30.09.09

[curiosita']     mistero interno

Al TG3 delle 19, nel servizio sulle badanti (non) regolarizzate, è stata intervistata una tipa; la didascalia diceva "vicepresidente mistero interno". Nemmeno al governo sanno più che cosa capita da loro.

[pipponi]     La "tassa Santoro"

I quotidiani della destra, dopo la prima puntata di questa stagione di AnnoZero, sono partiti in quarta chiedendo a gran voce che la gggente si rifiuti di pagare il canone, visto che la Rai lo usa per proporre queste trasmissioni faziose. A sinistra - meglio, a non-destra - sono state fatte tante controproposte, più o meno scherzose e fattibili: dal privatizzare la Rai così può prendere tutta la pubblicità che vuole alla destinazione specifica delle trasmissioni per cui si vuole pagare il canone, fino a sostituirlo con un sistema pay-per-view che finalmente premierebbe i programmi davvero apprezzati dalla gggente.

Io non sono molto interessato a questo teatrino: a me Santoro non piace, ma non mi piace nemmeno Vespa, Sanremo, Miss Italia, i quiz in preserale e così via. Però mi piacerebbe sapere quanti di coloro che hanno firmato le petizioni feltriane abbiano fatto un piccolo ragionamento. Gli spot pubblicitari hanno da un bel po' di tempo un valore (e quindi un costo) diverso non solo a seconda della fascia oraria e del canale, ma anche della trasmissione in cui verranno mandati in onda. AnnoZero è una trasmissione (a) schierata (b) con un ampio pubblico (c) che è più difficile da catturare su una televisione generalista, quindi posso immaginare che sia un target appetibile: non per chi vuol venderti Hummer, ma per tante altre aziende sì. Il tutto significa che per quanto Santoro possa costare, immagino che il risultato economico netto della trasmissione - anche considerando la quota parte di costi fissi della struttura - sia di gran lunga positivo. Il che è anche doveroso, del resto, visto che il "servizio pubblico" di cui si riempiono tutti la bocca deve anche produrre e trasmettere programmi che sono sicuramente in perdita (a parte le tribune elettorali...) Insomma, non c'è una "tassa Santoro" nel senso di soldi che noi paghiamo, ma al limite nel senso che occorre che la Rai lo mandi in onda per avere i soldi e poter mostrare la consegna delle case regalate dai trentini agli abruzzesi.

Un'ultima curiosità: secondo voi la fiction su Barbarossa coprodotta da Rai Fiction e Rai Cinema per la modica cifra di 30 milioni di euro, sommando la pubblicità in TV, i passaggi ai cinema italici e stranieri, l'immancabile DVD e chissà quali altri tipi di merchandising, genererà utili, oppure abbiamo semplicemente una "tassa Pontida"?

29.09.09

[trasporti]     Parcheggi sempre più ridotti

Continua il disegno delle strisce blu in zona viale Monza. Sono arrivati in via Marco Aurelio, e anche qua le strisce sono state disegnate parallele alla strada, anche se in precedenza sul lato destro le macchine parcheggiavano a pettine usando mezzo marciapiede: in maniera assolutamente regolare, visto che c'erano le apposite strisce bianche ancorché ormai poco visibili.
A questo punto credo di dover fare delle scuse ufficiali all'assessore Croci: non è infatti vero che la sosta a pagamento in questa zona serva a fare soldi. L'assessore vuole davvero che ci sia meno gente che arrivi in macchina da queste parti; se davvero funzionerà così, occorreranno meno parcheggi, e quindi potrà migliorare la qualità di vita di chi da queste parti ci abita, con le famigliole che finalmente potranno appropriarsi dei marciapiedi per le loro salubri passeggiatine. Sono sempre malfidente, e a volte non dovrei proprio esserlo, vero?

28.09.09

[politica]     L'opposizione che piace a Silvio

Nel discorso di ieri di Berlusconi Cav. Silvio al suo "popolo della Libertà", durante la festa milanese, il PresConsMin tuona che è una vergogna «un'opposizione che brucia in piazza le sagome dei nostri soldati, che inneggia a meno sei... Non ci stiamo, è inaccettabile avere un'opposizione di questo tipo nel nostro paese».
In Parlamento, a parte i cani sciolti come Paolo Guzzanti, l'opposizione è formata dall'UDC, da IdV e dal PD, tre partiti che se non ricordo male hanno sempre votato a favore della missione in Afghanistan e che non si sono mai sognati di bruciare in piazza neppure la sagoma di Berlusconi, almeno a quanto ne so io. Del resto, Bonaiuti (non si sa a che titolo, visto che adesso il portavoce PdL è Daniele "sciarada incatenata" Capezzone) si è trovato costretto a chiosare il pensiero del Capo, spiegando che «Dopo avere ricordato il sacrificio dei nostri soldati in Afghanistan, il Presidente Berlusconi ha voluto semplicemente deprecare alcune scritte vergognose da attribuire non ai partiti della sinistra parlamentare ma a frange estreme della sinistra extra parlamentare»
Tralascio che il povero PierFerdy Casini è stato cooptato nella sinistra; non è un problema mio, al limite è suo. Mi chiedo invece quanti degli adoranti fan hanno sentito la precisazione, o comunque avevano capito da soli a chi Lui si riferisse. Temo molto pochi. D'accordo che c'è il lodo Alfano, ma siamo proprio sicuri che la diffusione di notizie sediziose non si possa configurare come reato?

[io]     Falso in bilancia

I nostri suoceri ci hanno regalato una bilancia pesaneonati. Ieri mattina l'abbiamo inaugurata, prendendo Cecilia, spogliandola e mettendola sopra. Peso misurato: 3870 grammi. Considerando che domenica scorsa in ospedale pesava 2310 e che non ha certo l'aria di una bimba di quasi quattro chili, rimaniamo un po' perplessi. La ripesiamo: sempre 3870 grammi.
Io sono un matematico, lo sapete: prendo una bottiglia d'acqua da un litro e mezzo, verifico sulla bilancia da cucina che la plastica sono 30 grammi, la peso; 2470 grammi. Metto due bottiglie: 4930 grammi (la precisione è 10 grammi, quindi direi che va bene). Proviamo con un cartone di latte da mezzo litro (530 alla bilancia da cucina): 840 grammi. Concludo che la bilancia è approssimativamente lineare, ricavo un peso stimato per Cecilia di 2470 grammi, e medito di portarla in negozio.
Poi arriva mio suocero, che è fisico-chimico, e scopre l'arcano. La bilancia era stata messa sopra una struttura metallica; una volta spostata di là e messa sul tavolo di cristallo si è messa a funzionare perfettamente. Il guaio delle bilance digitali è che probabilmente misurano il peso con un cambiamento di tensione elettrica (almeno immagino: ribadisco che sono un matematico!) e quindi la presenza di una massa con proprietà magnetiche falsa pesantemente i risultati. Ora credo capirete perché io e la fisica non siamo mai andati d'accordo! :-)

[milano]     Via Martiri Oscuri

[situazione in via Martiri Oscuri] [situazione in via Martiri Oscuri] [situazione in via Martiri Oscuri] Ne avevo già parlato a suo tempo, ma è ora di ricordare di nuovo il tutto.
Via Martiri Oscuri è sconosciuta credo anche alla maggior parte di chi vive a Milano, anche per una sua sfortuna di base: è il capolinea di un tram, l'1, ma le velette del tram hanno indicato "Greco", scritta tra l'altro fuorviante perché il quartiere di Greco è ben più in là. Questa breve strada si trova vicino ai binari che escono dalla Stazione Centrale, dove si sfrangiano verso le varie destinazioni; insomma, una vietta piuttosto periferica come tante. Il passaggio del tram però dà molte sollecitazioni al manto stradale, così lo scorso autunno l'hanno tutto rifatto, mettendoci un paio di mesi perché continuava a piovere. Qualcuno in Comune doveva però aver deciso che limitarsi ad asfaltare sarebbe stato stridente con l'aspetto della zona, così sono stati messi i cubetti di porfido. Poi saranno mancati i soldi, e così si è risparmiato sulla preparazione del battuto. Il risultato lo si può vedere da queste foto. Dopo nemmeno un anno, la strada è un patchwork di toppe di asfalto dove la situazione era troppo tragica per far finta di niente; guardando come sono posizionati i cubetti di porfido, vi lascio immaginare come fosse il resto. Ma nella zona in cui i tram si fermano al capolinea, anche dove il pavé è rimasto nominalmente al suo posto, è comunque assolutamente impossibile pedalare, visto che ci sono delle ondulazioni di un paio di centimetri di altezza. Chissà quanto hanno pagato per quei lavori.

27.09.09

[giochi]     gioco della domenica: Scakler

Questa settimana vi presento un gioco di logica (coi numeri, purtroppo per chi è matematicamente svantaggiato): Scakler.
Scopo del gioco è far sì che tutti i numeri presenti nello schema diventino uguali. Per riuscirci, occorre puntare il mouse su un numero che abbia un vicino identico, e trascinarlo in su o in giù; più lontano si va, più i numeri crescono o decrescono.
Così ad occhio la curva di apprendimento è piuttosto impervia; però bisogna concedere al gioco di essere un po' diverso dal solito.

(via Passion for Puzzles)

26.09.09

[matematica_light]     La scommessa di Monty Hall

Il paradosso di Monty Hall è stato uno dei pochissimi argomenti di matematica ad avere l'onore della prima pagina del New York Times, giusto per dare un'idea di quanta fama ha avuto negli anni '90: probabilmente perché è così controintuitivo che molte persone, anche versate in matematica e probabilità, sbagliano la risposta. Per chi non lo conoscesse, ecco il testo: leggetelo molto attentamente, perché non c'è nessun trucco sotto ma la formulazione deve essere assolutamente precisa.

Sei alla fase finale dello show condotto da Monty Hall. Hai davanti a te tre porte; dietro una di esse c'è una Ferrari, dietro le altre due una capra. Tu scegli una porta, e vincerai quello che ci sta dietro. Dopo che hai fatto la tua scelta, Monty - che sa dov'è nascosta la capra - ti dice "Beh, oggi mi sento buono e ti voglio aiutare: invece che una probabilità su tre di vincere la Ferrari, te ne voglio dare una su due. Guarda: in effetti una delle porte che non hai scelto nascondeva una capra". Apre una porta e mostra l'ovino belante. Monty prosegue: "Questa è la tua ultima possibilità: preferisci cambiare la tua scelta o rimani sulla porta iniziale?"

Per essere ancora più chiari, ecco alcune precisazioni. Dietro una delle tre porte c'è la Ferrari, e voi volete vincerla; Monty Hall sicuramente apre una porta con dietro una capra, tra le due che non avete scelto; se può scegliere quale porta aprire perché entrambe nascondono una capra, sceglie a caso; voi siete sicuri che vi faccia l'offerta in ogni caso. Ora, molte persone dicono che è indifferente cambiare porta oppure no; la verità è che cambiare porta raddoppia le vostre probabilità di vincita, da 1/3 a 2/3.

In tutti questi anni ho visto moltissime persone che non sono affatto convinti di questa cosa, e non sono mai riuscito a convincerli. La cosa strana è che però nessuno ha mai voluto fare una scommessa multipla al riguardo con me, chissà perché. Riprovo ancora una volta; sono sempre pronto ad accettare la sfida. Ecco la mia versione del gioco per la scommessa; se qualcuno non è d'accordo sul fatto che sia la stessa cosa, parliamone.

Prendiamo un'estrazione futura del lotto, a tua scelta. Ci sono 11 ruote - hanno aggiunto la Nazionale a quelle classiche - e quindi vengono estratti 55 numeri. I numeri da 1 a 30 sono nella classe "1"; quelli da 31 a 60 sono nella classe "2"; quelli da 61 a 90 sono nella classe "X". Prima dell'estrazione, tu dici a che classe apparterrà ciascun numero; dopo l'estrazione, senza che tu sappia quali numeri sono effetivamente usciti, io ti dirò per ciascun numero una classe (diversa da quella che hai scelto) a cui il numero non appartiene; a questo punto, visto che per te è indifferente cambiare o no, ti propongo di puntare 4 euro su ciascuna tua scelta. Se non avevi indovinato, mi intasco i soldi; se invece avevi indovinato te li ridò assieme a 5 euro miei.

Come per i polli di Trilussa, su 55 giocate ne dovresti in media vincere 27 volte e mezzo, e quindi guadagnare 27,5 euro; se anche sei parecchio sfortunato e vinci solo 25 volte perdendo 30, hai ancora 5 euro di margine. C'è un piccolo problema legato al fatto che i numeri estratti su una ruota non sono statisticamente indipendenti, ma se la cosa ti disturba possiamo prendere i primi estratti di cinque estrazioni consecutive. Facciamo la scommessa? Anzi guarda, per dimostrarti che non c'è trucco né inganno ti posso dire in anticipo quale classe ti dirò essere perdente, a seconda della tua scelta e del numero effettivamente estratto; così puoi calocare direttamente anche tu quanti soldi vincerai...

- Tu hai detto 1, è uscito 2; ti dirò che X è perdente.
- Tu hai detto 1, è uscito X; ti dirò che 2 è perdente.
- Tu hai detto 1, è uscito 1; se il numero estratto è pari, ti dirò che X è perdente, altrimenti ti dirò che 2 è perdente.
- Tu hai detto 2, è uscito 1; ti dirò che X è perdente.
- Tu hai detto 2, è uscito X; ti dirò che 1 è perdente.
- Tu hai detto 2, è uscito 2; se il numero estratto è pari, ti dirò che 1 è perdente, altrimenti ti dirò che X è perdente.
- Tu hai detto X, è uscito 1; ti dirò che 2 è perdente.
- Tu hai detto X, è uscito 2; ti dirò che 1 è perdente.
- Tu hai detto X, è uscito X; se il numero estratto è pari, ti dirò che 2 è perdente, altrimenti ti dirò che 1 è perdente.

Sei pronto? Ti aspetto... (e la prossima settimana racconterò ancora qualcosa a riguardo)

[pipponi]     parcheggi rosa

[parcheggi rosa] Occhei, questo è un mio periodo di segnaletica stradale, a quanto pare. Davanti alla Mangiagalli hanno appena creato alcuni posti auto pensati per le donne incinte e le neomamme: ottima idea, almeno in teoria. I posti sono molto ben visibili, visto che l'asfalto al loro interno è verniciato di rosa; c'è inoltre il bel cartello mostrato in fotografia. Ottima idea, vero?

Peccato che, se uno faccia un minimo attenzione, all'interno del cartello sia scritto "Questa indicazione non costituisce prescrizione ai sensi del Codice della Strada". Tradotto in italiano corrente, significa "per favore, lasciate questi posti alle mamme in attesa e alle neomamme; ma non siete mica obbligati!" L'unico obbligo è mettere il disco orario e non stare più di 90 minuti. Secondo voi, che succede in Italia, e soprattutto in un posto dove non ci sono parcheggi (salvo quello a pagamento sotto via san Barnaba, ma lì sei costrettto a pagare)?

P.S.: un centinaio di metri indietro, in via Commenda, ci sono le strisce blu; e c'è il parcheggiatore, pardon il parchegiatore, abusivo. Solo che il tipo è abbastanza stanziale, come si può notare...

[recensioni]     La televisione spiegata al popolo (libro)

[copertina] Nel 1956 Achille Campanile, noto per le sue opere letterarie di anteguerra, cominciò a tenere una rubrica sul Corriere d'Informazione, pasando poi nel 1958 all'Europeo dove l'avrebbe tenuta fino a un paio d'anni prima di morire: così facendo inventò, almeno per l'Italia, il mestiere di critico televisivo. Questa raccolta di alcuni tra i suoi interventi (Achille Campanile, La televisione spiegata al popolo, Bompiani 2003, pag. XVIII-461, € 9.80, ISBN 9788845253775) mostra indubbiamente lo stile del nostro; non aspettatevi delle recensioni, quanto una critica nel senso negativo del termine, quasi un "gli è tutto sblagliato, gli è tutto da rifare". Addensare così gli interventi dà purtroppo una certa qual ripetitività; è comunque chiaro che per Campanile la televisione dovrebbe essere soprattutto fatta di dirette - altrimenti c'è il cinema, no? Memorabili i racconti sul replay e sul videoregistratore - e visto che era un monopolio dovesse comunque presentare tutte le voci e non uniformarmi al basso, che poi rispetto a quello che abbiamo adesso era stratosferico; ad esempio stronca Biblioteca di Studio Uno. quella delle scenette con il quartetto Cetra. I calembour naturalmente si sprecano, a fianco delle considerazioni su come gli sceneggiatori delle riduzioni televisive dei famosi romanzi stravolgessero le storie originali e dei lamenti - presumo pro domo sua - sulla vergogna che il diritto d'autore decadesse solo cinquant'anni dopo la morte dell'autore stesso, che così non può lasciare una rendita al proprio figlio natogli in tarda età. In mezzo a tutto questo, una pagina insolitamente lirica, in occasione della morte di Mario Riva, che era separato e lasciò un figlio dalla sua compagna; Campanile, anch'egli in una situazione simile, chiede all'allora presidente Gronchi che quel bimbo possa avere il cognome del padre. In definitiva, uno spaccato sull'Italia degli anni '50 e '60.

25.09.09

[pipponi]     TNT: consegnare è un optional

Mentre rientravo da pranzo, ho visto che davanti alla sede Telecom di Via Giacosa, in un punto in cui era chiaramente visibile la guardiola, un consegnatore TNT aveva lasciato il famigerato avviso di "cliente non trovato", dove il nome del cliente era appunto Telecom Italia. Naturalmente a TNT non gliene può fregare di meno di quello che fa il consegnatore, e non credo proprio si metta a controllare se quello aziona il neurone quel tanto che basta a vedere che se sei in una sede Telecom e devi consegnare un pacco a Telecom magari può chiedere lumi al tipo che sta lì davanti e pagato per queste cose. O magari credeva che il pacco fosse per la signora o signorina Italia Telecom, e non avendo trovato il nome sul campanello - non garantisco nemmeno il campanello ci sia, quella è una sede presidiata 24 ore su 24 quindi le guardie sono là - se ne sia andato sconsolato. (anche se la guardia non avesse voluto ritirare il pacco, avrebbe comunque tenuto lui l'avviso, no? Quindi non è stato certo interpellato.)

Ma d'altra parte la chicca maggiore è stata vedere che il foglietto era stato corretto a mano in due punti. Dove c'era scritto "Numero verde 803 868", la parola "verde" era stata sovrascritta da "199". Numero a pagamento, fuori credo anche dalle promozioni varie. Tanto è colpa del cliente se il consegnatore non è riuscito ad accorgersi della sua esistenza, no?

[minimalia]     Gli amici si vedono nel momento del bisogno

Per la Festa della Libertà al Palalido di Milano sono riusciti a rimettere insieme i Gatti di Vicolo Miracoli. (E riesumare Gianfranco D'Angelo)

[milano]     Alla fine della Fiera

Per chi come me Milano la bazzicava per andare allo SMAU, la fermata a cui scendere era Amendola-Fiera. Già quando avevano aggiunto come sottotiolo alla fermata Lotto "Fiera2" io personalmente avevo dei grossi dubbi al riguardo.
Bene, sabato scorso sono sceso ad Amendola-Fiera e ho scoperto che con l'ultimo restyling il nome della stazione è rimasto solo Amendola. Niente da eccepire, visto che i vecchi padiglioni della Campionaria sono stati ormai buttati giù; potremmo al limite chiederci perché a Lotto è stato riassegnato il sottotitolo "Fieramilanocity", visto che comunque i nuovi padiglioni cittadini nella zona dell'ex Portello non è che siano così vicini. Ma tant'è. Mi resta comunque una sensazione di tristezza.

[pipponi]     Perché non si può fare la number portability

Forse sapete che l'AGCOM, cioè il Garante delle Comunicazioni, ha imposto agli operatori telefonici di metterci al più tre giorni per il trasferimento del proprio numero di telefono a un altro operatore. Meno probabile sappiate la storia successiva; il TAR del Lazio ha sentenziato che la direttiva AGCOM era illegittima, e la scorsa settimana il Consiglio di Stato ha sospeso la succitata sentenza. In attesa che si pronunci direttamente Napolitano, la Triplice ha emesso un comunicato al riguardo.
Il sindacalese, come sapete, è forse ancora peggiore del politichese. Quello che ho scritto sopra è stato riportato così: «Il 14 settembre 2009, il Consiglio di Stato con ordinanza n° 4602 ha sospeso la sentenza del TAR del Lazio che dichiarava l'illegittimità della delibera dell'AGCOM la quale imponeva, agli operatori di Telecomunicazioni, di effettuare la portabilità del numero mobile entro tre giorni dalla richiesta.». Vi giuro che ho fatto fatica a comprendere la frase, e ce l'ho fatta solo per il contesto successivo. Ma il pippone è per qualcos'altro.

Il documento continua infatti parlando di «ricadute negative in termini occupazionali che il provvedimento sta generando con la perdita di centinaia di posti di lavoro, dei quali 400 già annunciati in Calabria da parte di Abramo Customer Care.» che immagino sia un subappaltante Telecom, anche se non è detto visto che il problema dovrebbe essere comune a Vodafone. Quei posti di lavoro sono infatti i callcentristi che ti chiamano a casa per la cosiddetta retention, vale a dire il tentativo di trattenerti usando le subdole arti delle offerte speciali in cui scopri che puoi pagare molto meno di quanto sganci adesso. Il callcentrista, poveretto, non ci può fare molto; ma a me il pensiero di qualcuno che mette su un lavoro sfruttando la burocrazia e cercando di allungare a dismisura i tempi personalmente fa davvero schifo. (Ammesso naturalmente che sia così e non una scusa: per fare una singola telefonata di retention, non è che ci voglia comunque un mese, no?)
E anche il sindacato, invece di chiedere di continuare ad allungare i tempi per far lavorare questa gente e pietire le aziende di ricercare con loro soluzioni per il loro riutilizzo, sarebbe meglio iniziasse subito a fare proposte e chiederle di discuterle., no?

24.09.09

[curiosita']     qualche cosetta sui premi Nobel

Invece che prendere il caffè ho dato una rapida occhiata al sito della fondazione Nobel, e ho scoperto alcune cose interessanti.

- il premio Nobel per la Pace lo si assegna ad Oslo e non a Stoccolma, ma quando Alfred Nobel lo istituì la Norvegia non era indipendente ma parte della Svezia, anche se con un suo parlamento (lo Storting, quello che appunto assegna formalmente il premio). Insomma, nulla di strano.

- a differenza di quello che pensavo, non è vero che chiunque possa nominare una persona o un'organizzazione per il Nobel per la Pace. Però sono in tanti a poterlo fare, tra cui Niccolò Ghedini (in quanto parlamentare)

- non si pronuncia NObel, ma NoBEL. Non so se la e sia aperta o chiusa, però propendo per la seconda ipotesi.

Ora potete fare la vostra porca figura quando voi sarete al caffè!

[milano]     tanto non serve studiare

Milano aveva sempre avuto una tradizione di autonomia. Lasciamo perdere che persino la messa la si fa diversa che dal resto del mondo cattolico: ma in genere la parola "municipale" e soprattutto "civico" sono spesso visibili andando in giro per la città - restando sulla religione, lo sapete che in via Torino c'è il Civico Tempio di San Sebastiano? - e portavano su di sé l'orgoglio della milanesità. Tanto per dire, la linea rossa della metropolitana, la prima in Italia, era stata autofinanziata dal Comune.

Poi siamo entrati nel ventunesimo secolo, e la prospettiva cambia completamente. L'assessore a Famiglia, Scuola e Politiche Sociali Mariolina Moioli ha infatti deciso di abbracciare completamente le scelte della sua corregionaria Maria Stella Gelmini, e ha così pensato bene, assieme alla sua sodale di lunga data Letizia Moratti, di eliminare uno zero: le 20 classi del civico liceo serale Gandhi sono rimaste 2. Il tutto naturalmente deciso di agosto, quando fa caldo e soprattutto non c'è nessuno a protestare. Peccato (per la Moioli e la Moratti) che le proteste siano immediatamente partite a settembre, con l'occupazione e le varie iniziative.

A chi pensasse che il Comune era obbligato per legge a questi tagli, spiego subito che è proprio falso: la legge vale ovviamente per le scuole statali, e non per quelle paritarie come appunto è la Gandhi. Aggiungo inotre una considerazione: un liceo serale non è certamente una scuola facile da frequentare, e chi ci va lo fa generalmente perché di giorno deve fare qualcos'altro (allenarsi perché è un atleta, lavorare perché la sua famiglia ha bisogno di un reddito...) ma allo stesso tempo pensa che sia anche importante studiare, e non solo per il pezzo di carta: altrimenti non avrebbe comunque scelto un liceo. Quando si pensa ai tagli da dover fare, si deve anche pensare a quello che sta dietro ai tagli stessi, cosa che mi sa non capiti più spesso... a meno che naturalmente non si ritenga inutile questo tipo di opportunità, perché tanto basta non studiare. Io sono notoriamente contrario alle petizioni online, come quella preparata dagli studenti; però invito i milanesi a recarsi in piazza 25 aprile a mettere il proprio autografo sulla petizione. Trovate più informazioni sul sito degli studenti, http://gandhi-in-rivolta.blogspot.com/

Un'ultima cosa, riallacciandomi a quanto scrivevo all'inizio. La giunta comunale milanese comprende anche la Lega, un partito che dell'autonomia ha fatto la propria ragion d'essere. Capisco la Moioli che in fin dei conti se non erro è di area cattolica di destra e potrà pensare che tutti questi studenti possano andare più proficuamente in qualche scuola religiosa; ma possibile che a nessun leghista milanese venga in mente che l'autonomia consiste anche in queste cose?

[recensioni]     The Monty Hall Problem (libro)

[copertina] (se vuoi una mia recensione più seria di questo libro, va' su Galileo!)

Ricordate il paradosso di Monty Hall? Lo trovate anche su Wikipedia. Siete concorrenti di uno show, e dovete scegliere una di tre porte, sapendo che dietro una sola di esse c'è un premio: dopo che avete fatto la scelta, il presentatore apre una delle altre due porte - scegliendone una senza premio, e prendendone una a caso se può farlo. A questo punto vi chiede se volete cambiare la vostra scelta. Che fate? La maggior parte delle persone, compresi molti matematici, dicono che è indifferente cambiare o mantenere la scelta iniziale: e invece no, conviene di gran lunga cambiare scelta! La cosa è così controintuitiva, e soprattutto dipende così sottilmente dalle ipotesi fatte, che l'autore di questo libro (Jason Rosenhouse, The Monty Hall Problem, Oxford University Press 2009, pag. 194, $24.95, ISBN 978-0-19-536789-8) - scherzando ma non troppo - dice che si potrebbe fare un corso di calcolo delle probabilità solo basandosi sulle varianti del paradosso! In effetti il libro l'ha scritto, anche se fortunatamente per noi lettori il testo non è troppo pieno di formule e cerca sempre di dare una spiegazione qualitativa prima che quantitativa. Non solo il paradosso è controintuitivo, ma è anche molto sensibile alla sua formulazione: basta cambiare appena il testo, e la risposta cambia. Rosenhouse parte dalla storia del paradosso - un problema equivalente apparve nel 1959 nella rubrica tenuta da Martin Gardner sullo Scientific American; racconta la sua esplosione negli anni '90 e mostra una serie di varianti, ciascuna delle quali ha una risposta leggermente diversa. Infine dà un'occhiata a come il paradosso viene studiato in psicologia... e persino nella meccanica quantistica!
Diciamo che se non vi viene il mal di testa a star dietro a tutte le minuzie possibili, alla fine della lettura avrete imparato due cose: a non fidarvi del vostro buon senso, e a stare molto attenti al calcolo delle probabilità!

23.09.09

[pipponi]     Trombature eccellenti

Scopro da letturalenta che la votazione per il leader dell'Unesco ha visto vincitrice Irina Bokova, che ha superato sul filo di lana il ministro della cultura egiziano Faruk Hosni; quest'ultimo era il candidato geopolitico ufficiale, perché toccava agli arabi.

In effetti, sia la compassata Wikipedia in inglese che il più sanguigno ferrariano Foglio raccontano di come Hosni avesse affermato di voler bruciare tutti i libri israeliani presenti nella biblioteca di Alessandria (poi naturalmente ha detto di essere stato frainteso) e che comunque ha sempre avuto posizioni fortemente antisioniste se non addirittura antisemite; non esattamente le referenze migliori per diventare capo del braccio culturale dell'Onu, diciamocelo.

Poi vorrei però sapere se è vero quanto scrive Meotti, che cioè due anni fa (alla prima trombatura) il suo nome è stato lanciato da Ugo "Palmiro" Intini per conto del governo Prodi II, e chi è stato ad assegnargli la cittadinanza italiana.

[io]     per l'ultima volta

Ieri pomeriggio ero a Torino a firmare il compromesso per vendere la vecchia casa. Terminate le pratiche, ho visto che il primo treno utile e prendibile sarebbe partito dopo un'ora; non avevo nulla da fare, la serata era tiepida, dalla mia (ormai ex) casa a Porta Susa ci sono poco più di quattro chilometri, e così ho pensato di farmela a piedi. Via Monginevro, corso Montecucco, via Frejus, corso Inghilterra: tutte strade che negli anni sono un po' cambiate, ma che conosco comunque ancora bene.

Mentre camminavo al mio solito buon passo, mi è venuto in mente che non era certo la prima volta che mi macinavo qualche chilometro per andare da una parte all'altra di Torino; non l'ho fatto spesso, anche perché in genere era più comodo prendere la bicicletta o i mezzi pubblici, però l'ho fatto. La parte nordovest della città l'ho conosciuta così. Poi però mi è venuto in mente un altro pensiero: che quella sarebbe con ogni probabilità stata l'ultima volta in cui l'avrei fatto.

Sono stati in tanti a parlare dell'ultima volta in cui hanno fatto qualcosa, che fosse fare l'amore con una certa persona oppure fare una corsa in un certo prato. In genere costoro rimpiangono di non aver saputo che quella volta là sarebbe stata l'ultima, perché l'avrebbero assaporata meglio e quant'altro. Beh, posso assicurare loro che a saperlo in anticipo la cosa non migliora, anzi.

[milano]     stingono le strisce

[strisce ex-blu] [strisce ex-blu] D'accordo (si fa per dire): nella zona sotto il mio ufficio hanno deciso di fare le strisce blu per guadagnare un po' di soldi, facendo arrabbiare quelli che abitano in viale Monza perché loro non potranno parcheggiare aggratis sotto casa come quelli delle altre vie (poveretti, piangete un po' per loro). Ma non è di quello che voglio parlarvi.
Io non so che vernice abbiano usato per le strisce, e soprattutto se arrivati verso il fondo di via Crespi l'avessero finita: comunque la settimana scorsa è piovuto e l'azzurro se n'è andato via in vari punti lasciando il preesistente bianco. Chissà se qualcuno farà un ricorso dopo aver preso una multa, quando la sosta a pagamento partirà ufficialmente!

22.09.09

[pipponi]     libertà di riproduzione

Lo scorfano si è accorto che da oggi i post di Alessandro Gilioli terminano con la frase "(riproduzione libera)".
Uno bastardo dentro potrebbe dire che la scritta prende in giro il "© RIPRODUZIONE RISERVATA" degli articoli del Corsera; io invece credo che sia una scelta esplicita e apprezzabile, che da un lato ricorda la differenza tra quello che scrive come giornalista e quello che scrive come blogger, e dall'altro invita alla diffusione delle notizie.

[relax]     Nomen omen - versione PGO

Non so se sia vero quanto scritto su Wikipedia, che cioè Piergiorgio Odifreddi "ha frequentato i primi quattro anni delle elementari dalle Suore Giuseppine, e la quinta elementare e le tre medie nel Seminario Vescovile di Cuneo". In caso affermativo, direi che è chiara la sua avversione per la religione in genere e la chiesa cattolica in particolare, ed è anche chiaro il perché tale avversione si è manifestata relativamente tardi e non a caldo, ancora da ragazzino. I suoi sono infatti odi freddi.

[recensioni]     Storia della Russia e dell'Italia (libro)

[copertina] Voi magari non lo sapete, ma io conosco un tipo, anzi non lo conosco perché non l'ho mai visto di persona ma leggo quello che scrive, che dice sempre che Paolo Nori è il miglior scrittore italiano che possiamo leggere e lui nel senso del tipo cerca sempre di scrivere come lui nel senso di Paolo Nori. Così quando ho visto questo libro (Paolo Nori e Marco Raffaini, Storia della Russia e dell'Italia, Fernandel 2003, pag. 190, € 12, ISBN 978-88-87433-38-8) mi sono detto Ecco, questa volta posso prendere il libro e vedere quanto è bravo Paolo Nori come dice sempre il mio amico che però non è proprio un amico. Però ho letto il libro dall'inizio alla fine e non è che mi sia piaciuto così tanto, forse perché il suo tipo di scrittura con frasi che vanno avanti come se uno chiacchierasse davanti alla macchinetta del caffè è carino per una pagina o due ma poi diventa pesante, oppure forse anche perché il libro non è che fosse così interessante, con questi due protagonisti che devono scrivere un romanzo storico epistolare e parlano degli affari loro che sono quasi sempre bevute e sesso più parlato che fatto. Che poi non so se ho mai letto più di qualche riga per volta del mio amico che non è mio amico, e magari se l'avessi letto di più non avrei nemmeno preso questo libro, ma non si può cambiare il passato e la recensione finisce allora così senza dire nulla di importante.

21.09.09

[io]     get back home

Dalle 17:05 di ieri, Cecilia è a casa. Per Jacopo dobbiamo ancora aspettare che si metta a mangiare abbastanza senza sondino.
Il tempo per scrivere le notiziole è insomma ancora più ridotto.

20.09.09

[politica]     Qualcosa sta cambiando

Supponiamo di trovare un titolo sulla homepage di un grande quotidiano italiano: "Guardian e El Pais su Berlusconi: «Paga la rabbia delle donne italiane»", e che il riassunto reciti "Due articoli sulle vicende del premier e la situazione italiana nella quale i partiti cominciano a muoversi con diverse strategie in vista del dopo-Berlusconi. Il quotidiano britannico: «E' il momento della reazione femminista». Dalla Spagna: «Il declino è evidente»". Credo che chiunque sia un minimo abituato all'italica stampa dirà "stai leggendo Repubblica. E invece no: è il Corrierone, come potete vedere dalla scansione (i font diversi dei giornali li riconoscete, no?)
Ecco. Io non mi sono stupito più di tanto dell'intervista alla D'Addario: era un modo come un altro per cercare di recuperare copie vendute con uno scoop. Ma vedere il Corsera, quotidiano governativo quanto non mai, riprendere articoli esteri contro il nostro PresConsMin mi fa tanto pensare che ci sia qualcosa sotto. Non per niente Brunetta, che di "sotto" ci capisce bene, è così nervoso...

[povera_matematica]     altro che pedofilo

Qualche giorno fa, il mio vecchio sodale 'Ntuniott mi ha segnalato questo articolo sul "mostro di Melbourne" che ha violentato per trent'anni la propria figlia. L'articolo, anche se appare su Repubblica, è nella sezione "24ore" e quindi inserito da una cooperativa esterna, giusto per la cronaca. Cito il testo incriminato: i grassetti sono miei.

«Le violenze sulla figlia iniziarono nel 1970, quando la bambina aveva appena compiuto 11 anni. L'incredibile storia e' venuta alla luce dopo che la donna, oggi 39enne, e' riuscita a raccontare tutto a un poliziotto.»

Se fate un attimo i conti, quella povera donna sarebbe stata violentata dalla nascita, non da quando aveva 11 anni.

[giochi]     gioco della domenica: On the Edge

Via Smart-Kit, On the Edge è un gioco di logica: occorre far rotolare un cubo su una specie di scacchiera, eliminando via via tutte le caselle (ci si passa sopra una volta se sono bianche, due volte se sono nere) e terminando nella casella rossa finale.
Trenta livelli per le vostre meningi...

19.09.09

[io]     un paio di cose relative all'Ikea da non fare

(1) non comprare un mobile da montare senza aver verificato che il vostro partner non abbia già montato mobili Ikea.

(2) quando alle dieci di sera viene proposto di montare il mobile stesso, verificare prima il libretto di istruzioni, contare il numero di passi necessari per il montaggio (in questo caso, 41) e soprattutto la necessità di dover dare martellate (che poi mancavano sei chiodini, non è la fine del mondo ma uno potrebbe lamentarsi.

Naturalmente anch'io imparo: quando a mezzanotte il mobile era pronto e assomigliante allo specimen, ho visto arrivare la scatola del fasciatoio da montarci su e ho detto NO.

Un'unico problema, già che sono qui: ho avvitato troppo poco una di quelle viti lunghe, e il dado che dovrebbe fermarla sul fianco non entra. Ci sono trucchi al riguardo?

[minimalia]     "massimo con un divisore"

[massimo con un divisore]
In questi giorni molti insegnanti spiegano il massimo comun divisore. Poi c'è chi capisce male.

[recensioni]     Videocracy (film)

[locandina] Domenica è stata una giornatona: a parte la mostra di Darwin, siamo anche andati al cinema a vederci Videocracy. A dirla tutta, per me è stata una delusione. Dal trailer mi aspettavo una storia di come la televisione avesse man mano rincretinito gli italiani, e invece Erik Gandini si limita a fare una fotografia a cosa capita oggi.
I personaggi principali del documentario (a parte Lui che però è solo, anche se continuativamente, sullo sfondo) sono tre. Ricky è un operaio bresciano con mamma appresso che vuole sfondare in televisione, perché se non sei in tv non sei nessuno. C'è poi la coppia Lele Mora - Fabrizio Corona; il primo ci racconta della sua fede fascista compresa di suoneria e video di "Faccetta nera" sul telefonino, il secondo, oltre all'esternazione del suo pensiero in Basic English che si è vista nel trailer, omaggia le sue millanta ammiratrici con un suo nudo frontale. Poi ci sono i provini per diventare velina tenuti a Rozzano al Fiordaliso, le scene in Costa Smeralda con la vicina di villa Certosa che "ha dovuto inventarsi un lavoro" e fotografa col teleobiettivo le Sue feste, il regista del Grande Fratello che racconta di come dall'alto gli comunichino di terminare la diretta in anticipo se il Capo è per caso da Vespa - vi ricorda qualcosa? - e così via.
La chiave di tutto, secondo me, è proprio Lele Mora. Ricky chiaramente è lì perché è un modo come un altro di diventare famoso, che non richiede nemmeno di "dar via una parte di sé"; Corona è malato di presenzialità e apparirebbe anche tra le fiamme in un video che raccontasse del fuoco eterno infernale. Ma Mora? Non è certo uno stupido, e sapeva che questo film non verrà probabilmente visto da nessuno di quelli di cui "sa tirare fuori le doti nascoste"; ma non si sa mai.
Detto tutto questo, io non ho trovato nulla che non conoscessi già; è un mondo lontanissimo da me, ma so che esiste. Chissà se in Svezia capiranno un po' di più come siamo messi. Secondo me no, esattamente come noi non capiremmo assolutamente un documentario sulle sbronze nei weekend scandinavi: siamo troppo diversi, mi sa. L'ostracismo della Rai con relativa pubblicità darà un po' di spettatori in più al film, ma mi sa che non farà cambiare idea a nessuno degli spettatori... che ovviamente saranno tutti antiberlusconiani.

18.09.09

[milano]     Caos a san Fruttuoso

I lavori per l'interramento della SS36 fervono. Almeno immagino.
So solo dirvi che oggi alle 12:30 ero in viale delle Industrie a Monza e dovevo tornare a casa. Mi sono detto "beh, fare Sesto è un suicidio: prendiamo il peduncolo, usciamo in viale Brianza e immettiamoci nel toboga di Fulvio Testi. In fin dei conti è un chilometro e mezzo". Entro, e mi trovo bloccato già nello svincolo. Riesco a fatica a fare qualche centinaio di metri, e scopro il problema: è tutta coda di gente, soprattutto camion, che vuole uscire a San Fruttuoso.
Non oso pensare a chi deve farsi quella strada tutte le mattine e tutte le sere.

[varie]     chi le ha vist... pardon, ascoltate?

Di cover delle canzoni dei Beatles ce ne sono millanta e più. Di cover italiane di canzoni dei Beatles ce ne sono parecchie: io ne posseggo qualche decina, compreso il CD degli Shampoo con le versioni in napoletano, e prima o (più facilmente) poi preparerò una scheda tecnica al riguardo.

Ho sentito però parlare dell'esistenza di due brani assolutamente imperdibili per un Vero Fan:
* Fred Bongusto -- Tranquillità (The Fool on the Hill) 1971
* Mauro Cico & i 4 dell'Iride - Io voglio te (I Call Your Name)

Qualcuno ha notizie al riguardo?

[recensioni]     Darwin 1809-2009 (mostra)

[locandina] Sfruttando la pausa tra una poppata e l'altra dei gemelli e il fatto che la Rotonda della Besana non è così lontana dalla Mangiagalli, domenica siamo andati a vedere la mostra su Darwin, che era già stata a Roma e dovrebbe arrivare a Bari negli ultimi mesi dell'anno. La mostra è l'edizione italiana di una analoga tenutasi negli USA, il che significa ad esempio che i molti cartelloni presenti - per altro, finalmente una mostra che si può visitare senza il pizzo dell'audioguida - erano perfettamente bilingue. Ma c'è anche il rovescio della medaglia. Sarà che Anna e io, pur non essendo certo biologi o naturalisti, abbiamo un'infarinatura ben maggiore della media; ma abbiamo trovato la mostra un po' troppo semplicistica.

Personalmente non mi sono piaciuti soprattutto i pannelli introduttivi, dove sembrava quasi che Darwin avesse fatto tutto da solo senza che nessuno avesse mai pensato a qualcosa non dico di simile ma anche solo lontanamente diverso dalla teoria creazionista. È chiaro che il grande scienziato ha compiuto non una, ma due rotture di paradigma scientifico: la prima è quella di immaginare che specie diverse potessero avere antenati comuni, e la seconda di avere affermato che anche l'uomo e le scimmie antropomorfe avessero un antenato in comune. Ma è anche vero che l'immutabilità delle specie non era più un tabù dall'inizio del secolo, e che Darwin non aveva ai suoi tempi così tante prove fossili a favore dell'evoluzione, e dovette fare molte supposizioni azzardate, anche se spesso corrette. Da questo punto di vista, i pannelli successivi mettevano le cose più in chiaro. La vita di Darwin, a me nota attraverso The Science of Discworld, è spiegata molto in dettaglio; interessanti i quaderni autografi da cui si capisce che il tale che disse "fosse vissuto oggi, Darwin sarebbe stato un blogger compulsivo" aveva proprio ragione.

In definitiva, un buon posto per portare chi di evoluzione non sa proprio nulla oppure i propri figli; ma non fate come il padre che a un certo punto dice alle figlie di sette-dieci anni "ma non volete sapere la storia che c'è dietro?" sentendosi rispondere un netto "no".

17.09.09

[itagliano]     presidio

La Camera del Lavoro Metropolitana di Milano (la parte CGIL, non so bene come funzioni al suo interno) scrive:
«A seguito dell’uccisione di alcuni nostri soldati a Kabul abbiamo indetto un presidio
(stiamo lavorando perché sia unitario) oggi dalle ore 17.30 alle ore 19.00 in Piazza San Babila».

Io avevo imparato che un presidio è una guarnigione militare stanziata da qualche parte o più in genere un gruppo che sorveglia un luogo; sindacalmente si può fare ad esempio un presidio davanti a un'azienda che minaccia la chiusura. In senso figurato, "presidio" può significare "tutela, salvaguardia". Il tutto non mi pare c'entri una cippa con i nostri soldati morti a Kabul. La lingua italiana vorrebbe che si tenesse una manifestazione per chiedere il ritiro delle truppe (immagino che la CLMM non voglia fare una commemorazione dei connazionali defunti); ma l'italiano non è più molto di moda.

Qualcuno vuol fare un presidio a difesa della nostra lingua?

[matematica_light]     Il fulmine cascato due volte nello stesso posto

Leggo dalla BBC che in Bulgaria per due volte consecutive sono stati estratti gli stessi sei numeri - anche se non nello stesso ordine - alla locale lotteria; le autorità bulgare, memori forse del tempo in cui stavano nel blocco sovietico e l'espressione "consenso bulgaro" aveva un significato negativo, hanno subito fatto partire un'inchiesta al riguardo. Ma è davvero così improbabile un simile avvenimento?

Non so tra quanti numeri venga estratta la sestina vincente in Bulgaria, quindi non posso calcolare la probabilità di avere per due volte di fila la stessa sestina, che poi è la stessa probabilità di riuscire a indovinare la sestina. Se prendiamo per buono quanto riportato dall'articolo, tale probabilità è una su 4 milioni, il che sembrerebbe davvero incredibile. Persino Terry Pratchett, che ama dire che in letteratura le cose che hanno una probabilità su un milione di funzionare riescono nove volte su dieci, probabilmente scuoterebbe la testa. D'altra parte, come ho già detto più volte, una sestina deve essere estratta, in fin dei conti, e siamo noi a vedere delle correlazioni: facili in questo caso (tutti i numeri uguali ai precedenti), più complicate in altri casi.

Fare delle stime della probabilità "generica" (lasciatemi per il momento passare il termine, ve lo spiego dopo) è un po' difficile, ma ci provo lo stesso. Immaginiamo che ogni giorno, da una qualunque parte del nostro pianeta, ci siano 100 estrazioni simili al lotto bulgaro, nel senso di numero di distinti risultati possibili. Consideriamo di tutto: ad esempio lotterie con un milione di biglietti estratti dove vengono estratti 10 biglietti e potrebbero essere stati premiati due numeri consecutivi. Anche se fosse capitata una cosa del genere qualcuno avrebbe potuto gridare alla truffa, no? La stima mi pare abbastanza ragionevole; questo darebbe 36000 estrazioni ogni anno - arrotondiamo a 33000. In quindici anni di lotterie avremo raggiunto 500.000 estrazioni; un evento che capiti una volta su 4 milioni non è così improbabile, se facciamo mezzo milione di tentativi.

Avete notato il punto fondamentale del mio ragionamento? Una coincidenza specifica (due estrazioni (1) consecutive, (2) degli stessi numeri, (3) al lotto bulgaro, (4) la scorsa settimana) è molto improbabile; ma una "coincidenza generica" (due estrazioni con una facile relazione tra di loro da qualche parte nel mondo in un qualche momento) è molto più semplice da ottenere, perché non limitiamo anticipatamente il campo in cui vogliamo operare. Fortuna, sì; ma non così incredibile.

P.S.: la cosa più interessante, almeno a mio parere, non è tanto matematica quanto sociologica. Nella prima estrazione nessuno aveva indovinato la sestina; nella seconda ci sono stati ben 18 vincitori , tutta gente che probabilmente è convinta della "memoria dei numeri". Inoltre i soldi che girano in Bulgaria sono pochi, pochissimi rispetto al nostro superenalotto: i 18 fortunati hanno infatti vinto poco più di 5000 euro a testa, il che significa che il montepremi per la sestina vincente era inferiore ai 100000 euro...

[io]     Tempi interessanti

Non so se riuscirò a sopravvivere a tutte le cose da fare nei prossimi tre mesi. Non preoccupatevi se mi leggerete di meno, e nel caso non fiori ma opere di bene.

[curiosita']     Dagli all'ermafrodito

Repubblica racconta che una campionessa sportiva è stata sottoposta a una serie di analisi che hanno dimostrato che ha testicoli interni e livelli elevati di testosterone. Per la cronaca, la campionessa è Tuscan Abbe, 4 anni e professione cavalla da corsa.
Nonostante i reiterati inviti, io non mi sono mai dato all'ippica, quindi potrei sbagliarmi di grosso; ma ero convinto che la maggior parte delle gare fosse open, proabilmente perché non c'è una grandissima differenza di prestazioni tra stalloni e giumente. In effetti l'articolo di Repubblica termina dicendo che Tuscan Abbe potrebbe essere esclusa «da competizioni ed eventi popolari come la Ladyship Mile», gara che tutti voi conoscete perfettamente. Qualcuno ne sa qualcosa in più?

[curiosita']     Inflazione non percepita

Chi mi conosce sa che non è che io abbia chissà quanta barba. Diciamo che se va bene mi rado ogni due giorni, ma a volte aspetto anche di più; insomma le mie lamette (Gillette Mach 3) mi durano una vita.
Quando l'altro giorno ho preso la nuova confezione (comprata qualche mese fa), perché ormai anche l'ultima lametta di quella vecchia non tagliava più, mi sono accorto che la confezione non era più di cinque lamette ma di quattro; perché nessuno si accorgesse a prima vista di nulla avevano semplicemente aumentato un po' lo spazio tra di loro.
Visto come si fa in fretta ad aumentare i prezzi?

16.09.09

[italica_stampa]     doppia negazione

[due negazioni affermano...] S. mi segnala il simpatico titolo di un articolo del Sole-24 Ore. L'articolo in sé spiega come la crisi, almeno per quanto riguarda l'occupazione, non ha ancora raggiunto il punto più profondo; e che l'Italia è messa peggio degli altri a detta dell'OCSE. Lo fa con una grammatica un po' stentata, o per meglio dire con una profusione di virgole, tipo «Il rapporto dell'Ocse, parte dai dati di giugno 2009, [...]»; ma come dicevo è il titolo quello che conta.

Se uno scrive «Rapporto Ocse - Giovani : come evitare che la crisi non cancelli il futuro?», tralasciando l'ortografia alla francese, ha affermato "Come fare in modo che la crisi cancelli il futuro", visto che abbiamo un verbo negativo ("evitare") e una negazione esplicita ("non") e possiamo eliminare la seconda usando un antonimo (un opposto, per parlare come mangiamo). Credo che sia ovvio che il titolista non ha affatto riletto il suo capolavoro; mi chiedo solo perché abbia deciso di complicare così un titolo, che dovrebbe essere quello che attrae il lettore!

[pipponi]     voce ancora più fuori dal coro

Dal dorso bolognese del Corsera: Coro gay sfrattato dalla parrocchia, per ordine dell'arcivescovo che riporta una disposizione dell'allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede Joseph Ratzinger.
Ovviamente ci sarà chi prenderà immediatamente su contro Santa Romana Chiesa che compie ingiuste vessazioni contro la comunità LGBT (ecco qua un esempio, anche se non capisco bene quale sia la relazione tra gli oratori lombardi e la città di Bologna). Magari ci sarà persino qualcuno che si chiederà come mai in una città retta da una giunta non di destra non esista la possibilità di avere in uso delle strutture pubbliche per le prove di un coro, che in fin dei conti è sicuramente un modo di fare cultura.

Io sono politically Scorrect, lo sapete bene, e mi faccio un'altra domanda. Perché mai dovrebbe esserci un coro gay? I gay cantano in maniera diversa dagli eterosessuali? E un bisessuale può cantare in un coro gay, oppure deve cercarsi un coro bisessuale? Secondo l'articolo, il coro Komos è "il primo coro in Italia solo al maschile e specializzato in musica classica". Non ho grandissime esperienze di cori, e probabilmente controtenori e sopranisti cantano solo come solisti, ma mi pare strano che non esistano cori che decidano di cantare la musica medievale e rinascimentale come era stata scritta; e in ogni caso non capisco perché, se a un eterosessuale venisse voglia di cantare su registri acuti, non potrebbe farlo in quel coro.
Ottima idea, non c'è che dire.

[politica]     Povero Silvio, povero Bruno!

Leggo da un noto quotidiano farabutto e comunista: lo speciale di Porta a Porta con la consegna delle case (finanziate dalla Croce Rossa, messe su dalla provincia di Trento e con i frigoriferi riempiti dal PresConsMin) «ha avuto un ascolto del 13,47%, per un totale di 3.219.000 spettatori». Brutta storia, considerando che «Di solito il programma di Vespa ha un ascolto del 18,30% per le prime serate e del 17,50% per le seconde (dati ufficio stampa Rai 2008-2009)». Storia ancora più pessima, considerando che Canale 5, con la fiction L'Onore e il rispetto, «ha raggiunto il 22,61% con 5.750.000 spettatori».
Persino Piersilvio rema contro il babbo.

[io]     sonno profondo

Stanotte alle 23:30 sono al solito crollato. Dopo un po' sento Anna parlare con qualcuno. Che era successo? Che alla nostra amica e vicina Simona si era rotta la chiave di casa, e visto che ne avevamo una copia aveva suonato da noi per recuperarla: il tutto all'una, quando finito il suo turno di volontariato era tornata a casa. Io non ho sentito lo squillare del campanello, né ho sentito tutte queste spiegazioni (me le ha date Anna stamattina); è già un caso che abbia sentito che Anna parlava.
Rendo l'idea del mio stato?

[spam_phishing]     Spam rumeno

I messaggi di spam sono spesso molto ripetitivi, e dopo un po' uno si scoccia di leggerli. Sì, ci può essere quello di CastaSì (Laetitia che finalmente si concede al destinatario?), ma nulla di più.
La scorsa settimana però ho trovato in una delle mie svariate caselle email (sotto tin.it) un messaggio dal titolo «Reactivarea contului Dumneavoastra.» che evidentemente era scritto in rumeno (che nella mia accezione è una lingua che sembra comprensibile ma non lo è ;-) )
Ma secondo voi, perché gli spammatori rumeni hanno spedito anche a indirizzi .it? immaginano che la comunità rumena in Italia sia così ampia da avere la possibilità che qualcuno ci caschi? Oppure loro - o chi offre il servizio di spammatura per conto terzi - fanno un lavoro così pessimo da non mettersi nemmeno a inserire un banale filtro?

15.09.09

[wikipedia]     Angelucci: se €20.000.000 vi sembran pochi

Probabilmente la notizia non vi è nuova, visto che in questi giorni ne hanno parlato in tanti: Wikimedia Italia (quella con la M) è stata citata per venti milioni di danni per diffamazione da Antonio Angelucci (Angelucci padre) e Giampaolo Angelucci (Angelucci figlio). Venti milioni di euro, sì: le cause intentate dal nostro premier a Repubblica e all'Unità sono al confronto dilettantesche. Ma chi sono Angelucci padre e figlio? Non posso lasciarvi un link all'enciclopedia perché, come sempre in questi casi, la voce corrispondente è stata oscurata; (beh, a dire il vero quella di Angelucci figlio non è mai stata creata); spero però di darvi un'idea senza commettere alcun reato comunicandovi che Angelucci padre è un parlamentare eletto nelle file del Popolo delle Libertà, mentre Angelucci figlio è attivo nella gestione delle imprese di famiglia come Tosinvest e Tosinvest Sanità che è tra l'altro l'editore di Libero.

Facendo parte del direttivo Wikimedia Italia uscente ho letto il testo della citazione; purtroppo non posso raccontare esplicitamente le varie cattiverie imputateci, ma posso dire che i danni all'immagine di Angelucci padre e figlio nelle voci di Wikipedia consistono in un mix di citazioni (con relativo link) ad articoli di quotidiani che annunciavano l'esistenza di procedimenti penali in corso contro Angelucci padre e figlio, di affermazioni presentate senza prove corroboranti il testo (tipo che volessero comprare L'Unità: sì, ne parlavano tutti al tempo ma a quanto pare è ingiurioso scriverlo su Wikipedia) e di notizie incomplete, come gli arresti domiciliari a cui fu sottoposto Angelucci figlio nel 2006 - vero, ma revocati poco tempo dopo. Questo sul merito della vertenza.

Quello che però preoccupa davvero è il metodo. Innanzitutto, (i legali di) Angelucci padre e figlio non hanno nemmeno pensato a mandare una diffida, o una richiesta di rettifica: sono andati direttamente in causa - ovviamente civile, perché è molto più semplice da fare di una causa penale - contro Wikipedia Italia. Wikipedia con la P, sì: l'indirizzo dell'atto di citazione era quello. Fossimo stati un po' più svegli avremmo forse potuto rifiutare l'atto di citazione dicendo "andate dall'Associazione Wikipedia Italia", che esiste, sta a Roma e non so assolutamente che faccia; ma visto che l'atto era comunque a nome della Capa di WMI in qualità di presidente pro tempore alla fine sarebbe tornato da noi.

Evidentemente (i legali di) Angelucci padre e figlio non sanno o fingono di non sapere che noi di Wikimedia Italia non abbiamo alcun potere sulle voci dell'enciclopedia, che stanno fisicamente su server fuori dal territorio italiano e non gestiti né gestibili in alcun modo da noi; chiunque può modificare le voci, e non essendoci state precedenti diffide nessuno si è messo a verificare attentamente quello che è successo. Pensate a un giardino comunale lasciato al buon senso dei fruitori, e a un gruppetto di persone che si chiama "Amici del giardino" e che cerca volontariamente di animarlo e permettere a tutti di usarlo. Se succede qualcosa che non va, chi andreste a prendere? Chi ha effettivamente compiuto il danno, il Comune o gli Amici del giardino?

Con ogni probabilità, alla prima udienza il giudice ci stralcerà dal processo, visto che fuor di metafora i possibili citabili dovevano essere la Wikimedia Foundation che gestisce i server e le persone che hanno fatto le modifiche incriminate; ma il diritto - non solo in Italia - non è una scienza esatta e non si sa mai che cosa potrà capitare, soprattutto a Frieda che in qualità di presidente di WMI risponderebbe in proprio visto che il bilancio dell'associazione non arriva nemmeno a venti milioni di lire. Ma anche supponendo che sarà così, chi ripaga l'associazione per i soldi spesi per difendersi rispetto a qualcosa che non ha commesso e Frieda per le probabili notti insonni? Il problema è proprio qui: io personalmente credo che (i legali di) Angelucci padre e figlio non abbiano fatto finta di non sapere ma non sappiano davvero, il che però è da un certo punto di vista ancora peggiore perché una causa di questo tipo mostra solo menefreghismo da parte di chi tanto gli avvocati ce li ha e deve far fare loro qualcosa, oppure un tentativo di intimidazione.

Il tutto naturalmente facendo l'ipotesi che nelle voci relative ad Angelucci padre e figlio ci siano espressioni oggettivamente diffamanti. Ma attenti! Io penso che sia diffamante scrivere che una persona X è stata posta agli arresti domiciliari "dimenticandosi" di completare l'informazione aggiungendo che dopo tot giorni la misura è stata revocata e lo stato attuale dell'inchiesta; in questo modo si mette in cattiva luce X, che lo si voglia espressamente fare oppure no. Ma impedire a suon di richieste milionarie per danni di scrivere cose vere e complete è censura (preventiva). E non si venga a parlare di diritto all'oblio: a parte che io sono tendenzialmente contrario al concetto, un personaggio pubblico non può arrogarsi il diritto di censurare le notizie su di sé che non gli piacciono, quando riguardano fatti pubblici accaduti mentre lui era un personaggio pubblico. Non stiamo parlando di avere tradito la moglie o di aver preso a diciott'anni una multa per eccesso di velocità!

Alcuni pensano che il problema di base sia nelle biografie di persone viventi, tanto che le wikipedia in lingua inglese e tedesche hanno politiche molto più stringenti. Ho parecchi dubbi al riguardo. A parte che anche un'azienda può decidere di andare in causa per diffamazione, per come la vedo io il problema maggiore nel caso è la quantità di voci biografiche promozionali di personaggi assolutamente sconosciuti che hanno scambiato Wikipedia per Facebook. Nessuno mi toglie dalla testa che anche se la voce su Angelucci padre fosse stata tecnicamente perfetta, con presenti tutte le fonti e le notizie successive alle prime voci di scandalo, la citazione a giudizio ci sarebbe stata ugualmente. Sarebbe interessante anche scoprire se per puro caso (i legali di) Angelucci padre e figlio abbiano chiesto risarcimenti milionari anche ai giornali che hanno pubblicato inizialmente tali notizie, che sono un po' più famosi dello Squillo di Roccacannuccia. Credo di no, e ne immagino anche la ragione: il giorno dopo la pubblicazione, il quotidiano serve giusto a incartarci il pesce, mentre quello scritto su Wikipedia non solo sta lì ma è anche per molta gente il primo posto dove cercare informazioni su qualcuno...

Spero la situazione sia un po' più chiara: se volete saperne di più, Frieda sta raccogliendo i vari interventi al riguardo, oppure potete scrivere (civilmente, ma lo so che voi siete tutti personcine ben educate) ad Angelucci padre e chiedergli la sua versione dei fatti.

P.S.: sabato 19 a Roma ci saranno tante manifestazioni: al volo ricordo quella indetta dalla FNSI per la libertà di informazione e quella dell'UAAR "liberi di non credere". Ma ci sarà anche l'assemblea di Wikimedia Italia, in Sapienza. Se siete da quelle parti e non sapete che fare...

Aggiornamento: (23 settembre) Alessandro Gilioli a quanto ne so è il primo giornalista ad aver provato a chiedere informazioni agli Angelucci. Ecco il risultato.

[curiosita']     Pedalata in stato di ebbrezza

Va a finire che hanno ragione quelli che vogliono togliere la patente a chi va in bicicletta e commette infrazioni gravi al codice della strada.
Lo scorso weekend, come si può leggere, un ventiduenne ha perso 220 euro alle macchinette fregasoldi di un bar, è fuggito pedalando nonostante fosse ubriaco, e in piazzale Lagosta ha investito un vigile che cercava di fermarlo, e che è stato giudicato guaribile in otto giorni. A parte lo scoprire che ci sono vigili di stanza in piazzale Lagosta, mi chiedo solo se il giovane - di cui ingiustificatamente :-) non è detta la nazionalità - si vedrà la bicicletta sequestrata...

14.09.09

[matematica_light]     Carnevale della Matematica #17 - GOTO Gravità Zero

Sì, sono in ritardo. Diciamo che tra le giornatacce di questo periodo il 14 settembre è stata una delle peggiori. Rammento comunque ai miei ventun lettori che il Carnevale della Matematica XVII (anagramma di VIXI... ecco perché c'è chi dice che il 17 porta male) è ospitato dagli amici e conterranei di Gravità Zero, che con l'occasione hanno anche attivato una fan page su Facebook che sono sicuro sottoscriverete a decinaia.
Buona lettura matematica, e ricordatevi che il "carnevale maggiorenne" del 14 ottobre sarà ospitato da una new entry, Gianluigi Filippelli, e che dovreste smetterla di fare i timidi e candidarvi per l'edizione di novembre, oltre che scrivere e parlare di matematica!

[io]     Grandi pulizie autunnali (inutili)

I condizionatori (pardon, i ventilconvettori, visto che di inverno sparano aria calda) del nostro ufficio funzionano male. Così la scorsa settimana ci hanno detto che li avrebbero cambiati entrambi: dopo un tentativo di farci sloggiare giovedì, si sono messi tutti d'accordo per sabato. Venerdì pomeriggio abbiamo dovuto spostare via tutta la roba dalle nostre scrivanie, cosa che per me è stata una tragedia come ben sa chiunque abbia visto il modo in cui lascio in giro le cose. I convettori stanno infatti sul soffitto, e gli operai dovevano montare un trabattello per lavorare comodamente.
Stamattina sono arrivato alle otto e mezza, con gli operai che stavano aprendomi a spinta il cancello scorrevole - sapete, era piovuto e il cancello come al solito si è bloccato. Arrivo in ufficio e trovo il trabattello ancora montato, uno dei due convettori - non quello sopra di me - nuovo ma senza tubi di collegamento, e null'altro, con gli operai che mi fanno "ma non è che potete andare in un altro ufficio per oggi, così continuiamo il lavoro?" (In certe sedi Telecom sarebbe anche possibile, da noi no). Alla fine, quando è arrivato il capo, sono rimasti d'accordo di togliere il trabattello e continuare il lavoro un sabato prima o poi: ci siamo così accinti a rimettere a posto almeno un po' di roba.
L'unico punto positivo è che finalmente hanno tolto la polvere dalla mia scrivania :-)

13.09.09

[giochi]     gioco della domenica: Popnus

Mah. Questo giochino non sono riuscito bene a capirlo. Assomiglia ai soliti "metti tre palline vicine così le fai fuori", però ci sono anche le palline a forma di bomba che devi fare fuori prima che scoppino, e inoltre puoi spostare le palline più o meno a piacere e non solo scambiarne di posto due vicine. C'è un orologio, ma sembra serva solo per cambiare livello. Diciamo insomma che può servire a chi è nervoso e vuole innervosirsi ancora di più :-) Poi se uno vuole comprare la versione per PC o per Mac, allora si trova anche due tipi diversi di gioco, "Puzzle" e "Classic", che però non ho provato nemmeno in demo.

(via Passion for Puzzles)

12.09.09

[curiosita']     Addio BankAmericard

La mia carta Visa ha bello in vista il logo BankAmericard: quando ero un giovincello ero convinto che la Banca d'America e d'Italia fosse chissà che grande istituto di credito, visto che c'era lei oppure l'American Express. Poi sono passati i decenni, ormai la carta di credito te la danno proprio tutti - c'è Lufthansa che cerca in tutti i modi di farmi prendere la loro carta, anche se è da anni che non volo più con loro - e i tempi cambiano: così assieme all'estratto conto mi è arrivata una letterina che mi dice che da ottobre la mia carta si chiamerà Deutsche Bank Card.

Fin qua nulla di male: la cosa che però mi ha stupito anzichenò è che la Deutsche Bank aveva rilevato il ramo d'azienda "carte di credito" di BankAmericard dal 1986. Ventitré anni in cui non hanno mai pensato a cambiare il nome commerciale. Sta a vedere che non ero il solo a fare l'associazione di cui scrivevo in cima... Ma soprattutto: perché il cambio proprio adesso?

11.09.09

[milano]     Il buco di Gioia

C'era una volta il Bosco di Gioia, quello che era stato dato in eredità all'Ospedale Maggiore "per lenire le sofferenze dell'umanità"; e infatti ci hanno costruito l'Altra Sede della Regione Lombardia, il falansterio voluto da Formigoni per aumentare il numero di Madunine sui tetti milanesi. Ma oggi voglio parlare di qualcosa di molto più banale.

Il primo settembre si è aperto un buchetto nell'asfalto all'angolo tra via Melchiorre Gioia e Viale della Liberazione, a un duecento metri dall'ex Bosco di Gioia e soprattutto nel pieno della (s)qualificazione edilizia della cosiddetta Porta Nuova, che sarebbe dovuta essere la nuova città della Moda ma credo rimarrà una serie di palazzoni di uffici semivuoti. E cosa volete che sia un buco nell'asfalto, mi direte? a Milano ce ne sono di nuovi tutti i giorni, qualche mese fa ce n'era uno ben peggiore dietro via Bolzano. Peccato che questo buchetto sia proprio sopra la parte interrata del canale della Martesana, e qualcuno tema che visti tutti i lavori intorno non ci voglia nulla a fare una vera voragine. Così sono dieci giorni che per non sapere né leggere né scrivere hanno transennato quel tratto di strada, lasciando l'accesso solo alle biciclette (cosa di cui motorini scooter moto se ne fregano bellamente, inutile dirlo).

Oggi leggo che l'assessore ai Lavori Pubblici ha comunicato «Me ne sto occupando personalmente»: non nel senso che sta tappando il buco lui, ma che «è emersa l’opportunità di estendere l’intervento di riparazione a un’area più vasta, in modo tale da trasformare un’opera di manutenzione in un lavoro accurato che porterà alla città benefici duraturi». Ora, a parte che quando sento la parola "opportunità" io mi preoccupo sempre, tremo al pensiero del "lavoro accurato": non solo per i tempi necessari, ma proprio per la qualità del lavoro. Ricordatemi che prima o poi devo raccontarvi la storia del capolinea dell'1 in via Martiri Oscuri.

[povera_matematica]     Rendimento negativo per i Bot?

[rendimento negativo - 1] [rendimento negativo - 2]

Layos ieri mi ha segnalato gli strilli in prima pagina di questo articolo di Repubblica sul "rendimento negativo per i Bot", lamentandosi del fatto che la cosa sarebbe logicamente impossibile, visto che tu non paghi certo lo Stato per il piacere di prestargli dei soldi. La mia risposta è più possibilista.

Sul significato di "negativo" non ci sono dubbi, spero; resta da discutere il signiricato di "rendimento". Che ci possa essere in assoluto un rendimento negativo non è così impossibile: se tanto per dire l'Italia emettesse titoli di Stato a un anno in dollari, e il mercato pensasse che il dollaro in quest'anno si apprezzasse chessò del 5% sull'euro, uno potrebbe anche comprarli a un prezzo superiore alla parità: anche se perdessi il 2% del valore in dollari, avrei un rendimento del 3% in euro. Negli anni '80 i conti svizzeri in franchi per i risparmiatori italiani avevano effettivamente un rendimento negativo, che però era più che ampiamente compensato dalla rivalutazione dei franchi. Ma questo non è il nostro caso: i Bot sono in euro. Vediamo allora che succede.

Secondo l'articolo citato sopra, i Bot trimestrali hanno spuntato all'asta un rendimento dello 0,386% lordo, che tolto il 12.5% di tasse dà lo 0,337% netto circa. Se le banche, attraverso cui l'investitore compra i Bot, prendono una commissione dello 0,4% il risultato per l'investitore è effettivamente negativo. Ho dei dubbi che le commissioni rimangano così alte, ma conoscendo le nostre banche la cosa potrebbe anche essere possibile. L'unica cosa da dire è che non è vero che noi paghiamo lo Stato per il piacere di prestargli dei soldi; in realtà paghiamo le banche perché facciano il piacere di prestare dei soldi allo Stato. Ottima metafora della nostra vita.

Cosa significa tutto questo per quanto riguarda la povera matematica, visto che ho deciso di parlarne qua? La solita mia raccomandazione: quando si vuole usare la matematica, la cosa più importante è mettersi d'accordo sulle definizioni. Poi il resto segue (a meno di errori di distrazione)!

Aggiornamento: (h 15:00) Nei commenti qualcuno si è chiesto quando mai le banche facciano pagare lo 0,40% sui Bot, considerando che le commissioni sono in genere dello 0,10%. Verissimo: ma stiamo parlando di Bot trimestrali, e quindi il tasso annuo equivalente è (un pelo più) di quattro volte la commissione. I conti bisogna farli corretti :-)

10.09.09

[milano]     troppi nati?

Il dorso milanese del Corsera racconta di come alla Mangiagalli ieri ci siano state trenta nascite, record assoluto per lo storico ospedale milanese. Vabbè, i record sono fatti per essere battuti, e si sa che la media è la media, ma lascia spazio ai valori estremi.

Però l'articolo afferma anche che «Nei mesi di luglio e ago­sto sono venuti al mondo, in­fatti, 150 bambini in meno ri­spetto allo stesso periodo del­l’anno scorso», dando la colpa alla crisi economica che toglie la voglia di fare bambini (ma aggiungendo che il ponte di Sant'Ambroeus sarebbe stata un'eccezione... dev'essere proprio dura dover riempire tutti i santi giorni le pagine di un giornale; tra l'altro questa notizia è in prima pagina sul cartaceo).

Considerando che la mattina del 21 agosto, mentre Anna si stava riavendo dall'emorragia per il suo cesareo, c'erano ben sette mamme sulle barelle in corridoio della sala parto, perché le stanze erano tutte piene; e considerando anche che secondo o l'articolista o gli intervistati agosto era stato un mese tranquillo, non è che a qualcuno venga in mente che la Mangiagalli è *leggermente* sottodimensionata? (comunque ieri sera mi sono stupito che davanti alla sala parto non ci fosse nessuno :-) )

[admin]     TEST: messaggi via Posterous

Se leggete questo messaggio, sono riuscito ad attivare l'autopost via Posterous. A che serve? ad esempio, se sono lontano dal PC ma ho il telefonino, visto che il mio Samsung ha dei problemi con i form e non posso creare direttamente una notiziola; una mail funziona sempre :-) da Posterous via email

Aggiornamento: Certo che se gmail non andasse a capo quando vuole lui, sarebbe meglio :-)

[pipponi]     Stavolta tocca al Garzanti

L'anno scorso vi avevo raccontato di come il sito del dizionario De Mauro avesse improvvisamente eliminato il suo dizionario italiano (che poi è rimasto online, anche se con un nome un po' sfigato).
Ieri più o meno la stessa sorte è toccata al sito della Garzanti. Le funzionalità continuano ad esserci, anche se nascoste: il dizionario italiano si raggiunge ad esempio a http://www.garzantilinguistica.it/it/dizionario/it inserendo come al solito il nome utente e la password con la quale ci si era registrati. In compenso, la home pagine mostra una bellllllissssssima immagine con un circolo di dizionari che gira ora in senso orario ora in senso antiorario, presumo a seconda di dove il mouse sia posizionato. Assolutamente inutile e controproducente, oltre ad avere fatto smettere di funzionare tutti gli strumenti automatici collegati al dizionario - ma magari quello è stato voluto per evitare l'abuso. Resta il fatto che il risultato finale sarà che tutti salteranno la schermata iniziale, e la Garzanti Linguistica (che poi è della De Agostini, si direbbe) avrà ancora meno visibilità. Mah.

09.09.09

[minimalia]     Sempre esagerato

«Tarantini: il premier e quelle 30 ragazze». A Lucio Battisti gliene bastavano dieci.

[io]     Number Nine!

Oggi è il 09-09-09, il numero più caro a John Lennon tanto che ci fece persino una "canzone" (scusate le virgolette, anche un fan come me ha dei limiti) coi Beatles, per l'appunto Revolution #9. Poi nella carriera solista ha anche composto #9 Dream, per la cronaca.
In omaggio alla ripubblicazione degli album dei Beatles rimasterizzati, che come ho già scritto non comprerò, ho indossato una t-shirt con le facce degli Scarrafoni :-)

08.09.09

[wikipedia]     oramai si risparmia sui coccodrilli

È morto Mike Bongiorno. Penso che lo sappiate ormai tutti. Quello di cui forse non vi siete accorti è che i coccodrilli sui vari quotidiani hanno una probabile unica fonte: Wikipedia.
Ho postato sul mio posterous le schermate di TgCom, Corsera, Repubblica, Stampa e quella della pagina wiki.

Di per sé non ci sarebbe nulla di male: sono tutte opere derivate, e credo che siano anche sufficientemente diverse dall'originale perché si consideri Wikipedia una semplice fonte, senza nemmeno l'obbligo di citazione. Peccato però che molti quotidiani non perdano l'occasione di sparare a zero contro Wikipedia, e soprattutto che in questo modo si può creare un circolo vizioso: Wikipedia - che come dovreste ormai sapere non è una fonte primaria e raccoglie informazioni prese altrove - contiene per sbaglio o per vandalismo un errore; un quotidiano riprende l'errore e lo pubblica; l'errore diventa ipso facto vero "perché l'ha detto il giornale". Per la cronaca, la voce su it.wiki è stata temporaneamente bloccata per evitare modifiche gratuite che vanno appunto da errori e insulti aggiunti apposta alle testimonanze di chi vuole a tutti i costi dire "anch'io c'ero". Per questi ultimi consiglio di andare sul forum commenti del Corriere o di Repubblica, probabilmente ci sarà più gente che li leggerà :-)

[relax]     Decisioni subitanee

Anche Lui rimane bloccato negli ingorghi milanesi: Berlusconi è arrivato in ritardo all'inaugurazione della Fiera del Tessile. Così, dopo avere goduto della tangenziale milanese, «salendo in ascensore con il sindaco Moratti abbiamo preso una decisione definitiva: dobbiamo farne un'altra».

Se tanto mi dà tanto, posso immaginare che la decisione di costruire il ponte sullo Stretto di Messina nacque un giorno in cui si vide partire il traghetto proprio mentre stava arrivando, e Canale 5 fu concepito una sera in cui non c'era nulla di interessante alla TV. Mi resta solo un dubbio: quale sarà stata la causa scatenante per EdilNord? Aveva ospiti in casa e non poteva stravaccarsi sul divano?

[giochi]     un giochino di Don Knuth

(da MathPuzzle)
Qual è il termine successivo di questa sequenza? "f4e, s9, se5en, ??"

[recensioni]     Sei cose impossibili prima di colazione (libro)

[copertina] Questo libro (Lewis Wolpert, Sei cose impossibili prima di colazione [Six Impossible Things Before Breakfast], Codice edizioni 2008 [2006], pag. ix-209, € 21, ISBN 978-88-7578-107-1, trad. Simonetta Frediani), dal sottotitolo "Le origini evolutive delle credenze", parte mettendo subito in chiaro che l'autore vuole far piazza pulita di tutte le credenze, religiose e no, che non siano sostenute da prove scientifiche; la causalità la deve fare da padrona. Il leit motiv del libro è per l'apunto l'ipotesi - parlare di "teoria" è un po' azzardato - che le credenze nascano non appena l'umanità ha iniziato a ragionare in termini di cause ed effetti; se quindi succedeva qualcosa, ci doveva essere qualcos'altro o qualcun altro che l'ha fatto succedere. Per la cronaca, Wolpert ritiene che l'uomo sia l'unico animale ad avere pensieri causali. La tesi è anche interessante, ma non è che il libro porti chissà quali prove a suo sostegno; più che altro Wolpert ripete fino allo sfinimento le stesse affermazioni, sperando che alla lunga vengano recepite dal lettore. Insomma, il titolo promette molto più di quanto mantenuto nel testo.
Due (tristi) parole ancora per quanto riguarda la traduzione di Simonetta Frediani. Come purtroppo accade troppo spesso nei libri della Codice, è assolutamente inadeguata. Passi anticipare al 1452 la bolla di Innocenzo VI sulla divisione dei territori scoperti da Colombo: uno svarione può capitare a tutti. Ma già a pagina 6 il sillogismo presentato dall'autore viene stravolto e invalidato, traducendo "alcuni cibi malsani" invece che "alcuni cibi sani"; e non è l'unico caso in cui il testo tradotto dice esattamente l'opposto dell'originale. In un saggio scientifico errori di questo tipo sono inqualificabili.

07.09.09

[pipponi]     notizie che non lo sono - san Gennaro

Titolo del Corsera: Anche San Gennaro soffre per l'influenza: niente bacio sulla teca del suo sangue.

Poi leggi l'articolo e scopri che è da anni che non viene più permesso di baciare la teca (poco male, per quanto mi riguarda, non sono mai stato un devoto devozionista), e che l'unica differenza è che non lo potranno fare nemmeno le autorità (di nuovo, sai che roba).

L'isteria è incredibile: non credo che ci fossero tutte queste scene di panico nemmeno ai tempi dell'epidemia di colera nel 1973, o più banalmente un anno e mezzo fa con tutta la monnezza sulle strade. Il tutto per un'influenza che è più contagiosa ma meno mortale della solita influenza. Forse è proprio vero che san Gennaro dovrebbe fare il miracolo di mettere in moto un po' di neuroni... sempre naturalmente che il sangue dell'ampolla non sia stato infettato dal virus H1N1.

[curiosita']     All your O are belong to us

Come potete immaginare, non è che in questo periodo io stia così tanto attento alle stupidaggini varie che si vedono in rete. Così, anche se ieri il Corsera parlava di "grande mistero", non ho commentato. Adesso che la soluzione appare in tutto il suo splendore, però, mi sento fin troppo nerd.
Il "messaggio cifrato" apparso su Twitter era «1.12.12 25.15.21.18 15 1.18.5 2.5.12.15.14.7 20,15 21,19», e non credo ci volesse il Telegraph per scoprire che c'era scritto appunto «All your O are belong to us». Detto questo, ero convinto che la frase "All your base are belong to us" fosse nota a chiunque avesse un minimo a che fare con la rete, visto che la si usa tantissimo: giusto per dire, la voce su wikipedia in lingua italiana (italiana, non inglese... giusto per dire che la si usa anche da noi) è del 1. settembre 2005.

Insomma, mi chiedo se sono i giornalisti italiani, nella fattispecie quelli del Corsera, a non conoscere le basi dei tormentoni internet oppure sono io ad essere troppo di nicchia.

[politica]     è facile fare causa

Io in linea di principio capisco Berlusconi che si lamenta perché "la libertà di stampa non è libertà di insulto". La diffamazione è trattata nell'articolo 595 del Codice Penale ed è esplicitamente scritto che «Se l'offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza o ad una autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate.». Se quindi il PresConsMin è convinto che la stampa cattocomunista (così ad occhio tutti, tranne quelli da lui foraggiati direttamente o indirettamente) lo stia insultando, ha tutti i diritti di adire le vie legali; sarà poi il giudice a decidere se è vero o falso.

Essendo i miei ventun lettori molto attenti, avranno sicuramente notato qual è la parola chiave in tutto il mio ragionamento qui sopra: penale. Le cause intentate da Silvio B. non sono penali ma civili, come del resto fanno oramai tutti in Italia: un ottimo modo per intimidire l'avversario senza grosse spese (gli avvocati in genere sono pagati in ogni caso, e averli lì a far nulla può far loro venire strani pensieri). Diciamo che la situazione sarebbe già un po' più sostenibile se chi intende andare a giudizio - nel caso perdesse la causa - fosse costretto a pagare a chi è stato ingiustamente citato il 20% della somma richiesta; ma a parte il fatto che una legge del genere non verrebbe mai promulgata, per Berlusconi sarebbero comunque noccioline. Bella nazione, vero?

(PS: non ho nulla a priori contro una richiesta danni in sede civile dopo che in sede penale si è deliberata la colpevolezza del diffamatore)

[varie]     sinagoga protetta

La sinagoga centrale milanese è a due passi dalla Mangiagalli, il che significa che in questi giorni ci passo regolarmente davanti. Avevo così notato che ieri sarebbe stata la Giornata Europea della cultura ebraica, anche se poi Anna e io non ce l'abbiamo fatta a passare a vedere la sinagoga.
La maggior differenza con gli altri giorni era che davanti alla sinagoga non c'era solo la solita camionetta dell'esercito, con due giovani soldati che non credo proprio riuscirebbero a fare nulla in caso di attentato, ma anche due coppie di non so quali membri delle forze dell'ordine; inoltre avevano messo un cartello dove erano indicati una quantità di oggetti che non si potevano portare all'interno, tra cui il coltellino svizzero che porto sempre nel mio marsupio e mi ha fatto decidere di non provare nemmeno a darci un'occhiata da solo mentre Anna era in clinica a tirare latte.
Non so voi, ma a me tutto questo dispiegamento di polizia e simili fa venire davvero tristezza. Sì, lo so che c'è la polizia anche davanti al Duomo di Milano; non significa certo che "mal comune, mezzo gaudio".

06.09.09

[giochi]     gioco della domenica: This Is The Only Level

Sono certerrimo che i miei affezionati lettori - se sono miei affezionati lettori è chiaro che hanno dei problemi sul loro sistema di valori - apprezzeranno alla follia questo This Is The Only Level della Armor Games.
Il gioco ha un solo livello, con un elefante che non fa onore alla sua proverbiale memoria visto che si è dimenticato tutti gli altri. In compenso, può avere quante vite vuole, il che è utile per superare i vari schemi, che sembrano uguali ma non lo sono (tanto l'elefante è smemorato, no?)
Vi assicuro che già solo vedersi il secondo schema è un'esperienza mistica che vi metterà di ottimo umore... sempre che non vi capiti di arrabbiarvi in maniera pesante.
(via Passion for Puzzles)

05.09.09

[admin]     Aggiornamento server

Mario mi ha comunicato che il server dove sta questo blog - e in genere il mio sito - è stato aggiornato. Se notate dei problemi, avvisatemi.

04.09.09

[pipponi]     Rita Levi Montalcini e lo sfratto EBRI

Sono in tanti a piangere per lo sfratto esecutivo dato dalla Fondazione Santa Lucia all'European Brain Research Institute fondato nel 2001 dal Rita Levi Montalcini. Da quanto si legge, stanno per staccare la luce, dopo aver tolto i telefoni e non aver pagato gli ultimi mesi di stipendio ai cinquanta ricercatori dell'istituto.

Invece che piangere, però, non sarebbe stato meglio accorgersi con congruo anticipo che un istituto di quel tipo ha dei costi non indifferenti e che essere un bravo scienziato non significa affatto essere un bravo amministratore? O si aspettava il solito italico stellone - anche se è più semplice credere nelle fate che in un maggior finanziamento alla Levi Montalcini da parte dell'attuale governo?

[pipponi]     Mario Calabresi e le dieci domande

La lettera al direttore pubblicata oggi sulla Stampa pone una domanda a Mario Calabresi: "Perché il giornale da lei diretto non ha messo in prima pagina le dieci domande di Repubblica al premier, come invece hanno fatto altri quotidiani esteri?" La risposta di Calabresi è tecnicamente ineccepibile: «Non le pubblichiamo perché sono le dieci domande di Repubblica e non quelle della Stampa. Sono una loro scelta editoriale, frutto del loro lavoro, ideate con uno stile e un obiettivo che le ha trasformate nella colonna portante di una campagna giornalistica.» Epperò...

È indubbio che il fogliaccio scalfariano usa le dieci domande in senso politico, come si vede in parte dal loro testo e soprattutto dalla loro reiterazione quotidiana; né ci sono dubbi sul fatto che un conto è un quotidiano straniero che le riprende, e un conto è la stessa cosa fatta da un giornale italiano. In quest'ultimo caso infatti la sensazione nel pubblico è quella di una testata minore che va al traino di chi è davvero importante; l'immagine del quotidiano sabaudo andrebbe così a farsi benedire.

Però c'è una frase molto più preoccupante nella risposta di Calabresi: «non appena ne avremo l’opportunità allora rivolgeremo tutte le domande che riteniamo sia giusto fare al presidente del Consiglio.» Io ad esempio vorrei sapere perché Berlusconi ha dato tre risposte diverse - tutte smentite - su come e quando ha conosciuto Benedetto Letizia (di Noemi non me ne importa nulla), e quale è la vera storia, visto che è arrivato appositamente a Casoria per i diciott'anni della figlia; vorrei sapere l'elenco delle persone senza cariche istituzionali ospitate sui voli di Stato - lo so che è stato decretato che la cosa non è illecita, ma visto che comunque quei voli sono pubblici mi sembra il minimo sapere chi come e quando li usa; vorrei sapere come mai ha querelato le giornaliste e opinioniste dell'Unità per avere osato affermare la sua impotenza, ma non ha fatto nulla del genere contro Vittorio Feltri che pure lo scrisse chiaramente su Libero; vorrei sapere come mai non ha mai smentito l'affermazione di Feltri secondo il quale è stato Silvio, e non Paolo Berlusconi, a chiedergli di tornare a dirigere Il Giornale; vorrei sapere perché le cause che intenta sono sempre e solo civili, e mai penali (occhei, questa è una domanda retorica, ma qualcuna ce ne vuole); vorrei sapere se qualcuno ha mai tentato di ricattarlo.

Non sono domande attinenti alla vita sessuale e alla salute del premier, come si può vedere; sono domande che vertono sulla sua figura pubblica, e che a me parrebbero interessanti. Sono sicuro che ce ne sarebbero anche altre; mi chiedo allora se La Stampa (anche il Corriere della Sera, di per sé, ma De Bortoli non ha mica dato una risposta così esplicita) pensa di non avere l'opportunità di fare domande di questo tipo, oppure ritiene non sia giusto farle. Mica per altro: ma comincio a temere che hanno ragione quelli che stanno dicendo che l'"Editto di Tirana" è stato applicato rigorosamente facendo fuori Paolo Mieli e Giulio Anselmi per rimettere alla guida dei due grandi quotidiani tradizionalmente filogovernativi un Ferruccio de Bortoli stranamente molto più silente di un tempo e appunto un Mario Calabresi che sta bene attento a non disturbare il manovratore, limitandosi a riferire le cose manco fosse un'Ansa.

03.09.09

[politica]     E se anche non gli tirasse?

So bene che nessuno dei miei ventun lettori si è stupito che Berlusconi abbia citato a giudizio L'Unità, perché quelle cattivone di Concita e amichette si sono comportate male «… presentando l’on B. come soggetto che certo non è, ossia come una persona con problemi di erezione», e non abbia fatto lo stesso con Feltri, che scrisse la stessa cosa. È chiaro a tutti che nel secondo caso stiamo parlando di un vecchio sodale che si rivolge affettuosamente al compagno di mille avventure, mentre giornalilste e opinioniste del quotidiano fondato da Gramsci sono evidentemente rancorose e dettate dall'invidia del pene.

C'è però qualcosa che mi disturba più in generale. Mentre capisco che Berlusconi possa sentirsi offeso per la domanda di Repubblica sulle sue condizioni di salute, domanda che neppure troppo velatamente punta a indicare una satiriasi del premier, in questo caso stiamo parlando di una possibilità assolutamente nello stato delle cose: un settantatreenne operato alla prostata non è esattamente un ventenne. Purtroppo però in Italia il machismo dei leader è sempre stato di moda: anche settant'anni fa c'era Qualcuno che era noto per le mille sue avventure sessuali. L'unica differenza era che non c'erano escort che spiattellavano tutto, anche perché i registratori portatili non erano ancora stati inventati...

02.09.09

[milano]     Parcheggi ridotti

Le strisce blu in viale Monza continuano a prosperare, e in questi giorni stanno effettivamente dipingendole proprio in viale Monza. Finora il parcheggio era ufficiosamente a pettine, anche se tecnicamente sarebbe dovuto essere parallelo alla strada: non ci sarebbe comunque stato nulla di male, visto che almeno in teoria due auto affiancate potevano tranquillamente passare. In pratica no, perché c'è sempre gente in doppia fila che mi fanno smadonnare mentre pedalo e sono costretto a rischiare la vita andando in mezzo alla strada: ma non divaghiamo.

Bene: le strisce sono state dipinte in modo da forzare il parcheggio parallelo, tra l'altro risultando addirittura più strette della sezione con il pavé dedicata al parcheggio: il tutto in una zona che - come del resto la maggior parte di Milano - ha una fame incredibile di parcheggi. I casi sono tre: o Croci & Letizia si sono bevuti il cervello, o questa è una mossa astuta per multare tutti quelli che - ci posso giurare - lasceranno al solito la macchina parcheggiata a pettine, o ancora il tutto serve semplicemente a istituzionalizzare la doppia fila, che però adesso lascerà un po' più di spazio per le auto che circolano. Misteri milanesi.

01.09.09

[curiosita']     anagrammi colorati

Ho perso cinque minuti a fare il test di New Scientist indicato qui. Per la cronaca, ho avuto le parole rosse e ne ho indovinate 12 su 15 in quattro minuti, come sentenziato qua.

Il problema è che con un risultato così scarso ho comunque preso A - ma gli anglofoni sono così scarsi? - e che il test è fatto da cani: le tre parole non indovinate le avevo semplicemente saltate, ma non mi hanno lasciato gli ultimi sessanta secondi per fare un secondo tentativo. Lasciamo poi perdere il fatto che sul mio monitor 1600x1200 le parole non si vedevano quasi... A parte questo, avrà davvero senso una differenza "coloristica" come quella che gli amici di New Scientist stanno cercando di scoprire? Ho dei forti dubbi al riguardo: non tanto per la cromoterapia, quanto per il fatto ben noto che la parte del cervello che processa le parole è diversa da quella che si accorge dei colori, e non sono così certo che ci possa essere un fattore inibitorio.

[pipponi]     Bofhfo

A me di Dino Boffo non può interessare di meno; soprattutto importuntubo se preferisce andare a letto con le donne o con gli uomini, fintantoché sono consenzienti e maggiorenni. (Nota per i vaticanisti dell'ultima ora: per la chiesa cattolica il peccato non è l'omosessualità ma gli atti omosessuali; e comunque se uno pecca perché è debole ma si pente viene sempre perdonato, "settanta volte sette". Molto, molto più grave è colui che dà scandalo, e non mi pare che questo sia il caso del direttore dell'Avvenire.)

Le cose che mi fanno paura sono altre due. La prima è la famigerata nota informativa spacciata da Il Giornale come la "pistola fumante". Nessun problema se è un falso - fatto piuttosto bene, in effetti, con quel lessico burosgrammaticato che fa immediatamente venire in mente le nostre forze dell'ordine. Ma se è vero, ciò significa che rischiamo di essere tutti segretamente schedati, proprio come in uno stato di polizia. La seconda cosa è che nel "sondaggio" di Skytg24, "state con il Giornale o con i vescovi?", i feltristi sono circa il doppio degli altri. Facendo pure la tara degli anticlericali puri e duri - che non sono poi così tanti, esattamente come sono pochi gli integralisti cattolici - resta un risultato su cui mi sa che pesi parecchio l'omofobia. Detto in altro modo, se Boffo fosse stato condannato per evasione fiscale i risultati forse sarebbero stati diversi. Di nuovo, stiamo parlando di qualcuno che se è omosessuale comunque non lo sbandiera, quindi non c'è nemmeno la scusa del "guarda che pessimo esempio che dà". Il tutto mi preoccupa davvero.

(di Feltri è inutile parlare. D'altra parte Silvio se l'è riportato ben per qualcosa, al Giornale di famiglia!)

[recensioni]     New Journalism (libro)

[copertina] Nell'era di Internet il giornalismo non può più essere quello di un tempo, almeno esteriormente. Marco Pratellesi, caporedattore di corriere.it, racconta così in questo libro (Marco Pratellesi, New Journalism, Bruno Mondadori - Campus - 2008, pag. 240, € 18, ISBN 978-88-6159-236-0) le "teorie e pratiche del giornalismo multimediale". La tesi fondamentale di Pratellesi è che la professione del giornalista è cambiata solo esteriormente; un tempo doveva consumarsi le scarpe girando per la città a caccia di notizie, mentre adesso magari si consuma gli occhi davanti al pc; ma in fin dei conti continua ad essere un mediatore tra le notizie e i lettori, selezionando spiegando approfondendo collegando i fatti che ritiene più importanti. La prima parte che racconta le tappe miliari del giornalismo e l'ultima in cui dà un'idea di come è mutato il lavoro in redazione sono interessanti, così come la sitografia ragionata al termine del testo; poco convincenti invece i capitoli di consigli a chi vuol seguire questa carriera, comprese le norme grammaticali (!). Il punto più debole del libro è però la sua ripetitività. Mi è capitato più di una volta di fermarmi, certo di essermi sbagliato a riprendere il segnalibro e di avere già letto quella pagina; invece era una banale, ennesima ripetizione degli stessi concetti. Un taglio di un terzo del libro sarebbe stato davvero utile!

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati

Ultime aggiunte su xmau.com

[NEW!] 29 aprile 2010
Sono presente su Il Post.

[new] 4 marzo 2010
Aggiornate le sezioni Matematica light, testi e articoli.

20 agosto 2009
Sono nati Jacopo e Cecilia!

Ultimi commenti conosciuti

un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 22 Feb alle 15:26
Marco B. Rossi, su _Mathematical Omnibus_ (libro) , il 22 Feb alle 12:37
.mau., su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 16:23
Irina La Sgualdrina, su "mica l'ho fatto apposta" , il 21 Feb alle 15:35
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:16
Sergio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 12:05
.mau., su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:41
un cattolico, su L'algebra di Ezio Mauro , il 21 Feb alle 11:30
delio, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:29
un cattolico, su ai limiti della truffa? , il 21 Feb alle 11:05
.mau., su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 16:00
Mauro, su #altramatematica: ultima occasione , il 20 Feb alle 15:26
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
banasci, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 18:23
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:37
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:27
jan, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 16:18
mestesso, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 13:16
un cattolico, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:25
nicola, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 11:02
.mau., su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:59
garden, su ha senso inquinare le proprie ricerche? , il 19 Feb alle 10:18
un cattolico, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 19:40
mestesso, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 12:17
JB, su "mica l'ho fatto apposta" , il 18 Feb alle 10:54

Puntatori vari

rss 1.0 feed     vicini di casa
rss 2.0 feed     il feed del mio Tumblr
full feed (rss 1.0)     scriptygoddess.com
commenti (rss 0.91)     klipfolio
hacker    

Sign In

Recent Comments

un cattolico su ai limiti della truffa?: @.mau.: scusa colpa mia. Quanto a Magister, chissà che Scola da capo rito non lo ascolti...
Marco B. Rossi su _Mathematical Omnibus_ (libro): Urca lo scarico subito, grazie! P.S. Ussignur sono 465 pagine!
.mau. su "mica l'ho fatto apposta": *Io*, quando guido, sto anche a guardare le pozzanghere. Evidentemente il coglione sono io.
Irina La Sgualdrina su "mica l'ho fatto apposta": Non è che uno, mentre guida, sta a guardare le pozzanghere. Sarebbe gentile se stesse attento, ma è
.mau. su ai limiti della truffa?: @Sergio: ah. Quindi potrebbe essere un vero prodotto licenziato? (il sito mi pare francese, magari l
Sergio su ai limiti della truffa?: In Realtà Monster Academy è il titolo francese (che devono sempre fare gli originali) quindi se il p
.mau. su ai limiti della truffa?: (non capisco questa deriva carnascialesca, comunque...) La Quaresima (rito romano) prevede quaranta
un cattolico su L'algebra di Ezio Mauro: @camillo: però sicuramente più simpatici del matematico più noto in Italia oggigiorno: se togliamo l
delio su ai limiti della truffa?: ma quindi è una quaresima di durata ridotta o a milano la pasqua viene festeggiata quattro giorni do
un cattolico su ai limiti della truffa?: Da meneghino acquisito hai 4 giorni in più di "festa" a disposizione per loro due, visto che tirate

Archives