Carnevale della Matematica #9

| 10 Comments | 1 TrackBack

Number nine, number nine, number nine...
Scusate, ma un beatlesiano puro e duro come me non può esimersi dal citare Revolution #9 in occasione di questa nona edizione del Carnevale della Matematica, la prima a tenersi nell'anno 2009. Ah, vi serve un calendario? Giovanna ne ha preparato uno in Excel valido fino al 9999! O volete imparare a memoria il calendario? I Rudi Matematici hanno spiegato come Conway lo fa. Conway e i RM sono stati poi messi insieme in un pot-pourri di Zar che parte addirittura dal Manuale delle Giovani Marmotte... ma non è ancora davvero ora dei link, prima dovete cuccarvi il mio sproloquio introduttivo.

Che dire d'altro su questo numero? Beh, è un quadrato, il che non fa mai male nella vita; poi è un numero primo-per-gli-ingegneri (per i fisici è solo un errore sperimentale); un numero intero è sempre esprimibile come somma di nove cubi di interi (al limite usando un po' di zeri che non fanno mai male); la prova del nove dovrebbe essere nota a tutti (e sennò ripassatevela); nove è un numero palindromo in base 2, 4, e 8; il nove è anche usato in probabilità per indicare la scarsa probabilità di un evento. Quando sentite "l'affidabilità del sistema è di cinque 9" significa che sta su per il 99,999% del tempo e cioè non funziona una volta su 100mila; quella che ovviamente vi serve davvero, ma la legge di Murphy impera sempre.
Ma il nove è anche usato da un punto di vista simbolico, come indice di qualcosa di completo. Se ci pensate un attimo, ci sono nove muse; mi ostino a dire che ci sono nove pianeti (povero Plutone, pianeta per poco, poi "plutino"... peccato!); nove sono i gironi dell'Inferno e i cerchi del Paradiso danteschi; e nove sono i mesi di una gravidanza (e il numero che la Smorfia associa alla figliolanza).

Dopo questa doverosa acculturazione, passiamo a vedere quale matematica si è fatta tra gli italici blog. Un po' meno del solito, in effetti; si vede che le festività natalizie hanno permesso al più di contare i giorni del calendario dell'Avvento, aggiungere calorie alla propria dieta, e dividere il proprio tempo tra la famiglia, moltiplicando i saluti e i messaggi ma sottraendolo alla scrittura. Anche i quotidiani però hanno toppato più del solito. Chi vuole rabbrividire nel leggere i casi di "innumeracy" può vedere quello che ho raccolto nel mese; dalla densità di casellanti in Sicilia all'uso personalizzato del "più" nelle percentuali; dalla crescita a tasso logaritmico, che arriva sì all'infinito ma con moooolta calma ai metri quadri lineari che, come fatto notare da Daniele A. Gewurz, servono per progettare i depositi di Paperon de' Paperoni, quelli che contengono i "quattro ettari cubici" di denaro.

Parlando di mangiare, e considerando che a mia conoscenza non esiste un Carnevale della Fisica, segnalo il mistero dei tortellini proposto da Zar, con relativa soluzione. Più matematico, anche se sempre gastronomico, il quesito sui cocomeri disidratati, sempre da Zar.

L'angolo del lettore matematico presenta varie mie recensioni: qualche ilbro della collana RBA Italia (Giochi d'ingegno e divertimenti matematici: mah; In cerca della soluzione: pollice verso; Il labirinto: sì, se reggete la traduzione), e un vecchio classico ristampato da Dover, Taxicab Geometry. Ma naturalmente un vero lettore matematico non può che essere un metalettore, e quindi è d'uopo segnalare che i Rudi Matematici, oltre che aver fatto uscire (un po' in ritardo...) il numero 120 della Prestigiosa Rivista, hanno anche pubblicato nel loro blog la "biografia" di Charles Babbage. Annarita presenta poi l'incipit di un giallo matematico di Pier Luigi Zanata e quello di un saggio (esoterico e matematico) sul Cenacolo di Gaetano Barbella, oltre che la traduzione di un articolo sulle Dieci Eccellenze Matematiche al femminile.
A mio personale giudizio, però, il miglior saggio metamatematico è quello sulla borgesiana Biblioteca di Babele, preparato per la notte di San Silvestro da Mauro Boffardi (a proposito, Zar si chiedeva se avete contato giusto e nell'ordine giusto...)

Se vi piace giocare con i numeri, Maurizio ha parlato del problema 3n+1, uno di quei giochini che sembrano tanto semplici, si possono anche programmare al computer, ma di cui nessuno sa dare la risposta definitiva; se l'algebretta non vi spaventa troppo potete invece buttarvi sulle terne pitagoriche descritte da me (prima e seconda parte), e scoprire come le si possano descrivere tutte. Il matematico dialogico Zar (ma è stato anche filosofo laconico) presenta il problema dei soldati (prima, seconda, terza parte, più un ponte verso una futura seconda dimostrazione), che ha una soluzione assolutamente inaspettata sia nel risultato che nel tipo di attacco. Non vi tolgo il piacere di andare a vedere la dimostrazione.

Chi vuol vedere la matematica in azione può andare su Gravità Zero, dove Walter Caputo usa la statistica, e per la precisione il test chi-quadro, per valutare se il numero di morti in un ospedale era stato indipendente dalla presenza o meno di un'infermiera. La didattica è come sempre ottimamente rappresentata da Giovanna e Annarita. Giovanna ci mostra come usare GeoGebra per suddividere un segmento in n parti uguali e moltiplicare così tra loro due frazioni. Altri post di Giovanna su GeoGebra sfidano i lettori a dividere un triangolo equilatero in tre quadrilateri congruenti e mostrano la proporzionalità diretta e inversa. Annarita presenta un lavoro di alcuni suoi studenti sulle frazioni decimali non periodiche, e un suo minicorso (prima, seconda, terza e quarta parte) su come usare l'algebra per risolvere i problemi geometrici. Sempre sulla didattica, Walter Caputo fa alcune considerazioni su come si può insegnare la matematica in modo tale che venga imparata.

Giovanna ci parla poi anche della storia della matematica, riprendendo un intervento di Paolo Ardizzoni sui sistemi di numerazione (prima, seconda e terza parte). Ma anche le formule matematiche sono storia, e Giovanna ce ne mostra una di Ramanujan e la Top Ten assoluta delle equazioni.

Spero di non aver dimenticato nulla... La prossima edizione del Carnevale, il giorno di san Valentino, sarà ospitata da Zar. Inviate i contributi a lui, e ricordatevi della cosa fondamentale: qui ci si vuole divertire, non c'è nessun problema se uno non ha voglia o tempo di scrivere qualcosa. Né c'è problema se volete scrivere qualcosa ma non avete un blog: potete sempre usare il povero "matematti" che è lì a languire...

1 TrackBack

Ecco i riferimenti da altri blog: Carnevale della Matematica #9.

URL per il TrackBack di questa notiziola: http://xmau.com/mt/mt-tb.cgi/3303

Ieri, 14 gennaio, sul blog di .mau. festa grande per il nono Carnevale della Matematica. Post interessanti e vari come sempre. Ancora...

10 Comments

Mau, hai confezionato davvero un bel post. Sei bravo tu...
--
g

Interessante questo post. Tra l'altro c'è da aggiungere in merito alla simbologia del 9, tra le altre cose elencate, che: "nel Cristianesimo il numero nove è simbolo del sacrificio di Cristo per la salvezza degli uomini. Nei Vangeli, Gesù crocifisso alla terza ora, comincia l’agonia alla sesta ora, e spira alla nona."
http://it.wikipedia.org/wiki/9_(numero)

Complimenti, Maurizio. Un ottimo lavoro come sempre...
Superbo il saggio "La Biblioteca di Babele", hai proprio ragione.

"...a nessuna maestra alle elementari verrebbe in mente di spiegare il perché la regola funziona"
Ehm, qualche maestra lo fa, perde qualche minuto a spiegare il perché la prova del nove, per lo più, funziona.

Ciao e grazie di questa bella iniziativa

"Nove è palindromo in base quattro." Dubito!

Alle maestre in ascolto: mi confermate che la prova del nove si fa a norma di programma in quinta? A me sembra assurdo, è così facile che sarebbe da fare subito dopo le operazioni a più cifre (rimandando alla quinta la spiegazione del perché funziona).

@Barbara: allora qualcuno legge davvero :-)

Maurizio, sono a scuola dalla prima ora e ti ho letto a singhiozzi. Volevo esprimerti i miei dubbi sul 9 come palindromo in base quattro...

Barbara, nessun norma di nessun programma dal dopoguerra in qua - che io sappia e ricordi - nomina la prova del nove.

Sono andata a cercare in web 'sta prova del nove nei programmi della scuola elementare. In quelli recenti non sembra ci sia, c'è però in un testo del 1478.
Lascio il link ché mi pare curiosità interessante:
www.iprase.tn.it/old/servizi/poli/matematica/LARTE_DE_LABBACHO_elementari.pdf


Un caro saluto
Renata

p. s. - il "nessun norma" del mio commento precedente non voleva essere parodia di "nessun dorma" che fra l'altro è nella Turandot non nella Norma ;)

@renata: grazie! Ho aggiornato il mio articolo... tra l'altro un libro del 1478 è una delle prime opere a stampa.

Gli altri miei blog

Se non trovate nulla di nuovo qua, magari è perché stavo scrivendo altrove:
  • sui ritagli di .mau., il tumblr: riciclo di quanto scritto da altri e robettine piccine (poco usato). RSS
  • sugli archivi di .mau., gli archivi: usato nei momenti davvero più pigri RSS
  • sui fumetti di .mau., le strisce che non fanno ridere (di solito una vignetta al giorno). RSS
  • su il Post, nel blog di matematica ultralight - spero! (aggiornamento più o meno settimanale). RSS - RSS commenti
  • su Voices, il blog di Telecom Italia verso il mondo (aggiornamento casuale, ma lì siamo in tanti)
C'era anche il .mau. fan club su Facebook,m a ormai è allo sbando: tanto vale guardare Google+, allora.

Cercami

• Scopri il resto del mio sito (a partire da chi sono)
• Usa il form per inviarmi un messaggio
• Se sei un Commentatore Ufficiale, lòggati