processi che verranno eliminati con questa norma: se davvero sono solo lo zerovirgoladue percento come affermato da Angelino Alfano, non credo proprio che l'Europa ci abbia fatto tutto quel mazzo per così poco (e comunque aspetto sempre che la percentuale più o meno equivalente di allevatori che ci sta facendo pagare le multe per le quote latte, il tutto perché non pagavano le tasse e quindi facevano risultare l'Italia come una produttrice minore, venga sanzionata). Peccato che come al solito da noi non si parlerà mai di queste cose, ma ci si limiterà alle solite partigianerie.

[link]     Carnevale della Matematica #36: GOTO Rudi Matematici

Beh, sì: oggi è il 14 del mese, quindi abbiamo un'edizione del Carnevale della Matematica, ospitata dai Rudi Matematici, con delle new entry che hanno condiviso post matematici e infine impreziosita con i poster britannici per l'Anno della Consapevolezza Matematica (è stato il 2000, non so quanto la consapevolezza sia aumentata ma temo lo sia stato di una quantità negativa). Ah sì, aprile - oltre che il mese più crudele - è il mese della consapevolezza matematica: la correlazione tra le due affermazioni è indubbiamente nulla.

Il prossimo mese il nostro anfitrione sarà DropSea, avete già pensato a cosa dire?

13.04.11

[recensioni]     Verso l'infinito ma con calma (libro)

[copertina]Roberto Zanasi, meglio noto in rete come Zar, è un professore di matematica; di quella specie purtroppo non così comune che la matematica la ama (cosa credete? Dietro ogni persona che dice di odiare la matematica c'è stato un professore che non l'amava neppure lui). Qualche anno fa Zanasi scrisse sul suo blog una serie di post in forma dialogica, dove un Vero Matematico - mi raccomando le maiuscole! - porta un suo discepolo a scoprire il paradiso che a detta di Hilbert è stato offerto a tutti i matematici da Cantor. Ora questi dialoghi sono raccolti in un libro (Roberto Zanasi, Verso l'infinito ma con calma, Scienza Express 2011, pag. 136, € 12, ISBN 978-88-96973-00-4) per i tipi di Scienza Express.
Della teoria dei numeri infiniti ne hanno parlato in tanti, l'ho fatto anch'io. I punti di forza di questo libro sono innanzitutto il farlo appunto con calma, permettendo al lettore di afferrare man mano i vari concetti presentati, e il non nascondere sotto il tappeto i problemi che i matematici stessi hanno quando si tratta di fondamenti. Beh, diciamola meglio: li mette sotto il tappeto, ma almeno ti avvisa che lo sta facendo. Anche la trattazione degli ordinali transfiniti non è poi così facile da trovare, e per chi ne vuol sapere qualcosa il libro sarà utile; ma a parte tutto questo la carta vincente è che è scritto bene!

12.04.11

[io]     Assistenza (si fa per dire)

Due settimane fa tiro fuori la mia Lumix per fare una foto, e mi accorgo che vedo per metà nero. Controllo cosa è successo: la tendina dell'otturatore rimane bloccata a metà. Vabbè, mi dico, è un banale guasto meccanico, basta far cambiare quel pezzetto: e il Centro Pilota lombardo di assistenza è a due passi dall'ufficio, in via Termopili. Il 30 marzo consegno la macchina, gli dico il problema, dico anche che l'obiettivo esce (altrimenti sapevo già che sarebbe stato un macello), pago i 24 euro di preventivo, e mi dicono che ci vuole una settimana perché venga verificata.

Già l'idea di aspettare una settimana per un controllo mi pare esagerata, ma vabbè. Torno dopo una settimana, e mi fanno "ah no, se non le abbiamo mandato l'sms vuol dire che non è ancora stata verificata. Vuole che sollecitiamo?". No, io volevo che fossero rispettati i tempi definiti da voi.

Ieri pomeriggio, cioè l'11 aprile, cioè 12 giorni dopo la consegna, alle 15 mi arriva l'sms. Costo della riparazione: 112.82 euro, si prega di chiamare". Vabbè, cosa chiamo che sono a cinque minuti a piedi? quando esco dall'ufficio passo, gli dico che è stato un moderato piacere, e mi riprendo la macchina scassata. No, non si poteva: perché per vedere se funzionava gli avevano messo un pezzo nuovo e adesso non avrebbero fatto a tempo, visto che tra venti minuti il centro chiude. Vabbè, sono passato oggi alle 13, c'era un'altra persona che mi ha guardato strano e mi ha chiesto "ma lei l'aveva detto che sarebbe passato oggi?"; però la macchina in effetti c'era.

Ho qua tra le mani la scheda di lavoro. Ecco cosa c'è scritto, a parte i dati personali.

COD. DIFETTO F8/4

DESCRIZIONE BENI:
VXP2912 1ST LENS FRAME UNIT
M MANODOPERA

(entrambe le voci a 0,0 euro, visto che non ho accettato il preventivo)
Ora, mi sa che per qualunque marca di macchina fotografica il concetto di "riparazione" ormai sia diventato "buttiamo via il pezzo scassato e mettiamone uno nuovo". Per quanto riguarda l'estrema simpatia del personale non posso farci nulla, non credo che sia compresa nel servizio assistenza; comunque la mia prossima fotocamera non sarà Panasonic.

Ma qualcuno riesce a spiegarmi perché adesso la mia macchina fotografica funziona correttamente?

[pipponi]     lumpenrealproletariat

Rilancio da Killeader: sembra che a Mediaset stiano cercando dieci professori precari (come se ultimamente fosse una merce rara) per un reality in cui dovrebbero tenere a bada una classe di vip scelti tra i più somari passati per i reality show stessi.
È un'altra tappa verso la definitiva annessione dell'insegnamento nel gruppo dei lavori (ammesso che si possa lavorare) da sfigati.

11.04.11

[religione]     santo subito, ma anche no

[Santo non subito]
Qualcuno va a spiegare ai senzadio di Repubblica.it che Giovanni Paolo II al momento viene solo beatificato e non santificato?

[link]     algo-ritmi

Vi siete mai chiesti come funzionano gli algoritmi di ordinamento? Che succede dentro una CPU? Beh, non credo proprio che le cose funzionino come in questi video, segnalatimi dal mio collega Fabio. Gli algoritmi vengono rappresentati come danze popolari mitteleuropee: ciascun danzatore ha una pettorina con un numero, due di loro escono dalla fila e danzano, scambiandosi o no di posto.

Sì, sono pazzi.

10.04.11

[giochi]     gioco della domenica: Tetris Labs

No, non è un Tetris, o qualcosa di simile. In Tetris Labs, di Tetris ci sono solo i pezzi che cascano e che servono all'omino (in stile Commodore o Atari...) come ausilii per andare a raggiungere il fiorellino che è il punto di arrivo in ogni schema. Nulla di trascendentale, ma l'idea di mischiare due cose completamente diverse è carina.

(via Passion for Puzzles)

09.04.11

[recensioni]     Giovanni Keplero aveva un gatto nero (libro)

[copertina]L'autore del libro (Marco Fulvio Barozzi (Popinga), Giovanni Keplero aveva un gatto nero - Matematica e fisica in versi , Scienza Express "narrazioni", pag. 132, € 9, ISBN 978-88-96973-02-8) in quarta di copertina si definisce così: "Popinga insegna davanti a una platea disattenza quando non intimamente ostile e si consola con la letteratura". Conoscendolo, mi sa che anche la prima parte della frase sia vera. In questa sua raccolta di poesie matematiche e fisiche – ma forse "poesia" è un termine riduttivo: nelle prime pagine si spiega quali tipi di versi ha usato, dai limerick alle incarrighiane, dagli haiku ai maltusiani ai fib – Popinga mette la scienza in una posizione buffa: il significato di quello che scrive è indubbiamente vero, ma il significante spiazza il lettore. O magari a volte è il significante a dare la forma più importante, come in questo esempio che riporto più giù in interezza perché mi è piaciuto davvero: se il tutto non fosse chiaro, andate a cercare che cos'è la contrazione di Lorentz, e poi rileggete il limerick (ricordandovi che le rime dovrebbero essere AABBA)



I limerick relativistici hanno la distinzione
di essere affetti da una contrazione,
che di Lorentz è detta:
non è barzelletta,
né finz.

Se devo fare un appunto alla vena poetica del nostro, sperando lui non sia come il personaggio simenoniano da cui prende il nome d'arte, è che i suoi maltusiani non hanno il ritmo che mi aspetterei da loro: anche l'orecchio vuole la sua parte. Detto ciò, correte a ripassare la vostra fisica e matematica!

08.04.11

[curiosita']     Manifestando 2

Per la cronaca, i manifesti appiccicati l'altro giorno sono già tutti strappati.

[italica_stampa]     sempre gialli sono

[Giappone o Cina?]Licia mi segnala la foto che ieri campeggiava in prima pagina del Corsera online, come accompagnamento della notizia sul nuovo terremoto in Giappone. L'analisi che fa Licia è semplice: da un lato la vegetazione sembra un po' troppo in stato avanzato di fioritura per essere all'inizio d'aprile, ma soprattutto sembra incredibile che in una nazione come il Giappone ci sia gente che vada in moto senza casco... e inoltre - ma qui lascio giudicare alla parte femminile dei miei ventun lettori - «una giapponese non si metterebbe mai quell’orrenda giacchetta bianca e rossa ;-)»

Visto che già in passato il Corriere è scivolato sulle foto (e non parliamo nemmeno di copyright...) il dubbio è se non lecito almeno comprensibile, anche se a onor del vero tineye non mi ha dato risultati.

[matematica_light]     matematica nei fumetti

Oggi tra le strisce che guardo regolarmente ci sono ben tre vignette matematiche: eccole qua.

Abstruse Goose disegna una citazione di Paul Halmos: per studiare matematica non basta leggerla, ma bisogna combatterla. Questo probabilmente vale per ogni materia, tranne al più le poesie da imparare a memoria - lì il combattimento è di un altro tipo - ma per la matematica probabilmente è ancora più vero, visto che un Vero Matematico non impara nulla a memoria ma si ricostruisce una sua mappa mentale per trattare gli argomenti (credo).

Saturday Morning Breakfast Central mostra i diversi approcci di una studentessa e di una navigata professoressa alla domanda "è possibile esprimere π come una frazione?" La studentessa, avendo appunto studiato a pappagallo, risponde subito di no: non è possibile, perché Lambert dimostrò 250 anni fa che π è un numero irrazionale. La professoressa non si scompone affatto, e risponde "π/1". Dove stava scritto che la frazione doveva avere numeratore e denominatore interi? Già in generale bisogna sempre stare attenti a quanto viene detto e non detto, ma in matematica la cosa è ancor più necessaria.

Infine esco un po' dal seminato con questa vignetta del sommo Makkox, titolo "il negro di Schrödinger". Negro è una licenza artistica, visto che si parla dei tunisini non voluti da nessuno; e anche la matematica (o più precisamente la fisica) è solamente una scusa per parlare di cose molto più serie. Però è interessante notare come appunto la si possa usare per questo scopo, cosa che molti avrebbero sicuramente pensato impossibile!

06.04.11

[pipponi]     Manifestando

Stamattina, mentre io e il bipasseggino arrancavamo col solito ritardo in via Murat andando verso il nido, sono passato davanti alle strutture temporanee appositamente preparate per appiccicarci su i manifesti elettorali. Come probabilmente sapete, tali strutture sono rigidamente divise per partiti e fiancheggiatori (e già qua vorrei sapere chi è che ha scelto tale nome). Bene, c'erano quattro persone con manifesti e colla, che stavano probabilmente rimirando il lavoro fatto: su tutti gli spazi erano stati affissi manifesti della Lega Nord (quelli standard con Alberto da Giussano, in piccolo sul suo scudo il leone della Serenissima, e probabilmente il cognome di Bossi – ammetto di non aver fatto un'analisi molto attenta e quindi non giurerei su quest'ultimo particolare. Per onor di cronaca, in quel punto il marciapiede è parecchio stretto, e gli attacchini si sono spostati non appena mi hanno visto, senza che io dovessi come mio solito urlare "permesso!" con voce nient'affatto piacente.

L'unica cosa positiva che vedo è che nessuno aveva ancora appiccicato manifesti (c'erano i resti di quelli dell'anno scorso, casualmente anch'essi della Lega Nord). Per il resto, non mi aspetto nemmeno una sanzione pecuniaria; quando mai sono riusciti a farne una, per un qualsivoglia partito o movimento?

Aggiornamento: (7 aprile) i manifesti - ho controllato stamattina - dicono "Con il federalismo Milano capitale". Il nome dell'Umberto è nel simbolo del partito, per la cronaca... e formalmente non ci sono ancora i numerelli per gli spazi, quindi è un po' difficile dire che hanno preso gli spazi altrui.

[recensioni]     103 curiosità matematiche (libro)

[copertina] La coppia di ingegneri Balzarotti-Lava ormai ci ha preso gusto a scrivere libri per Hoepli a proposito di numeri, formule e affini. Dopo averci raccontato delle successioni di numeri interi stavolta (Giorgio Balzarotti e Paolo P. Lava, 103 curiosità matematiche, Hoepli 2010, pag. 389, € 27, ISBN 978-88-203-4556-3) il duo presenta un certo numero di "curiosità matematiche", come del resto dice il titolo stesso. A dire il vero non sono 103 ma qualcuna di più; il capitolo 102 è infatti diviso in più parti, per non oltrepassare il numero fatidico. Fatidico e non magico; secondo gli autori il 103 è stato scelto per caso all'inizio della stesura del testo. Solo che poi avevano preparato una svalangata tale di proprietà del numero, con cose di cui non mi sognavo neppure l'esistenza, che avranno pensato fosse uno spreco lasciarle perdere. Il libro è molto disuguale: sono raccontate proprietà essenzialmente numeriche e alla portata di tutti, nel senso che non ci sono grosse dimostrazioni da fare ma solo ricerche al calcolatore, ma ci sono anche proprietà analitiche che confesso di aver saltato a piè pari, anche perché non sempre la prosa degli autori è poi così scorrevole, e certi temi diventavano piuttosto ostici... il che non è bello, in un libro che si dovrebbe leggere per divertimento (non mettetevi a ridere). Ultima nota di demerito per i diversi refusi, un po' troppo per un libro che in fin dei conti costa 27 euro. In definitiva, simpatico ma non da fare salti di gioia.

05.04.11

[milano]     suggerimenti per la campagna elettorale

Siamo in campagna elettorale, e i manifesti seipertré punteggiano la città, con testi anche aritmeticamente improbabili, come quello che promette 61000 posti l'anno in più grazie ad Expo (e quindi, visto che di anni ce ne sono cinque prima di arrivarci, più di 300000 posti in tutto nel 2015: adesso capisco perché continuino a costruire case e uffici...)

Ma una campagna elettorale dovrebbe essere anche fatta da piccole cose: eccone una. Sabato scorso Anna e io abbiamo portato i bimbi al giardino Wanda Osiris (non lo sapevate? a Milano non ci sono più nuove vie da battezzare, e quindi si è cominciato a dare i nomi a un qualunque giardinetto di almeno 100 mq o giù di lì) Nel giardino c'è un'area giochi bimbi, dove hanno anche riparato l'altalena che quest'inverno era stata scassata. L'area sarebbe chiusa con una recinzione in legno, il che è utile per evitare che il bimbo scappi per la tangente. Peccato che una porta fosse spalancata, e nessuno cercasse di chiuderla. Ci sono andato io e ho scoperto che era stata scassata da qualche imbecille, e quindi il chiavistello non riusciva più a chiudere. A dire il vero anche una seconda porta era stata scassata, ma almeno lì il tutto reggeva ancora, anche se a malapena.

Ora non so quanto costi riparare quei cancelletti, ma non credo sia tutta quella spesa. Più difficile sperare che qualcuno degli appositi uffici comunali si accorga della cosa e provveda alla riparazione: vorrebbe dire che effettivamente c'è chi pensa alla città, almeno una volta ogni cinque anni. Vedremo...

04.04.11

[io]     Chi viene a sentirmi?

[locandina] E anche questo aprile c'è il concerto del Forum Corale Europeo, dove quando riesco canto come basso. Stavolta, per la precisione il 17 aprile (la domenica delle Palme) si fa il Gloria di Vivaldi, sempre con quell'ottantina di coristi che permette di avere una potenza di fuoco niente male; sempre alla palazzina Liberty; coi biglietti sempre a 15 euro, e due concerti, uno alle 17 e l'altro alle 20.

Naturalmente non è nemmeno detto che io ce la faccia a cantare, considerando che in queste due settimane non so a quante prove riuscirò a partecipare... la legge di Murphy come al solito impera, e in queste settimane devo fare da babysitter agli unemezzenni. Amen, vorrà dire che finché i giovini saranno troppo giovini lascerò perdere.

L'unica differenza (almeno per quanto riguarda me) è che sono obbligato a vendere qualche biglietto (meglio, ho dovuto comprare dei biglietti: poi che li venda o no non cambia nulla se non per me). Pensateci su...

03.04.11

[giochi]     gioco della domenica: Gravi

Negli undici livelli di Gravi potete provare a spostare i pezzi presenti come volete. Tanto se non sono completamente stabili (non vale nemmeno lasciare un quadretto che penzoli nel vuoto...) quelli ritornano automagicamente nella posizione iniziale. Cercate di arrivare allo schema finale nel minor numero di mosse!

(via Passion for Puzzles)

02.04.11

[recensioni]     Trappole mentali (libro)

[copertina] Il nostro cervello è una gran bella cosa, e ci permette di compiere azioni incredibili. Però si è evoluto in un certo tipo di ambiente, e a volte si trova a disagio nel mondo di oggi. Peggio ancora, ci fa credere qualcosa di assolutamente falso, e ci fa sbagliare non solo in perfetta buonafede ma addirittura pensando di avere ragione. In questo suo secondo libro (Matteo Motterlini, Trappole mentali, Rizzoli 2010 [2008], pag. 307, € 10, ISBN 9788817039062) Matteo Motterlini ci presenta alcune decine di queste trappole: la differenza principale con la sua precedente opera Economia emotiva sta nella presentazione del materiale, che questa volta è suddiviso in comodi capitoletti che si possono leggere separatamente senza perdere il filo della storia. Per esempio, si può scoprire come di fronte a due opzioni assolutamente identiche la gente ne preferisca una rispetto a un'altra, solo perché sembra migliore: o peggio ancora, la scelta logica cambia con il cambiare dei dati (tra una cura che non salverà certamente 200 persone e ne farà morire certamente 400 su 600 e una che ha probabilità 2/3 di salvare ciascuna persona la gente sceglie la prima; ma tra una cura che ne farà morire certamente 400 salvandone 200 e una che ha probabilità 1/3 per ciascuna persona la gente sceglie la seconda). Oppure molta gente è convinta che ci siano più parole inglesi di 7 lettere che finiscono in ING piuttosto che parole di 7 lettere inglesi della forma ?????N?.
La prosa di Motterlini è sempre chiara e piacevole, e la bibliografia in fondo al testo è preziosa per chi voglia approfondire gli argomenti. Resta comunque importante ricordarsi che queste trappole sono per così dire "naturali", che non è vero che siamo più stupidi degli altri se ci caschiamo e che la nostra via di uscita è conoscerle e imparare alcuni trucchi per accorgerci quando ci stiamo cascando; e questo libro ci può aiutare.

01.04.11

[relax]     essendoché è il primo aprile...

Come mi ha fatto notare questo illustre signore, oggi è d'uopo fare gli auguri allo Scorfano, che trovate acquattato da queste parti, e all'avv. Fisk. Evidentemente non può essere un onomastico né un cognomastico, quindi lo definirei più che altro un allonomastico.

A questo punto mi è venuto in mente di cercare qual è il santo patrono della ridente città di Codogno (LO), e ho scoperto che è san Biagio (3 febbraio). Secondo voi, posso festeggiare in quel giorno il mio urbemastico?

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati

Ultime aggiunte su xmau.com

[NEW!] 29 aprile 2010
Sono presente su Il Post.

[new] 4 marzo 2010
Aggiornate le sezioni Matematica light, testi e articoli.

20 agosto 2009
Sono nati Jacopo e Cecilia!

Ultimi commenti conosciuti

un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 22 Feb alle 15:26
Marco B. Rossi, su _Mathematical Omnibus_ (libro) , il 22 Feb alle 12:37
.mau., su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 16:23
Irina La Sgualdrina, su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 15:35
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:16
Sergio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:05
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:41
un cattolico, su L'algebra di Ezio Mauro , il 21 Feb alle 11:30
delio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:29
un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:05
.mau., su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 16:00
Mauro, su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 15:26
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
banasci, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:37
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:27
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:18
mestesso, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 13:16
un cattolico, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:25
nicola, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:02
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:59
garden, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:18
un cattolico, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 19:40
mestesso, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 12:17
JB, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 10:54

Puntatori vari

rss 1.0 feed     vicini di casa
rss 2.0 feed     il feed del mio Tumblr
full feed (rss 1.0)     scriptygoddess.com
commenti (rss 0.91)     klipfolio
hacker    

Sign In

Recent Comments

un cattolico su ai limiti della truffa?: @.mau.: scusa colpa mia. Quanto a Magister, chissà che Scola da capo rito non lo ascolti...
Marco B. Rossi su _Mathematical Omnibus_ (libro): Urca lo scarico subito, grazie! P.S. Ussignur sono 465 pagine!
.mau. su "mica l'ho fatto apposta": *Io*, quando guido, sto anche a guardare le pozzanghere. Evidentemente il coglione sono io.
Irina La Sgualdrina su "mica l'ho fatto apposta": Non è che uno, mentre guida, sta a guardare le pozzanghere. Sarebbe gentile se stesse attento, ma è
.mau. su ai limiti della truffa?: @Sergio: ah. Quindi potrebbe essere un vero prodotto licenziato? (il sito mi pare francese, magari l
Sergio su ai limiti della truffa?: In Realtà Monster Academy è il titolo francese (che devono sempre fare gli originali) quindi se il p
.mau. su ai limiti della truffa?: (non capisco questa deriva carnascialesca, comunque...) La Quaresima (rito romano) prevede quaranta
un cattolico su L'algebra di Ezio Mauro: @camillo: però sicuramente più simpatici del matematico più noto in Italia oggigiorno: se togliamo l
delio su ai limiti della truffa?: ma quindi è una quaresima di durata ridotta o a milano la pasqua viene festeggiata quattro giorni do
un cattolico su ai limiti della truffa?: Da meneghino acquisito hai 4 giorni in più di "festa" a disposizione per loro due, visto che tirate

Archives