Why do Buses Come in Threes? (libro)

| 4 Comments | No TrackBacks

[copertina] Primo libro di una serie piuttosto fortunata (in Italia sono stati tradotti dalle edizioni Dedalo, questo in particolare col titolo Probabilità, numeri e code) questo testo (Rob Eastaway and Jeremy Williams, Why do Buses Come in Threes?, Portico 2005, pag. 211, Lst 7.99, ISBN 978-1-86105-862-1) vuole raccontare, come dice il suo sottotitolo, la matematica nascosta nella vita di tutti i giorni. I primi capitoli del libro sono un po' deboli, ma poi gli autori ingranano e il risultato è davvero piacevole, sia per lo stile di scrittura con il famoso humour britannico che per i temi trattati. Potrete finalmente scoprire come mai capita sempre che il bus nella direzione opposta passi prima del vostro, oppure perché a volte ci sono gli ingorghi senza alcun incidente, o ancora imparerete alcuni giochi di prestigio matematici. Curiosità: il capitolo 13 non esiste, e il 14 si intitola appunto "dov'è finito il capitolo 13?" Trovo anche adatta la scelta di presentare alcune formule matematiche complesse, naturalmente senza la dimostrazione di come si ricavano; in questo modo il lettore può essere introdotto all'analisi qualitativa dei risultati, cosa generalmente utile nella vita di tutti i giorni ma che spesso non viene insegnata a scuola.

Nessun TrackBack

Ecco i riferimenti da altri blog: Why do Buses Come in Threes? (libro).

URL per il TrackBack di questa notiziola: http://xmau.com/mt/mt-tb.cgi/4271

4 Comments

aspettavo questa recensione, in quanto ti stavo stalkerando su anobii.com :)
ma perché i bus arrivano a mazzi di treeee??

Innanzitutto si comincia con la cosa più semplice: quando due bus si accoppiano (anche senza fare sesso). Questo capita perché un piccolo ritardo di quello precedente si amplifica (c'è più gente che aspetta il bus) e toglie passeggeri a quello dopo (perché hanno preso quello prima in ritardo). Più gli orari teorici sono ravvicinati, più la cosa è probabile; se gli orari sono troppo ravvicinati, allora il primo bus fa così tanto da tappo che rallenta anche il secondo e fa arrivare il terzo.

Grazie della recensione, sembra un libro interessante. Ordinato al volo dall'amazone britannico come usato a 0.01 sterline (piu' 3.94 di spedizione).
Pare che gli autori abbiano pubblicato anche altri libri sullo stesso filone.

@maxxfi: avevo già recensito How Long Is a Piece of String?, che avevo pure molto apprezzato.

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati