31.10.10

[giochi]     gioco della domenica: Wallaces Workshop

Ricordate Wallace e Gromit? Ricordate le macchine costruite e (più o meno) funzionanti nelle animazioni? Bene, con questo Wallaces Workshop (da Smart-Kit) potrete divertirvi a farle anche voi! Provate la vostra abilità nel Meccano, e non fate come me che non riesco a passare il secondo livello di test!

(p.s.: se vi piace il duo, c'è anche questo gioco che però è parecchio sponsorizzato...)

30.10.10

[relax]     Il ballista

È chiaro che chi vorrebbe denunciare Silvio Berlusconi per falso per aver telefonato alla questura di Milano e detto al capo di gabinetto che Ruby «ci è stata segnalata come parente del presidente egiziano Mubarak» è prevenuto e cerca di rimestare nel torbido.
Ma voi ci credereste davvero, a quello che dice Silvio?

[recensioni]     _e: the Story of a Number_ (libro)

[copertina] Il pi greco lo conoscono tutti o quasi; ma non è il solo numero "molto interessante" per i matematici. Secondo a ben poca distanza c'è infatti il numero e, che vale circa 2,718 e appare anch'esso nei punti più diversi della matematica; dal calcolo dell'area sotto un'iperbole a quello degli interessi composti, dai logaritmi alle funzioni trigonometriche. Nella sua bella collana a basso prezzo che recupera varie opere di storia della matematica, la Princeton University Press ha recuperato questo testo (Eli Maor, e: the Story of a Number, Princeton University Press 2009 [1994], pag. 227, $15.95, ISBN 978-0-691-14134-3) dedicato per l'appunto a e. Il libro è scritto molto bene; richiede qualche competenza matematica ma risulta facilmente leggibile e interessante. La parte storica è molto completa che parte dalla nascita dei logaritmi, con divagazioni all'indietro verso Archimede e i problemi della quadratura, per arrivare alla scoperta della trascendenza del numero. I concetti vengono spiegati in maniera molto chiara, oserei dire meglio che quanto viene fatto a scuola da noi. Naturalmente ci sono anche divagazioni su altri numeri famosi, π e i prima di tutti; d'altra parte tutti questi numeri sono (stranamente?) correlati tra loro...

29.10.10

[recensioni]     io Spio (free press)

È dura la vita del recensore di free press. Ero riuscito a passare quasi tutto il mese di ottobre senza trovare una copia di io Spio, il sedicente "settimanale di gossip" che esce il venerdì per fare penitenza, ma stamattina mentre portavo i bimbi al nido me le sono viste davanti e non ho resistito alla tentazione.

Trentadue pagine di cui sedici di pubblicità, quasi tutte a pagina intera e di nomi anche grossi, da Vodafone a Trenitalia; chiunque siano quelli di Visibilia che sono i concessionari di pubblicità hanno fatto un ottimo lavoro. Anche il tempismo non è affatto male, se stamattina sono riusciti ad avere copertina e paginone centrale dedicati a Ruby, la diciassettenne marocchina che è arrivata agli onori delle cronache politico-erotiche solo mercoledì mattina. Tutto questo tempismo si paga con un controllo piuttosto basso della qualità ortografica degli articoli (sul resto non metto becco), come si può notare ad esempio a pagina 5 dove in corpo 24 si parla dell'ex presidene del Consiglio D'Alema. D'altra parte non sono certo i testi il punto forte di un giornale di gossip, come ben sa chi abbia mai letto una copia di Novella 2000 e simili; il passaggio al free press ha portato a una loro ulteriore contrazione, non dico a livello di lunghe didascalie alle foto ma poco di più.

Menzione particolare alla pagina di pubblicità del "primo sito di incontri extraconiugali pensato per le donne", roba di cui non immaginavo nemmeno l'esistenza (non che la vita mi cambierà)

28.10.10

[pipponi]     Ruby Thursday

Della signorina Ruby, delle feste o festini in quel di Arcore e del bunga-bunga non me ne può fregare di meno. L'unica cosa positiva che trovo in tutto questo è che mi sto disintossicando dalla lettura dei quotidiani italiani: e scusate se è poco.
Però ascolto ancora la rassegna stampa mentre cerco disperatamente di far colazione, connettere il cervello e lavare e vestire i pupi - non necessariamente in quest'ordine, tranne che per le ultime due cose - e così stamattina ho sentito di questa signorina che affermerebbe tra l'altro di aver ricevuto 30000 euro dal nostro attuale PresConsMin.

Siamo tutti d'accordo che trentamila euro non sono chissà cosa per Berlusconi, e molti di voi saranno d'accordo con me che è possibilissimo che lui apprezzi cene e dopocene con fanciulle molto giovini e poi lasci loro un bel cadeau per ringraziarle del simpatico incontro. Ma mi rifiuto di credere che paghi quelle cifre, quando ne basterebbe un decimo per farsi avvenenti e disinibite fanciulle.

[pipponi]     l'inflazione degli ISBN

Se voi volete far sì che il vostro libro autoprodotto sia Un Vero Libro, magari vi potrebbe venir voglia di appiccicarci su un bel codice ISBN. La cosa non è poi così difficile, basta pagare il giusto: di per sé nemmeno poi troppo, visto che dieci codici costano 45 euro più IVA (oltre a tutti gli eventuali corrispettivi per farsi stampare dei codici a barre o altro). Però c'è un però.

Supponiamo che uno abbia un libro in formato elettronico. Come ben sapete, il bello degli standard è che ce ne sono così tanti tra cui scegliere, e quindi "il libro" lo si può trovare come .pdf, in .lit, in .epub, in .mobi... financo in .html, se volete. Bene. Come potete leggere da voi, ciascuno di questi formati deve avere un codice ISBN diverso. Non importa che sia lo stesso libro con lo stesso contenuto. Non importa nemmeno che - se il libro non è protetto - uno possa convertirlo da un formato all'altro. Il formato è diverso, l'ISBN è diverso.

Poi non lamentatevi se gli ebook li trovate solo piratati :-)

27.10.10

[pipponi]     Corruzione percepita

Confesso di non aver capito tutta la storia dell'indice di corruzione pubblicato anche quest'anno da Transparency International, e nel quale siamo scivolati ancora un po' più in basso.

La classifica è infatti sulla corruzione (pubblica) percepita. Capisco la logica che fa dire "non possiamo misurare la corruzione attuale, quindi l'unica possibilità è vedere quanta corruzione la gente crede che ci sia"; ma è chiaro che l'indice di corruzione percepita può aumentare indipendentemente dall'aumento della corruzione reale. Non per nulla nel rapporto stesso si dice che i paesi più colpiti dalla crisi finanziaria sono quelli che sono peggiorati di più: non è poi così strano, se ci pensate, visto che il primo (e il secondo, e il terzo, e...) pensiero quando vengono annunciati "dolorosi tagli" è "qui qualcuno si è mangiato tutto".

Insomma, per quanto mi riguarda quella classifica serve relativamente a poco. Voi che ne pensate?

[milano]     ATM non conosce i suoi percorsi

Lunedì, causa pioggia, ho preso la metropolitana per andare in ufficio. Mi è capitato di salire su uno dei treni Meneghino in servizio sulla linea 3. Questi treni hanno dei monitor che mostrano lo schema della fermata a cui si sta arrivando e le linee che passano di là. Mentre stavo scendendo in Centrale, mi sono accorto che tra queste linee c'è il 2. Tutto bellissimo, se non fosse che da giugno (quattro mesi fa, insomma) ATM - sobillata o no da De Corato - ha deciso di "ristrutturare" le linee tranviarie, e il 2 da lì non passa più.

Già sarebbe stato poco bello vedere un tabellone cartaceo non aggiornato, ma almeno in quel caso una qualche scusante ci sarebbe anche stata. Ma spero che non sia necessario aprire una commessa appositamente per aggiornare le linee da rappresentare elettronicamente...

26.10.10

[varie]     piccoli plagiatori

Copio integralmente (per far salire i risultati dei motori di ricerca) questo POST DI SERVIZIO di Teiluj:

Solo per segnalare uno strano caso di plagio occorsomi di recente: esiste un tale di nome Andrea Fossati. Questo tale di nome Andrea Fossati ha una pagina come “scrittore” sul social network del momento, Facebook. In questa pagina, il Fossati, di nome Andrea, pubblica e vende come suo un post di questo blog, un post dunque mio. Il post in questione, dal titolo l’esecuzione, è stato rinominato dal Fossati Andrea “confessioni di una mente malata alle ore 00.13″, come mostra il documento.

Venuta a conoscenza del malefatto, ho comunicato direttamente sulla suddetta pagina di scrittore del suddetto Andrea Fossati lo spiacevole equivoco, ottenendo in risposta la cancellazione del mio appunto e una limitazione a futuri accessi alla pagina incriminata.

Peccato. Mi piaceva il suo modo di scrivere così identico al mio.
Ciao, caro scrittore, Andrea Fossati.

In un mondo in cui l'informazione dovrebbe essere libera, plagiare è il vero peccato mortale. Sperare che nessuno si accorga del tuo plagio cancellando i commenti non è un peccato mortale; è un chiaro segno di stupidità. Quindi non imputo ad Andrea Fossati anche questa colpa :-)

Aggiornamento: (h 22:20) L'Andrea Fossati in questione è questo.

[politica]     quer pasticciaccio brutto delle primarie

Ha iniziato Valerio Onida, lamentandosi che il PD stia facendo tanta pubblicità per Stefano Boeri, e così a suo dire «le primarie sono snaturate, diventano una competizione tra i partiti.» Ora, io Boeri alle primarie non lo voto di sicuro (è anche vero che non sono simpatizzante di alcun partito, ma questo non c'entra perché la mia posizione sarebbe la stessa); però non vedo nulla di male in un partito che sostenga un candidato rispetto agli altri, a meno che non si parta dal principio di eliminare direttamente tutti i partiti; principio che potrebbe anche avere dei punti interessanti, ma non è attualmente fattibile.

Onida ha continuato dicendo che il PD sta usando gli indirizziari (non ho capito se email o cartacei, spero i secondi visto che nel frattempo ho traslocato) per inviare spam... ehm, pubblicità mirate a chi aveva votato a precedenti primarie, e che Ciò Non Era Bello. Risultato? Ecco qua: tutti e quattro i candidati (ci sono anche Giuliano Pisapia e Michele Sacerdoti) potranno spammar... inviare pubblicità mirate. Visto che semplicità?

[matematica_light]     Dimostrazioni senza parole: i formati An

[dimostrazione senza parole]

Nell'Europa continentale i formati per la carta sono stati standardizzati da parecchio. I più noti sono gli An; un foglio di carta A0 ha un'area di un metro quadro, e se dividi a metà un foglio Ak ottieni due fogli A(k+1). Il formato non è molto bello come proporzioni, ma questa sua proprietà di essere simile a sé stesso una volta dimezzato lo rende così utile che si passa sopra questa sua bruttezza.

La settimana scorsa Zar ha chiesto a un gruppetto di amichetti come avrebbero fatto una "dimostrazione senza parole" (un disegno autoesplicativo) che dimostrasse che condizione necessaria e sufficiente per avere quella proprietà è che i due lati del rettangolo siano in rapporto 1:sqrt(2) tra di loro.

La mia dimostrazione è indicata qui a fianco (il sorgente Geogebra è qui): vi piace? è comprensibile? la fareste in modo diverso?

Le regole del gioco sono spero chiare: non ci deve essere null'altro se non il disegno, al più è possibile indicare graficamente che certi angoli oppure certi segmenti sono uguali mettendoci un apposito segnetto.

Aggiornamento: (28/10) Gnugnu mi ha mandato quella che secondo me è la dimostrazione definitiva, da lui denominata "3x2". Eccola qua.

[Formati An in 3x2]

25.10.10

[pipponi]     Logiche burocratiche

Supponete di andare un sabato mattina al pronto soccorso, e che il chirurgo che vi visita vi scriva sul foglio di dimissioni di tornare il lunedì successivo per il controllo. Cosa fate voi? andate lunedì al controllo? Sbagliato. Qualcuno (evidentemente non il chirurgo) doveva prima farvi l'impegnativa, e il foglio di dimissioni (firmato elettronicamente...) non basta.
D'altra parte, se non esistesse la burocrazia pensate a quanti posti di lavoro in meno ci sarebbero.

[recensioni]     Mixa (free press)

Mixa (http://www.mixamag.it/) è uno degli ultimi free press apparsi a Milano: il numero di ottobre che mi è capitato tra le mani è infatti il quarto per il mensile. Il sottotitolo recita "Il magazine dell'italia multietnica"; a vedere il colophon è milanese (Coop. Cartacanta, per la cronaca; almeno due delle collaboratrici so chi sono) e non so se viene distribuito fuori Milano e dove; io ho trovato un po' di copie nella biblioteca di quartiere, ma è vero che oramai frequento poco i luoghi classici.

Nelle 32 pagine c'è pochissima pubblicità, tre pagine e un quarto; gli articoli tendono ad essere più ampi della media dei free press, superando anche a volte quelle che sembrano essere le colonne d'Ercole della lunghezza massima consentita, vale a dire la pagina. Come facilmente immaginabile, il punto di vista degli articoli è presentare agli italiani la vita degli immigrati (di "successo", nel senso di regolari e più o meno integrati), il tutto da una prospettiva generalmente di sinistra; basti pensare che c'è una paginata dedicata a cosa pensano riguardo all'immigrazione i candidati alle primarie del centrosinistra per le comunali 2011, e non ho visto interviste a esponenti dichiaratamente di centrodestra. Questo potrebbe forse essere un limite, perché si rischia di finire in una situazione "me la canto e me la suono" che non portrebbe grandi vantaggi; peccato, perché un punto di vista diverso dal solito sensazionalismo dei media e che non scade nel patetico sarebbe davvero utile.

24.10.10

[giochi]     gioco della domenica: Fling the Furballs

Il gioco di oggi, da Smart-Kit, è di logica anche se a prima vista non sembra. Le "palliccie" (passatemi la traduzione del termine) devono essere eliminate a una a una. La mossa che si ha a disposizione è spingerne una a un'altra non adiacente; la prima palliccia si ferma nella casella vicina, e la seconda viene spinta in là (eventualmente facendo carambolare un'altra palliccia). C'è la possibilità di undo illimitato se si sbaglia, e si possono anche chiedere gli aiutini... al costo di dover risolvere uno schema in più per passare il livello.
Io l'ho trovato simpatico :-)

23.10.10

[recensioni]     Dizionario del Corano (libro)

[copertina] Anche se per noi occidentali, di radici giudaico-cristiane oppure ateo-agnostici, il mondo islamico è un monolite questo non è affatto vero. Quest'opera, tradotta dal francese (Mohammad Ali Amir-Moezi (ed.), Dizionario del Corano [Dictionnaire du Coran], Mondadori 2007 [2007], pag. 987, € 28, ISBN 978-88-04-56660-1, trad. Barbara De Poli, Silvia Di Donato, Martino Diez, Gabriele Ferrario, Marco Aurelio Golfetto, Anna Maria Paoluzzi, Davide Tacchini), raccoglie 400 brevi saggi su altrettanti temi visti non solo dal punto di vista del Corano ma anche della tradizione islamica, con dovizia di riferimenti alle varie sure; nei saggi ci sono molto spesso riferimenti filologici, e del resto l'introduzione racconta proprio della nascita del Corano come testo scritto, dopo la sua origine che fu per scelta orale. Almeno per quanto riguarda le voci che ho preso a caso, ho trovato piuttosto difficile l'associazione tra quanto scritto e quello che si vede in pratica, anche perché per esempio non è chiarissima nemmeno la differenza tra sciiti e sunniti. In definitiva, l'opera è più utile da un punto di vista storico che da quello di attualità. Insomma, vale la pena di averlo come opera di consultazione, visto anche il prezzo contenuto, ma non è il libro da usare per avere una conoscenza non dico completa ma almeno ampia dell'islamismo. Attenzione alla traduzione; è rimasto qualche svarione di italiano, probabilmente per la rapidità richiesta nel preparare la versione italiana a pochi mesi dall'uscita dell'originale francese.

22.10.10

[pipponi]     Laurea pubblicitarii causa

Mentre stavo preparando il ricordo di Benoît Mandelbrot che ho scritto per il Post, sono andato a caccia di informazioni biografiche. Non che poi ne abbia usato chissà quante nel mio articolo: ma questo è normale, non essendo io interessato a scrivere un necrologio formale. Mi ha però lasciato basito la scoperta - che il 13 novembre 2007 l'Università degli studi di Bari gli conferì una laurea ad honorem in Medicina e Chirurgia con la seguente motivazione:

La Prof.ssa XY riassume le motivazioni della proposta, ponendo in rilievo la figura del Prof. Benoit Mandelbrot, celebre in tutto il mondo per aver proposto un nuovo ambito di ricerca, la Geometria frattale. Questo strumento di analisi, che ha reso il Prof. Benoit Mandelbrot uno dei più famosi matematici degli ultimi 50 anni, trova applicazione anche in campo biologico e biomedico; per quanto di interesse in campo medico, la Geometria frattale favorisce una visione unificante, olistica, della malattia e della persona che soffre.

Lo sappiamo tutti: le lauree honoris causa, almeno in Italia ma credo non solo da noi, non sono fatte per premiare il laureato ma per fare pubblicità all'ateneo. Non si può fare molto contro questo andazzo. Però ci dovrebbe essere un limite a tutto. Che diavolo sarebbe un malato frattale? come lo si cura, con medicine autosimili? Perlomeno Mandelbrot, nella sua lectio magistralis che seguì il conferimento della laurea, spostò opportunamente il discorso sulle neuroscienze; affermare che si potranno usare i frattali per la comprensione dei processi neurali mi pare molto improbabile, ma almeno un minimo di senso ce l'ha. Mi chiedo se la decisione di conferire una laurea honoris causa impedisca un qualunque altro uso del buon senso...

[povera_matematica]     Ottobre fausto

In una di quelle catene di sant'Antonio che una volta ammorbavano le caselle di posta elettronica dei malcapitati come me che non le sopportano e adesso sono generalmente nascoste dentro Facebook, prima di intimare al lettore di non fermare la catena si trova scritto

Questo Ottobre ha 5 venerdì, 5 sabato e 5 domenica tutto in un mese. Succede solo 1 volta ogni 823 anni.
Questi mesi sono considerati come “sacchi di soldi”. Passa questo messaggio a 8 brave persone e il denaro apparirà.
È basato sul Fengshui cinese. Chi lo ferma non godrà dei benefici.
Auguro a tutti che funzioni...

Lo so da solo anche se non me lo dite voi: nessuno legge quanto scritto in questi messaggi. C'è solo un riflesso pavloviano - quando va bene - o un worm informatico - se va male - che li inoltra a tutti i propri corrispondenti. Ma io sono bacato dentro e mi è saltata immediatamente all'occhio la frase "una volta ogni 823 anni", anzi "1 volta ogni 823 anni". Parliamone. Per avere cinque venerdì, cinque sabati e cinque domeniche in un mese di trentun giorni occorre e basta che il primo del mese capiti di venerdì. Sappiamo che ogni anno i giorni della settimana relativi a una data si spostano di una o due posizioni; come diavolo fa una data a mancare per 823 anni, quando in media capita una volta ogni sette anni?
Ad essere pignoli, e io lo sono, la probabilità di un venerdì primo ottobre non è esattamente 1/7, per colpa delle modifiche gregoriane al calendario giuliano, ma è abbastanza vicina da poterla approssimare. E comunque per la cronaca l'ultimo anno prediletto dal Feng Shui è stato il 2004, anche se bisognerà aspettare 11 anni per averne un altro... ma 11 anni sono parecchi meno di 823, no?

21.10.10

[io]     Contratto di solidarietà

Prima di pranzo ci è arrivata copia dell'accordo firmato da Telecom e CGIL-CISL-UIL dove abbiamo scoperto che dall'8 novembre per due anni ci applicheranno un contratto di solidarietà. Per quanto ci riguarda, il taglio dello stipendio sarà del 3,27%, o detto in altro modo 18 giorni in cui dovremo stare a casa nei prossimi due anni; ma ci sono gruppi il cui taglio è dell'8% e addirittura del 15%, mentre pochi fortunati continueranno a lavorare a tempio pieno. Almeno questo è quanto sono riuscito a capire dal verbale d'accordo, evidentemente scritto in politichese stretto che io parlicchio solo un po'.

Ora, possiamo chiederci la necessità di un contratto di solidarietà per un'azienda che nel primo trimestre 2010 ha fatto solamente 601 milioni di euro di utile e nel secondo altri 610. Ma non è di questo che voglio parlare.

Sono andato a recuperarmi i comunicati di SLC-CGIL e FISTel-CISL quando ci fu l'accordo del 4 agosto che - sempre leggendo l'accordo attuale - aveva previsto questi contratti. La CGIL ha scritto «In particolare 1100 esuberi dichiarati divengono lavoratori da formare nuovamente e da riconvertire verso altre aree aziendali (con particolare attenzione alle riconversioni verso la rete), accompagnati da strumenti di integrazione al reddito durante il periodo di formazione (contratti di solidarietà) garantendo a tutti la ricollocazione dentro l’azienda.» Per quanto riguarda la CISL, «Saranno, inoltre, utilizzati i contratti di solidarietà e la formazione per i 1100 lavoratori che non sono coperti dagli ammortizzatori sociali e per i 450 lavoratori di SSC e saranno rinnovati per altri 2 anni i contratti di solidarietà per il 1254-DA.». Persino a posteriori ho problemi a capire che quanto scritto lì indicava contratti di solidarietà per ventinovemilaerotti lavoratori. E posso garantire che da agosto a oggi non ho ricevuto nessuna spiegazione di cosa stava succedendo da nessuno di nessun sindacato, né quello di cui pago la quota di iscrizione né dagli altri due. Se tanto devo fare tutto da solo (e perdere tempo a ridire le stesse cose a tutti i colleghi, nonostante io abbia appeso in bacheca la copia dell'accordo da me annotata con tutto quello che so) posso anche lasciare perdere l'iscrizione...

[link]     Gathering for Gardner

Oggi avremmo voluto festeggiare il novantaseiesimo compleanno di Martin Gardner, e invece siamo costretti a festeggiare il novantaseiesimo anniversario della sua nascita. Ma questo non toglie che sia comunque un giorno da ricordare: in tutto il mondo si tengono i Gathering for Gardner, raduni di amici della matematica, della magia, dello scetticismo e di tante altre cose. Qui in Italia i genovesi possono andare agli Archimedes' Lab... per gli altri non so, ma consiglio di rileggervi il ricordo dei Rudi Matematici.

20.10.10

[italica_stampa]     Opportunità linguistiche

Google metterà in rete una scansione dei rotoli del Mar Morto. Come il Corsera ci fa opportunamente sapere, «Per chi non conosce l'Aramaico antico, Google fornirà la traduzione a fronte della trascrizione dei testi originali.».

Io capisco un errore di battitura, come il «manadati on line» qualche riga sotto. Ma chi ha composto quell'articolo ha letto la frase qui sopra? O è un cultore delle lingue semitiche morte e quindi non si capacita nemmeno che qualcuno possa avere dei problemi a leggere l'aramaico antico?

[recensioni]     Colossal Book of Wordplay (libro)

[copertina] Martin Gardner è universalmente noto per i suoi libri di matematica ricreativa. Ma chiunque abbia letto qualcuno dei suoi libri (soprattutto se in lingua originale, per ovvi motivi) sa che Gardner amava indulgere anche ai giochi di e con le parole. Questo libretto, smilzo nonostante il reboante nome (Martin Gardner, Colossal Book of Wordplay, 2010, pag. 160, $8.95, ISBN 978-1-4027-6503-2) raccoglie per l'appunto i giochi sparsi nelle sue varie opere; Gardner stava riguardando le bozze quando in maggio morì, e l'opera è stata completata da Ken Jennings che stava già collaborando con lui per la preparazione del testo. Ora, è vero che molti appassionati di giochi matematici sono anche appassionati di giochi con le parole, anche se il il viceversa non è necessariamente vero; però è chiaro che Gardner, per quanto bravo, non era il top per questo tipo di giochi. Il risultato è comunque godibile anche per chi come me non è madrelingua inglese e quindi si perde parecchi giochi, a volte anche quando legge la loro soluzione. D'altra parte il libro è essenzialmente intraducibile, per ovvie ragioni, anche se si può riciclare qualcuno dei giochi di parole trovandone un equivalente italiano.

19.10.10

[politica]     il riconteggio in Piemonte

Tra poco dovrebbe arrivare la sentenza del Consiglio di Stato sul ricorso presentato dal governatore piemontese Cota contro la sentenza del Tar piemontese che ha imposto il riconteggio di alcune decine di migliaia di schede. Tolti i bizantinismi legali, la storia si riduce a questo: quando in primavera si è votato, tre delle liste presenti - tutte per il centrodestra - erano illegali. Una perché le firme di presentazione dei candidati erano state tutte falsificate, due perché non avevano presentato le firme appellandosi a una legge regionale ma in realtà non avevano il diritto di farlo. Il riconteggio vuole verificare quante delle persone che hanno votato per le liste (al momento solo le ultime due a causa di un procedimento penale in corso) hanno anche votato esplicitamente per Cota; secondo il Tar chi non l'ha fatto si troverà il voto annullato perché quella lista non esisteva.

I legali di Cota affermano che togliere il voto anche al candidato governatore è illegale, perché la legge prevede esplicitamente che il voto di lista senza indicazione al candidato governatore passi a quest'ultimo, e che bisogna tutelare per quanto possibile la volontà dell'elettore anche in presenza di irregolarità formali. La cosa avrebbe anche senso, se non fosse per un piccolo particolare: le due liste sono state presentate millantando un apparentamento con lo schieramento opposto. La cosa vale soprattutto per Scanderebech, che nel passato consiglio regionale era con l'UDC, adesso è di nuovo con l'UDC, ma era stato sospeso dal partito proprio perché voleva starsene con il centrodestra; ma lo stesso si ha per il movimento consumatori. A questo punto è probabile che uno votasse per la lista pensando che stesse con gli altri.

Per quanto riguarda il PD, come capita loro di solito la posizione scelta sono due posizioni. Per la Bresso la cosa è chiara: una volta tolti i voti dichiarati invalidi e sentenziato che lei ha preso più voti di Cota, il posto va a lei (con tutto il turnover dei consiglieri eletti col premio di maggioranza); per buona parte del partito è molto meglio rivotare, innanzitutto perché la Mercedes è antipatica a molti e poi perché l'anno prossimo possono mettere sul piatto come candidato governatore Chiamparino, il cui mandato come sindaco scade appunto nel 2011; e Chiamparino dovrebbe anche riuscire a fare un effetto trascinamento per il candidato sindaco piddino, il Piero Fassino che è torinese, è tanto una brava persona ma come appeal vale ben poco.

Fortuna che qui in Lombardia non riescono a sentenziare le irregolarità nelle firme per Formigoni :-)

[povera_matematica]     ah, le classifiche

Ieri sono apparsi i dati di "Ecosistema urbano", ricerca annuale di Legambiente con il centro studi Ambiente Italia e il Sole 24 Ore sulla qualità della vita nelle province italiane. Nulla di particolare né di eclatante: le città del sud riempiono quasi tutti i posti in fondo alla classifica, in cima ci sono cittadine medio-piccole, le metropoli arrancano. Se si vuole proprio notare qualcosa in più, quest'anno sembra che le grandi città siano scese parecchio in classifica (la trovate qua. Bene, come hanno parlato di questo i quotidiani italiani? Sul Messaggero non ne ho trovato traccia, anche se ammetto di non aver cercato a fondo. Il Giornale e il Corriere hanno un titolo direi corretto: rispettivamente «Ambiente, male tutte le metropoli» e «Allarme ambientale nelle grandi città
Peggiorano tutti i grandi centri urbani (eccetto Torino)». Per la cronaca, Roma è scesa dal 62. al 75. posto, Milano dal 46. al 63., Napoli dal 89. al 96., Torino è risalita - si fa per dire - dal 77. al 74. posto. Bene, la Busiarda, essendo ormai un quotidiano tendenzialmente locale, titola «Il rapporto di Legambiente: male Milano, Roma e Napoli. Tra le grandi città si salva solo Torino» che insomma è un po' fuorviante, visto che il "salvarsi" significa essere in posizione pessima seppur con un leggero miglioramento.

Ma stavolta la palma dell'innumeratezza va a Repubblica. Ecco il qui): «Rispetto allo scorso anno la capitale scivola in fondo alla classifica e viene sorpassata da Milano, che a sua volta perde diciassette posizioni.» A casa mia, per sorpassare qualcuno prima dovevi essere dietro di lui e dopo davanti. Accetto il concetto di "sorpasso alla gambero", in cui entrambi i contendenti perdono ma quello che era dietro perde di meno; ma in questo caso Milano era già davanti a Roma, e ha perso più posizioni in classifica. Lo so, sono minuzie tali che non dovrebbero nemmeno essere commentate; ma anche dalle cose piccole si vede la faciloneria. (Che poi Repubblica formalmente è un quotidiano romano. Cos'è, rema contro?)

[minimalia]     Basi terroristiche

Attentato all'interno del parlamento Ceceno, con vari morti. C'è sempre chi è più fortunato.

18.10.10

[io]     Io e la Immanet

[io alla Immanet]Come molti sanno, in ismiziano non esiste una traduzione esatta del sintagma "conflitto di interessi"; il termine usato abitualmente, mükkiiåtøng, significa infatti letteralmente "sinergia".

Pertanto non c'è nulla di strano se, pur essendo io un'azionista di lunga data della Immanet - vedi colonna a destra nel mio blog - da stamattina faccia parte della forza "lavoro" Immanet, in qualità di Over-Chief Usenetter, con ufficio al sesto piano (Legale-Amministrazione) del palazzo Immanet. Un aperitivo ismiziano virtuale a chiunque passi a salutare!

Il momento storico è stato immortalato da par suo dal Maestro R:ob Grassilli, che ringrazio caldamente. Per la cronaca, il ghigno leggermente mefistofelico che appare nell'istantanea è dovuto al mio sentirmi finalmente parte di una grande famiglia... oltre a un effetto collaterale di avere visto Saporello alla macchinetta del caffè.

17.10.10

[giochi]     giochi della domenica: Double Sokoban, Math Lines

Anche stavolta due giochi, entrambi visti su Passion for Puzzles ed entrambi ospitati su Fupa.com (ma potete anche giocarci via Facebook, se preferite!)

In Double Sokoban lo scopo è quello di Sokoban: spingere la roba e spostarla nel punti di approdo previsti. Ma gli schemi sono due, e con lo spazio ci si può spostare dall'uno all'altro per riuscire a passare da posti che a prima vista si direbbero impossibili. Garantisco che dopo un po' ci si perde in un labirinto a due livelli.

Math Lines è invece uno di quei giochi in cui bisogna sparare a una lista di palline che si muovono inevitabilmente verso una buca. Solo che le palline non si annichilano se hanno la stessa forma o lo stesso colore, ma devono avere somma pari a 10. Un gioco educational, insomma, se proprio volete.

16.10.10

[recensioni]     Problem Solving Through Recreational Mathematics (libro)

[copertina] L'idea di questo libro (Bonnie Averbach e Orin Chein, Problem Solving Through Recreational Mathematics, Dover 1980,2000, pag. 457, $15.95, ISBN 978-0-486-40917-7) è di parlare di matematica a partire dai problemi ricreativi. Nei vari capitoli si inizia a presentare alcuni di questi problemi, invitando il lettore a cercare di risolverli; poi vengono man mano introdotti i concetti che sono nascosti dietro i problemi stessi e si termina con una serie di esercizi (alcuni, ma non tutti, hanno un aiuto, una traccia di soluzione oppure una risposta).

Di per sé l'idea non è affatto stupida, tenuto anche conto che alcuni degli argomenti trattati - i grafi e le equazioni diofantine, per esempio - non fanno certo parte dei programmi scolastici, penso nemmeno negli USA. La sua messa in pratica però mostra parecchi difetti, primo tra tutti la ripetitività di dover fare più volte lo stesso tipo di ragionamento, che stufa in breve tempo anche se la formulazione dei problemi è sempre piacevole. Diciamo che a mio parere il libro è piu utile per un insegnante che voglia proporre ai suoi studenti un'esposizione un po' diversa e quindi si metta a scegliere quello che ritiene più importante.

15.10.10

[trasporti]     Milano (quasi) come Berlino

[pista ciclabile contro un muro] In questi giorni l'assessore all'urbanistica milanese Carlo Maria Giorgio Masseroli, tutto felice per aver fatto disegnare nell'asfalto di via Carducci una pista ciclabile, ha sentenziato che si ispirerà a Berlino per la mobilità ciclistica milanese.

Tralasciamo banalità come il fatto che alcuni anni fa con le "piste ciclabili autoprodotte" sempre disegnate sull'asfalto si rischiò un incidente diplomatico: la gente può anche imparare dagli errori. Tralasciamo banalità come il fatto che in una città dove si va contromano superando la doppia striscia continua l'unico modo per sperare che le auto non invadano una pista ciclabile disegnata sull'asfalto è mettere una telecamera e multare tutti quelli che ci passano in auto - moto - camionetta: come facevo via Carducci prima senza pista ciclabile continuerò a farla adesso.

Stavolta vorrei parlare delle piste ciclabili "vere" che esistono a Milano. Mercoledì mi è capitato di seguire quella di via De Marchi, che parte nel nulla all'altezza dell'inizio del ponte sulla ferrovia (non dico mettere un semaforo ciclistico per permettere di attraversare la strada, ma magari delle strisce no?) e termina in viale Sarca. Come vedete dalla foto, in questo caso non termina nel nulla come è usanza dei microtratti di piste milanesi: o il ciclista è capace a creare dal nulla un effetto tunnel per passare attraverso il muro, oppure ci si spiacicca allegramente. Capisco risparmiare sul cartello "fine pista ciclabile", ma a questo punto potevano anche evitare di fare gli ultimi cinque metri, no? (e di nuovo, entrarci in direzione nord è fattibile, ma se uno sta facendo il percorso in direzione sud quando arriva lì dovrebbe teletrasportarsi altrove, e se è in grado di teletrasportarsi non avrebbe bisogno della pista ciclabile)

14.10.10

[curiosita']     compagno un caz

Io non leggo i comunicati di Indymedia. Piuttosto mi sorbirei dieci editoriali di Feltri, il che è tutto detto. Però oggi vb ha postato un link al testo "Repressione poliziesca sulla 90", e ci ho dato uno sguardo.

Sospendo il giudizio sui fatti, anche perché vorrei sentire tutte le campane: mi è capitato di prendere la 90/91 la sera, di essere "invasi" da controllori con o senza polizia, ma questi prima chiedevano un biglietto e poi - se il passeggero chiaramente non italiano il biglietto non ce l'aveva - solo allora volevano i documenti (Detto in altre parole: se sei clandestino ti conviene non essere anche portoghese)

Mi chiedo però con vb come si fa a rimanere seri quando qualcuno riesce a iniziare il proprio resoconto con la frase

«Ieri 12 ottobre 2010 intorno alle 21.45 un compagno e una compagna militanti comunisti e antirazzisti, impegnati contro la repressione e per la solidarietà internazionalista, si trovavano sulla linea filobus 90 a Milano diretta verso piazzale Lotto.»

[link]     Carnevale della matematica #30 - GOTO Popinga

Anche se non siete interessati ai meglio post di divulgazione matematica dagli italici blog, una gita da Popinga merita per le immagini allegate alla nuova edizione del Carnevale.

13.10.10

[informatica]     la via di Microsoft all'upgrade

A casa mia c'è una certa qual promiscuità nell'uso dei computer tra me e Anna. Questo significa che siamo molto dipendenti dai servizi di sincronizzazione file via rete. Io personalmente mi trovo molto bene con Dropbox (se non lo conoscente, andate qui, iscrivetevi aggratis e regalate 250 MB di spazio aggiuntivo a me); avendo però la cartella condivisa praticamente piena ho dovuto cercare un altro sistema per sincronizzare i documenti di Anna.

La scelta cadde su Live Mesh Beta nonostante i miei dubbi su un prodotto Windows, è sempre andato più che bene e Anna non si è lamentata. Peccato che oggi mi sia arrivata una mail dal signor Windows Live Team che mi dice che Live Mesh Beta verrà chiuso il 31 marzo 2011 e ci sarà il bellissimo, nuovissimo, ganzissimo Windows Live Mesh. Tutto bene? Un corno. Come si può leggere dal sito ufficiale, il bellissimo, nuovissimo, ganzissimo Windows Live Mesh funziona solo sotto Vista, Windows7 e MacOX dalla 10.5 in su. A casa mia tutti i PC hanno XP, che fa benissimo il suo lavoro, e anche se mi regalassero Windows7 non lo installerei. Tra l'altro, non c'è nessuna ragione di compatibilità che impedisca di usare XP, per quanto ne so io. Accetterei la mossa di Microsoft se facesse anche qualcosa per far fuori Internet Explorer 6 (per dire, più del 3% di accessi al mio sito sono ancora via IE6): però - chissà come mai - quello rimane.

Morale della favola: che sistema di condivisione diverso da Dropbox mi consigliate?

[recensioni]     The Alphabet (libro)

[copertina]Anche questo libro (David Sacks, The Alphabet, Arrow Books 2004, pag. 395, ISBN 978-0-09-943682-9) era fuori commercio, e l'ho acquistato di seconda mano dai fondi di una biblioteca (dello Stoke-on-Trent College), dove in effetti non era mai stato chiesto in prestito. Il tema, come dice il titolo stesso, è l'alfabeto, inteso come insieme delle 26 lettere che lo compongono; dopo un capitolo introduttivo che racconta come dal primo alfabeto (semitico ma egizio, precedente a quello fenicio) l'idea sia stata man mano presa da altre popolazioni che se lo adattavano ai propri suoni, segue un capitolo per ciascuna lettera, che mostra la sua evoluzione e il mutamento delle sue caratteristiche (grafiche ma anche di suono) nell'inglese. Uno dei due grandi svantaggi del libro è proprio il suo essere anglocentrico; si parla un po' del francese perché in fin dei conti il normanno è una delle sorgenti della lingua inglese, e c'è qualche accenno allo spagnolo probabilmente perché è praticamente la seconda lingua statunitense, e basta. L'italiano non è praticamente mai citato e in quei rari casi Sacks colleziona strafalcioni, come a pagina 193 dove scrive "Gésu" e spiega che la G è dura solo davanti a A ed U. Il secondo problema è la ripetitività del testo: molte cose sono dette e ridette in tutti i capitoli, e dopo un po' uno si stanca anche... In definitiva, una lettura interessante ma non so se la consiglierei.

12.10.10

[spam_phishing]     commenti spammosi in italiano

È abbastanza facile che persino il mio blog periferico ogni tanto abbia alcuni spam di gente che scrive in inglese e dice qualcosa tipo "nice blog", sperando che io sia così imbecille da approvare il loro post.

Ma un paio di settimanefa mi è arrivato un messaggio con questo testo:

Come Newbie, sono sempre alla esplorazione in linea sugli articoli che possano migliorarmi sull’argomento. Lascio anche l’ indirizzo di posta elettronica perché mi picerebbe avere avvisi sui prossimi aggiornamenti. Speciale blog.

Il "nome" del nostro commentatore è Preventivo Prestito, il sito non ve lo dico ma è un .net chiaramente italiano, l'IP di invio è 195.72.161.106 che corrisponde a non si sa cosa, perché è un record PTR a purple.community.co.uk che però non sembra esistere almeno come sito web ma ha solo un record MX. Sarà una traduzione anche il messaggio oppure no? misteri...

11.10.10

[io]     Non ho più il fisico

Ieri mattina siamo passati in centro perché dovevamo cercare delle pantofole per i giovini e delle ciabatte da piscina per me. La prima parte è durata più del necessario, e si era pertanto avvicinata l'ora della pappa per i giovini. Considerando che la domenica mattina passa un tram ogni quarto d'ora se va bene, e visto che in piazza Cairoli il passaggio 4 era dato "tra sei minuti" e il tram doveva fare il giro per andare al capolinea ho detto "ce la facciamo al pelo a entrare, comprare, pagare e prendere il tram".

Il piano era andato abbastanza bene tranne che per il pagare: c'erano un paio di persone in coda, al che ho detto ad Anna "tu comincia a uscire con passeggino e tutto, io spero di farcela a pigliare il tram al volo altrimenti mi invento qualcos'altro". Anna ha brontolato un po' ma poi si è convinta; io ho pagato, sono uscito e mi sono visto il tram partire dal capolinea. Ho fatto un po' di conti, ho pensato che la fermata dopo era davanti al Piccolo, quindi a quattrocento metri circa di distanza, e il tram aveva due semafori da passare; poteva valer la pena correre a prenderlo. Mi sono così lanciato, mentre ero in via Arco ho anche battuto sul vetro del tram per avvisare Anna delle mie intenzioni, e sono arrivato alla fermata un minuto prima del tram.

Tutto bene? Macché. Ci ho perso dieci minuti per tornare a respirare decentemente.

10.10.10

[curiosita']     101010

la data odierna non è bella solamente perché giorno, mese e anno (a due cifre) sono identici, ma anche perché 101010 letto come numero binario è 42. Come non essere felici di ciò?

[giochi]     gioco della domenica: Dynamic Systems 2

Non sapete chi fosse Rube Goldberg? Male, anche se è vero che Wikipedia in lingua italiana non aiuta molto (almeno quando ho scritto questa mia notiziola). Però magari avete presente i progetti della ACME messi in opera da Vile E. Coyote: ecco, quelli sono esempi di macchine di Rube Goldberg.

La stessa cosa la potete fare con Dynamic Systems 2 (come avrete intuito, è un séguito). Scopo del gioco è infilare la pallina nel cestino, ma per farlo, oltre a tenere presente la forza di gravità, bisogna anche mettere nei posti opportuni i vari pezzi che sono a nostra disposizione. Una specie di Meccano, insomma...

(via Passion for Puzzles)

09.10.10

[recensioni]     Fascio e martello (libro)

[copertina] Molti sanno che Littoria (pardon, Latina) è stata fondata da Mussolini, durante la bonifica dell'Agro Pontino. Magari, pensandoci un po' su, qualcuno si ricorda anche di altre città: Sabaudia, Aprilia, Carbonia. Ma nessuno probabilmente immagina che ci siano quasi 150 "città del Duce", che a quanto pare amava porre la prima pietra su e giù per la penisola. In questo libro (Antonio Pennacchi, Fascio e martello - viaggio per le città del Duce, Laterza - "Economica 527" 2010 [2008], pag. 346, € 11.50, ISBN 978-88-420-9229-2), che nacque come rubrica su Limes ed ebbe una prima edizione nel 2003, Antonio Pennacchi parla di alcune di queste città. Premessa: si parla di architettura, ma non è un manuale di architettura. Pennacchi, nato a Latina, sente chiaramente proprio il tema. Aggiungete che scrive molto bene, con uno stile personale, e capirete che il libro non lo si legge come un saggio ma quasi come un romanzo storico... ehm, architettonico. D'altra parte le sue idee architetturali molte volte sembrano nascere dall'essere contro la storiografia ufficiale, e secondo me Pennacchi stesso non sempre crede a quello che dice ma lo dice lo stesso perché l'idea, anche se sbagliata, è carina. Il giudizio sulle opere del fascismo è molto disarticolato, soprattutto nella parte sociale (che fosse una dittatura è dato per scontato). Non è che si possa dare un valore positivo al fascismo solo perché hanno fatto queste città, ma non si può nemmeno negare la loro esistenza, no?

08.10.10

[trasporti]     Tutto congiura contro ATM

Ieri in Atm erano appena riusciti a rimettere a posto i binari in viale Zara e far di nuovo passare i tram.
Oggi alle 18 quando sono passato di là c'era un 7 (i nuovi Sirietto) che aveva tamponato un'auto, e quindi si era bloccato di nuovo il tutto. (Il tram non sembrava molto rovinato, ma il botto doveva essere stato niente male, visto che c'era un'ambulanza... probabilmente qualcuno dentro il tram era caduto).
A vedere la posizione dei mezzi non credo proprio la colpa fosse del manetta; resta il fatto che non è possibile avere sempre un blocco :-)

[admin]      [solo milanesi] qualcuno vuole comprare?

ora che ho trovato un volontario che mi ha preparato una copertina migliore di quella che avevo messo io, sono pronto a mettere il mio libro su ilmiolibro.it per chi ama il fruscio della carta. Il prezzo di una copia sarà sui 9 euro, ma c'è la fregatura che le spese minime di spedizione sono 6 euro. A me la cosa cambia poco, perché ne prendo qualche copia da tenermi e la mia esperienza mi dice che il costo di spedizione spalmato è un euro a copia; se qualcuno è abbastanza vicino da poter passare da me ed è interessato ad aggiungersi al mio ordine mi avvisi in questi giorni, e ordino qualche copia in più.

Non mi offendo anche se non lo vuole nessuno :-)

[trasporti]     si vede che Podestà ha studiato

L'attuale presidente della provincia di Milano (non che quello prima fosse meglio, neh) ha esposto la sua e destinare tale «pedaggio minimo di scopo» a «prolungamenti all'esterno delle linee metropolitane». Il tutto perché «Ogni giorno 700-800mila veicoli entrano a Milano dalle tangenziali. Dobbiamo intercettare questo traffico spostando sempre più fuori città i punti di interscambio gomma-ferro».

È chiaro che l'attuale presidente della provincia di Milano non ha idea che buona parte di quei 700-800mila veicoli hanno a bordo gente che va in auto perché non ci sono abbastanza ferrovie (lo so che la parola metropolitana va tanto di moda, ma se fai fermate ogni 500 metri quanto ti ci vuole per arrivare da Seregno a Milano?), e che per spostare i punti di interscambio devi (a) avere spazio per fare l'interscambio (b) avere preparato prima l'interscambio e l'infrastruttura ferroviaria. D'altra parte l'attuale presidente della provincia di Milano vuole anche «estendere il bike sharing ai comuni della provincia». Anche ammesso di aver potenziato le piste ciclabili, si rende conto che non puoi pretendere che una persona presumibilmente poco pratica si faccia tutti i giorni 10+10 km in bicicletta? E allora che diavolo fai piste ciclabili per tutta la provincia?

[link]     settantesimo anniversario

Oggi Google festeggia con un doodle video quello che sarebbe stato il settantesimo compleanno di John Ono (già Winston) Lennon.

[admin]     resettare la password di Commentatore Abituale

Alcuni dei miei amichetti sono insigniti del titolo di Commentatore Abituale, il che significa che i loro commenti appaiono senza che io debba preventivamente approvarli.

ff (che non è FriendFeed) mi segnala che di per sé il link alla pagina di recupero password funzionava, ma mandava a una pagina dove si può indicare il proprio indirizzo email; ma il link successivo, dove si può mettere una password nuova, non aveva il pulsante di submit. Ho dato un'occhiata al codice, è una schifezza assurda, e quindi mi sono limitato a mettere una toppa; a quanto pare ora funziona. Buon cambio password :-)

07.10.10

[recensioni]     Scienza Express

In quest'epoca di ebook e in cui molti scambiano la trasmissione di Giacobbo per scienza, ha senso produrre libri di carta che parlano di scienza, e soprattutto fatti per i cittadini-che-non-leggono-ancora? Daniele Gouthier e Luciano Celi pensano di sì, tanto che hanno fondato una nuova casa editrice scientifica, Scienza Express. Leggendo il loro Manifesto, oltre a quella punta di pazzia si può notare come non pensino tanto ai best seller (anche se poi immagino sarebbero ben felici di averne in catalogo!) quanto ai long seller. I libri di scienza non hanno infatti un'esondazione di vendite che poi si blocca dopo pochi mesi, ma hanno un flusso continuo per degli anni, o almeno lo avrebbero se fossero disponibili. Ecco il perché di una struttura dove l'informatica non serve per convertire i libri in bit ma dà la possibilità di mantenere un catalogo negli anni.

Nel 2011 sono previste undici uscite: è possibile fare un - diciamo - abbonamento e averli tutti per 95 euro. E per chi non può fare a meno di FacciaLibro c'è anche la pagina relativa. Buone letture!

[matematica_light]     Dov'è l'errore?

[dov'è l'errore?]
Grazie alla condivisione di Zar di un post di MarkCC, ho potuto deliziarmi con questo esempio di FAIL, tratto chiaramente da FailBlog. Per chi non lo conoscesse, FailBlog raccoglie immagini di cose e azioni evidentemente sbagliate, per fare quattro risate. In questo caso la risata è doppia, perché nei commenti di FailBlog sono in tanti a chiedersi "embè? che c'è di sbagliato?"

Per chi non può o non vuole vedere l'immagine qui sopra, c'è un problema (con tre stelle, quindi definito molto difficile da chi ha preparato i fogli del test) che dice "Maria ha impiegato 10 minuti per segare in due parti una tavola di legno. Se lavorerà alla stessa velocità, quanti minuti le occorreranno per segare un'altra tavola in tre parti?" Il malcapitato studente (uso il maschile perché la calligrafia mi sembra maschile, ma potrebbe benissimo essere una studentessa) ha risposto "20" e l'insegnante gli ha cassato la risposta, spiegando che se per due pezzi ci vogliono 10 minuti allora per quattro pezzi ci vorranno 20 minuti e quindi per tre pezzi bastano 15 minuti.

I miei ventun lettori sono molto intelligenti; magari a primo acchito avrebbero risposto anche loro "15 minuti" ma sapendo che c'è qualcosa sotto si saranno messi a pensarci su e avranno capito cosa c'è sotto senza continuare a leggere due righe sotto.. No, la risposta non è come quella di un commentatore di MarkCC che scherzando dice "magari la seconda tavola era larga solo il 75% della prima?". Molto semplicemente, per segare in due parti una tavola basta un singolo taglio, e per segarla in tre ne occorrono due, quindi lo studente aveva ragione e l'insegnante torto marcio, il che non è affatto bello come esempio per le nuove generazioni.

A questo punto è giunto il momento di un coming out. In un compito di matematica alle medie dovevamo trovare l'area di una tovaglia che copriva un tavolo quadrato di lato un metro, sapendo che la tovaglia pendeva di 15 cm per lato. Io ho subito detto "beh, il perimetro del quadrato è 4 metri, quindi la parte che non sta sul tavolo ha un'area di 0,6 m2 e l'area totale è di 1,6 m2... Insomma, il FAIL è sempre in agguato!

06.10.10

[pipponi]     il dramma delle biblioteche

Repubblica fa un articolo sulla crisi delle biblioteche italiane, cui sono tagliati i fondi e che rischiano di chiudere e/o di non poter più acquistare nuovi libri, tanto che si chiede alla gente di regalare loro i libri già letti oppure si studiano nuove possibilità di sponsorizzazione dei nuovi acquisti.

A parte stupirmi che chi ha scritto l'articolo non ha nemmeno accennato alla direttiva europea che impone un pagamento agli editori per le opere nele biblioteche (vedi Non pago di leggere) mi chiedo se chi ha scritto l'articolo si è spostato dall'isola ancora felice di Emilia e Toscana. Nella biblioteca di quartiere che io frequento relativamente spesso è vero che i nuovi acquisti sono ridotti da un pezzo al lumicino; ma è anche vero che non ci sarebbe comunque spazio per collocare altri libri, a meno di buttarne via alcuni. Il prestito interbibliotecario funziona molto bene, per fortuna, e non è mica quel problema riportato nell'articolo: se il problema è che il lettore deve sempre poter sfogliare le ultime novità prendendole dagli scaffali aperti, si può tornare al vecchio sistema delle case chiuse, dove le ragazze... pardon, le opere comprate da poco vengono ruotate da una biblioteca all'altra durante i primi mesi.

Ma poi la domanda sorge spontanea: sono davvero cresciuti gli utenti delle biblioteche che prendono libri in prestito? La nostra nazione sta finalmente tirando su una razza di italici lettori? Io inizierei da lì, e poi tornerei indietro ai problemi delle biblioteche.

[recensioni]     L'incredibile viaggio di Pomponio Flato (libro)

[copertina] Eduardo Mendoza è un giallista, potremmo dire. Ma dobbiamo dirlo con molta attenzione, visto che è forse meglio parlare di parodista. Tanto per dire, in questo libro (Eduardo Mendoza, L'incredibile viaggio di Pomponio Flato [El asombroso viaje de Pomponio Flato], Giunti 2008 [2008], pag. 192, € 12.50, ISBN 978-88-09-06159-0, trad. Francesca Lazzarato) il protagonista, un patrizio romano dell'ordine equestre che soffre pesantemente di problemi intestinali, viene ingaggiato da un ragazzino palestinese per dimostrare l'innocenza del padre Giuseppe, il falegname della cittadina di Nazaret, accusato di avere ammazzato il ricco Epulone. Come avrete intuito, il bimbo è Gesù, e la storia è piena di personaggi e brani evangelici, che in quel contesto suonano molto strani. Le abilità di Pomponio come detective ricordano quelle del dottor Watson, ma alla fine tutto si risolve per il meglio. Ottima la traduzione, che mantiene lo stile di una versione dal latino (ma la Lazzarato è la curatrice della collana, quindi immagino che se si è scelta questo libro l'aveva apprezzato); non concordo solo con la scelta del termine "inculare", che nel contesto mi pare stridere troppo.

05.10.10

[pipponi]     quisquilie di un giorno qualunque

- Si lamentano in tanti perché Romani è stato nominato ministro dello Sviluppo Economico, dicendo che è un amichetto di Berlusconi, e che ha sempre fatto i suoi voleri, e che adesso lo strapotere di Silvio nelle televisioni aumenterà ancora di più, e che c'è un enorme conflitto di interessi. Però Romani era prima viceministro alle Comunicazioni; tutti i danni che poteva eventualmente fare li ha fatti lì. Cosa mai potrebbe fare di più all'Industria?

- (a Galatea che si chiede se qualcuno ha fatto una foto della faccia di Calearo, quando hanno annunciato il nome del nuovo ministro: io più che altro mi chiedo se qualcuno ha registrato il sospiro di sollievo di Uòlter Ueltroni.

- Il Corsera piange perché non si fa l'Alta Velocità tra Milano e Trieste, e fa dire al presidente della commissione infrastrutture della Confindustria veneta che «nel 2014 l'intera A4 arriverà alla saturazione e quindi spostare le merci dal trasporto su gomma a quello su rotaia è necessario due volte». Che c'entra tutto questo con l'alta velocità?

- Il PdL si lamenta del Copasir: la commissione che dovrebbe controllare i servizi segreti è a loro parere squilibrata perché ci sono troppi finiani e quindi non c'è più la proporzionalità richiesta. Molto opportunamente a sinistra stanno tacendo: forse si ricordano che in questa legislatura la presidenza della commissione (che va storicamente all'opposizione) era stata data a Rutelli come premio per avere perso le elezioni al comune di Roma, ma non appena Cicciobello andò via dal PD per fondare l'API gli venne subito tolta per consegnarla a Minimo d'Alema.

- Berlusconi ha perfettamente ragione quando afferma che il Pm De Pasquale sta facendo dei giochetti contro la legge per spostare avanti la data della prescrizione per il processo Mills. Mi chiedo quanti dei suoi elettori si siano accorti che la sua è un'implicita ammissione di colpevolezza (non che potesse fare chissà cos'altro, viste le motivazioni della condanna a Mills)

04.10.10

[sfrucugliate]     Il web non è un giornale

Ne hanno già parlato in tanti, della sentenza della Corte di Cassazione che ha annullato senza rinvio (detto in altro modo, ha sentenziato che il reato non c'era affatto) la condanna inflitta al direttore del sito web Merateonline che era stato denunciato dall'allora ministro Roberto Castelli e dal sindaco di Calco Giuseppe Magni per omesso controllo, visto che a loro detta nel sito sarebbe stata pubblicata una email che affermava che i due non avessero effettivamente ricevuto una lettera contenente dei proiettili come da loro affermato, ma il tutto fosse stato architettato dai due per farsi pubblicità. Il testo in questione non era presente negli archivi del sito; non sta a noi stabilire se era stato cancellato (prima o dopo la querela).

I punti che mi paiono interessanti sono vari. Il primo è che il direttore di Merateonline Claudio Brambilla era stato assolto in secondo grado... o meglio, il reato era stato dichiarato estinto per avvenuta prescrizione. Brambilla però non c'è stato, non voleva una macchia del genere, ed è stato lui a ricorrere in Cassazione... più o meno quello che fanno svariati uomini politici, no? La seconda cosa è che nella sentenza si afferma che se il direttore fosse stato d'accordo con quel testo allora il reato non sarebbe stato di omesso controllo bensì di diffamazione: questo sembrerebbe implicare che la cosa più importante da farsi è prendere immediatamente le distanze da eventuali commenti illeciti postati su una testata online. Ma il punto chiave è l'ultimo; nella sentenza si legge che la Corte ha accettato la tesi difensiva secondo cui in questi anni l'articolo 57 del codice penale (quello appunto sull'omesso soccorso) è stato più volte modificato in questi anni, ma il legislatore non ha mai inserito una clausola equiparante la stampa telematica a quella cartacea, e quindi si deve supporre che non la considera equiparabile. Naturalmente questa è una brutta notizia, perché darà una marcia in più a chi vuole rendere più difficile la possibilità di avere siti liberamente commentabili (cosa che è diversa dal diffamare, nel caso non ve ne siate accorti). State attenti.

[varie]     Social Killer

Vito Di Bari mi ha scritto qualche giorno fa segnalandomi l'imminente uscita di quello che lui definisce "il primo romanzo multipiattaforma in Europa", dopo avere scritto diversi saggi sul Web 2.0.

Social Killer è un thriller, il cui primo capitolo apparirà dopodomani (il 6 ottobre); chi vorrà leggerlo potrà liberamente scaricarsi sul telefonino un capitolo al giorno, interagire con i profili Facebook dei personaggi del libro, e partecipare alla caccia all'assassino sul blog-a-tempo http://www.datebook.it/. C'è anche un video di presentazione, che potete trovare su YouTube: confesso però di non averlo visto (come forse sapete, la mia religione pone severi limiti sulla fruizione di contenuti video di ogni tipo)

Non so se questa versione 2.0 dei romanzi d'appendice incontrerà il favore dei lettori socialcosisti; sicuramente è un tentativo molto interessante, anche per vedere se in Italia esiste davvero una forte comunità online con un certo tipo di interessi.

03.10.10

[pipponi]     La bestemmia è il meno

Ieri sulla Stampa ho letto il testo delle due barzellette raccontate da Berlusconi e che hanno scatenato l'ennesimo putiferio, con tanto di piccata dichiarazione del premier che si è lamentato che la barzelletta - non so quale delle due, visto che di una ci dovrebbe essere un video girato all'Aquila con dei militari, e non credo sia andato là come privato cittadino - era stata raccontata in privato, e quindi veniva violata la sua privacy.

La barzelletta sugli ebrei, a parte dipingerli stereotipamente come dei ricconi, non è che dica molto; ma su quella con la bestemmia credo valga la pena spenderci su qualche parola. Il problema non è la bestemmia, che pure dovrebbe essere ancora passibile di condanna nel nostro ordinamento; sono della scuola di quelli che pensano che se la vedrà a suo tempo con il buon Dio. Nemmeno l'aver infilato nella barzelletta Rosy Bindi è un vero problema; al limite è un'opportunità per il suo analista che sicuramente avrà molto da lavorare sui motivi che impediscono al premier di togliersi dalla testa il presidente del PD. Ma quelle sono cose personali, o almeno a mio parere non ci sono ancora gli estremi per parlare di harassement ancorché non sexual.

Quello che trovo davvero preoccupante è la barzelletta. Una barzelletta così fa solo ridere i bambini di undici anni: non è nemmeno grossolana o di pessimo gusto, ma proprio stupida, basandosi su un gioco di parole che non ha alcun senso per conto suo e serve per poter fare la bestemmia finale liberatoria. Per dire, da un punto di vista puramente lessicale è meglio la battuta del passerotto piemontese che fa "pio pio" ma dopo che è scampato per un pelo a una raffica di pallettoni sparati da un cacciatore cambia vero in "pio faus"; sempre roba da undicenni, ma con una sua coerenza linguistica che manca nel "pronunciare il maschile dei nomi dei fiori".

Ora io posso concepire di essere governato da un puttaniere, o persino anche da un delinquente; ma l'idea che a capo dell'Italia ci sia uno che si diverta con le battute degli undicenni (ma anche che pensi che i suoi interlocutori si divertano con battute simili) mi fa venire la pelle d'oca.

[giochi]     giochi della domenica: Fill Zone, Liquid Measure

Questo Fill Zone sembra banale, ma vi assicuro che non lo è affatto. Occorre far diventare tutto il quadrato dello stesso colore: l'unica mossa che avete a disposizione (a parte due "mischia tutto" all'inizio, se proprio volete) è scegliere un colore da versare su quel quadretto, e che ricoprirà tutta la fascia contigua di quel colore. Dovete cercare di risparmiare mosse per quanto possibile, perché a ogni schema ne avrete di meno ma potete sfruttare quelle che avete risparmiato :-)

Per i più piccoli lascio invece Liquid Measure, giochino ungherese che richiede di mettere tubi e contenitori in maniera tale da recuperare tutta l'acqua. Sarebbe stato utile un paio di settimane fa a Milano durante l'esondazione del Seveso

(da Passion for Puzzles anche stavolta, anche se il link a Fill Zone era sbagliato)

02.10.10

[recensioni]     Mathematics - The Loss of Certainty (libro)

[copertina] La matematica è la quintessenza del ragionamento deduttivo, ed è l'unica scienza che ci dia delle certezze, no? Falso. In questo saggio di filosofia della matematica (Morris Kline, Mathematics - The Loss of Certainty, Oxford University Press 1980, pag. 366, $19.95, ISBN 978-0-19-50385-3) Morris Kline mostra non solo che la matematica non ha certezze, come forse molti hanno intuito cercando di capire il significato del teorema di incompletezza di Gödel, ma che il suo sviluppo è stato molto meno "matematico" di quello che ci vogliono far credere, che Euclide si è dimenticato una mezza dozzina di postulati, che le stagioni del rigore sono state brevi e che il rigore di ieri non è quello di oggi e quello di oggi non sarà quello di domani, che non è vero che la matematica modelli il mondo reale e che curiosamente la perdita della fede in Dio si sia riflessa sulla perdita della fede nella matematica stessa. Kline ritiene inoltre un fallimento lo sviluppo della matematica dell'ultimo secolo, avvitata in sé stessa; secondo lui la fecondità della matematica sta nel modellare, ancorché imperfettamente, il mondo reale. In definitiva, un libro piuttosto pessimista, anche se c'è una nota positiva sul fatto che si può fare matematica (e la si fa) anche in maniera più intuitiva.

01.10.10

[curiosita']     Anche quest'anno un Ig Nobel agli italiani!

Anche quest'anno i burloni degli Annals of Improbable Research hanno consegnato i premi Ig® Nobel (sottotitolo: "ricerche che prima fanno RIDERE e poi PENSARE"). Sono lieto di annunciare che anche quest'anno l'Italia si è ben comportata: il premio per il management è stato infatti assegnato ad Alessandro Pluchino, Andrea Rapisarda e Cesare Garofalo dell'università di Catania «per avere dimostrato matematicamente che le organizzazioni diventerebbero più efficienti se promuovessero persone a caso». Per chi rimanesse perplesso, ricordo che il Principio di Peter (stranamente non c'è ancora una voce sulla Wikipedia in italiano) afferma che "in qualunque gerarchia un dipendente tende ad essere promosso fino a raggiungere il massimo proprio livello di incompetenza".

Per dare l'idea degli altri premi, quello per la medicina è stato assegnato a un articolo che mostra come andare sulle montagne russe può servire contro l'asma; quello per la fisica a ricercatori neozelandesi che hanno dimostrato come sul terreno ghiacciato è meglio mettere le calze all'esterno delle scarpe; quello per la pace a una ricerca che ha confermato come bestemmiare serve a ridurre il dolore percepito; quello per la biologia a chi ha studiato i pompini fatti dai moscerini della frutta pipistrelli (i miei amici del Post potrebbero aggiornare il loro articolo...)

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati

Ultime aggiunte su xmau.com

[NEW!] 29 aprile 2010
Sono presente su Il Post.

[new] 4 marzo 2010
Aggiornate le sezioni Matematica light, testi e articoli.

20 agosto 2009
Sono nati Jacopo e Cecilia!

Ultimi commenti conosciuti

un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 22 Feb alle 15:26
Marco B. Rossi, su _Mathematical Omnibus_ (libro) , il 22 Feb alle 12:37
.mau., su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 16:23
Irina La Sgualdrina, su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 15:35
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:16
Sergio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:05
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:41
un cattolico, su L'algebra di Ezio Mauro , il 21 Feb alle 11:30
delio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:29
un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:05
.mau., su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 16:00
Mauro, su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 15:26
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
banasci, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:37
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:27
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:18
mestesso, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 13:16
un cattolico, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:25
nicola, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:02
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:59
garden, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:18
un cattolico, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 19:40
mestesso, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 12:17
JB, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 10:54

Puntatori vari

rss 1.0 feed     vicini di casa
rss 2.0 feed     il feed del mio Tumblr
full feed (rss 1.0)     scriptygoddess.com
commenti (rss 0.91)     klipfolio
hacker    

Sign In

Recent Comments

un cattolico su ai limiti della truffa?: @.mau.: scusa colpa mia. Quanto a Magister, chissà che Scola da capo rito non lo ascolti...
Marco B. Rossi su _Mathematical Omnibus_ (libro): Urca lo scarico subito, grazie! P.S. Ussignur sono 465 pagine!
.mau. su "mica l'ho fatto apposta": *Io*, quando guido, sto anche a guardare le pozzanghere. Evidentemente il coglione sono io.
Irina La Sgualdrina su "mica l'ho fatto apposta": Non è che uno, mentre guida, sta a guardare le pozzanghere. Sarebbe gentile se stesse attento, ma è
.mau. su ai limiti della truffa?: @Sergio: ah. Quindi potrebbe essere un vero prodotto licenziato? (il sito mi pare francese, magari l
Sergio su ai limiti della truffa?: In Realtà Monster Academy è il titolo francese (che devono sempre fare gli originali) quindi se il p
.mau. su ai limiti della truffa?: (non capisco questa deriva carnascialesca, comunque...) La Quaresima (rito romano) prevede quaranta
un cattolico su L'algebra di Ezio Mauro: @camillo: però sicuramente più simpatici del matematico più noto in Italia oggigiorno: se togliamo l
delio su ai limiti della truffa?: ma quindi è una quaresima di durata ridotta o a milano la pasqua viene festeggiata quattro giorni do
un cattolico su ai limiti della truffa?: Da meneghino acquisito hai 4 giorni in più di "festa" a disposizione per loro due, visto che tirate

Archives