La sovrana lettrice (libro)

| 6 Comments | No TrackBacks

[copertina] Uno si può lamentare per spendere 12 euro per 95 pagine (lorde, il racconto inizia a pagina 9 e l'ultima pagina ha tre righe). Ma non può certo lamentarsi per la storia... Il titolo originale del libro (Alan Bennett, La sovrana lettrice [The Uncommon Reader], Adelphi 2007 [2007], pag. 95, € 12, ISBN 978-88-459-2209-1, trad. Monica Pavani), "The Uncommon Reader", era davvero intraducibile, essendo un gioco di parole tipicamente britannico: la "lettrice non plebea" non è nient'altro che la regina Elisabetta II, che trovandosi per caso dietro le Reali Cucine il furgone della biblioteca circolante entra, prende in prestito un libro... e diventa un'accanita lettrice. Leggendo il libro, si avverte chiaramente l'origine teatrale di Bennett; sembra quasi di vedersi davanti le varie scene, soprattutto quelle comiche. Ma naturalmente, proprio come in una rappresentazione teatrale, ci sono anche considerazioni diverse; da quelle sull'utilità della letteratura forse alla fine un po' stucchevoli alla visione del governo e delle incombenze regali da parte di Sua Maestà. Ottima traduzione, che permette di mantenere il ritmo anche nel caso di lettura ad alta voce.

Nessun TrackBack

Ecco i riferimenti da altri blog: La sovrana lettrice (libro).

URL per il TrackBack di questa notiziola: http://xmau.com/mt/mt-tb.cgi/4456

6 Comments

Potresti pure citare il libro (in realtà sono due) che ha ispirato il titolo. Supponendo tu li abbia letti, del che non sono sicura.

Sapevo che esistevano, ma non li ho mai letti.

"non li ho mai letti": continuiamo così, facciamoci del male.

«Loro a scrivere sono tanti, io a leggere sono uno solo, non c'è competizione!»

Per scegliere le letture uso il metodo di Leopardi: molto vecchio e poco nuovo. Tu probabilmente non hai letto neppure le operette morali. (La citazione, in compenso, ho dovuto cercarla su gugol).

Cito anch'io: Yet who reads to bring about an end, however desirable? Are there not some pursuits that we practise because they are good in themselves, and some pleasures that are final? And is not this among them? I have sometimes dreamt, at least, that when the Day of Judgment dawns and the great conquerors and lawyers and statesmen come to receive their rewards—their crowns, their laurels, their names carved indelibly upon imperishable marble—the Almighty will turn to Peter and will say, not without a certain envy when he sees us coming with our books under our arms, “Look, these need no reward. We have nothing to give them here. They have loved reading.”

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati