31.07.10

[recensioni]     Mathematical Recreations (libro)

[copertina] La mia generazione, e penso anche quella prima della mia, ha assorbito il concetto di "matematica ricreativa" dai libri di Martin Gardner. E prima di lui? Questo libro (Maurice Kraitchik, Mathematical Recreations (second revised edition), Dover 2006 [1953], pag. 328, € 19.95, ISBN 978-0-486-45358-3) dovrebbe essere stato uno dei più importanti e famosi: posso assicurarvi che non è esattamente un'opera che induca il lettore ad apprezzare la materia. Dal mio punto di vista, l'unico capitolo di un certo interesse è stato quello sulle terne pitagoriche, con una trattazione ben più completa di quanto avessi mai visto in giro. Ma ad esempio la trattazione sui quadrati magici, con pagine e pagine di formule generatrici di alcuni tipi di quadrati ma senza alcuna - del resto inesistente - generalità, me la sono saltata a piè pari: la vita è troppo breve per fare tutto.

Il libro comunque mi ha fatto imparare qualcosa: che Martin Gardner è stato davvero un genio della comunicazione, e scusate se è poco.

30.07.10

[politica]     che farà il compagno Gianfranco?

Né la Costituzione né il regolamento della Camera parlano della sfiduciabilità del Presidente della Camera. Credo sia possibile, almeno in linea teorica, un voto di sfiducia; se la maggioranza dei deputati si dimettesse, è forse possibile che Napolitano sciolga solo quel ramo del Parlamento; ma onestamente mi sa che ci si tiene Fini fino alla fine della legislatura. Fine che non è detto sia così vicina; il compagno Gianfranco è abbastanza furbo da far dire ai suoi che continueranno ad appoggiare lealmente il governo restando nella maggioranza, e credo che lo faranno, salvo forse per qualche legge troppo ad personam.

Gli è che questa è una situazione lose-lose: se si andasse a votare adesso, il blocco PdL-Lega rischierebbe davvero di non avere la maggioranza rispetto a una Grosse Koalition PD-UDC-Fini (possiamo anche infilare Rutelli, ma non conta nulla), con il solito esplicito programma di governo "fuori dalle balle il Berlusca" che potrebbe persino attirare Tonino Di PIetro, che in fin dei conti è un uomo di destra come tutti i partiti della Grosse Koalition. È insomma una brutta scommessa per tutti, e quindi le cose non cambieranno. Il guaio è che anche lasciando tutto uguale il governo sarà completamente ingessato: avete presente il Prodi II?

Vedremo a settembre che cosa capiterà, ma non sono molto ottimista.

29.07.10

[povera_matematica]     Quanto latte! (di bufala, in effetti...)

Sara mi ha spedito stamattina questo snapshot dalla homepage del Corsera. Come potete leggere, abbiamo un traffico (legalissimo, intendiamoci...) di latte di bufala congelato che viene spedito dal Brasile alla Campania per fare le mozzarelle. Solo che 170 milioni di tonnellate al mese sono un po' troppe, se uno ci pensa su. Supponendo che da 10 litri di latte si ottenga un chilo di mozzarella, ogni italiano dovrebbe mangiarne dieci chili al giorno, tutti i giorni; e non credo vengano tutte esportate. Il testo dell'articolo, per la cronaca, parlava correttamente di 170 tonnellate al mese: è stato proprio il titolista web a esagerare un poco.

Il bello è che qualcuno se n'è accorto; peccato che abbia eliminato il "tonnellate milioni" ma non il "di", e così il risultato finale non griderà vendetta al cospetto del dio della matematica, ma si sposterà a quello della grammatica...

[curiosita']     Sanmargherita

L'Intercity che mi ha portato venerdì scorso a Chiavari era strapieno. Uno se lo poteva aspettare. Magari uno si aspettava anche che la maggior parte delle indicazioni all'altoparlante fossero pronunciate da una voce sintetizzata. Per la precisione, alcune erano semplici registrazioni, altre come i nomi delle stazioni erano generate da un sistema text-to-speech, sicuramente molto migliorato rispetto a venticinque anni fa quando io studiavo il riconoscimento della voce e i miei dirimpettai in Cselt la sintesi. Però, mentre in partenza veniva snocciolato l'elenco delle stazioni toccate dal treno, c'era qualcosa che mi disturbava, anche se non riuscivo a capire cosa.

Solo arrivando a Santa Margherita Ligure ho capito l'arcano. La stazione era pronunciata come "SAN Margherita"! Il motivo è chiaro: al sistema si dà in pasto il testo "S.Margherita", lui sa che nei nomi "S." sta per "san", al più "sant'" davanti a vocale o "santo" davanti a s impura e affini, e lui pronuncia allegramente il tutto. All'atto pratico un sistema serio inserisce delle eccezioni per questi casi: chissà chi è che se ne è dimenticato :)

28.07.10

[link]     math @ stackexchange

Ieri sera è partita la beta pubblica del sito math.stackexchange.com. Che parli di matematica penso sia chiaro dal nome; più in particolare è un sistema comunitario - detto in altro modo, un sistema per perdere tempo - di domande e risposte sulla matematica, dove gli utenti guadagnano reputazione e badge per contribuire alla creazione di una base di conoscenza. A Stackexchange non si parla solo di matematica, però! Il sito credo sia nato per gli informatici, ma poi i suoi sviluppatori hanno deciso di aprirlo anche ad altri temi, con un approccio a mio parere sensato. Si inizia con una proposta in un apposito sito, Area 51; se ci sono abbastanza persone che si impegnano a seguirlo, e si è costruita una sufficiente base di domande iniziali (comprese domande non adatte al gruppo... in questo modo la comunità può già coagularsi su un'idea) allora si inizia una fase di beta privata tra chi si è impegnato. In questo modo l'apertura pubblica avviene con un sito già pieno di roba, il che dà un ulteriore impulso al suo utilizzo.
Oltre appunto a usare i badge che sono il sistema attuale per convincere gli utenti a collaborare - avete presente Foursquare? - il sistema usa molto un approccio wiki (i testi sono scritti in wiki) e 2.0; devo dire che non è facile capire tutte le possibilità a parte la banale scrittura di domande, risposte o commenti, soprattutto perché all'aumentare della reputazione si aprono nuove possibilità. Però il sistema parrebbe funzionare, anche se non ho capito come potrei essere il "riferitore" vostro: quindi se volete iscrivetevi per conto vostro.

La piccola fregatura è che puoi sì fare domande anonimamente, ma per fare le cose per bene ci vuole un account autenticato (io uso OpenId, ma anche quello di Yahoo! o GMail vanno bene); la grande fregatura, naturalmente, è che il tutto è in inglese. Dando un'occhiata in giro, sembra che sia comunque possibile creare nuovi siti in una lingua che non sia l'inglese, ma l'interfaccia resterebbe comunque in inglese. Meglio che nulla, diciamocelo; solo che non credo si riesca comunque a raggiungere una massa critica.

Ah: il colpevole di avermelo fatto conoscere è stato Mico, che naturalmente si è ben guardato dal partecipare a sua volta.

27.07.10

[link]     mathURL e asciiTeX

Di siti che ti permettono di accorciare il nome di un'URL lunghissima ce ne sono a caterve. Lo stesso vale per i siti che ti permettono di caricare immagini da usare poi nel tuo sito: l'ultimo che sto provando è TinyPic.

Ma con mathURL arriviamo alla delizia estrema per un matematico. Hai un editor di formule in formato TeX (aiutino: le formule che vedi nelle pagine di Wikipedia sono in quel formato, quindi puoi partire da quelle lì e modificarle a tuo gradimento) che poi ti dà un'URL breve che puoi mettere come immagine esterna nel tuo sito o blog.

Se poi sei un talebano del puro testo, asciiTeX (scoperto via Wild About Math!) è ancora meglio: te lo compili, gli dai la formulaccia, e lui... te la converte in Ascii Art, in quel bello (?) stile dei preprint anni '70 e anche '80. Un bijou.

26.07.10

[io]     CUD previdenziale

Il presidente INPS Antonio Mastropasqua ama mandare circolari agli iscritti. Così giovedì sera mi sono trovato nella buca delle lettere una letterina da lui inviatami perché gli fa piacere informarMi che da "oggi" avrei potuto consultare il Mio Estratto conto contributivo e il mio rendiconto contributivo e previdenziale - ma quello solo dall'1.1.2005 al 31.12.2009.
A dire il vero l'Estratto conto contributivo lo potevo vedere da mo', però mi incurosiva l'idea del CUD previdenziale. Entro nel sito, vado alla pagina... e scopro che non sono arrivati i dati del 2009. Venerdì pomeriggio riprovo, e anche quei dati sono finalmente presenti.
Mi chiedo se l'INPS abbia confidato che le Poste ci avrebbero messo abbastanza tempo a consegnare la lettera per permettere loro di finire di aggiustare le cose... e ovviamente mi chiedo quanto tempo ci vorrà perché rispondano alle richieste più importanti.

25.07.10

[giochi]     Gioco della domenica: Sleepy Head

L'idea di questo gioco (da Smart Kit) è banale: ci sono sedici vignette di un fumetto che devono essere messe nel loro ordine corretto spostandole con il mouse (ed evitando se possibile il mal di mare a vedere tutto lo schema che si muove.
La cosa è superiore alle mie povere forze, ma sono certo che voi riuscirete a trovare l'ordine giusto!

24.07.10

[recensioni]     Il matematico curioso (libro)

[copertina] Beh, della geometria del calcio (metà del sottotitolo) non se ne parla molto, ma l'algoritmo dei tacchi a spillo in effetti c'è. Giovanni Filocamo, fisico prestato alla divulgazione matematica e impegnato nel progetto genovese MateFitness, in questa sua opera seconda (Giovanni Filocamo, Il matematico curioso, Kowalski 2010, pag. 223, € 13, ISBN 978-88-7496-777-3) ha come programma proprio quanto scritto nel titolo: come cioè un matematico curioso può trovare più o meno ovunque tracce della scienza che lui (o lei) ama. Lo stile di scrittura è molto, molto personale: per dare un'idea a chi mi conosce, io in confronto sono assolutamente asettico. I temi trattati sono più o meno noti, e risultano più o meno interessanti forse anche a seconda di quanto Filocamo li senta suoi; i primi capitoli mi sono sembrati più scoppiettanti, mentre poi è forse subentrata un po' di stanchezza. Il libro è comunque in grado di far venire (spero!) un po' di curiosità al lettore, soprattutto perché di formule non ce ne sono e quindi non c'è necessità di spaventarsi.

23.07.10

[io]     Bookdepository: qualcuno vuole uno sconto?

Book Depository è un sito che vende libri (in inglese), dove il prezzo indicato per i libri è quello realmente fatto (vale a dire non ci sono spese di spedizione aggiuntive). Il prezzo è generalmente in linea con Amazon.co.uk se non leggermente migliore, i tempi di spedizione verso l'Italia sono decenti (meno di una settimana), e mi sono sempre trovato bene.

Ora mi hanno inviato una email con la loro proposta marchettara: per festeggiare il loro sesto compleanno, danno un buono sconto del 10% alle persone di cui segnalo loro l'email e fanno un acquisto entro il 31 agosto (e poi danno lo stesso sconto a me). Non oserei mai inviare email di nessuno senza il loro consenso, ma se qualcuno è interessato alla cosa si faccia vivo :-)

22.07.10

[link]     Telecom e Facebook

L'Official Tim Page su Facebook ha 32000 fan. La pagina corrispondente di Vodafone (Italia) ne ha più di mezzo milione, giusto per dire. Nulla di strano, penseranno in molti: figuriamoci se i dinosauri in Telecom sono capaci a capire che esiste FacciaLibro.

Beh, oggi è stata presentata la pagina ufficiale di Telecom Italia. Al momento solo un raccogliotre di tutte le pagine delle varie iniziative di Telecom nel socialcoso da mezzo miliardo di utenti - nonostante tutti i tagli al personale, la mia azienda è ancora capace di avere più gruppi che fanno quasi la stessa cosa e non si conoscono - ma dopo le ferie ci dovrebbe essere anche la sezione relativa al fisso.

Non so se il tutto servirà, ma apprezzo il fatto che per una volta siamo entrati (ancorché in enorme ritardo) e l'abbiamo fatto a piccoli passi.

21.07.10

[io]     I miei ventun lettori

Chi legge il mio blog con una certa assiduità sa che io mi rivolgo spesso ai miei ventun lettori, il mio supposto folto pubblico. La scelta di ventuno come numero indicante la mia audience non è affatto casuale, e non dipende dal fatto che in questo modo ci sono 42 occhi che guardano i miei sproloqui, anche se ammetto che questa coincidenza è interessante. Ma visto che sembra che il meme "ventun lettori" stia prendendo piede, è ora che spieghi da dove deriva il tutto.

L'origine è naturalmente don Lisander, o meglio I Promessi Sposi. Tutti voi sapete dei "venticinque lettori" di manzoniana memoria: la frase effettiva, nel capitolo I del libro dopo che i bravi hanno spiegato a don Abbondio che il matrimonio tra Renzo e Lucia non s'aveva da fare, è «Pensino ora i miei venticinque lettori che impressione dovesse fare sull'animo del poveretto, quello che s'è raccontato.» Ora, è chiaro che non posso pretendere di avere più lettori del Manzoni; quindi mi sono dovuto accontentare di meno. Inizialmente parlavo dunque di ventitré lettori, che è anche più carino da vedersi con quell'accento acuto che occhieggia; ma ho poi scoperto che stavo commettendo un plagio. In effetti Giovannino Guareschi conclude le "istruzioni per l'uso" del suo Diario Clandestino con queste parole: «Comunque il libro è qui. Se la vedano i miei ventitré lettori. Se non va bene, vuol dire che la prossima prigionia farò meglio.» È ovvio che Guareschi aveva avuto il mio stesso pensiero, e si era accaparrato il bel numero di ventitré togliendomelo dalle dita. (Per la cronaca, il Club dei Ventitré prende il nome proprio da quella frase!)

A questo punto, già tre anni fa, ho ulteriormente ridotto le mie pretese di audience, e in fin dei conti anche "ventun lettori" suona molto bene e pertanto ne sono affezionato. Però a questo punto rivendico il copyright :-) (no, non chiedo royalties, non preoccupatevi)

[giochi]     Masyu

[schema di Masyu]

Secondo la voce su en.wiki, Masyu ("cattive influenze") è un nome arrivato per una cattiva lettura del kanji corrispondente al nome originale, "collana di perle". Uno schema di Masyu è una scacchiera con alcune caselle con una pedina bianca oppure nera. Come dicono le spiegazioni di Nikoli (la rivista giapponese dedicata a questi giochi), occorre creare un percorso che tocchi tutte le pedine, con le seguenti proprietà:
- il percorso è un ciclo unico e non si autointerseca
- il percorso è sempre da una casella a una adiacente (non angolare)
- il percorso deve passare dritto attraverso le pedine bianche, ma deve curvare immediatamente prima oppure immediatamente dopo (va bene anche sia prima che dopo)
- il percorso deve fare un angolo quando passa attraverso una pedina nera, ma entrambi i lati deve fare almeno due caselle in linea retta da entrambi i lati.

Se volete provare, qui ci sono vari schemi; nel caso non capiste l'Engrish delle spiegazioni, per disegnare una riga che unisca due caselle dovete cliccare sul punto centrale del loro bordo in comune - cosa che prova come il pensiero logico giapponese sia completamente diverso dal mio, tra l'altro :-)

20.07.10

[pipponi]     fedeltà trenitalia

Se tutto va bene, nel momento in cui apparirà questo messaggio io sarò sul Frecciarossa per Roma, per partecipare a una riunione. Quando venerdì ho avuto la conferma della trasferta ho compilato accuratamente il mio modulino elettronico per l'ufficio viaggi, e nel campo "osservazioni" ho scritto il numero della mia CartaFreccia (la carta fedeltà di Trenitalia). Due ore dopo mi sono arrivati i biglietti ticketless: del codice non c'era traccia alcuna. A quanto pare il campo "osservazioni" non serve a nulla, e occorre una procedura esoterica perché rimanga traccia perpetua di queste notizie.

Vabbè, mi dico abituato ai biglietti aerei: mi faccio segnare il numero in un secondo tempo. In fin dei conti il treno non l'ho ancora preso. E invece no: da regolamento, "Non sarà in ogni caso possibile recuperare i punti per i quali non è stato comunicato o compilato il codice personale al momento dell’acquisto."

Poi uno si chiede come mai sto aspettando la (ancorché mi sa finta) concorrenza sui binari italiani...

(p.s.: avete mai provato a compilare un reclamo online nel sito di Trenitalia? È una procedura possibile solo per una persona molto paziente)

19.07.10

[povera_matematica]     chilometro e mezzo quadrato

[chilometro quadrato e mezzo]

S. mi ha fatto notare due erroracci numerici in un articolo dei miei amici del Post, quello sui cinque peggiori disastri ambientali in corso. Il primo (indicare 20 tonnellate l'anno invece che venti milioni) lo faccio passare come svista, anche se non si dovrebbe; ma il secondo è molto più grave. Sì, il disastro relativo è sicuramente più grave, ma pensiamo anche ai disastri matematici.

L'isola di plastica che si è formata nell'Oceano Pacifico sarebbe infatti composta da «46 mila pezzi di plastica per chilometro e mezzo quadrato». Visto che roba? Un miglio quadrato viene fatto pari non a un quadrato di un chilometro e mezzo per lato, ma a un "chilometro e mezzo quadrato". Confondere le misure lineari con quelle di superficie è un erroraccio da matita blu.

Ciò detto, aggiungerei che non ha un gran senso parlare di "chilometro e mezzo quadrato" (o "due chilometri e mezzo quadrati" per amor di pignoleria). O si lascia l'unità di misura originale "miglio quadrato", correndo effettivamente il rischio che molti dei lettori non se ne facciano un'idea, oppure si scala all'unità di misura nostrana e si scrive "11500 18500 pezzi di plastica per chilometro quadrato". Lo so, col numero più piccolo la situazione sembra meno grave, ma non è che ci si possa fare molto :-)

[io]     freschi

Stamattina in camera mia era entrata un po' di arietta fresca (ma solo stamattina, perché il lenzuolo era zuppo di sudore)
Stamattina in ufficio ho avuto la bella sorpresa di trovare l'aria condizionata finalmente funzionante dopo un mese.
Sono piccole cose, ma alzano il morale.

[politica]     giusto e sbagliato

L'intervista che Repubblica ha fatto al governatore piemontese in bilico Roberto Cota è interessante per vedere come un politico - persino leghista - riesca a mischiare cose corrette e strafalcioni nella propria difesa.

La sua affermazione che se si rivotesse oggi il suo margine di vittoria sarebbe ben maggiore di quello dello scorso maggio è chiaramente fuori classifica; diciamo che è la classica frase a cui non si dà attenzione alcuna, perché è richiesta dalla posizione in cui ci si trova. Per il resto, Cota ha perfettamente ragione quando afferma che per quanti dubbi ci siano lui non si dimetterà per indire nuove elezioni: non lo deve fare non tanto per i venticinque milioni teorici di spesa di una nuova elezione, ma perché i dubbi sono appunto dubbi e finché non ci sono certezze in un senso o nell'altro il governatore è lui. Ha anche ragione quando dice che anche se putacaso tra i voti dati alle due liste cancellate ci fossero più dei novemila voti del suo vantaggio rispetto alla Bresso non significa che la vittoria passerebbe alla sua avversaria: nessuno può dire che avrebbero fatto gli elettori se quelle liste non ci fossero state. (Nemmeno nel caso della momentaneamente stralciata lista "Pensionati per Cota", no; è vero che nel simbolo c'era scritto "Cota", per quanto ne sappiamo potrebbero aver pensato "mi fido di una lista pensionati, non mi interessa chi appoggi")

Però Cota ha torto quando afferma che la lista di Scanderebech ha potuto evitare di presentare le firme proprio come il PD per una leggina voluta dalla Bresso. O meglio, ha ragione da un puro punto di vista formale, e non importa se presumibilmente anche l'allora opposizione avrà votato a favore di quella legge. Però si è dimenticato di aggiungere che Scanderebech non ha presentato le firme dicendo di far parte dell'UDC, che l'aveva appena espulso dal gruppo consiliare e soprattutto aveva deciso di allearsi con l'altra fazione. Piena facoltà di scegliere in che campo appartenere, ma allora ci si prenda le proprie responsabilità. E soprattutto ha torto marcio quando dice che le elezioni sono state indubbiamente valide perché il voto è stato libero. Che vuole dire "libero"? Che nessuno ha avuto una pistola puntata alla tempia nella cabina elettorale? Facciamo un esempio probabilmente più chiaro a metà della popolazione italiana. Si gioca il campionato di calcio, e vince una squadra, diciamo la Dinamochi?[1]. Durante il campionato qualcuno si accorge che la squadra ha mandato in campo calciatori che non potevano essere tesserati, e terminata la stagione il Tas afferma che in effetti è così. Direste forse che il campionato è stato libero?

Per i miei amici e conoscenti piemontesi di centro-destra: non preoccupatevi. Finirà come nel campionato di calcio, a tarallucci e vino; qualche sentenza che sanerà il tutto la si troverà, ci potrei scommettere. E sennò il PD perseverà nell'errore e ripresenterà la Bresso, che perderà di nuovo :)

[1] "Dinamochi?" col punto interrogativo finale, sì. È un insider joke che non credo sarà riconosciuto da nessuno dei miei ventun lettori :)

18.07.10

[giochi]     gioco della domenica: Fragger

Il gioco di oggi in realtà sono due, perché a Fragger si aggiunge il nuovo livello Fragger Bonus Blast. In entrambi i casi bisogna lanciare delle granate per ammazzare i soldatini (che poi mi sembrano più che altro delle sagome, sicuramente sono poco mobili :-) ) La cosa può essere utile in questi giorni, soprattutto se non si può ammazzare fisicamente qualcuno vicino a noi...

(via Passion for Puzzles)

17.07.10

[link]     Offerta speciale

Nel caso non lo sapeste, fino al 15 settembre la MAA vende a prezzo scontato (39,95$ invece che 69,95$) il CD che contiene tutta la raccolta della rubrica Mathematical Games di Martin Gardner, o meglio la collezione dei quindici libri tratti dalla rubrica. I PDF sono tutti indicizzati, il tutto è insomma molto comodo (io comprai il CD appena uscito...)

Sì, è vero che cercando bene nei bassifondi della rete si trova una versione non esattamente ufficiale, però a volte è anche bello avere The Real Version!

16.07.10

[politica]     andiam, andiam, andiamo a ricontar!

Ma Cota trema davvero, ora che il Tar ha approvato un riconteggio parziale? Mah, ho dei dubbi.
Tralasciando che il Consiglio di Stato potrebbe annullare la sentenza del Tar - si sa che noi italiani, proprio come cerchiamo sempre più pareri medici, vogliamo anche più sentenze contraddittorie - resta un punto fondamentale. È indubbiamente vero che il trucchetto di presentare una lista facendo finta di essere ancora associati a un partito nel consiglio regionale uscente è una bastardata da sanzionare (e soprattutto se non ci fossero queste leggine probabilmente si risparmierebbe molta carta e non si avrebbero decine e decine di listucce personali). È anche probabilmente vero che molti dei 15000 voti andati alle due liste di Scanderebech e di Forza Consumatori non hanno anche il voto esplicito a Cota e quindi potrebbero essere annullati; ma non ci vuole molto a tirare fuori le controdeduzioni e dire che per quanto ne sappiamo noi gli elettori non hanno messo la doppia croce perché tanto sapevano di votare per Cota con il voto alla lista, e quindi siamo pari e patta.
Resta fuori il vero ricorso, quello sulla lista faidatè (nel senso che tutte le firme degli ignari candidati sono taroccate dall'ossimoroso capolista Giovine) della lista Pensionati; ma lì c'è una denuncia alla magistratura, e i tempi si allungheranno ancora di più. Insomma, cari ex-corregionali, Cota ve lo terrete per tutti e cinque gli anni, mi sa.

[pipponi]     allora, 'sta gravità?

Ieri Federico Rampini ha pubblicato un articolo su Repubblica dall'eloquente titolo: "Newton si è sbagliato - la gravità non esiste". Ci avevo anche fatto una vignetta su, ma magari due parole in più non guastano.

Innanzitutto possiamo sapere che Rampini legge il New York Times, ma a differenza di altri giornalisti delle redazioni online dei quotidiani sa tradurre. Non credo abbia anche letto l'articolo di Verlinde su arXiv, ma non l'ho letto nemmeno io quindi siamo pari. Quello che posso dire io, che fisico non sono, è che frasi come «Newton's law of gravitation is shown to arise naturally and unavoidably in a theory in which space is emergent through a holographic scenario.» e «Gravity is explained as an entropic force caused by changes in the information associated with the positions of material bodies.» non spiegano assolutamente nulla, e fanno tanto hard SF.

Sì, possiamo dire che la gravità è una forza anentropica; per come la vedo io, almeno, il fatto che due corpi si attraggono fa diminuire l'entropia totale, visto che il numero di configurazioni in cui i due corpi sono uniti è minore di quello in cui possono essere ovunque. Ma a questo punto abbiamo solo una descrizione diversa dela forza di gravità, e non sono mica riuscito a capire la differenza tra una descrizione e l'altra. Però sono certo di due cose: la prima è che qualcuno che di queste cose ci capisce davvero spiegherà il tutto, e la seconda è che articoli come questo possono apparire solo in estate.

[recensioni]     Il grande elenco telefonico della terra e pianeti limitrofi (Giove escluso) (libro)

[copertina] Che dire di quest'opera prima (almeno come romanzo) di Gianluca Neri, che generalmente bazzica più su Internet, dai tempi di Cuore prima, del portale Clarence poi e oggi di Macchianera? Opera prima nata a sua detta una notte in cui non riusciva a dormire (come se dormisse di notte, lui che ha il fuso orario settato sulla West Coast)? Beh, nel bene e nel male il libro (Gianluca Neri, Il grande elenco telefonico della terra e pianeti limitrofi (Giove escluso), Bur 24/7 2010, pag. 290, € 9.50, ISBN 9788817037266) è un omaggio / plagio / riscrittura (cancellate le voci che non interessano) di Douglas Adams, e questo penso sia chiaro a tutti. Ma la telefonata lunga 42 capitoli che costituisce il libro, più che per gli spunti umoristici che pure non mancano - il modo con cui il protagonista si salva tra i capitoli 31 e 32 è il mio preferito - è più interessante per le cose serie che vengono esposte sotto la patina umoristica. D'altra parte, se non ricordo male il tutto iniziò ai tempi del caso Englaro... La parte più debole del libro? Come prevedibile, il finale. Non è nemmeno un anticlimax, purtroppo; come tanti nomi anche piu blasonati, si pensi a Stefano Benni, iniziare è facile, continuare abbastanza, terminare no. Io non ci provo nemmeno, a scrivere un libro!

15.07.10

[povera_matematica]     fanno sbagliare i conti già ai piccoli

[ore accorciate] S. mi segnala un articolo a pagina 2 del numero odierno di Popotus (la parte di Avevnire dedicata ai ragazzi).

Come vedete, tra le 14 e le 24 ci sono ben dodici ore. Come, voi direte, ma 24-14 non fa 10? Beh, sì: ma forse, essendo appunto Popotus dedicato agli studenti, si considera l'ora di cinquanta minuti...

[milano]     un ciclista in meno

Giusto un trafiletto sulla sezione milanese del Corsera per il ciclista tirato sotto da un fuoristrada (Repubblica preferisce farci sapere che Balotelli vuole iscriversi all'università, d'altra parte il posto di lavoro in regione se l'è già preso il Trota)

Ora, posso scommettere che il ciclista in questione girava alle 2:35 di notte senza nessuna luce e senza il giubbotto ad alta visibilità (sull'avere o no gli auricolari sospendo il giudizio), il che non è esattamente il massimo se uno vuole salvarsi la pelle ma non è certo una ragione sufficiente per essere ammazzato per davvero; ma c'è un'altra cosa che non mi torna. Quell'incrocio lo conosco fin troppo bene. Via Sassetti è stretta, e via Confalonieri pure. Mi piacerebbe sapere a che velocità andava il guidatore della Land Rover, perché anch'io ho spesso smadonnato contro i ciclisti invisibili (pur avendo un occhio allenato in quanto le strade cittadine in bicicletta le faccio) ma non sono mai andato a una velocità tale da ammazzarne nessuno...

[pipponi]     offese?

Repubblica, probabilmente in combutta con la mia azienda - non si capisce cosa sia una "galleria fotografica" con le foto di un cartellone pubblicitario - ci fa sapere che «La pubblicità con Belen offende le donne», almeno secondo le femministe milanesi che «chiedono al Comune una moratoria cittadina sui cartelloni pubblicitari ritenuti osé». (nella didascalia si parla anche delle «rotondità provocanti delle testimonial della Tre», che però nella galleria non appaiono, si vede che i cinesi non hanno pagato abbastanza)

Sarà che il caldo e l'afa hanno azzerato del tutto la mia libido, ma quella foto del cartellone a me faceva semplicemente tornare in mente i cartelloni anni '50: è vero che allora i costumi da bagno usavano parecchia stoffa in più e le signorine raffigurate erano indubbiamente più procaci, ma non mi è mai venuto in mente di riguardare il cartellone (né avevo riconosciuto Belen, ma questo probabilmente è un mio problema). Voi che ne pensate?

[link]     carnevali come se piovesse!

Occhei, probabilmente se siete tra i miei ventun lettori il Carnevale della Matematica sapete cos'è, e magari sapete anche che c'è il Carnevale della Fisica (il 30 del mese, tranne immagino a febbraio :-) )

Ma nel mondo anglosassone ci sono decinaia e decinaia di carnevali diversi, e c'è persino un sito (BlogCarnival, e che altro?) che li raccoglie tutti. Limitandoci alla matematica, oltre al Carnival of Mathematics originale abbiamo almeno Math Teachers at Play, che come dice il nome è più didattico, e il nuovissimo Mathematics and Multimedia. Ce n'è insomma per tutti i gusti!

14.07.10

[italica_stampa]     Geografia politica

[che c'entra la Serbia?] Ieri a Trieste c'è stato un vertice a tre tra i presidenti di Italia, Slovenia e Croazia. Naturalmente il Corriere della Sera, come immagino tutti i quotidiani italiani, ha un articolo al riguardo (pagina 19), e anzi ha mandato un inviato, tal Marzio Breda, che ha scritto il suo articolo (almeno per oggi lo trovate qui) e l'ha consegnato alla redazione.

La redazione, appunto. Redazione che prende l'articolo, lo controlla, immagina che il lettore medio non riesca a capire a quale nazione si riferisca il presidente Napolitano, e quindi chiosa inserendo una n.d.r.: il paese che il nostro presidente si augura possa entrare presto a far parte dell'Unione Europea è "ovviamente" la Serbia.

Caro ignoto redattore della versione cartacea del principale quotidiano italiano: c'è un vertice fra tre nazioni, che stanno sulle due sponde dell'Adriatico. Due di esse (Italia e Slovenia) fanno parte dell'Unione Europea, la terza (Croazia) no. Secondo te, a quale nazione si stava effettivamente riferendo Napolitano? E cosa mai ti ha fatto decidere di aggiungere una nota insensata per spiegare una cosa già implicitamente scritta nel testo?

[link]     Carnevale della Matematica #27 - GOTO Il Post

Vabbè, gioco in casa, nel senso che l'edizione "Bastiglia 2010" del Carnevale l'ho ospitata io: ma non qua, bensì sul blog di matematica che ho sul Post. Ciò detto, stavolta ci sono solo gli habitué, probabilmente a causa di vacanze e caldo. Ciò non toglie che ci siano ottimi contributi, come al solito!

13.07.10

[politica]     Tremonti e le pensioni

Il nostro ministvo dell'Economia Giulio Tremonti è tutto felice, tanto che racconta a destra e manca che non era affatto un refuso la norma inserita nella manovra finanziaria che fa saltare il tetto dei quarant'anni di contributi per avere il diritto di andare in pensione, e anzi che «la riforma è stata fatta passare in Italia con un emendamento senza alcuna protesta, nella pace sociale, senza un solo giorno di sciopero».

Lasciamo perdere che a me sta estremamente sulle palle uno che si vanta di avere fatto le cose di nascosto, come se fosse un merito; c'è un'altra cosa che non mi torna per nulla. Ormai la parte di lavoratori che va in pensione con il sistema retributivo (tot % della media degli ultimi stipendi per ogni anno di lavoro) si sta riducendo, e tra qualche anno arriveranno quelli col metodo misto come me. Per noi la fregatura era già insita nella riforma Dini, che dice a grandi linee "più giovane tu vai in pensione, meno soldi ti do ogni anno, perché il sistema deve funzionare con la tua speranza di vita". Niente da eccepire, la cosa di per sé è giusta. Questo però significa che allo Stato - se le cose sono state fatte bene - non cambia nulla se io voglio andare in pensione prima o dopo, visto che i soldi che tirerà fuori saranno sempre gli stessi. E allora perché bisogna togliere obbligatoriamente il tetto dei quarant'anni di contributi?

[io]     tutta colpa di Wikipedia

L'altro giorno, nel quadro della mia vita-da-single, ho fatto una lavatrice di roba colorata. In mezzo c'era anche una polo a righe bianche e blu (con una righina lilla in mezzo) che adesso è rosina e blu (sempre con la righina lilla in mezzo).

Il capo di vestiario colpevole? Beh, c'erano solo due cose rosse. Tendo a escludere i bermuda, visto che le tinture dei pantaloni sono in genere più stabili e soprattutto sono piuttosto vecchi. Resta solo la maglietta rossa "Be Bold" di Wikipedia, che è stata abbastanza grassetta da buttare fuori colore anche con un lavaggio a 40 gradi. È proprio vero che Wikipedia è il Male.

(tralasciamo comunque che ho messo il Perlana al posto dell'ammorbidente...)

12.07.10

[politica]     parliamo un po' con i testi davanti

Sono andato a cercare sul sito della Camera informazioni su cosa succede con questo disegno di legge sulle intercettazioni: ecco qua il risultato.


Art. XXX:

[omissis]

2. E' vietata la pubblicazione, anche parziale, degli atti non più coperti dal segreto fino a che non siano concluse le indagini preliminari ovvero fino al termine dell'udienza preliminare.

3. Se si procede al dibattimento, non è consentita la pubblicazione, anche parziale, degli atti del fascicolo per il dibattimento, se non dopo la pronuncia della sentenza di primo grado, e di quelli del fascicolo del pubblico ministero , se non dopo la pronuncia della sentenza in grado di appello. E' sempre consentita la pubblicazione degli atti utilizzati per le contestazioni.

[omissis]

5. Se non si procede al dibattimento, il giudice, sentite le parti, può disporre il divieto di pubblicazione di atti o di parte di atti quando la pubblicazione di essi può offendere il buon costume o comportare la diffusione di notizie sulle quali la legge prescrive di mantenere il segreto nell'interesse dello Stato ovvero causare pregiudizio alla riservatezza dei testimoni o delle parti private. Si applica la disposizione dell'ultimo periodo del comma 4.

[omissis]

Art. YYY

1. Salve le sanzioni previste dalla legge penale, la violazione del divieto di pubblicazione previsto dagli articoli 114 e 329 comma 3 lettera b) costituisce illecito disciplinare quando il fatto è commesso da impiegati dello Stato o di altri enti pubblici ovvero da persone esercenti una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dello Stato.

2. Di ogni violazione del divieto di pubblicazione commessa dalle persone indicate nel comma 1 il pubblico ministero informa l'organo titolare del potere disciplinare.

Art. ZZZ

1. L'intercettazione di conversazioni o comunicazioni telefoniche e di altre forme di telecomunicazione è consentita nei procedimenti relativi ai seguenti reati:

a) delitti non colposi per i quali è prevista la pena dell'ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a cinque anni determinata a norma dell'articolo 4;

b) delitti contro la pubblica amministrazione per i quali è prevista la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni determinata a norma dell'articolo 4;

c) delitti concernenti sostanze stupefacenti o psicotrope;

d) delitti concernenti le armi e le sostanze esplosive;

e) delitti di contrabbando;

f) reati di ingiuria, minaccia, usura, abusiva attività finanziaria, abuso di informazioni privilegiate, manipolazione del mercato, molestia o disturbo alle persone col mezzo del telefono;

f-bis) delitti previsti dall'articolo 600-ter, terzo comma, del codice penale, anche se relativi al materiale pornografico di cui all'articolo 600-quater.1 del medesimo codice.

[omissis]

Vi pare che sia un testo così liberticida? Parliamone.

Aggiornamento: (13 luglio) Contrordine, compagni e amici! a causa di una deprecabile serie di refusi non ho postato il testo del ddl intercettazione, ma gli attuali articoli 114, 115 e 266 del Codice di procedura penale, come del resto correttamente citato nei link qui sopra. Mi scuso per il deplorevole errore.

[io]     Sono famoso

Ieri mattina dopo colazione Anna e io eravamo a letto a leggere. A un certo punto lei mi fa "ehm... qui sei citato". Guardo, do un'occhiata al testo, e dico "in effetti questo l'ho scritto io".

Il libro, per la cronaca, è La trama lucente di Annamaria Testa, che parla di creatività: non so perché, ma c'è un capitolo sulla creatività in matematica e a pagina 101 viene riportata (definendomi come "il matematico Maurizio Codogno", e so già che qualcuna mugugnerà) la mia descrizione dell'aneddoto probabilmente apocrifo di Gauss che aveva sommato al volo i numeri da 1 a 100; il tutto preso da una delle pagine matematiche del mio sito.

La mia scalata alla notorietà è però tarpata, perché non sono citato nella bibliografia, ma solo nell'indice dei nomi :-( (sì, in bibliografia ci sono anche URL e non solo libri)

11.07.10

[giochi]     gioco della domenica: Icosien

Nonostante quello che dica Passion for puzzles, in Icosien - per una volta un gioco francese - si richiede di costruire un percorso euleriano, non hamiltoniano su certe figure. Nel caso non sappiaste cosa voglia dire "percorso hamiltoniano", è un percorso che tocca tutti i vertici di un grafo, saltando eventualmente alcuni lati; qui dobbiamo invece passare per tutti i lati, toccando eventualmente più volte per uno o più vertici. Il percorso lo si disegna con un pezzo di spago, passando intorno ai chiodi che lo tengono fermo (io ci ho perso un po' di tempo per capirlo, ma non faccio testo). Venti figure: provatele!

10.07.10

[curiosita']     E i cestini?

Stamattina Anna e io abbiamo preso la metro, e per una serie di ragioni l'abbiamo presa a Zara M3. Abbiamo anche preso Stampa e Repubblica, e Anna voleva buttare via il cellophane del supplemento di quest'ultima. Peccato che giù ai binari non ci fosse nemmeno un cestino: ci sembrava quasi di essere a Parigi dopo l'allarme bombe di una decina d'anni fa, con tutti i cestini sigillati.

Posso immaginare la ragione: stanno cambiando tutti i cestini delle stazioni (da Sondrio in su erano belli nuovi) e si sono momentaneamente fermati. Però non sarebbe stato più logico togliere i vecchi e mettere quelli nuovi contemporaneamente?

[recensioni]     Proofs from THE BOOK (libro)

[copertina] Che cos'è Il Libro? Forse la Bibbia? In un certo senso sì. Secondo Paul Erdös, Dio (o The Great Fascist, come lo chiamava lui) aveva un libro con tutte le dimostrazioni matematiche più belle ed eleganti, e ogni tanto qualche mortale riusciva a dargli un'occhiata e trovarne una... che suscitava ammirazione e invidia negli altri matematici. Occhei, il 99,9% degli esseri umani non capisce la differenza, ma da quando in qua questo è motivo per lasciare perdere?
Questo libro (Martin Aigner e Günter M. Ziegler, Proofs from THE BOOK, Springer 20094, pag. 274, $49.95, ISBN 978-3-642-0855-9) raccoglie alcune dimostrazioni che a detta degli autori possono stare nel Libro. Attenzione! Non è affatto detto che queste dimostrazioni siano "facili", diciamo alla portata di uno studente delle superiori; spesso gli autori hanno preferito lavorare sull'inaspettatezza, e sull'usare tecniche che a prima vista non abbiano nulla a che fare con i problemi di partenza. Però ci sono delle chicche davvero belle, che meritano davvero la lettura e l'ammirazione almeno di chi apprezza la matematica come un'arte (quale in effetti è...) e non come una scienza.

09.07.10

[pipponi]     silenzio? bah.

L'idea dei giornali e dei giornalisti di scioperare per far vedere ai lettori cosa succederebbe se passasse la legge sulle intercettazioni continua a sembrarmi una tavanata galattica. Avrei trovato molto più logico, anche se non so quanto fattibile praticamente, uscire gratis per oggi, in modo che il lettore abbia un'idea di cosa potrebbe perdere in futuro. Oppure avrei fatto uscire un vero giornale censurato: la prima pagina bianca di Repubblica è buona per prenderci su due appunti o forse nel caso sia finita la carta igienica, ma non rende l'idea di cosa succederebbe. Molto meglio lasciare nelle pagine interne alcune righe in bianco, corrispondenti alle singole frasi che non esisterebbero più con la nuova legge. Ecco, avrei invece evitato di fare tutta un'edizione contenente unicamente notizie che non apparirebbero più: non certo perché i quotidiani sembrerebbero troppo noiosi (c'è una quantità di materiale che già con la legge attuale non dovrebbe essere pubblicata e che riempirebbe tranquillamente la colonna infame delle versioni online di rep&cor) ma perché ritengo che ci voglia comunque un equilibrio.

Come nota correlata, ho sentito uno stralcio di un'intervista in cui Berlusconi ha detto che nel 2007 era stata già votata "con una maggioranza bulgara" una legge che regolava le intercettazioni tal quale questa legge. Non ho nessun problema a credere alla cosa (d'altra parte chi era l'estensore della legge? Clemente Mastella!). Il disegno di legge era passato alla Camera con 447 voti favorevoli, sette astenuti e nessun contrario ad aprile 2007. Peccato si sia misteriosamente affossato in Commissione al Senato, segno che forse non erano proprio tutti d'accordo. Ciò detto, perché non ripartire direttamente da quel testo, invece che farne uno nuovo? così almeno nessuno può dire che non fosse stato accettato al tempo... :-)

08.07.10

[informatica]     traduzione "intelligente"

Ho dato in pasto a Google Translate un brano da rendere in inglese (sono pigro, e ci metto meno tempo a correggere tutti gli errori della traduzione automatica rispetto a scrivere da zero). Nel brano c'erano dei link, che di solito elimino e ricopio a mano dall'originale, ma stavolta - sempre per pigrizia - erano rimasti nel testo. Bene, un sito "unimi.it" è diventato "unimi . com".

[obituary]     Lelio Luttazzi

Per me Luttazzi è sempre stato uno e uno solo: Lelio. Ho appena verificato: ho parlato di lui su queste notiziole nell'ottobre 2001, quando non avevo ancora ben chiaro a che diavolo servisse un blog (non che ce l'abbia troppo chiaro adesso, ma almeno il mio stile si è un po' affinato)

Sapevo che stava male da anni, ma leggere della sua morte è sempre triste. Lasciando perdere i quotidiani che hanno semplicemente riciclato il coccodrillo Ansa, vi linko la voce su Wikipedia e il ricordo di Sofri (quello giovane) che mi ha fatto ricordare di quando anch'io registravo le canzoni della Hiiiiit Pareeeeid con gli applausi in mezzo :-); e vi lascio il link a El can de Trieste, divertissement inizio anni '7o inopinatamente salita in cima... alla Hit Parade :-)

[informatica]     addavenì l'e-book!

Sto cercando di scrivere un ebook. Ci sarà dentro roba già postata in giro, nulla di particolare insomma; però mi piaceva l'idea di capire come funziona questa bellissima rivoluzione digitale. Però mi sto già arenando di brutto, e per fortuna che la data di "pubblicazione" dovrebbe essere fine anno.

Ci sono ovviamente problemi di formattazione varia: pur partendo da xhtml 1.1 (che so trattare) e da CSS (che non è che conosca così bene, soprattutto per quanto riguarda le versioni condizionali) ho scoperto che cose normali da vedere a video non funzionano affatto su un e-reader, e bisogna ripensarle da capo. Ma fin lì ci arrivo. Ma poi succede che la divisione in capitoli non funziona per nulla, perché si perdono tutti i link interni: e allora giù di modifiche. E poi succede che .epub, che sarebbe un sistema nato per la riformattazione libera, non ha un modo per inserire nel file le regole di sillabazione, il che è male (sono trent'anni che esistono file molto compatti per sillabare, come sa chiunque abbia usato TeX). Ma non è tutto: chi ha il Kindle non può leggere .epub, e deve avere il file in formato .mobi; non so nemmeno se sia possibile avere un CSS separato per epub e mobi, visto che mi sa che anche il rendering sia diverso. Sì, potrei offrire la versione PDF o anche direttamente l'xhtml; ma questo significa che se non sei uno smanettone il tutto non lo leggi bene. Non parliamo poi di chi dice "massì, CSS3 farà tutto perfettamente!". Certo, magari sarà così. Ma quanti anni ci vorranno prima di avere la specifica definita e i lettori che la implementino?

La mia sensazione è che in questo momento (momento che sta durando da qualche anno) l'unica cosa che sta interessando i produttori di hardware e software è mettere un DRM in modo che nessuno possa piratare i libri, e quindi gli unici ebook che si riescono a leggere bene sono le ultime novità librarie che si pagano quanto se non più la versione cartacea. Ma un povero untorello come me, che non ha nessun motivo di lucchettare il proprio testo e vorrebbe semplicemente che fosse facilmente fruibile, si trova immediatamente fregato. Altro che condivisione della cultura!

07.07.10

[io]     Il peso dei soldi

Ho finalmente trovato il sacchetto con un certo numero (tra 200 e 300, così ad occhio) di monete da 500 lire che avevo amorevolmente raccolto quando vivevo ancora a Torino e di cui mi ero dimenticato l'esistenza, prima di sbaraccare la vecchia casa mia.

Premesso che queste monete hanno valore numismatico nullo, avete qualche idea diversa dall'andare in piazza Cordusio alla filiale milanese della Banca d'Italia e dire "me le cambiate in euro"?

(PS: ho anche tante monetine da 5, 10 e 20 lire ma quelle me le tengo :-) )

[relax]     Altro che nucleare!

Parecchi tra i miei ventun lettori schifano a prescindere Il Giornale, e non cliccherebbero mai su un suo articolo. Fanno male (come fanno male quegli altri parecchi che schifano a prescindere L'Unità...), perché qualunque siano le proprie idee è sempre meglio vedere cosa pensano gli altri, soprattutto quando gli altri possono influenzare tanta gente. Ma in questo caso particolare il primo gruppo di lettori non sa cosa si perde.

Come in un vero romanzo d'appendice, Rino Di Stefano racconta con dovizia di particolari come Guglielmo Marconi negli ultimi anni della sua vita aveva ideato un raggio elettromagnetico in grado di bloccare qualunque motore dotato di impianto elettrico, ma che - dopo essersi consultato con il Vaticano - nascose la scoperta per paura che potesse essere usata come arma di guerra, morendo subito dopo probabilmente di crepacuore per non poter mostrare al mondo la sua nuova scoperta. Ma il progresso della scienza è inarrestabile; così alla fine degli anni '50 gli scienziati italiani (al tempo non si parlava ancora di "ricercatori") riscoprirono il procedimento, e crearono un cannone in grado di «produrre campi magnetici, gravitazionali ed elettrici interagenti, in modo da colpire qualsiasi materia, ionizzandola a distanza ed in quantità predeterminate», risolvendo nel contempo la Grande Teoria dell'Unificazione senza nemmeno bisogno di usare le stringhe (almeno non leggo di una dozzina di dimensioni spaziali ausiliarie). Il tutto fu gestito in segreto dal Vaticano, attraverso la Fondazione Internazionale Pace e Crescita con sede in Vaduz; credo sia inutile aggiungere che in mezzo al tutto finirono anche i servizi segreti, Andreotti prima e Ali Agca dopo, mentre è degno di nota che Emanuela Orlandi non viene invece citata nella storia, come dovrebbe essere doveroso. La FIPC venne poi sciolta improvvisamente, e tutte le commesse non solo di produzione di elettricità ma anche di smaltimento di rifiuti furono cancellate.

Ma non state fibrillando già? A quando una rogatoria internazionale per scoprire cosa sta nascondendo il Vaticano in Liechtenstein? E avete finalmente capito come mai tanta nostra rumenta prende le vie dell'Europa settentrionale? Quelli là si fanno pagare per fare energia elettrica alle nostre spalle! È ora che l'italico popolo prenda coscienza delle sue potenzialità! Finalmente potremmo ottenere il posto che ci compete nel consesso delle nazioni!

[varie]     tanti auguri, Ringo!

Oggi è il compleanno di Ringo Starr. Settant'anni, il che ci fa capire come il rock'n'roll (occhei, i Beatles sono più che altro pop, e Ringo è anzi country&western se proprio vogliamo dirla tutta) è antico: non dico "vecchio" perché è ancora bello.

Il desiderio di Ringo per il suo compleanno? Peace & Love, a mezzogiorno, fuso orario dove vi trovate (il nostro è davvero globbbbale). Chi sono io per non essere d'accordo?

06.07.10

[curiosita']     si crede a quello che si vuole

In queste ore FacciaLibro (ma penso anche altri siti) è pieno di gente che condivide questa immagine, dicendo "è il giorno in cui Marty McFly ritorna al futuro!"

Io non ho nulla contro tutte queste persone, sono il primo a festeggiare queste date. Insomma, ho partecipato al centenario del Bloomsday, e non ho commemorato l'uscita dall'orbita della Terra della Luna in Spazio 1999 per l'ottima ragione che avevo ben altro cui pensare, visto che quel giorno morì mia nonna. Però c'è un però: quell'immagine è taroccata, come spiegano al Post e come si intuiva facilmente visto che il salto al futuro è stato simmetrico rispetto al passato: 1985-1955-2015 (con poi il 1885 per fare "cifra tonda" in Back to the Future III)

E allora perché sono in tanti ad azionare il tastino "condividi" invece che il neurone? Io penso sempre al pecoronismo, che non è certo nato con Internet ma adesso è molto facilitato; non è però una bella cosa in genere, non tanto per questo caso particolare ma per le implicazioni su altre "volontà popolari" :-(

Aggiornamento: (7 luglio) vedi anche qua

[recensioni]     Design potenziale (libro)

[copertina] Partendo dal principio che voi sappiate cosa sia l'OuLiPo (con la versione italiana Oplepo e la costola scissionaria Opelpo), immagino non vi sarà difficile capire che di Opifici di X Potenziale ce ne possono essere molti, o meglio ci sono molte X che possono potenzialmente fare parte di un Opificio. In questo caso (Marco Maiocchi, Design potenziale, Luca Sossella 2006, pag. 119, ISBN 9788889829097) si parla di OpDIPo: Opificio di Design Industriale potenziale. Maiocchi insegna appunto design industriale al Politecnico di Milano, e ha raccolto in questo libretto alcuni esempi di vari designer, presentati a Milano al FuoriSalone 2005 e 2006. Come richiesto dalle rigide regole oulipane, la creatività deve nascere dai vincoli, e i vincoli devono essere più scollegati possibile dall'opera (che vuol dire, "fare un divano che ricordi uno dei quadri «Le tre età» di famosi pittori?) Il risultato verrà probabilmente apprezzato solo da puri intenditori del genere, ma il procedimento è comunque interessante.

[politica]     Il Legno Storto

Non sono praticamente d'accordo con nulla di quanto scritto qua, e generalmente non sono d'accordo nemmeno sul resto (vedo ad esempio un bannerino in altro a sinistra, "Comitato Il Ponte subito"; e non riesco proprio a vedere l'utilità del ponte sullo Stretto di Messina).

Ma ci sono questioni di principio, e mi sembra molto più preoccupante che quelli del Legno Storto siano stati citati a giudizio, naturalmente solo civile, per diffamazione a mezzo stampa. Ho letto quelli che sono indicati come articoli incriminati, e per quanto mi riguarda non vedo nulla di diffamatorio; però è chiaro che io non sono un magistrato e quindi la mia parola conta poco. Ma detto questo continuo a ritenere che la risposta è una causa penale e non civile, cosa che non mi pare sia capitata nemmeno in questo caso.

(Sulla rapidità della causa essendo coinvolto un magistrato penso solo che se un anno per arrivare alla causa è poco siamo davvero messi male)

(via Fabio Forno, per la cronaca)

05.07.10

[curiosita']     enigmistica onomastica

Ieri sera, guardando per caso il TG3, ho sentito un servizio sul parroco di Scampia che dovrebbe essere spostato dalla Curia contro la volontà dei suoi parrocchiani. Non entro nel merito del trasferimento, perché non ne so abbastanza; mi limito a una futile considerazione enigmistica. Il nome del parroco è don Aniello Manganiello. Visto? aniello-MANGaniello. Proprio come COGnome finisce con "nome", il cognome del parroco finisce come il proprio nome di battesimo. Probabilmente i suoi genitori l'hanno chiamato così apposta, però la cosa è ugualmente simpatica per gli amanti dell'enigmistica!

[recensioni]     Manuale a uso dei genitori dei gemelli (libro)

[copertina] Il problema di questo libro (Audrey Sandback, Manuale a uso dei genitori dei gemelli [Twins and the Family], Raffaello Cortina 1994 [1988], pag. 260, € 16, ISBN 978-88-7078-618-7, trad. Studio Norma) non è tanto la sua vetusta - l'edizione originale è del 1988 - e nemmeno il suo contenuto: i consigli che dà sono sicuramente utili, almeno per l'ancora minima esperienza gemellare che io ho. Il guaio è che il testo è tropo prolisso e ripetitivo: a rileggere sempre le stesse cose a distanza di una pagina mi sembrava di ritrovarmi in una highway americana, costellata di cartelli stradali che continuano a ricordarti che non puoi superare le 55 miglia l'ora, di fare attenzione, e così via.

Aggiungiamo poi che la traduzione - ma da quando in qua è uno studio che la fa, e non una o più persone? - spesso dà l'aria di non essere perfetta, ed è sicuramente meno che scorrevole. Insomma, non certo un'idea meravigliosa, anche se come dicevo qualcosa di utile c'è sempre.

04.07.10

[giochi]     gioco della domenica: This Is the Only Level TOO

Vi ricordate di This Is the Only Level, il simpatico gioco che mostrava come non è vero che gli elefanti non dimenticano mai? Bene, abbiamo una nuova versione del gioco! In This Is the Only Level TOO, come nel precedente, il livello di gioco è uno solo, ma il modo di risolverlo è ogni volta diverso. Buon divertimento, e non preoccupatevi della sensazione di déjà vu!
(v ia Passion for Puzzles)

03.07.10

[matematica_light]     Il paradosso della Bella Addormentata

Tutti voi conoscete la favola della Bella Addormentata, immagino. Quello che forse non sapete è che ultimamente, a causa della crisi che colpisce anche i Principi Azzurri, la fanciulla è stata costretta a cercare un lavoro; date le sue indubbie qualità è finita a fare la cavia in un esperimento scientifico.

Una domenica sera viene somministrato a Bella (non sapevate che era il suo vero nome?) una droga che la fa dormire profondamente. A questo punto i ricercatori lanciano in aria una moneta (equa). Se il risultato è testa, viene svegliata dopo ventiquattr'ore (quindi lunedì sera), intervistata e mandata a casa. Se invece il risultato è croce, viene ugualmente svegliata dopo ventiquattr'ore e le viene fatta una domanda; ma poi le viene nuovamente somministrata la droga. Il martedì sera viene nuovamente svegliata, le si fa una domanda, e la si manda a casa. Nessun paradosso con l'infinito, insomma: o ha dormito un giorno e le è stata fatta una domanda una volta, oppure ha dormito due giorni e le hanno fatto una domanda per due volte.. Dimenticavo: un effetto collaterale della droga è una leggera amnesia, quindi Bella non sa assolutamente che giorno sia, e se è la prima o la seconda volta che è stata svegliata. La domanda è la seguente: «Qual è secondo te la probabilità che il lancio della moneta abbia dato come risultato croce?»

È chiaro che dal punto di vista della Bella Addormentata la risposta non può che essere 1/2: non ha certo nessuna informazione in più rispetto a prima. Ma è anche chiaro che se l'esperimento fosse ripetuto mille volte, in media avremo cinquecento sveglie singole e cinquecento doppie, quindi le vengono fatte 1500 domande, e in mille di questi casi è uscita croce. Quindi la risposta non può che essere 1/3. Ma ancora, se prendiamo il punto di vista dei ricercatori, la risposta non può che essere 1/2: la moneta è sicuramente equa, no? (Notate che se la domanda fosse stata «Qual è secondo te la probabilità che oggi sia lunedì?» la risposta sarebbe stata indubbiamente 2/3, ma quella è una domanda diversa.)

Questo è noto come paradosso della Bella Addormentata: è stato ideato nel 1994 da Arnold Zuboff e Adam Elga, e trovate una rapida trattazione su Wikipedia in inglese. Qual è la vostra soluzione?

02.07.10

[politica]     Vogliono proprio farsi imbavagliare?

Repubblica, ma anche La Stampa e il Corsera, danno ampio spazio alla festicciola / festino / spettacolo folcloristico a cui avrebbe partecipato il nostro PresConsMin mentre era in visita ufficiale in Brasile.

So what? Se io sono interessato a questo tipo di notizie vado a comprarmi Novella 2000, che me lo tratta anche meglio. Capisco che l'italico maschio - e fors'anche l'italica femmina, visto che la cosa continua imperterrita - sbavi per la colonna morbosa dei nostri quotidiani; ma se a Berlusconi queste cose piacciono e non salta nessun meeting ufficiale per sollazzarsi la scelta è solo e unicamente sua.

Il peggio è che poi "notizie" come queste sono perfette come testa d'ariete per convincere l'opinione pubblica che è giusto imbavagliare la stampa; e questo sì che mi dà fastidio.

[italica_stampa]     o punto o virgola

[o punto o virgola] Rectoscopy mi segnala un articolo del Corsera, linkato a partire dal ritaglio quassù. Come vedete, la prima cifra indicata (13,8 milioni di euro) usa la virgola come separatore decimale, mentre la seconda (5.572 milioni di euro) usa il punto, a meno che il tutto non fosse davvero costato cinque miliardi e mezzo. Intendiamoci: anch'io a volte uso la virgola e altre volte il punto, però sto bene attento a lasciare la stessa notazione nel singolo documento. Qua invece abbiamo una confusione a distanza di meno di una riga. Rispetto a quello che normalmente si trova scritto nei quotidiani non c'è nemmeno gusto, ma tant'è...

[recensioni]     Riddles of the Sphynx (libro)

[copertina] Terza e ultima raccolta della rubrica tenuta da Martin Gardner sull'Isaac Asimov Science Fiction Magazine, il risultato finale di questo libro (Martin Gardner, Riddles of the Sphynx, MAA 1987, pag. 164, $15, ISBN 978-0-88385-632-1) è però a mio parere un po' inferiore rispetto alle raccolte precedenti: non tanto per i problemi basati sui giochi di parole, che sono sempre stati una caratteristica di questa serie, quanto per quelli matematici che spesso mi sono sembrati davvero troppo semplicistici.

Sono pochi i giochi per cui vale davvero la pena di mettersi su a studiarli, anche se queste eccezioni meritano comunque il lavoro. Detto questo, non dovrebbe comunque essere necessario aggiungere che la prosa gardneriana è sempre così piacevole da essere un valore aggiunto di suo. Il libro è praticamente fuori catalogo, però; solo Amazon USA sembra averne qualche copia, forse recuperata da un wormhole. L'unica speranza, oltre che andare sul mercato dei libri usati, è che la MAA decida di ripubblicarlo, probabilmente a prezzo più elevato - ma non si può pretendere tutto dalla vita, no?

01.07.10

[io]     con i libri si guadagna

Internet Bookshop mi ha avvisato che ho guadagnato ben 53 euro con gli acquisti fatti dai miei lettori sul loro sito, e che quindi posso farmi fare fattura. Il tutto in due anni, e con penso un terzo di questi soldi ottenuti da ordini fatti da me :-)

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati

Ultime aggiunte su xmau.com

[NEW!] 29 aprile 2010
Sono presente su Il Post.

[new] 4 marzo 2010
Aggiornate le sezioni Matematica light, testi e articoli.

20 agosto 2009
Sono nati Jacopo e Cecilia!

Ultimi commenti conosciuti

un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 22 Feb alle 15:26
Marco B. Rossi, su _Mathematical Omnibus_ (libro) , il 22 Feb alle 12:37
.mau., su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 16:23
Irina La Sgualdrina, su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 15:35
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:16
Sergio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:05
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:41
un cattolico, su L'algebra di Ezio Mauro , il 21 Feb alle 11:30
delio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:29
un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:05
.mau., su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 16:00
Mauro, su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 15:26
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
banasci, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:37
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:27
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:18
mestesso, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 13:16
un cattolico, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:25
nicola, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:02
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:59
garden, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:18
un cattolico, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 19:40
mestesso, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 12:17
JB, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 10:54

Puntatori vari

rss 1.0 feed     vicini di casa
rss 2.0 feed     il feed del mio Tumblr
full feed (rss 1.0)     scriptygoddess.com
commenti (rss 0.91)     klipfolio
hacker    

Sign In

Recent Comments

un cattolico su ai limiti della truffa?: @.mau.: scusa colpa mia. Quanto a Magister, chissà che Scola da capo rito non lo ascolti...
Marco B. Rossi su _Mathematical Omnibus_ (libro): Urca lo scarico subito, grazie! P.S. Ussignur sono 465 pagine!
.mau. su "mica l'ho fatto apposta": *Io*, quando guido, sto anche a guardare le pozzanghere. Evidentemente il coglione sono io.
Irina La Sgualdrina su "mica l'ho fatto apposta": Non è che uno, mentre guida, sta a guardare le pozzanghere. Sarebbe gentile se stesse attento, ma è
.mau. su ai limiti della truffa?: @Sergio: ah. Quindi potrebbe essere un vero prodotto licenziato? (il sito mi pare francese, magari l
Sergio su ai limiti della truffa?: In Realtà Monster Academy è il titolo francese (che devono sempre fare gli originali) quindi se il p
.mau. su ai limiti della truffa?: (non capisco questa deriva carnascialesca, comunque...) La Quaresima (rito romano) prevede quaranta
un cattolico su L'algebra di Ezio Mauro: @camillo: però sicuramente più simpatici del matematico più noto in Italia oggigiorno: se togliamo l
delio su ai limiti della truffa?: ma quindi è una quaresima di durata ridotta o a milano la pasqua viene festeggiata quattro giorni do
un cattolico su ai limiti della truffa?: Da meneghino acquisito hai 4 giorni in più di "festa" a disposizione per loro due, visto che tirate

Archives